Embed RSS
ISSN 2498-9916
Direttore: Avv. Francesco Barchielli

ARGOMENTO: Recinzione e pali in ferro con rete

T.A.R. Lombardia, Brescia, Sezione I, aprile 2017

Con riferimento a quali recinzioni non è necessario il titolo abilitativo edilizio?

Consiglio di Stato, Sezione VI, marzo 2017

Quale titolo edilizio richiede la recinzione realizzata con rete metallica e semplici paletti di sostegno di legno o di metallo posta al confine di proprietà per escludere gli estranei?

Corte di Cassazione Sezione III Penale, febbraio 2017 (ud. 6.10.2016)

Quand'è che la costruzione di un muro di recinzione richiede per la sua realizzazione il preventivo rilascio del permesso di costruire?

T.A.R. Lombardia, Brescia, Sezione I, febbraio 2017

<div style="text-align: justify;">[A] I&nbsp;muri di contenimento possono essere ricompresi nella&nbsp;&nbsp;categoria delle recinzioni? [B] Pu&ograve; ritenersi ragionevole l'oridinanza di demolizione relativa a muri di contenimento posti sul confine della propriet&agrave; e verosimilmente necessari a&nbsp;impedire il franamento del terreno?</div>

T.A.R. Campania, Napoli, Sezione III, gennaio 2017

In quali ipotesi la realizzazione di un muro di recinzione necessita del previo rilascio del permesso a costruire?

T.A.R. Marche, Ancona, Sezione I, gennaio 2017

[A] È possibile affermare che una recinzione costituita da rete metallica sorretta da paletti in legno o in ferro, senza opere murarie, se di modesto impatto visivo e quindi non comportante una permanente e apprezzabile alterazione dello stato dei luoghi, non richieda il previo rilascio di un titolo edilizio? [B] Quand’è che la realizzazione di muri di cinta, cordoli in calcestruzzo o simili deve essere assoggettata al regime della DIA o della SCIA e quando invece al regime del permesso di costruire?

T.A.R. Umbria, Perugia, Sezione I, gennaio 2017

Le recinzioni con rete metallica e paletti di legno o ferro a delimitazione della proprietà immobiliare possono considerarsi attività libera anche nel caso in cui siano erette su base muraria?

Corte di Cassazione, Sezione II, maggio 2016

[A] Sulla giurisdizione e sui poteri del g.o. in materia di controversie tra privati derivanti dall'esecuzione di opere edilizie non conformi alle prescrizioni di leggi o degli strumenti urbanistici. [B] Quand’è che il muro può qualificarsi come muro di cinta, e quando, invece, assume i caratteri di una costruzione vera e propria?

T.A.R. Toscana, Sezione III, aprile 2016

Sulle autorizzazioni provvisorie o in precario; in particolare sul provvedimento che autorizza in sanatoria la recinzione metallica per un anno

Consiglio di Stato, Sezione VI, gennaio 2016

Sul regime edilizio relativo alla realizzazione di recinzioni, muri di cinta e cancellate

Consiglio di Stato, Sezione VI, gennaio 2016

Sul titolo edilizio necessario alla realizzazione del muro di cintar

T.A.R. Toscana, Sezione III, dicembre 2015

Sui limiti del legittimo esercizio dello jus excludendi: la recinzione di un fondo può essere ostacolata dall'esistenza di una previsione vincolistica del piano regolatore?

Consiglio di Stato, Sezione VI, ottobre 2015

Può la difformità parziale di una recinzione metallica con pali in castagno rispetto al titolo edilizio giustificare la demolizione della recinzione nella sua interezza?

Consiglio di Stato, Sezione VI, agosto 2015

Sul regime autorizzatorio necessario per l’installazione di una sbarra: che rilevanza può assumere a tal proposito l’intento di realizzare un parcheggio proprio per mezzo di tale intervento?

Consiglio di Stato, Sezione V, settembre 2015

Può il generico obbligo di custodia, con riferimento al peculiare caso in cui si sia verificato l’insediamento abusivo del sito da parte del gruppo di nomadi, imporre al detentore adempimenti quali quelli “di rafforzare la già esistente recinzione del terreno” e di una “costante vigilanza 24 ore su 24”?

Consiglio di Stato, Sezione VI, luglio 2015

[A] Può la realizzazione di paletti, uniti al suolo mediante un basamento di calcestruzzo assai sottile, avvitati con bulloni e distanziati tra loro in modo tale da consentire un facile accesso pedonale ai negozi prospicienti la proprietà, essere qualificata come recinzione? [B] Può la realizzazione dei paletti prospicienti la proprietà essere sussunta nella categoria dell’inserimento di elementi accessori di cui all’art. 3, comma 1, lett. c) del t. u. n. 380 del 2001?

T.A.R. Piemonte, Sezione II, settembre 2015

[A] Sulla quantificazione del “lungo lasso di tempo” idoneo a fondare il legittimo affidamento de proprietario dell’opera abusiva. [B] Sullo ius excludendi alios: quand’è che il muro di recinzione del fondo necessita di permesso di costruire?

T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, settembre 2015

Quand’è che la posa in essere di una recinzione (manifestazione del diritto di proprietà, che comprende lo ius excludendi alios o, comunque, la delimitazione delle singole proprietà) necessita di titolo abilitativo?

Consiglio di Stato, Sezione VI, luglio 2015

In generale, sull’assoggettamento, o meno, delle recinzioni a permesso di costruire; in particolare sulla questione intuitivamente affine e relativa alla necessità o meno del previo rilascio del permesso di costruire per la realizzazione di “19 paletti in ferro con altezza di m. 1 circa uniti tra loro da catena in ferro e ancorati a terra tramite calcestruzzo e bulloni”

Corte Costituzionale, giugno 2015

Sulla astratta derogabilità degli strumenti ambientali: illegittimità costituzionale dell'art. 2 della legge della Regione Veneto 19 giugno 2014, n. 17 (Modifica della legge regionale 28 dicembre 1993, n. 60 “Tutela degli animali d'affezione e prevenzione del randagismo” e successive modificazioni), nella parte in cui aggiunge il comma 6-ter all'art. 8 della legge regionale 28 dicembre 1993, n. 60, limitatamente alla previsione secondo la quale le strutture e le recinzioni, realizzate secondo le modalità di cui al precedente comma 6-bis, sono sempre consentite, anche in deroga agli strumenti ambientali

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, dicembre 2014

La realizzazione di un muro di recinzione necessita del previo rilascio del permesso a costruire nei casi in cui, avuto riguardo alla sua struttura e all'estensione dell'area relativa, lo stesso sia tale da modificare l'assetto urbanistico del territorio

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, dicembre 2014

Sui casi in cui le opere di recinzione del terreno non si configurano come nuova costruzione

T.A.R. Emilia Romagna Parma, Sezione I, marzo 2014

Sul titolo edilizio necessario all’installazione di un cancello

T.A.R. Toscana, Sezione III, marzo 2014

Sulle recinzioni realizzate in area soggetto a vincolo paesaggistico e sul relativo contemperamento degli interessi

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, marzo 2014

[A] L’eventuale conformità delle opere realizzate alla SCIA non incide sul regime dell’autorizzazione paesaggistica da richiedersi comunque da parte dell’autore dell’opera in misura integrativa all’eventuale SCIA. [B] Si ritengono esenti dal regime del permesso di costruire solo le recinzioni che non configurino un’opera edilizia permanente, bensì manufatti di precaria installazione e di immediata asportazione

Consiglio di Stato, Sezione IV, febbraio 2014

Sul regime urbanistico cui va assoggettata l’installazione di un cancello

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, febbraio 2014

Sul titolo edilizio necessario per realizzare opere come recinzioni e pavimentazioni

T.A.R. Basilicata, Sezione I, febbraio 2014

Sulla presenza di un vincolo di piano regolatore generale e sulla possibilità o meno che questo incida di per sé negativamente sulla potestà del dominus di chiudere in qualunque tempo il proprio fondo ai sensi dell’art. 841 c.c.

Consiglio di Stato, Sezione V, gennaio 2014

Sulla realizzazione di una recinzione, di due porte per il gioco del calcio, di pali per l’illuminazione ed di un container, utilizzato come spogliatoio

T.A.R. Umbria, Sezione I, gennaio 2014

Sulla recinzione in legno o in rete metallica di un terreno

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, gennaio 2014

Sul titolo edilizio necessario per l’installazione di un cancello

T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, dicembre 2013

Sull’installazione di un cancello comprensivo delle strutture di supporto

T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, dicembre 2013

Sulle opere di recinzione con l’installazione di un cancello e la pavimentazione

T.A.R. Calabria Reggio Calabria, novembre 2013

Sulla necessità o meno dell’autorizzazione paesaggistica per la realizzazione di una recinzione di modesta o tenute entità volta alla protezione di un fondo ad uso agricolo inedificato

T.A.R. Toscana, Sezione III, ottobre 2013

Sul muro di recinzione con inserimento di una cancellata di accesso al resede del fabbricato di abitazione

T.A.R. Umbria, Sezione I, agosto 2013

[A] È legittima l’ordinanza di demolizione di opere che, pur difettando del requisito dell’immobilizzazione rispetto al suolo, consistano in una struttura destinata a dare un’utilità prolungata nel tempo, dovendo in tale caso escludersi la precarietà del manufatto, che ne giustificherebbe il non assoggettamento a concessione edilizia. [B] Sulla rilevanza urbanistica di manufatti connessi all’attività di allevamento: box, gabbie e mangiatoie. [C] Sulla necessità o meno del titolo edilizio per la realizzazione di una recinzione metallica elettrificata su pali in legno

T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, giugno 2013

Per la realizzazione di una recinzione costituente opera stabile e duratura, il titolo edilizio richiesto non è la d.i.a. bensì il permesso di costruire

T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, maggio 2013

Si ritengono esenti dal regime del permesso di costruire solo le recinzioni che non configurino un'opera edilizia permanente

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, maggio 2013

[A] La valutazione in ordine alla necessità del permesso di costruire per la realizzazione di opere di recinzione deve essere effettuata, secondo la giurisprudenza maggioritaria, sulla scorta dei seguenti parametri: natura e dimensioni delle opere e loro destinazione funzionale. [B] Sulla realizzazione di cancelli metallici e di accessi carrabili

T.A.R. Toscana, Sezione III, marzo 2013

Sulle recinzioni di fondi rustici senza opere murarie

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, novembre 2012

Sulla recinzione in rete metallica con un muretto di sostegno in calcestruzzo lungo tutto il perimetro

T.R.G.A. Trento, ottobre 2012

[A] Su vasi, siepi, terre cotte, otri, ecc., apposti sulla linea di confine di una proprietà immobiliare. [B] Su piccolo manufatto in legno reperibile nei negozi di bricolage e giardinaggio e, oltretutto, agevolmente realizzabile con le modalità del “fai da te”

T.A.R. Basilicata, Sezione I, agosto 2012

[A] Sui casi in cui l’installazione di una recinzione con rete metallica, ancorata al suolo con pali metallici, assume la configurazione giuridica di una “nuova costruzione”. [B] Sulla realizzazione di una recinzione in area soggetta a vincolo paesaggistico

T.A.R. Liguria, Sezione I, maggio 2012

Sull’opera di recinzione provvista di una base di cemento per sostenere i singoli paletti sui quali la stessa è ancorata

T.A.R. Campania Salerno, Sezione I, maggio 2012

Sul provvedimento emesso dal dirigente dell’Area Tecnica che ingiunge di aprire un cancello installato con D.I.A. per interruzione della viabilità di strada vicinale pubblica

T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione III, aprile 2012

Sula differenza tra il muro di sostegno ed il muro di recinzione ai fini del titolo edilizio necessario all’edificazione

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, aprile 2012

Sul titolo edilizio necessario alla realizzazione di un muro di recinzione

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, aprile 2012

[A] Sui casi in cui per la realizzazione di una recinzione occorre il permesso di costruire. [B] L’impossibilità di porre in essere il ripristino senza pregiudizio della parte eseguita in conformità, di cui all’art. 34, comma 2, D.P.R. 380/01, può essere rilevata d'ufficio o fatta valere dall'interessato solo nella fase esecutiva

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, marzo 2012

Sulla presenza di un vincolo di piano urbanistico generale che incide sulla la potestà del dominus di chiudere in qualunque tempo il proprio fondo

T.A.R. Puglia Lecce, Sezione II, marzo 2012

In materia di inquinamento ambientale l'eventuale mancata recinzione del fondo non costituisce di per sé la prova della colpevolezza del proprietario

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VI, marzo 2012

Sull’installazione di un cancello con funzione di apertura e chiusura del varco di accesso ad una proprietà privata

T.A.R. Liguria, Sezione I, febbraio 2012

Sulla necessità o meno del nulla osta paesaggistico per la posa in opera di monoblocchi denominati “<em>New Jersey</em>”, sormontati da grigliati metallici e intervallati da sei cancelli di ferro

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, gennaio 2012

Sui parametri di cui tener conto per la valutazione in ordine alla necessità della concessione edilizia per la realizzazione di opere di recinzione

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, dicembre 2011

Le opere identificabili quali “muri di cinta” vengono difatti ricondotti alla categoria delle pertinenze, avendo lo scopo di delimitare la proprietà, per cui non sono subordinate nemmeno al rilascio del permesso di costruire

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, dicembre 2011

Sull'infissione di paletti collegati con catenella, volta a delimitare una parte di una strada privata

T.A.R. Calabria Reggio Calabria, febbraio 2011

Sulle opere di recinzione del terreno che non si configurano come nuova costruzione

T.A.R. Lazio Latina, dicembre 2011

La realizzazione del cordolo in calcestruzzo che sostiene la ringhiera in ferro zincato non supera il limite della manutenzione straordinaria

T.A.R. Toscana, Sezione III, novembre 2011

Sulle modeste recinzioni di fondi rustici senza opere murari, con la mera recinzione con rete metallica sorretta da paletti di ferro o di legno e senza muretto di sostegno

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, novembre 2011

La recinzione da parte del proprietario non comporta di per sé una diversa utilizzazione urbanistica dell'area

T.A.R. Calabria Reggio Calabria, agosto 2011

Il posizionamento del cancello non concreta un "abuso edilizio" della specie di quelli soggetti a demolizione

T.A.R. Toscana, Sezione III, giugno 2011

Sulla recinzione con rete metallica sorretta da paletti di ferro o di legno senza muretto di sostegno

T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, maggio 2011

Sulla pavimentazione di una tettoia trasformata in deposito e la sostituzione di elementi di una recinzione

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, maggio 2011

Sulla scelta dell’amministrazione comunale di ritenere compatibili con la zona agricola le recinzioni di altezza non superiore ad un metro, idonee a consentire il transito della fauna selvatica

T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, aprile 2011

Sul titolo edilizio necessario per l'apposizione di un cancello con funzione di apertura e chiusura del varco di accesso ad una proprietà privata

T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, aprile 2011

Sul titolo edilizio necessario all’installazione di un cancello

T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione II, aprile 2011

La chiusura di un fondo ex art. 841 c.c. è una facoltà non inibita dalla mera presenza di un vincolo paesistico

T.A.R. Puglia Lecce, Sezione III, aprile 2011

[A] Sui vincoli di in edificabilità imposti dal piano regolatore e non soggetti all’obbligo di indennizzo. [B] Sulla possibilità o meno per i vincoli di P.R.G. di carattere conformativo di incidere negativamente sulla potestà del proprietario di chiudere il proprio fondo mediante una recinzione

T.A.R. Campania Salerno, Sezione I, marzo 2011

Sulla recinzione costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica

T.A.R. Puglia Lecce, Sezione III, marzo 2011

Sulla recinzione realizzata mediante muratura piena dell’altezza di circa m. 2,75 in conci di calcestruzzo di cemento vibro compresso, dello spessore di circa cm. 20, posti in opera con malta cementizia, da due lati, e muratura piena di base dell’altezza di circa m. 1 sormontata superiormente, per una altezza di ulteriori m. 1,40, da una ringhiera in calcestruzzo prefabbricato ad elementi verticali

T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, marzo 2011

Non è necessario il permesso di costruire per la realizzazione di modeste recinzioni di fondi rustici senza opere murarie, e cioè per la mera recinzione con rete metallica sorretta da paletti di ferro o di legno e senza muretto di sostegno

T.A.R. Sardegna, Sezione II, febbraio 2011

[A] Sul box prefabbricato in legno delle dimensioni di 2,05X2,05 per un’altezza di metri 2,40 infisso su di un basamento realizzato in calcestruzzo. [B] Sull’installazione della sbarra automatica su di una strada di lottizzazione del consorzio

T.R.G.A. Trento, febbraio 2011

Sulla recinzione di un terreno agricolo realizzata mediante una staccionata in legno

T.A.R. Liguria, Sezione I, dicembre 2010

Sulla realizzazione di una barriera fonoassorbente, sulla relativa rilevanza urbanistica e sulla sussistenza o meno di un obbligo di osservare le distanze

T.A.R. Puglia Lecce, Sezione III, novembre 2010

Sulla realizzazione di un muro di confine sulla viabilità di altezza pari a ml 1,00

T.A.R. Toscana, Sezione III, ottobre 2010

[A] Sulla realizzazione di una recinzione nella fascia di rispetto stradale. [B] Sul mero spargimento di ghiaia senza titolo edilizio su un’area che in precedenza ne era priva. [C] Sui caratteri che deve possedere un’opera precaria

T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, settembre 2010

Sulla realizzazione di una recinzione in rete metallica su muro

T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione II, luglio 2010

Sul diritto del privato di recingere il proprio fondo ex art. 841 c.c. e sui limiti entro i quali tale diritto è sacrificabile da parte del P.R.G. in funzione di superiori interessi pubblici

T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, giugno 2010

Sul titolo edilizio necessario per realizzare “muri di contenimento” e sulle differenze rispetto alle recinzioni

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, giugno 2010

Sulla norma del regolamento edilizio comunale che preclude in maniera assoluta la possibilità di recintare l'area in presenza di una servitù pubblica di passaggio, nonché in considerazione dell'interesse pubblico a garantire la fruibilità del centro storico

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, giugno 2010

[A] Sulla realizzazione del muro di recinzione costruito in tufo con cordolo di calcestruzzo ed alto in alcuni punti sino a tre metri. [B] Sulla necessità o meno del titolo edilizio per interventi di livellamento dello sterro e bancamento di terreno

T.A.R. Veneto, Sezione II, maggio 2010

Sulla recinzione costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica

T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, maggio 2010

Sulla recinzione effettuata con opere murarie, con sovrastante rete metallica e pavimentazione della restante parte con conglomerato bituminoso

T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, aprile 2010

[A] Sulla posa in opera di una semplice recinzione con paletti in ferro, non infissi in muratura nel terreno. [B] Sulla recinzione realizzata con paletti in legno fissati su un cordolo in calcestruzzo e pietra

T.A.R. Veneto, Sezione II, aprile 2010

Sulla valutazione in ordine alla necessità della concessione edilizia - ora: permesso di costruire - per la realizzazione di opere di recinzione in zona soggetta a vincolo paesaggistico

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione I, aprile 2010

Sulla recinzione è costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica

T.A.R. Piemonte, Sezione I, marzo 2010

Sull'installazione di una siepe viva con interposizione di rete metallica

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, marzo 2010

Sulla recinzione con rete metallica sorretta da paletti di ferro o di legno senza muretto di sostegno

T.A.R. Piemonte, Sezione I, febbraio 2010

Sulle opere di recinzione del terreno che non si configurano come nuova costruzione

T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, gennaio 2010

Sulla posa in opera di una recinzione parzialmente in muratura

T.A.R. Lombadia Milano, Sezione IV, dicembre 2009

La realizzazione di opere di recinzione va effettuata sulla scorta dei seguenti due parametri: natura e dimensioni delle opere e loro destinazione e funzione

T.A.R. Liguria, Sezione I, dicembre 2009

Sulla realizzazione di un cancello ai sensi della L.R. Liguria 6 giugno 2008, n. 16

T.A.R. Veneto, Sezione II, ottobre 2009

Sulla recinzione costituita da una rete metallica sorretta da pali solo infissi nel terreno e sulla messa in opera di un cancello scorrevole

T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, ottobre 2009

Sulla realizzazione di una recinzione con rete metallica e paletti in ferro

T.A.R. Toscana, Sezione II, ottobre 2009

[A] Sulla realizzazione di una recinzione in rete su paletti di sostegno infissi in un cordolo di cemento. [B] Sull’installazione di un cancello scorrevole

T.A.R. Toscana, Sezione II, ottobre 2009

[A] Sulla realizzazione di una recinzione in rete su paletti di sostegno infissi in un cordolo di cemento. [B] Sul muretto di sostegno in calcestruzzo realizzato lungo tutto il perimetro. [C] Sull’installazione di un cancello scorrevole

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, settembre 2009

[A] Sulla necessità o meno del permesso di costruire per l’installazione di un cancello. [B] Sulla realizzazione di opere di recinzione. [C] Sul c.d. piano "in pilotis " o “piloty” quale spazio a livello del suolo su cui insiste un edificio costruito su piloni

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, settembre 2009

[A] Un vincolo del piano regolatore non può impedire la proprietario di chiudere la propria area mediante una recinzione quand’anche costruita con parti in muratura. [B] Sulla corretta interpretazione della norma di piano che in zona agricola consente recinzioni non superiori ad una certa altezza

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, settembre 2009

Sulla realizzazione di una recinzione in rete metallica e paletti, di una copertura in ghiaia, di un tombino, di uno scavo alloggiamento di una pompa elettrica, di lampioni e la installazione di un box prefabbricato destinato a servizio igienico

T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, agosto 2009

[A] Nessuna rilevanza può essere attribuita al numero degli anni trascorsi dalla realizzazione dell’abuso. [B] Sulla realizzazione di una recinzione con muretto di tufo dell’altezza di 0,60 mt. con sovrastanti paletti e rete metallica

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VI, agosto 2009

Sull’edificazione di muri di lunghezza notevole e alti da 0,80 a 160 cm e sulla possibilità o meno di qualificare l’intervento come straordinaria manutenzione

T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, agosto 2009

Sull’ordine di rimozione per la recinzione ed il posizionamento di roulottes, nonché intelaiature in ferro con copertura in telo e plastica

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, maggio 2009

Sulla realizzazione di una recinzione costruita in muratura e ferro e dotata di cancelli di ferro

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, maggio 2009

Sulla realizzazione delle recinzioni, sul titolo abilitativo necessario e sulle sanzioni applicabili in difetto di esso

T.A.R. Puglia Lecce, Sezione III, maggio 2009

Sulla realizzazione di una recinzione in muratura e di due pilastri di c.a. a supporto di un cancello

T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, maggio 2009

Sulla sanzione applicabile a fronte di una recinzione realizzata in difetto di titolo edilizio

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, aprile 2009

[A] Sulla posa in opera dell’intonaco esterno. [B] Sulla necessità o meno del permesso di costruire per la realizzazione di un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica

T.A.R. Toscana, Sezione III, aprile 2009

Sui limiti alla recinzione di fondi privati in ragione delle caratteristiche dimensionali dell’intervento e della natura dei luoghi

T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, aprile 2009

Sulla legittimità di una recinzione in muratura anche nell’ipotesi in cui ciò contrasti con le norme urbanistiche

T.A.R. Toscana, Sezione I, marzo 2009

Sulle recinzioni di fondi rustici mediante rete metallica sorretta da paletti di ferro o di legno e senza muretto di sostegno

T.A.R. Emilia Romagna Parma, Sezione I febbraio 2009

Sulla recinzione realizzata in parte in muratura e sasso ed in parte con cancellate in acciaio

T.A.R. Toscana, Sezione I, febbraio 2009

Sulla realizzazione di una recinzione in pali e rete su cordolo, alla luce della previgente formulazione della l.r. toscana laddove si faceva riferimetno alle “recinzioni con fondazioni continue e muri di cinta

T.A.R. Toscana, Sezione II, dicembre 2008

Sulla recinzione realizzata sul confine mediante un muro alto 2,10 metri

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, novembre 2008

Sulla recinzione realizzata con un muro in calcestruzzo cementizio armato

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, ottobre 2008

[A] Sulla realizzazione di “recinzioni, muri di cinta e cancellate”. [B] Sulle autorizzazioni “in precario” rilasciate dall’amministrazione sul presupposto di una successiva rimozione delle opere

T.A.R. Toscana, Sezione II, ottobre 2008

Sulla necessità o meno del permesso di costruire per la messa in opera, nelle recinzioni, di ringhiere o frangisole

T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sezione II, ottobre 2008

Sulla realizzazione di una recinzione stabilmente infissa al suolo con pali in ferro con uno sviluppo lineare di circa m. 600 e quattro cancelli di dimensioni carrabili, al servizio di un’attività sportiva di tiro a volo

T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, ottobre 2008

Sulle opere di chiusura di un fondo con una recinzione e l’apposizione di un cancello con modalità innovative

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, settembre 2008

Sulla recinzione è costituita da un muretto di sostegno in blocchetti di calcestruzzo con sovrastante ringhiera in ferro rete metallica

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, settembre 2008

Sulla possibilità di ritenere valido inizio dei lavori la parziale recinzione del fondo e lo sbancamento del terreno con l’esecuzione dei lavori di scavo

T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, settembre 2008

Sulla necessità o meno del permesso di costruire per la realizzazione di una recinzione costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica

T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, settembre 2008

Sulla diversa rilevanza urbanistica della rete metallica sorretta da paletti di ferro o di legno rispetto alla recinzione costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica

T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, luglio 2008

La sottoposizione a DIA semplice non implica che la violazione delle norme edilizie sulle recinzioni abbia come unica conseguenza l’applicazione di una sanzione pecuniaria

T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, giugno 2008

Sulla differenza rilevanza urbanistica di una recinzione in rete metallica su muro rispetto ad una recinzione costituita da semplice rete metallica e paletti infissi nel terreno

T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, giugno 2008

[A] Sulla legittimità o meno di una norma dello strumento urbanistico comunale recante un divieto di realizzare cancelli e recinzioni. [B] Sulla dedotta difficoltà di passaggio su una strada di veicoli superiori ad una certa sagoma e sulla possibilità o meno da parte dell’Amministrazione di opporre un diniego al compimento di una recinzione

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, giugno 2008

Sulla legittimità o meno di un’ordinanza di demolizione relativa ad un abuso consistente nella realizzazione di un muretto di recinzione e nell’apposizione di ringhiere e cancelli metallici

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, marzo 2008

Sull’apposizione di una modesta recinzione costituita da una rete metallica, senza l’uso di materiali ad elevato impatto ambientale quali cemento, mattoni e simili

T.A.R. Piemonte, Sezione I, marzo 2008

[A] Sul titolo edilizio necessario per la realizzazione di una scala. [B] Sulla sussistenza o meno dell’obbligo di rispettare le distanze di cui all’art. 873 c.c. per la realizzazione di una scala in ferro. [C] Sul titolo edilizio necessario per la realizzazione di una recinzione e sulle diverse fattispecie che si ravvisano

T.A.R. Lombardia Brescia, marzo 2008

[A] Sulle sanzioni inerenti la realizzazione di recinzioni “irregolari” soggette a denuncia di inizio attività. [B] Sull’assoggettamento o meno alla sola sanzione pecuniaria, in luogo dell’obbligo di rimozione, delle recinzioni non conformi agli strumenti urbanistici. [B] Sulla sanzione pecuniaria oppure sull’obbligo di remissione in pristino, ai sensi della L.R. 12 del 2005, nel caso di realizzazione di un’opera soggetta a DIA in difformità dello strumento urbanistico

T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, febbraio 2008

Sulla realizzazioni di recinzioni, anche in zona agricola, e sui limiti entro i quali lo strumento urbanistico può delimitare tale facoltà del proprietario

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, gennaio 2008

[A] Sulle recinzioni di fondi realizzate senza opere murarie, ma con reti metalliche sorrette da paletti di ferro o di legno e senza muretto di sostegno. [B] Sulla possibilità di realizzare recinzioni senza opere murarie in aree soggette a vincolo espropriativo

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, dicembre 2007

È superflua la concessione edilizia per le modeste recinzioni senza opere murarie di fondi rustici

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, ottobre 2007

Sulla realizzazione di una recinzione in legno o in rete metallica di un terreno al fine di delimitare un campo di calcetto e sulla necessità o meno della concessione edilizia

T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, ottobre 2007

Sulla recinzione di un fondo rustico realizzata con opere edilizie permanenti e sulla semplice apposizione di paletti conficcati nel terreno

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, luglio 2007

[A] Sulla necessità o meno di permesso di costruire per realizzare una recinzione con rete metallica e opere murarie. [B] Sulla recinzione con rete metallica apposta lungo un campo di calcio al fine di evitare la fuoriuscita del pallone

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, luglio 2007

Sulla necessità o meno del permesso di costruire per la realizzazione di una recinzione costituita da un muretto di sostegno in calcestruzzo con sovrastante rete metallica

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, luglio 2007

Sulla necessità del permesso di costruire o della denuncia di inizio attività per la recinzione di un fondo con rete metallica sovrastante un manufatto in muratura e per l’installazione di un cancello su un passo carraio

T.A.R. Toscana, Sezione III, giugno 2007

[A] Sul divieto di costruzione di recinzioni nelle zone di rispetto dei corsi d’acqua. [B] Sulla natura delle opere pertinenziani e dei manufatti precari. [C] Sui i chioschi prefabbricati, le strutture metalliche adibite a posto auto ed i containers metallici ad uso magazzino

T.A.R. Lazio Latina, giugno 2007

[A] Sui casi in cui occorre il permesso di costruire per la realizzazione di talune tipologie di opere di recinzione. [B] Sulla necessità o meno del permesso di costruire per lavori di sbancamento del terreno

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, maggio 2007

Sulla realizzazione di una recinzione costituita da semplice rete metallica e paletti infissi nel terreno

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, gennaio 2007

Sulla costruzione di una recinzione e sul rapporto con la destinazione urbanistica dell’area

T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, settembre 2006

Sulla realizzazione di una recinzione con paletti in ferro installati su un muretto

T.A.R. Piemonte, Sezione I, maggio 2006

Sulla differenza tra muri di recinzione e muri di contenimento e sulla necessità o meno di ottenere il permesso di costruire per la loro realizzazione

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, aprile 2006

Sulla assentibilità o meno di opere di recinzione che non consistono soltanto nella infissione di paletti al suolo collegati da rete metallica, ma che vengono realizzate con un muro di cinta con fondazioni in calcestruzzo sormontate da pannelli in rete metallica

T.A.R. Abruzzo L’Aquila, aprile 2006

Sulla recinzione realizzata con pali in legno e filo di ferro e sulla necessità o meno di un titolo edilizio

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, marzo 2006, n. 3115

La costruzione di una recinzione, sul rapporto con la destinazione urbanistica dell’area e con i modi di utilizzazione della stessa

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, febbraio 2006

Sulla realizzazione delle opere di recinzione, sui casi in cui per le stesse è sufficiente la denuncia di inizio attività e sui casi nei quali occorre invece il permesso di costruire

Consiglio di Stato, Sezione V, novembre 2005, n. 6348

Una recinzione, qualunque sia la sua tipologia costruttiva, rappresenta una pertinenza che non abbisogna di concessione edilizia

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, settembre 2005, n. 7361

Le opere “di recinzione” sono subordinate a mera denuncia di inizio attività indipendentemente dalla loro tipologia o dall’esistenza o meno di opere murarie

T.A.R. Lazio Roma, Sezione I Quater, giugno 2005, n. 4782

La realizzazione di una recinzione di dimensioni limitate è soggetta a DIA anche ai sensi del D.P.R. 380/01

T.A.R. Veneto, Sezione II, giugno 2005, n. 2383

Occorre permesso di costruire per realizzare una recinzione che per dimensioni e caratteristiche determina una rilevante trasformazione del territorio

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, febbraio 2005, n. 803

Sulla recinzione con la quale il proprietario delimita la sua proprietà e sul legittimo esercizio dello ius excludendi alios

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, novembre 2004, n. 12554

La posa in opera di una semplice recinzione con paletti in ferro – non infissi in muratura – nel terreno, non è necessaria alcuna richiesta di provvedimento concessorio

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-ter, agosto 2004, n. 7845 (Taglienti)

Sulla necessità di richiedere concessione edilizia per la realizzazione di muri di recinzione


Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
Tel: +39 339.34.00.116 - Fax: +39 055.56.09.352
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it