Embed RSS
ISSN 2498-9916
Direttore: Avv. Francesco Barchielli

ARGOMENTO: Silenzio assenso, rifiuto e rigetto

T.A.R. Campania, Napoli, Sezione VIII, marzo 2017

Può il silenzio – assenso formarsi in assenza della documentazione completa prescritta dalle norme in materia per il rilascio del titolo edilizio?

T.A.R. Campania, Napoli, Sezione VIII, marzo 2017

Può il silenzio – assenso formarsi in assenza della documentazione completa prescritta dalle norme in materia per il rilascio del titolo edilizio?

T.A.R. Campania, Napoli, Sezione VII, dicembre 2016

Come può tutelarsi il privato dinanzi all’inerzia tenuta dall’Amministrazione a fronte della propria richiesta di eseguire concretamente un ordine demolitorio relativo ad opere la cui abusività è stata in precedenza acclarata?

T.A.R. Campania Napoli, Sez. VIII, settembre 2016

L’istituto del silenzio assenso è applicabile all’istanza di proroga del permesso di costruire?

T.A.R. Campania, Salerno, Sezione II, settembre 2016

Sulla giustiziabilità, con il rito cd. del silenzio, dell’inerzia mantenuta dal Comune circa l’istanza volta ad ottenere alternativamente la restituzione dell’area, ovvero l’adozione di un provvedimento d’acquisizione sanante, ex art. 42 bis d.P.R. 327/2001

T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, settembre 2016

L’obbligo (laddove esistente) dell’Amministrazione di ricondurre ad equità le posizioni di natura contrattuale dedotte nella convenzione accessiva all’accordo di programma può essere imposto tramite il rito del silenzio dinanzi al giudice amministrativo?

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, luglio 2016

Sulla ammissibilità o meno dell’azione avverso il “silenzio-inadempimento” nell’ipotesi di mancata conclusione della procedura espropriativa secondo il suo andamento fisiologico

T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, luglio 2016

[A] Sull’ammissibilità o meno del ricorso avvero il silenzio proposto da colui che è formalmente controinteressato in un procedimento sanzionatorio urbanistico. [B] L'inerzia serbata dall'Amministrazione a fronte dell'istanza del privato volta a far sì che la stessa concluda un procedimento sanzionatorio (di cui sia già stato emesso un ordine demolitorio relativamente ad opere la cui abusività è stata in precedenza acclarata) può qualificarsi come illegittima e quindi rimuovibile attraverso la procedura del silenzio attivabile da chi vi abbia interesse?

T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, luglio 2016

Acquisizioni giurisprudenziali in materia di oneri concessori, con particolare attenzione al ricorso avverso il silenzio serbato dall’amministrazione sull’atto di diffida per il rilascio del computo del costo di costruzione e degli oneri di urbanizzazione

Consiglio di Stato, Sezione IV, febbraio 2016

Sull’art. 54 TU espropriazioni: è possibile ricorrere avverso il silenzio della Commissione che non abbia provveduto a determinare l’indennità piuttosto che adire il giudice ordinario?

T.R.G.A. Trento, Sezione Unica, gennaio 2016

A fronte dell’istanza con cui il privato sollecita l’amministrazione all’annullamento e/o la revoca in autotutela della concessione in sanatoria, sorgere in capo a quest’ultima un obbligo di provvedere? Il silenzio serbato su una richiesta di tal fatta è configurabile come inadempimento?

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-Ter, settembre 2015

Può l’istituto del silenzio-assenso trovare applicazione anche per i procedimenti di concessione di occupazione di suolo pubblico?

T.A.R. Toscana, Sezione III, giugno 2015

[A] Sul silenzio – rifiuto in materia di accertamento di conformità in sanatoria con riferimento all’art. 140 l.r. Toscana n. 1/2005. [B] Sul silenzio – rigetto e sul diverso meccanismo dell’archiviazione della pratica

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, aprile 2014

Sulla mancata definizione del procedimento di condono edilizio e sulla denuncia da parte dell’interessata della violazione dell’art. 41 della Carta europea dei diritti di Nizza del 7/12/2000 recepita dall’art. 6 del Trattato dell’Unione europea di Lisbona, degli artt. 24 e 113 Cost., degli artt. 1, 2, 2-bis e 3 della legge n. 241 del 1990, degli artt. 41, 42 e 97 Cost., dell’art. 31, 32 e 35 della legge n. 47 del 1985

T.A.R. Molise, Sezione I, marzo 2014

Sulla domanda di accertamento dell’obbligo di provvedere ai sensi dell’art. 31 c.p.a. allorquando il Comune ometta di provvedere nel termine di legge sull’istanza di adozione di provvedimenti in autotutela, ai sensi degli articoli 21-quinquies e 21-nonies, presentata dal controinteressato in relazione ad un intervento edilizio legittimato mediante SCIA

Consiglio di Stato, Sezione IV, marzo 2014

Il rito speciale in tema di silenzio serbato dalla pubblica amministrazione non può essere attivato per la tutela di una posizione di diritto soggettivo allo scopo di ottenere l’adempimento di un obbligo convenzionale, come, nella specie, la restituzione dell’immobile ed il pagamento del corrispondente valore

T.A.R. Veneto, Sezione II, marzo 2014

Non è ammissibile che attraverso il rito del silenzio, denunciando l’illegittimità dell’inerzia della Pubblica Amministrazione a fronte di una richiesta di interventi in autotutela, possa essere sostanzialmente concessa una sorta di rimessione in termini per ottenere, in via indiretta, l’annullamento degli atti non tempestivamente impugnati

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, marzo 2014

[A] In presenza del divieto di rilasciare l’autorizzazione paesaggistica in sanatoria è preclusa anche la possibilità di ottenere il permesso di costruire in sanatoria ai sensi dell’articolo 36 del D.P.R. n. 380/2001. [B] Una volta decorso il termine di 60 giorni sull’accertamento di conformità si forma il silenzio-diniego che può essere impugnato dall'interessato in sede giurisdizionale nel prescritto termine decadenziale di (ulteriori) sessanta giorni

T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, febbraio 2014

Sul ricorso avverso il silenzio proposto dai soggetti interessati all’ordinanza di demolizione emessa dal Comune e rimasta inattuata

T.A.R. Toscana, Sezione III, febbraio 2014

La l.r. toscana n. 53 del 2004, diversamente da quanto previsto a livello statale, non ha qualificato l’inerzia dell’Amministrazione sulla domanda di sanatoria come silenzio-assenso

T.A.R. Puglia Lecce, Sezione III, gennaio 2014

Per invocare la formazione del silenzio assenso sul permesso di costruire va dimostrato, oltre al decorso del tempo, il possesso di tutte le condizioni di carattere oggettivo e dei requisiti soggettivi necessari per lo svolgimento dell’attività

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, gennaio 2014

[A] La mera presentazione dell'istanza di condono non autorizza la prosecuzione dei lavori abusivi a completamento delle opere oggetto della richiesta di sanatoria. [B] Sul termine di impugnazione del silenzio diniego formatosi sull’accertamento di conformità

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, gennaio 2014

Sulla possibilità o meno da parte dell’interessato di impugnare il silenzio assenso tacito sul permesso di costruire a lui favorevole, al fine di ottenere una stabilità della propria posizione, anche in seguito all’entrata in vigore dell’art. 20 del D.P.R. n. 380 del 2001, conseguente alle modifiche introdotte dal D.L. n. 70 del 2011, convertito con la l. n. 106 del 2011

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, dicembre 2013

Una volta decorso il termine di 60 giorni sull’istanza di accertamento di conformità si forma il silenzio-diniego che può essere impugnato dall'interessato in sede giurisdizionale nel prescritto termine decadenziale di (ulteriori) sessanta giorni

Consiglio di Stato, Sezione VI, dicembre 2013

[A] L'effetto sanante della costituzione spontanea in giudizio del controinteressato, pacificamente riconosciuto nelle ipotesi di eventuali irregolarità della notificazione, non si verifica sia nel caso in cui la notificazione sia stata totalmente omessa. [B] Il silenzio-assenso non può formarsi in assenza della documentazione completa prescritta dalle norme

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, novembre 2013

Sul ricorso promosso dallo stesso istante avverso il silenzio assenso formatosi per inerzia da parte dell’amministrazione ai sensi dell’art. 20 del D.P.R. n. 380 del 2001, conseguente alle modifiche introdotte dal D.L. n. 70 del 2011, convertito con la l. n. 106 del 2011

T.A.R. Campania Salerno, Sezione I, novembre 2013

Sul caso in cui entro il termine di sessanta giorni al privato non pervenga il diniego di permesso di costruire per difetto della notifica dovuta alla variazione della residenza e sulla formazione o meno del silenzio assenso

T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, novembre 2013

Sulla revocabilità o meno del permesso di costruire che si realizza per silenzio assenso

T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, ottobre 2013

In omaggio al principio «fraus omnia corrumpit», è stata esclusa la formazione del silenzio assenso anche nelle ipotesi di domanda dolosamente infedele

T.A.R. Lazio Roma, Sezione I Ter, ottobre 2013

L'interesse all'impugnazione del silenzio della P.A. non viene meno per il solo fatto che sia stato emesso un atto meramente istruttorio o comunque interno

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, luglio 2013

[A] La Corte Costituzionale ha censurato alcune leggi regionali, che prevedevano il silenzio-assenso in procedimenti complessi, caratterizzati da un elevato tasso di discrezionalità e dall’inclusione di specifiche valutazioni in materia ambientale. [B] Sulla previsione del silenzio assenso per il rilascio del nulla osta dell’Ente Parco

Consiglio di Stato, Sezione IV, maggio 2013

Sul provvedimento espresso emanato dall’Amministrazione dopo la proposizione del ricorso giurisdizionale avverso il silenzio rifiuto

T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, aprile 2013

Il silenzio rigetto formatosi in ordine ad un’istanza di accertamento di conformità ex art. 13 della legge 28 febbraio 1985, n. 47 non fa venir meno il potere del Sindaco di provvedere sull’istanza di sanatoria

T.A.R. Veneto, Sezione II, aprile 2013

Sulla possibilità di esperire il giudizio per “silentium” anche nell’ipotesi in cui i termini relativi al potere inibitorio non siano ancora trascorsi

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, marzo 2013

[A] Sul silenzio diniego che si forma sull’istanza di accertamento di conformità una volta decorsi sessanta giorni e sull’onere di impugnazione. [B] Il divieto di integrazione giudiziale della motivazione non ha carattere assoluto. [C] Sull’istanza di accertamento di conformità riguardo a costruzioni abusive che richiederebbero l’esecuzione di interventi ulteriori di adeguamento non esistenti alla dalla della presentazione della domanda

T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, marzo 2013

Sul ricorso avverso il silenzio, sul decorso del termine annuale e sulla proponibilità della nuova istanza di avvio del procedimento

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, febbraio 2013

[A] Sulla sussistenza o meno dell’ambulatorietà nei confronti dell’avente causa riguardo agli oneri concessori del condono edilizio non soddisfatti dall’istante. [B] Il meccanismo del silenzio assenso non può essere invocato allorché manchi il presupposto stesso per il rilascio del certificato di agibilità, costituito dal carattere non abusivo del fabbricato

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, febbraio 2013

[A] Ai sensi della L.R. Campania non possono essere realizzati mediante S.C.I.A. gli interventi edilizi che comportano una modifica della sagoma dell’edificio. [B] Sul silenzio della P.A., che consente l’azione ex art. 31 del codice del processo amministrativo di cui al D.Lgs. n. 104/2010, e sulla forma che deve assumere, ai sensi del comma 6-ter, la “sollecitazione” del terzo all’Amministrazione, affinché quest’ultima eserciti i propri poteri di verifica

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, febbraio 2013

Sulla richiesta di risarcimento del danno senza la preventiva impugnazione del provvedimento ritenuto illegittimo e dannoso ovvero senza l’attivazione degli strumenti previsto contro il silenzio della P.A.

T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, febbraio 2013

Sul nuovo regime del silenzio assenso in materia di rilascio del permesso di costruire, sull’inammissibilità del ricorso avverso il silenzio e sull’esperibilità dell’azione di accertamento

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, dicembre 2012

Le nuove previsioni della legge n. 241/1990 prescrivono la trasmissione degli atti alla Corte dei Conti al passaggio in giudicato della sentenza di condanna dell’Amministrazione per il ritardo, ai fini dell’accertamento delle conseguenti responsabilità dei titolari degli uffici inadempienti - fattispecie relativa al ritardo nel rilascio di un accertamento di conformità

T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, ottobre 2012

Il silenzio assenso, analogamente a quanto ritenuto dalla giurisprudenza in materia di condono, non può formarsi in relazione ad istanze prive della necessaria documentazione

T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, maggio 2012

Sull’art. 5, comma 2, lettera a), numero 3), del decreto legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito, con modificazioni, nella legge 12 luglio 2011, n. 106, che ha introdotto in via generale il silenzio-assenso nelle pratiche di permesso di costruire

T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, febbraio 2012

L’eventuale decadenza dell’azione in materia di silenzio (per il decorso del termine di un anno) non preclude, per espressa disposizione di legge, la riproponibilità della stessa, previa presentazione di una nuova domanda di avvio del procedimento

T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione I, luglio 2011

Ai fini della formazione del silenzio assenso, che rappresenta uno strumento di semplificazione e di snellimento dell'azione amministrativa, non è sufficiente la sola presentazione della domanda ed il decorso del tempo indicato dalla apposita norma che lo prevede, ma è necessario altresì che la domanda sia corredata dalla indispensabile documentazione pure prevista dalla normativa

T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, giugno 2011

La normativa sopravvenuta che prevede la formazione del silenzio rifiuto anche senza necessità di previa diffida dato che tale normativa, introdotta nel 2005, è di ordine sostanziale e non processuale

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, gennaio 2011

La presentazione di un modulo incompleto, dal quale non si evinca la sussistenza dei requisiti di legge quanto all’agibilità dei locali, non può comportare la formazione dell’autorizzazione commerciale per silenzio assenso

T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, ottobre 2010

Sui limiti alla formazione del silenzio-assenso in materia di condono degli abusi edilizi

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, dicembre 2009

Trattandosi di norma speciale l’art. 4 l. n. 13/1989, in materia di silenzio assenso nei procedimenti di rimozione delle barriere architettoniche su beni vincolati, non può ritenersi implicitamente abrogato dalla nuova formulazione dell’art. 20 l. n. 241/1990, come riscritto dalla l. n. 15/2005

T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, novembre 2009

Sull’art. 20 del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 che ha previsto che le domande di permesso di costruire debbano essere esaminate e definite entro termini ben definiti, trascorsi i quali “<em>sulla domanda di permesso di costruire si intende formato il silenzio – rifiuto</em>”

T.A.R. Puglia Bari, Sezione II, settembre 2009

Sull’omessa pronuncia dell’Amministrazione riguardo all’istanza prodotta dal privato per l’approvazione di un piano di lottizzazione e sulle responsabilità che ne conseguono sul piano erariale per le spese di giudizio, penale per l’omissione di atti d’ufficio e civile per il risarcimento del danno da ritardo ex. l 18 giugno 2009 n. 69

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, settembre 2009

Sulla novella di cui alla legge 11.2.2005 n. 15, che ha modificato l'art. 2 della legge n. 241 del 1990, riguardo al ricorso avverso il silenzio serbato dall’Amministrazione e sui limiti al potere del giudice di decidere nel merito

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VI, agosto 2009

Sulla sussistenza o meno di un obbligo dell’Amministrazione, a fronte della diffida di un privato, di pronunciarsi esplicitamente sui motivi della non attuazione dei procedimenti repressivi instaurati nei confronti del suo vicino

Consiglio di Stato, Sezione IV, dicembre 2008

Sull’esperimento del rimedio del silenzio-inadempimento da parte del privato e sulla sussistenza o meno di un obbligo dell’Amministrazione di emanare il provvedimento di acquisizione ai sensi dell’art. 43 DPR 327 del 2001

T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, novembre 2008

[A] Sul silenzio formatosi in seguito alla scadenza dei termini per definire la domanda di permesso di costruire da parte dell’amministrazione. [B] Sul risarcimento danni per ritardata definizione della domanda di permesso di costruire

T.A.R. Friuli Venezia Giulia, ottobre 2008

A fronte del silenzio rifiuto dell’amministrazione di provvedere sulla domanda di permesso di costruire è rimesso all’interessato valutare se attivare il ricorso contro il silenzio rifiuto per ottenere una valutazione nel merito oppure attivare il rimedio di cui all’art. 21 bis L. Tar al limitato fine di ottenere la dichiarazione dell’obbligo della P.A. di emettere un provvedimento espresso

T.A.R. Marche, dicembre 2006

Sull’impugnazione del silenzio rifiuto e sulla necessità di valutare preliminarmente se la posizione del privato rivesta natura di interesse legittimo o di diritto soggettivo

T.A.R. Marche, dicembre 2006

[A] Sull’alternatività tra il ricorso giurisdizionale avverso il silenzio serbato dalla P.A. e la diffida ad adempiere ai sensi dell’art. 25 del T.U. del 10 gennaio 1957. [B] Sulla decorrenza dei termini di impugnazione a seguito della diffida ad adempiere ai sensi dell’art. 25 del T.U. del 1957

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, giugno 2006

[A] Il termine di un anno per proporre ricorso avverso il silenzio non costituisce un vero e proprio termine di decadenza, bensì una presunzione legale assoluta. [B] Sulla possibilità di ricorrere avverso il silenzio dopo aver nuovamente riproposto l’istanza

T.A.R. Lazio Latina, maggio 2006

Ai sensi del novellato art. 2 della legge 7 agosto 1990, n. 241, nel ricorso avverso il silenzio il giudice può conoscere della fondatezza della domanda purché l’accertamento sulla fondatezza della pretesa sostanziale rivesta connotazione di attività vincolata

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, marzo 2006

Sul silenzio rifiuto formatosi sull’istanza volta al rilascio del permesso per costruire - ex art. 20 D.P.R. 2001 n. 380 - e sulla possibilità di ricorrere avverso il silenzio

T.A.R. Veneto, Sezione II, marzo 2006

Sull’applicabilità o meno dell’istituto del silenzio assenso previsto dall’art. 20 della legge n. 241/90 – come recentemente novellato – al procedimento finalizzato al rilascio del permesso di costruire

T.A.R. Lazio Roma, Sezione I, novembre 2005, n. 11579

Il proprietario di un immobile limitrofo è legittimato ad impugnare il silenzio conseguente alla mancata adozione di misure ripristinatorie

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, agosto 2005, n. 10589

Il giudice amministrativo può d’ufficio effettuare la conversione del ricorso introdotto con rito ordinario in rito speciale per silenzio

Consiglio di Stato, Sezione IV, luglio 2005, n. 3909

Sul ricorso avverso il silenzio serbato dall’Amministrazione sulla diffida a provvedere all’annullamento in autotutela della concessione edilizia e alla rimessa in pristino dello stato dei luoghi

T.A.R. Lazio Roma, Sezione I Quater, dicembre 2004, n. 17113

Sull’insussistenza di controinteressati in senso formale nel ricorso avverso il silenzio serbato dall’Amministrazione in presenza abusi edilizi

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, dicembre 2004, n. 18555

Sull’inammissibilità del ricorso avverso il silenzio in difetto di notifica ai controinteressati. Fattispecie relativa al silenzio serbato dall’Amministrazione sulla diffida ad emettere provvedimenti sanzionatori di abusi edilizi

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, novembre 2004, n. 2160

Sui poteri sostitutivi della regione e sulla loro esclusiva ascrivibilità in capo agli organi politicamente rappresentativi della stessa

T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, novembre 2004, n 17523

Sui casi in cui i terzi sono legittimati a stimolare l’Amministrazione mediante istanze suscettibili, se inevase, di dar luogo alla procedura del silenzio rifiuto

T.A.R. Sicilia Catania, Sezione II, novembre 2004, n. 3279

Illegittimità del silenzio dell’Amministrazione ed atti meramente interlocutori

T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, ottobre 2004, n. 2223

Sulla necessaria sussistenza dei requisiti soggetti ed oggettivi affinché possa formarsi il silenzio assenso su un’istanza di concessione edilizia

T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, settembre 2004, n. 12066

E’ illegittimo il silenzio rigetto formatosi su istanza di concessione in sanatoria prodotta ai sensi dell’art. 13 l. 28 febbraio 1985 n. 47, atteso l’obbligo dell’Amministrazione comunale di pronunciarsi esplicitamente ed in modo adeguatamente motivato sull’istanza stessa

T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, settembre 2004, n. 4183

L’eventuale esperimento del rimedio dell’istanza di intervento sostitutivo regionale, di cui all’art. 21 del D.P.R. 380/2001, non impedisce la possibilità di adire il giudice amministrativo mediante lo speciale procedimento del ricorso avverso il silenzio

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, agosto 2004, n. 8080

Non sussiste in capo all’amministrazione alcun obbligo di adottare un provvedimento espresso a fronte della diffida del vicino tesa a provocare il riesame in autotutela di una concessione edilizia divenuta inoppugnabile

T.A.R. Toscana, Sezione III, luglio 2004 n. 2694

Silenzio della P.A. e poteri del giudice amministrativo nel rito speciale


Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
Tel: +39 339.34.00.116 - Fax: +39 055.56.09.352
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it