Embed RSS
ISSN 2498-9916
Direttore: Avv. Francesco Barchielli

ARGOMENTO: Piano di indirizzo territoriale

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VI, luglio 2016

I piani territoriali paesistici prevalgono sui piani regolatori generali e sugli altri strumenti urbanistici?

Consiglio di Stato, Sezione IV, luglio 2015

Sulla tutela recata dal Piano Urbanistico Territoriale Tematico per il paesaggio: essa riguarda solo beni formalmente censiti nelle cartografie ovvero prescinde dalla pregressa esistenza di un vincolo estendendosi così ad ambiti non vincolati e a beni che non sono espressamente inseriti nelle carte del Piano?

Regione Toscana. Approvato il PIT 2015

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Deliberazione Consiglio Regionale 27 marzo 2015, n.37. Atto di integrazione del piano di indirizzo territoriale (PIT) con valenza di piano paesaggistico. Approvazione ai sensi dell'articolo 19 della legge regionale 10 novembre 2014, n. 65 (Norme per il governo del territorio)

T.A.R. Toscana, Sezione I, gennaio 2014

[A] Sulla L.R. toscana n. 42/2000 che qualifica tale le case vacanza come civile abitazione e sui limiti imposti dal piano di indirizzo territoriale per le zone del patrimonio collinare. [B] Sulle seconde case affacciate su un campo da golf da insediare in zona agricola. [C] Il piano di indirizzo territoriale della Regione prevale rispetto ad eventuali norme difformi contenute nel piano territoriale di coordinamento. [D] Sulle previsioni del piano strutturale immediatamente lesive per il privato

T.A.R. Toscana, Sezione I, settembre 2013

[A] Sul primo comma dell’art. 21 comma 1 del P.I.T. che detta le direttive per la conservazione attiva del valore del patrimonio collinare toscano. [B] Sull’interpretazione estensiva del divieto necessitato dal trattamento omogeneo che l’art. 21 riserva a tutti gli interventi edificatori incidenti sui beni che appartengono al patrimonio collinare, sia che si tratti di nuova edificazione, sia che si tratti di recupero o riqualificazione. [C] Sui limiti per l’urbanizzazione e l’edificazione nella campagne toscane. [D] La prospettiva del pianificatore regionale toscano non contempla il recupero “ad ogni costo” del patrimonio edilizio esistente. [E] Sulla dedotta illegittimità dell’art. 21 co. 7 del P.I.T. sotto il profilo dell’assenza di un adeguato fondamento legislativo a sostegno del divieto ivi sancito. [F] Sul PIT e sul riconoscimento della qualità di invariante strutturale al patrimonio “collinare” toscano. [F] L’art. 21 co. 7 del P.I.T. trova diretta applicazione sotto forma di misura di salvaguardia cui i Comuni sono tenuti nelle more dell’adeguamento dei propri strumenti urbanistici

T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, maggio 2013

[A] Ai fini del riparto di competenza tra Stato e Regioni la disciplina del condono esula dall’urbanistica, anzi si può dire rispetto a questa antitetica perché legittima situazioni che confliggono con la scienza urbanistica, intesa come ordinato sviluppo dell’antropizzazione del territorio. [B] Le regioni possono ricomprendere nei piani paesistici beni ulteriori rispetto a quelli tutelati dalle norme statali? [C] I piani paesistici regionali possono prevedere una tutela dei beni in essi ricompresi ulteriore rispetto a quella assicurata dalle norme statali? [D] La osservanza delle norme di tutela, ulteriore rispetto a quella contemplata dalle norme statali, da quali organi deve essere assicurata?

Anci e Uncem Toscana sulla proposta integrazione del PIT

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Approvata all’unanimità dal CdAL la presa di posizione congiunta di Anci Toscana e Uncem Toscana sulla proposta della Regione di adozione dell’integrazione paesaggistica del Pit (Piano di indirizzo territoriale).

Regione Toscana. Il PIT 2005-2010 pubblicato sul BURT

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Il PIT 2005-2010 recante il "Piano di Indirizzo Territoriale della Regione Toscana" è stato pubblicato sul BURT del 17 ottobre 2007 n. 42 e da tale data acquista efficacia

Regione Toscana. Art. 21, comma 8, del PIT 2005-2010

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Dott. Francesco Barchielli. Sulle limitazione degli interventi nel “patrimonio collinare” previste dall’art. 21, comma 8, del PIT, sugli effetti di tale disposizione riguardo ai vigenti strumenti urbanistici comunali e sulla differenza tra “salvaguardie”, “prescrizioni” e “direttive”

Regione Toscana. Circolare aprile 2007 prot. 4444

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Misure di salvaguardia al Piano di Indirizzo Territoriale 2005-2010 - Aspetti applicativi - Misure di salvaguardia immediata di cui all'art. 36 della Disciplina di Piano

Regione Toscana. Art. 36, comma del PIT 2005-2010

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Dott. Francesco Barchielli. Il PIT, nelle more dell’adeguamento degli strumenti di pianificazione comunale, introduce l’obbligo di trasmettere alla Regione gli atti relativi ai piani attuativi non approvati degli strumenti urbanistici e dei regolamenti urbanistici attualmente vigenti, che interessano beni paesaggistici formalmente riconosciuti

Regione Toscana. Art. 21, comma 8, del PIT 2005-2010

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Avv. Claudio Bargellini. La limitazione agli interventi sul patrimonio edilizio esistente ed insistente su aree collinari in ragione della tutela del c.d. “patrimonio collinare” prevista dal Piano di Indirizzo Territoriale della Regione Toscana

Regione Toscana. Art. 14, comma 1, lett. c) del PIT 2005-2010

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Dott. Francesco Barchielli. La funzionalizzazione delle destinazioni d’uso degli immobili adibiti ad attività commerciali ed artigiane di vicinato prevista dal Piano di Indirizzo Territoriale della Regione Toscana

Regione Toscana. I dimensionamenti dei piani strutturali

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

I dimensionamenti dei piani strutturali e le previsioni di breve periodo dei regolamenti urbanistici. Estratto dagli “Studi preparatori al piano di indirizzo territoriale – I piani strutturali locali“. PIT 2005–2010

Regione Toscana. Approvato il Piano di indirizzo territoriale

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Via libera in Consiglio regionale al Piano di indirizzo territoriale, e alle modifiche alla normativa sul governo del territorio

Categorie. Osservazioni al PIT Toscana 2005-2010

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Osservazioni di Confcommercio, Confesercenti, CNA, Confartigianato, Casartigiani al Documento di Piano ed alla Disciplina del PIT

Legacoop. Osservazioni al PIT Toscana 2005-2010

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Osservazioni al Documento di Piano ed alla Disciplina del PIT di Legacoop, Confcooperative, AGCI

Baldeschi e Magnaghi. Osservazioni al PIT Toscana 2005-2010

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Osservazione al PIT formulata dai Professori Baldeschi e Magnaghi e condivisa da un gruppo di docenti dell’Università di Firenze

Italia Nostra. Osservazioni al PIT Toscana 2005-2010

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

L’osservazione presentata dalla Sezione regionale toscana di Italia nostra: “non si ritrova una sola prescrizione che impedisca la previsione e la realizzazione di interventi come Monticchiello”

PIT e quadro previsionale strategico del RU

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Dott. Francesco Barchielli. Commento al Piano di Indirizzo Territoriale 2005-2010 – Messa in Opera del PIT – Punto 8.2. Il documento di piano, partendo dagli obiettivi del PIT delinea le strategie per l’approvazione del Regolamento Urbanistico comunale e del relativo “quadro previsionale strategico” quinquennale, coordinandone la programmazione pubblica con l’iniziativa privata, anche sulla scorta del nuovo meccanismo dell’avviso pubblico previsto dall’art. 13 del regolamento di attuazione delle disposizioni del titolo V della legge 1 del 2005

Regione Toscana. PIT - In commissione le prime valutazioni

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Audizione dell’assessore regionale al Territorio e alle infrastrutture. Il presidente della commissione consiliare territorio e ambiente chiede tempestività e massima circolazione delle informazioni

Regione Toscana. PIT - Più forte il ruolo della Regione

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

I Comuni avranno la titolarità dei procedimenti, ma non faranno più da soli e nelle scelte, nei Piani strutturali fino ai Regolamenti urbanistici comunali, anche la Regione svolgerà un ruolo di verifica, di coerenza delle previsioni e degli interventi previsti

Consiglio Regionale della Toscana

Argomenti trattati: Piano di indirizzo territoriale

Pubblicato il Piano regionale della mobilità e della logistica Atto di programmazione ai sensi dell’art. 13, comma 2, della DCR n. 12/2000 (Approvazione del Piano di indirizzo territoriale, Art. 7 L.R. n. 5/95 - Delib. n.63 del 22-06-2004


Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Tel: +39 339.34.00.116 - Fax: +39 055.56.09.352
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it