Embed RSS
ISSN 2498-9916
Direttore: Avv. Francesco Barchielli

ARGOMENTO: Rischio sismico e norme tecniche

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, marzo 2017 (ud. 13.10.2016)

[A] Ai fini della configurabilità dei reati previsti dalla L. 2 febbraio 1974, n.64 (oggi trasfusi nel D.P.R. 380/01) in tema di costruzioni in zona sismica, può sostenersi che qualsiasi intervento edilizio integri la contravvenzione di cui all'art. 95 del d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380? [B] In tema di disciplina delle costruzioni in zona sismica, può sostenersi che il potere - dovere del giudice penale di ordinare ai sensi dell'art. 98 comma 3 del D.P.R. 380/01 la demolizione dell'immobile in caso di condanna per i reati previsti dalla stessa legge ricorra tanto nelle ipotesi di violazioni cd. "sostanziali", quanto con riferimento alle violazioni meramente formali?

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, febbraio 2016

Sulla competenza ad eseguire l'ordine di demolizione del manufatto abusivo disposto con la sentenza di condanna per violazione della normativa urbanistica ed antisismica

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, febbraio 2016

[A] Sulla contravvenzione di cui all'art. 95 del d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 in tema di reati antisismici: qualsiasi intervento edilizio effettuato in zona sismica che non sia preceduto dalla previa denuncia al competente ufficio integra il predetto reato? [B] Può la buona fede del trasgressore costituire causa di esclusione della responsabilità penale allorché il comportamento antigiuridico sia stato determinato da un fatto positivo dell'autorità amministrativa?

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-Quater, gennaio 2016

Sulla tutela dell'incolumità pubblica nelle zone dichiarate sismiche

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, dicembre 2015

Sulla disciplina delle costruzioni in zone sismiche e sul relativo rigoroso regime autorizzatorio: che rilevanza assumono in tale contesto la natura precaria dell’intervento e la natura dei materiali impiegati?

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, dicembre 2015

[A] Prima del deposito della denuncia dei conglomerati cementizi e della relazione per il contenimento energetico il permesso di costruire già rilasciato deve considerarsi inefficace (con conseguente abusività delle opere precedentemente realizzate)? [B] Può la presentazione della denuncia delle opere in cemento armato ritenersi idonea ad impedire la decadenza del permesso di costruire per l’inutile decorso del termine annuale previsto per l’inizio lavori stabilito dall’art. 15, primo comma, del d.P.R. n. 380 del 2001?

Consiglio di Stato, Sezione IV, giugno 2015

Le norme della l.r. lombardia che prevedono l'obbligo del comune, ricadente in zona dichiarata sismica, di richiedere il parere all'ufficio del genio civile (oggi regione) sui piani regolatori anteriormente all'adozione della relativa deliberazione, non può che essere interpretato nel senso che tale parere deve anche intervenire anteriormente all'adozione medesima

T.A.R. Toscana, Sezione III, luglio 2015

Sulla legittimità della scelta amministrativa di addossare le indagini circa la stabilità della zona ai soggetti che su essa intendono edificare

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, luglio 2015

[A] Sugli effetti (estintivi o meno) che la sanatoria edilizia produce sul reato antisismico. [B] Sul concetto di pericolo in materia antisismica: l'eventuale rilascio postumo del parere favorevole da parte dell'ufficio del Genio Civile competente che attesti la rispondenza alla normativa antisismica delle opere realizzate, elide l'antigiuridicità penale della condotta?

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, marzo 2015

Sulla inapplicabilità del meccanismo di estinzione conseguente al rilascio di concessione edilizia in sanatoria ai reati relativi a violazioni di disposizioni in materia di costruzioni in zona sismica

Corte di Cassazione, Sezione III, marzo 2015

Sulla natura permanente dei reati di omessa denuncia dei lavori e presentazione dei progetti e di inizio dei lavori senza preventiva autorizzazione scritta dell’ufficio competente

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, gennaio 2015

Sull'ambito di applicazione della normativa sulle costruzioni in zona sismica

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, maggio 2014

[A] Sulla necessità o meno che il parere antisismico intervenga prima dell’adozione dello strumento urbanistico generale o particolareggiato. [B] Sul momento nel quale va acquisita la VAS tra adozione ed approvazione del piano

Consiglio di Stato, Sezione IV, dicembre 2013

Ai sensi dell’art. 13 della legge n. 64/1974, l’avvenuta acquisizione del parere nell’ambito del procedimento di adozione del PRG non supera l’esigenza di ottenere un ulteriore parere sullo strumento attuativo

T.A.R. Toscana, Sezione II, settembre 2013

[A] Non è autonomamente impugnabile il verbale conclusivo della conferenza di servizi, sfornito di autonomia provvedimentale rispetto al provvedimento finale di competenza dell'amministrazione. [B] Il provvedimento conclusivo della VIA assume carattere lesivo e può essere autonomamente impugnato dagli interessati, ma non è idoneo ad esprimere un giudizio definitivo sul progetto la cui realizzabilità è resa possibile solo dal rilascio della successiva autorizzazione finale, la quale rappresenta il provvedimento lesivo di qualsivoglia posizione di interesse contraria all'intervento. [C] Ai sensi dell’art. 105 della L.R. 1 del 2005 l’Ufficio Tecnico del Genio Civile non deve eseguire ex novo accertamenti sui presupposti di fatto dai quali l’istanza è sorretta, ma limitarsi a verificare, cartolarmente, la correttezza della relazione di calcolo asseverata dal progettista con riferimento

T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, luglio 2013

[A] Gli impianti di telefonia mobile non possono essere assimilati alle normali costruzioni edilizie. [B] Sulla necessità o meno di richiedere il parere sismico del Genio Civile ex art. 13 della L. n. 64 del 1974

T.A.R. Calabria Reggio Calabria, giugno 2013

[A] La normativa introdotta con il DPR n. 160/2010, avente valore organizzativo e di impulso delle attività amministrative preordinate all’apertura di imprese ed attività di iniziativa imprenditoriale, non modifica l’assetto d’interessi del procedimento precedentemente posto in essere rispetto alla sua entrata in vigore. [B] La finalità di cui all'art. 13 l. n. 64 del 1974, deve ritenersi adeguatamente perseguita anche nei casi in cui il parere delle sezioni a competenza statale dell'ufficio del genio civile sugli strumenti urbanistici generali e particolareggiati, prima della delibera di adozione, nonché sulle lottizzazioni convenzionate e loro varianti ai fini della verifica della compatibilità delle rispettive previsioni con le condizioni geomorfologiche del territorio, sia intervenuto in corso di procedimento, prima della sua conclusione ed approvazione

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, maggio 2013

Sul momento nel quale deve essere effettuata la denuncia della verifica sismica al competente Ufficio del Genio Civile, relativa nella fattispecie all'installazione di una stazione radio base per la telefonia mobile in zona sismica

Consiglio di Stato, Sezione IV, maggio 2013

[A] Sul possesso del titolo di legittimazione alla proposizione del ricorso per l'annullamento di una concessione edilizia che discende dalla c.d. vicinitas. [B] Sulla nozione di paesaggio secondo la Corte Costituzionale e la Convenzione europea sul paesaggio, adottata a Firenze il 20 ottobre 2000. [C] La disciplina legislativa in materia di ricostruzione post - terremoto non può essere affatto derogatoria della disciplina ambientale

Consiglio di Stato, Sezione VI, marzo 2013

Il procedimento riguardante l’idoneità sismica è autonomo rispetto a quello riguardante il rilascio del titolo edilizio

T.A.R. Veneto, Sezione I, marzo 2013

Sui casi in cui i comuni classificati in zona sismica sono tenuti a richiedere il parere all’Ufficio Tecnico Regionale prescritto dall’art. 89 del d.lgs. 380del 2001

T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, marzo 2013

Sul parere a fini antisismici da acquisire prima di determinarsi in ordine all’adozione del Piano Particolareggiato

Consiglio di Stato, Sezione IV, febbraio 2013

Sul procedimento di condono edilizio nel quale la certificazione di idoneità antisismica non sia stata depositata presso gli Uffici del Genio civile ai fini del prescritto “Visto”

C.G.A.R.S., gennaio 2013

Sulla necessità o meno che il Comune, prima di rilasciare una concessione edilizia in una località classificata sismica, debba verificare la sussistenza della preventiva autorizzazione degli uffici competenti

T.A.R. Umbria, Sezione I, dicembre 2012

Sull’attuazione della norma secondo la quale gli strumenti urbanistici generali e le loro varianti devono essere preceduti, nelle zone sismiche, dal parere del competente ufficio del genio civile

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, settembre 2012

Sulla necessità o meno di depositare i progetti esecutivi di lavori ricadenti in zona sismica anche per interventi di riparazione

Consiglio di Stato, Sezione IV, luglio 2012

[A] Sulla presenza di una specifica normativa delle NTA che disciplina - in senso più restrittivo rispetto al legislatore statale - le possibilità di intervento sugli edifici preesistenti. [B] Sono proprio gli interventi con tecniche moderne su edificazioni a struttura tradizionale che danno luogo a costruzioni di particolare pericolosità a cagione dei diversi comportamenti torsionali dei differenti materiali e dell’incremento dei carichi strutturali sul preesistente

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, luglio 2012

[A] Sulla sussistenza o meno dell’obbligo per il Comune di verificare il rispetto della normativa antisismica. [B] Sulla sussistenza o meno di un potere del Comune di sanzionare le violazioni alla normativa antisismica

P. Sani. Note Critiche al D.P.G.R. Toscana ottobre 2011 n. 53

Note critiche al Decreto del Presidente della Giunta Regionale Toscana del 25 ottobre 2011 n. 53 - Regolamento di attuazione dell’art. 62 della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 – Norme per governo del territorio in materia di indagini geologiche – Bollettino Ufficiale n. 51, parte prima, del 02.11.2011

T.A.R. Umbria, Sezione I, giugno 2012

Sul reato per la violazione delle norme tecniche riguardanti gli elementi costruttivi degli edifici pubblici e privati e delle specifiche prescrizioni tecniche da realizzare in zone dichiarate sismiche la cui sicurezza possa comunque interessare la pubblica incolumità

T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, giugno 2012

Appare illegittimo comminare la decadenza della concessione edilizia per mancato avvio dei lavori entro un anno, facendo decorrere tale termine dalla mera presentazione del progetto al Genio civile, e non computandolo dal momento in cui l’Ufficio si è espresso con provvedimento conclusivo

T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, gennaio 2012

[A] Sulla natura recettizia o meno del permesso di costruire ai fini della decorrenza del termine di decadenza e dell’obbligo di corrispondere gli oneri concessori e sui distinti orientamenti giurisprudenziali che individuano tale termine l’uno dalla data della materiale formazione del titolo e l’altro dalla data di comunicazione all’interessato. [B] Sul nulla osta per le costruzioni antisismiche, ai sensi della l. 64 del 1974, e sulla sua natura di condizione di efficacia o piuttosto di validità della concessione edilizia cui afferisce

T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, ottobre 2011

Sulla sussistenza o meno di un onere a carico del Comune circa la esistenza e validità del nulla osta del genio civile, della rispondenza dello stesso ai grafici progettuali approvati dal comune stesso e della regolarità formale dell'assenso dell'ufficio del genio civile

Consiglio di Stato, Sezione IV, maggio 2011

Sulla possibilità o meno che il parere del genio civile previsto dall’art. 13 l. n. 64/1974, possa essere reso prima dell’adozione definitiva dello strumento urbanistico da parte dell’organo competente

T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, ottobre 2010

Sulla sussistenza o meno di un obbligo da parte del tecnico comunale di verificare l’esistenza e validità del nulla osta del genio civile, della rispondenza dello stesso ai grafici progettuali approvati dal comune stesso e della regolarità formale dell'assenso dell'ufficio del genio civile

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, luglio 2010

Qualora debbano essere realizzate opere contenenti cemento armato l’obbligo di denuncia grava esclusivamente sul costruttore, quale soggetto attuatore/appaltatore

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, dicembre 2009

[A] Sull’incremento del volume derivante dall’abbassamento del pavimento e sulla possibilità o meno di ritenere che la ristrutturazione rientri nell’ambito degli interventi edilizi assentibili mediante DIA. [B] Sulla mancanza di autorizzazione antisismica e sugli effetti riguardo alla formazione della DIA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Circolare dicembre 2009

Entrata in vigore delle norme tecniche per le costruzioni di cui al decreto ministeriale 14 gennaio 2008. Circolare 5 agosto 2009 - Ulteriori considerazioni esplicative. (09A15018) - G.U. 22 dicembre 2009 n. 297

Regione Toscana. Legge ottobre 2009 n. 58

Norme in materia di prevenzione e riduzione del rischio sismico. BURT 21 ottobre 2009 n. 40

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, luglio 2009

[A] Sulla necessità o meno che il Comune, nel rilasciare il permesso di costruire, verifichi anche la conformità del titolo alla normativa antisismica. [B] Sulla violazione della normativa antisismica secondo la quale l’altezza del fabbricato che prospetta sulla strada pubblica non può essere superiore alla minima distanza tra la proiezione del fronte dell’edificio ed il ciglio opposto della strada. [C] Sul nulla osta del Genio Civile e sulla possibilità o meno di considerare tale atto come endoprocedimentale rispetto al rilascio del permesso di costruire

Regione Toscana. DGR luglio 2009 n. 585

Regolamento di attuazione dell'articolo 117 commi 1 e 2 della legge regionale 3 gennaio 2005 n. 1 - Norme per il governo del territorio. Disciplina sulle modalità di svolgimento delle attività di vigilanza e verifica delle opere e delle costruzioni in zone soggette a rischio sismico

Consiglio di Stato, Sezione IV, giugno 2009

[A] Sulla tesi secondo la quale la normativa antisismica dovrebbe essere applicata ai soli edifici nuovi e non alla ristrutturazione edilizia con demolizione con successiva ricostruzione. [B] Sulla deroga alla normativa antisismica prevista dall’art. 12 della legge 64 del 1974

Corte di Cassazione, Sezione II, aprile 2009

Nelle zone sismiche la distanza legale degli intervalli di isolamento è diretta a tutelare l'integrità della proprietà edilizia contro il pericolo di crollo degli edifici vicini per effetto di movimenti tellurici

Nuove Norme Tecniche per le costruzioni 2009

Nuove Norme Tecniche per le costruzioni in vigore dal 1 luglio 2009. Il sì del Senato

T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, marzo 2009

Sul progetto privo dei “giunti tecnici” in corrispondenza a ciascun arretramento e con altezza massima superiore all’ampiezza della strada su cui affaccia

Ministero delle Infrastrutture. Circolare febbraio 2009 n. 617

Istruzioni per l'applicazione delle "Nuove norme tecniche per le costruzioni" di cui al decreto ministeriale 14 gennaio 2008 - GU n. 47 del 26-2-2009 - Suppl. Ordinario n. 27

D.L. 207 del 2008. Decreto Milleproproghe

Proprogato il regime transitorio delle Norme Tecniche per le Costruzioni

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, dicembre 2008

Sul permesso di costruire in sanatoria ai sensi dell'art. 36 del D.P.R. n. 380 del 2001 e sulla possibilità o meno che questo estingua non solo i reati urbanistici ma anche quelli previsti dalla disciplina antisismica

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, dicembre 2008

Sulla realizzazione di una pergola in legno di mq 12, sita in un terreno ubicato in zona sismica, e sulla necessità o meno dell’autorizzazione ai sensi degli artt. 93 e 94 del D.P.R. 380 del 2001

T.A.R. Toscana, Sezione III, dicembre 2008

Sulla non osservanza delle norme in materia antisismica in fase di esecuzione lavori e sulla rilevanza o meno di tale circostanza ai fini urbanistico-edilizi

Consiglio di Stato, Sezione IV, dicembre 2008

[A] Sui limiti degli inteventi di ristrutturazione edilizia mediante demolizione e ricostruzione. [B] Sui limiti degli inteventi di adeguamento statico delle strutture esistenti anche alla luce della circolare n. 2241/U.L. del 17 giugno 1995 del Ministero dei Lavori Pubblici

T.A.R. Molise, Sezione I, settembre 2008

Sul parere del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici del 1998 n. 61 riguardo agli interventi sugli edifici esistenti per i quali trovano integrale applicazione le disposizioni antisismiche relative alle nuove costruzioni

T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, luglio 2008

Sulla competenza del dirigente del settore urbanistica del Comune ad adottare provvedimenti cautelari relativi agli aspetti concernenti l’osservanza della normativa in materia di costruzione in zone sismiche

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, marzo 2008

Sui casi in cui la sentenza di condanna per i reati previsti per le costruzioni in zona sismica comporta il potere-dovere del giudice di ordinare la demolizione dell’immobile

Consiglio Nazionale Geologi. Circolare dell'11 aprile 2008 n. 283

Il Nazionale dei Geologi impugna dinanzi al T.A.R. Lazio il D.M. 14.01.2008 recante "Norme Tecniche per le Costruzioni"

NTC. in vigore dal marzo 2008

Al via anche il periodo transitorio di applicazione facoltativa, che terminerà il 30 giugno 2009

T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, gennaio 2008

Sugli oneri di verifica del progetto che spettano o meno al Comune in merito al rispetto della normativa antisismica e sugli effetti riguardo alla legittimità o meno del permesso di costruire laddove si riscontrino difformità

NTC. Parere dell'Avvocatura Distrettuale dello Stato di Palermo

Norme Tecniche per le Costruzioni. Anche il seguito alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (Supplemento Ordinario n. 29 del 4 febbraio 2008) delle Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni ed in attesa della convensione in legge dell'art. 20 del D.L. "Mille Proroghe" resta dubbia la possibilità di applicare il DM 1996

PDCM. Direttiva del ottobre 2007

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri per la valutazione e la riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con riferimento alle norme tecniche per le costruzioni - GU n. 24 del 29-1-2008. Suppl. Ordinario n. 25

Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni

Nel Supplemento Ordinario n. 30 della Gazzetta Ufficiale n.29 del 4 febbraio 2008 sono state pubblicate le nuove "Norme Tecniche per le Costruzioni" - D.M. 14.01.2008 - che entreranno in vigore 30 giorni dopo la pubblicazione

Parere. Norme Tecniche sulle Costruzioni

Conferenza Unificata. Parere sul disegno di legge di conversione del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 recante: “proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria” - a.c. 3324

Ministero delle Infrastrutture. Nota del novembre 2007

Nota del Ministero sugli emendamenti alla Finanziaria 2008 proposti dalle regioni: "il principio dell'autorizzazione preventiva in tutte le zone classificate sismiche necessita di una soluzione unitaria adottata sulla base di posizioni condivise"

Aggiornati i criteri per la classificazione sismica

Le Regioni possono adattarli alle proprie realtà territoriali e costruttive

Norme tecniche per le Costruzioni all’esame delle Regioni

Presto al lavoro un Tavolo tecnico che esaminerà la bozza approvata dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici il 27 luglio 2007

Osservazioni alle NTC del D.M. settembre 1995

Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Osservazioni sul Decreto Ministeriale 14 settembre 2005 Norme tecniche per le costruzioni - bozza 24 aprile 2007

T.A.R. Marche, Sezione I, settembre 2007

[A] Sulla discrasia tra il concetto normativo di ristrutturazione edilizia e quello di adeguamento sismico. [B] Il totale abbattimento dell’edificio cui segua la ricostruzione attraverso un intervento di ristrutturazione edilizia non configura un intervento di “adeguamento sismico” ai sensi del Punto C.9.1.1. del decreto ministeriale 16.1.1996. [C] Ove volesse ricomprendersi tra i casi di “adeguamento sismico” anche quello della ristrutturazione mediante ricostruzione, gli ambiti definitori tracciati al dal D.M. 16.01.1996 andrebbero espressamente riformulati

Norme tecniche per le costruzioni: all’esame la nuova bozza

Riaperto anche il confronto sulle modifiche al D.P.R. 380/2001 relative alle costruzioni in zona sismica

Regione Toscana. D.P.G.R. ottobre 2006, n. 48/R

Regolamento di attuazione dell’art. 117, comma 2 lettera g) della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1. Verifiche nelle zone a bassa sismicità. Determinazione del campione da assoggettare a verifica

Regione Toscana. Nota della Direzione PTA del 10/07/2006 n. 195268

Rischio Sismico. Procedure per il controllo dell'attività edilizia in zona sismica 3S

Regione Toscana. Nota della Direzione PTA del 04/07/2006 n. 189952

Rischio Sismico. Legge regionale del 26 giugno 2006 n. 24. Chiarimenti

Regione Toscana. Nota della Direzione PTA del 23/06/2006 n. 181288

Rischio Sismico. Presentazione dei progetti. Chiarimenti

Regione Toscana. Delibera di Giunta del 12/06/06 n. 426

Attività di vigilanza e verifica nelle zone sismiche. Circolare attuativa della sentenza della Corte Costituzionale 5 maggio 2006 n. 182. Chiarimenti agli uffici regionali per il rilascio delle autorizzazioni di cui agli artt. 93 e 94 D.P.R. 380/2001 e della L. R. 88/1982

Classificazione Zone Sismiche. L’ANCI presenta ricorso al TAR

L’ANCI presenta ricorso al TAR contro l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 28 aprile 2006, n. 3519

Commento alla Legge Regionale Toscana giugno 2006, n. 24

Modifiche alla legge regionale 3 gennaio 2005 n. 1, recante "Norme sul governo del territorio", in materia di costruzioni realizzate in zone sismiche. Commento di Francesca Pellegrini

Regione Toscana. Direzione Generale PTA. Nota del maggio 2006

Sentenza della Corte Costituzionale n. 182/2006. Nota del 9 maggio 2006 della Direzione Generale delle Politiche Territoriali e Ambientali della Regione Toscana. Prevenzione del rischio sismico. Abrogato il regime del deposito dei progetti. Dal 5.05.2006 tutti i progetti devono essere autorizzati


Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
Tel: +39 339.34.00.116 - Fax: +39 055.56.09.352
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it