ISSN 2498-9916 Urbanisticaitaliana.it [Online] - Direttore: Avv. Francesco Barchielli

ARGOMENTO: Condominio

Consiglio di Stato, Sezione IV, aprile 2017

Argomenti trattati: Condono edilizio Condominio

L’istituto del condono può essere applicato laddove l’abuso sia stato realizzato dal singolo condomino su aree comuni in assenza di adeguati elementi di prova circa la volontà degli altri comproprietari?

Consiglio di Stato, Sezione IV, gennaio 2017

Argomenti trattati: Condominio

Sulla legittimazione del condominio ad agire per l'impugnazione del titolo edilizio propedeutico alla realizzazione di un varco su muro condominiale.

T.A.R. Campania, Napoli, Sezione VIII, dicembre 2016

[A] Se normalmente l’Amministrazione non è tenuta a svolgere indagini particolari in presenza della richiesta edificatoria prodotta da un condomino, in quali casi è invece tenuta a farlo? [B] Le norme sulle distanze legali sono applicabili anche nei rapporti tra i condomini di un edificio?

Corte di Cassazione, Sezione II Civile, ottobre 2016

La previsione contenuta in un regolamento condominiale convenzionale di limiti alla destinazione delle proprietà esclusive deve essere ricondotta alla categoria delle servitù atipiche o a quella delle obbligationes propter rem? Che rilevanza assume tale qualificazione ai fini dell'opponibilità di tali limiti ai terzi acquirenti?

T.A.R. Abruzzo, L’Aquila, Sezione I, novembre 2016

Argomenti trattati: Condono edilizio Condominio

[A] Cosa deve fare il comune adito per il rilascio di un titolo edilizio allorché sussista un dissidio fra proprietari perché le opere di cui si chiede il condono incidono sul diritto di alcuni di essi? [B] L’istituto del condono può ritenersi applicabile alle ipotesi in cui l'abuso sia realizzato dal singolo condomino su aree comuni in assenza di elementi di prova circa la volontà degli altri comproprietari?

Consiglio di Stato, Sezione VI, agosto 2016

Può ritenersi legittimo il diniego di permesso di costruire in sanatoria basato sulla mancanza dell’assenso condominiale?

Consiglio di Stato, Sezione VI, agosto 2016

Può ritenersi legittimo il diniego di permesso di costruire in sanatoria basato sulla mancanza dell’assenso condominiale?

T.A.R. Campania, Salerno, Sezione I, giugno 2016

Può ritenersi legittima l’ordinanza di demolizione adottata dall’Amministrazione che non si sia previamente ed espressamente pronunciata sull’istanza di condono presentata dal privato?

Corte di Cassazione, Sezioni Unite, aprile 2016

Argomenti trattati: Condominio

Chi risponde dei danni da infiltrazioni nell’appartamento sottostante qualora l’uso del lastrico solare (o della terrazza a livello) non sia comune a tutti i condomini?

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, febbraio 2016

Argomenti trattati: Condominio

Può l’Amministrazione, in presenza di dichiarazione sostitutiva di atto notorio presentata dall'interessato, respingere la domanda di condono edilizio ove non riscontri elementi dai quali desumere univocamente l'ultimazione dell'edificio entro la data prescritta dalla legge?

Corte di Cassazione, Sezione II Civile, marzo 2016

Argomenti trattati: Condominio

Sulla costruzione di manufatti nel cortile comune di un fabbricato condominiale: lo spazio aereo sovrastante i cortili condominiali può essere occupato dai singoli condomini con costruzioni proprie in aggetto?

T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sezione III, febbraio 2016

[A] Può l’inottemperanza alla richiesta dell’amministrazione di integrare la documentazione presentata a corredo di una domanda di condono edilizio, determinare la chiusura della pratica relativa alla richiesta concessione edilizia in sanatoria? [B] L’adozione dell’ordinanza di demolizione deve necessariamente essere preceduta dalla verifica della praticabilità tecnica di ripristino dello stato dei luoghi?

Corte di Cassazione, Sezione II Civile, gennaio 2016

Argomenti trattati: Condominio

Nella nozione di alterazione del decoro del fabbricato - ai fini della tutela prevista dall'art. 1120 c.c.- può farsi rientrare pure la modificazione di una facciata interna? Le verande che non sono poste sulla facciata principale dell'edificio condominiale possono assumere una simile capacità di alterazione?

Consiglio di Stato, Sezione IV, gennaio 2016

[A] Sul regime della c.d. “doppia tutela” riguardo alle controversie concernenti le distanze fra costruzioni o di queste dai confini. [B] Sulla legittimazione ad agire dell'amministratore di un condominio in assenza dell’autorizzazione dell'assemblea. [C] Sulla possibilità, o meno, di applicazione analogica dell’art. 889 cod. civ. alla distanza intercorrente tra un realizzando parcheggio e i plinti di fondazione di un fabbricato condominiale

T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, gennaio 2016

Argomenti trattati: Permesso di costruire Condominio

Sulla legittimazione del comproprietario a richiedere il permesso per demolire il muro perimetrale e ad ottenere l’autorizzazione a ricostruire in aderenza al muro divisorio del quale è comproprietario: può ritenersi giustificata la prassi secondo la quale la p.a. subordina il rilascio del permesso per costruire al consenso dei comproprietari del bene interessato dall’intervento edilizio?

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, dicembre 2015

Argomenti trattati: Permesso di costruire Condominio

Sull’obbligo per il Comune di verificare, in sede di rilascio del titolo abilitativo edilizio, il rispetto da parte dell’istante dei limiti privatistici. In particolare sulla “posizione del compossessore nelle diverse forme di uso più intenso delle cose comuni” e sulla specifica ipotesi relativa all’apertura di un varco nel muro perimetrale per la “realizzazione di un passaggio carrabile per accedere alla corte di proprietà utilizzata come parcheggio”. In tale contesto che valore assume la denuncia da parte di uno o più comproprietari rispetto al rilascio del titolo edificatorio?

Consiglio di Stato, Sezione IV, dicembre 2015

Argomenti trattati: Condominio Permesso di costruire

Può il G.A., nella valutazione incidenter tantum ai fini dell'accertamento della legittimazione all'intervento edilizio e al conseguimento dell'autorizzazione paesistica, disconoscere del tutto, senza darsene alcun carico, l'interpretazione di una disposizione negoziale, quale è un regolamento condominiale, fornita dal giudice civile investito principaliter della controversia relativa proprio al diritto soggettivo del comproprietario di introdurre modifiche che si riverberano sulla cosa comune?

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, agosto 2015

[A] Sulla legittimazione del proprietario confinante a sollecitare la definizione della domanda di condono relativa ad opere abusive realizzate nella vicinanza della sua proprietà. [B] L'obbligo della pubblica amministrazione di provvedere su un'istanza è configurabile anche a prescindere dall'esistenza di una specifica disposizione normativa che lo imponga? [C] Sull’affidamento nascente dall'omissione dei controlli o comunque dalla persistente inerzia dell'amministrazione nell'esercizio del potere di vigilanza

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, aprile 2015

Argomenti trattati: Condominio

[A] Sulla legittimazione all’impugnazione del permesso di costruire ad opera dei vicini: orientamenti giurisprudenziali a confronto. [B] Sulla necessità o meno, ai fini del rilascio del titolo edilizio, che il condomino impugni la delibera assembleare che gli vieta la realizzazione dell’intervento

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-Ter, ottobre 2014

Sull’illegittimità dei provvedimenti sanzionatori adottati prima della definizione delle istanze di condono edilizio già presentate

T.A.R. Liguria, Sezione I, dicembre 2013

Argomenti trattati: Condominio

Sull’assenza di autorizzazione condominiale allo svolgimento dei lavori sul lastrico solare

T.R.G.A. Trento, dicembre 2013

Argomenti trattati: Condominio

[A] Sui limiti entro i quali il comproprietario di un bene, appartenente anche ad altri soggetti, può autonomamente e direttamente utilizzare, ed eventualmente modificare, detta realità, in forza delle disposizioni di cui agli artt. 1102 e seguenti del Codice civile. [B] Sulle istanze egoistiche poste sovente alla base degli ostacoli frapposti alle modifiche delle parti comuni e per contrastare le quali si è profondamente innovata la disciplina del condominio negli edifici, con le recente novella al codice civile di cui alla L. 11 dicembre 2012, n. 220. [C] Sulla soppressione di una piccola parte del tetto, nel caso in cui ne venga salvaguardata la funzione di copertura. [D] Sull’apertura di alcune finestre velux e l’arretramento di altre nel tetto in comproprietà

Consiglio di Stato, Sezione IV, dicembre 2013

Argomenti trattati: Condominio

[A] La ripartizione delle spese condominiali non dimostra affatto la proprietà condominiale. [B] Le innovazioni sulle parti comuni dell'edificio condominiale, per essere rilevanti, devono essere infatti “significative”, cioè devono alterare la particolare struttura e la complessiva armonia che conferiscono al fabbricato una propria specifica identità

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, novembre 2013

Argomenti trattati: Condominio Permesso di costruire

Sui casi in cui la richiesta della concessione edilizia da parte del proprietario di un appartamento sul quale devono essere eseguiti i lavori, deve essere corredata dell’autorizzazione dell’assemblea del condominio

T.A.R. Piemonte, Sezione II, novembre 2013

Argomenti trattati: Condominio Permesso di costruire

Il singolo condomino, per realizzare un’opera strettamente pertinenziale alla propria unità immobiliare, anche sulle parti comuni dell’edificio, non ha bisogno di richiedere il previo assenso degli altri condòmini

Consiglio di Stato, Sezione VI, ottobre 2013

Argomenti trattati: Condominio

L’amministratore di condominio anche per le azioni processuali non ha autonomi poteri, ma si limita ad eseguire le deliberazioni dell’assemblea

T.A.R. Liguria, Sezione I, agosto 2013

Argomenti trattati: Condono edilizio Condominio

Il condominio estraneo all’abuso, deve essere coinvolto nella pratica di condono

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, settembre 2013

Sulla necessità di distinguere, da un lato, il “decoro architettonico” dell’edificio che trova disciplina solo nell’art. 1120, 2° comma, c.c. ed è rimesso ai rapporti condominiali e, dall’altro, la disciplina edilizia ed urbanistica, rispetto alla quale il riferimento dell'art. 10, lettera c), del D.P.R. 380/2001 a sagoma e prospetti non può estendersi, alla stregua di un criterio di ragionevolezza, proporzionalità e sussidiarietà dell’intervento pubblico autoritativo, agli interventi minori esterni all’edificio

Consiglio di Stato, Sezione VI, gennaio 2013

Sulla sussistenza o meno della legittimazione a ricorrere da parte dei condomini avverso l’atto di diniego emesso dalla Soprintendenza per l’installazione di un servoscala utile all’abbattimento delle barriere architettoniche in favore di altro condomino disabile

T.A.R. Campania Salerno, Sezione I, gennaio 2013

Argomenti trattati: Condominio

Sulla richiesta edificatoria prodotta da un condomino

Consiglio di Stato, Sezione IV, gennaio 2013

[A] Sulla possibilità o meno da parte del condominio, nella persona dell'amministratore nell'esercizio dei poteri conferitigli dall'assemblea ed al pari di ciascun condomino, di impugnare le previsioni urbanistiche lesive della proprietà comune. [B] L'acquisizione della relazione geologica non è soggetta a valutazioni discrezionali, in quanto è obbligatoriamente prevista in ciascuna fase della progettazione in zona sismica. [C] Solo l’offerta di strutture ricettive tradizionali (pensioni ed alberghi) ha un minimo di ritorno per la comunità sul piano sociale ed economico per l’aumento dell’occupazione, e su quello territoriale, e non i residence e le seconde case. [D] In sede di approvazione di progetti per la realizzazione di opere portuali ai sensi dell'art. 6 d.P.R. n. 509 del 1997, qualora il definitivo risulti redatto sulla scorta di linee-guida non coerenti con il preliminare, esso non può essere approvato. [E] Sulle conferenze di servizi finalizzate al rilascio di concessione di beni del demanio marittimo per la realizzazione di strutture dedicate alla nautica da diporto. [F] L’autorizzazione paesistica deve essere adottata solo sul progetto definitivo. [G] Il privato titolare di uno strumento urbanistico attuativo contemplante l'esecuzione di opere di urbanizzazione è sempre tenuto ad appaltare tali opere a terzi, nel rispetto del codice

T.A.R. Veneto, Sezione II, dicembre 2012

Argomenti trattati: Condominio

Sull’installazione di una nuova canna fumaria su di un muro perimetrale dell’edificio

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, novembre 2012

Argomenti trattati: Condominio

La posizione del proprietario della terrazza “a livello” è assimilabile a quella del proprietario esclusivo del lastrico solare, cui fa riferimento l’art. 1127, primo comma, secondo periodo, del codice civile

T.A.R. Veneto, Sezione II, novembre 2012

Il condomino, proprietario del piano sottostante al tetto comune, può aprire su di esso degli abbaini e delle finestre per dare aria e luce alla sua proprietà

T.A.R. Toscana, Sezione III, settembre 2012

Argomenti trattati: Condominio

Sull’installazione di una canna fumaria nel muro condominiale e sulla possibilità o meno di ricondurre tale intervento nella disciplina dell’art. 1102 del c.c.

T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, marzo 2012

Argomenti trattati: Condominio

Sull’installazione di una caldaia sulla parete condominiale

T.A.R. Puglia Bari, Sezione II, ottobre 2011

Argomenti trattati: Condominio

In tema di condominio, le azioni reali da esperirsi contro i singoli condomini o contro terzi e dirette ad ottenere statuizioni relative alla titolarità, al contenuto o alla tutela dei diritti reali dei condomini su cose o parti dell’edificio condominiale che esulino dal novero degli atti meramente conservativi possono essere esperite dall’amministratore solo previa autorizzazione dell’assemblea

T.A.R. Basilicata, Sezione I, giugno 2011

Argomenti trattati: Condominio

Il singolo condomino ha la facoltà di eseguire opere che, ancorchè incidano su parti comuni dell’edificio, siano strettamente pertinenti alla sua unità immobiliare, sotto i profili funzionale e spaziale

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, maggio 2011

Sulla realizzazione sul cortile condominiale di veri e propri posti auto per parcheggio, aventi natura stabile nel tempo e caratterizzati dalla continuità nell’utilizzo

T.A.R. Friuli Venezia Giulia, maggio 2011

[A] Sulla questione della necessità o meno di acquisire l’assenso del Condominio, nel caso in cui un condomino chieda un titolo edilizio per realizzare opere sulle parti comuni di un edificio, anche nelle ipotesi di autorizzazioni in sanatoria. [B] Quando un provvedimento si fonda su di una pluralità di motivi per la sua conservazione è sufficiente che uno solo di essi risulti immune da vizi

T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, maggio 2011

Argomenti trattati: Condominio

Sui lavori edilizi che interessino anche parti comuni del fabbricato laddove si tratti di opere non connesse all’uso normale della cosa comune

T.A.R. Valle D’Aosta, novembre 2010

Argomenti trattati: Condominio Pertinenza urbanistica

Sugli adempimenti a carico del Comune qualora alcuni condomini si oppongano all’installazione da parte di un altro condomino di una canna fumaria aderente alla parete di proprietà comune

T.A.R. Abruzzo L’Aquila, Sezione I , luglio 2010

Argomenti trattati: Permesso di costruire Condominio

Il diritto di realizzare finestre sul tetto comune va riconosciuto a ciascuno dei comproprietari, a condizione che l’iniziativa non comporti una rilevante alterazione dell’estetica e della sagoma del tetto

T.A.R. Emilia Romagna Parma, maggio 2010

Argomenti trattati: Permesso di costruire Condominio

[A] La necessaria distinzione tra gli aspetti civilistici e quelli pubblicistici dell’attività edificatoria non impedisce all’Amministrazione di verificare l’esistenza, in capo al richiedente, la sussistenza di un idoneo titolo di godimento sull’immobile. [B] Sull’accertata mancata approvazione dell’assemblea condominiale all’effettuazione dei lavori sulle parti comuni e sui provvedimenti che deve assumere l’amministrazione anche dopo aver rilasciato il titolo edilizio

T.A.R. Toscana, Sezione III, maggio 2010

Argomenti trattati: Condominio

Sulla necessità o meno dell’assenso degli altri condomini per l’installazione di una canna fumaria o per l’installazione sul muro di elementi ad esso estranei posti al servizio esclusivo della singola unità immobiliare

Consiglio di Stato, Sezione IV, maggio 2010

Argomenti trattati: Condominio

Sulla possibilità o meno da parte del condomino proprietario del piano sottostante al tetto comune di aprire su di esso abbaini - nella specie dotati di balconi - e finestre

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, febbraio 2010

Argomenti trattati: Condominio

Sul cortile condominiale occupato in pianta stabile e permanente da autovetture

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, settembre 2009

Argomenti trattati: Condominio

Sull’illecita trasformazione di una parte del tetto in terrazza ad uso esclusivo di un condomino

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, settembre 2009

Argomenti trattati: Condominio

Sulla possibilità o meno per il singolo condomino di modificare il tetto per realizzare una terrazza di fruizione esclusiva

Corte di Cassazione, Sezione II, luglio 2009

Sulla norma del regolamento condominiale secondo al quale “<em>le varie porzioni dovranno essere destinate in tutti i piani esclusivamente ad uso civile e di studi professionali e commerciali. I comproprietari pertanto non potranno destinare o lasciar destinare i locali di loro spettanza ad uso pensioni, camere di affitto, scuole anche di canto o di danza, asili di infanzia, […]</em>”

T.A.R. Puglia Bari, Sezione II, luglio 2009

Argomenti trattati: Condominio

Sul soggetto legittimato a richiedere il titolo edilizio nel caso di lavori da eseguirsi sulle parti comuni di un edificio condominiale

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, giugno 2009

Argomenti trattati: Condominio

Sulla trasformazione in terrazzo di parte del tetto di copertura di un edificio condominiale ad opera del condomino proprietario del piano adiacente e non sottostante e con annessione del terrazzo alla sua proprietà esclusiva, mediante creazione di un accesso diretto per uso a lui solo riservato

T.A.R. Friuli Venezia Giulia, luglio 2009

Argomenti trattati: Condominio

Va dichiarato inammissibile il ricorso al TAR proposto dall’amministratore di condominio senza preventiva autorizzazione dell’assemblea condominiale assunta in base all’art. 1136 C.C.

T.A.R. Marche, Sezione I, giugno 2009

Argomenti trattati: Condominio

[A] Sull’apertura di finestre al servizio della proprietà esclusiva di uno dei condomini e sulla necessità o meno dell’assenso del condonimio. [B] Sulla realizzazione di una canna fumaria sul muro perimetrale dell'edificio comune

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, aprile 2009

Argomenti trattati: Condominio

Sulla corretta interpretazione dell’art. 1126 c.c. nel caso in cui il “lastrico solare” serva come copertura di una parte delle proprietà

Corte di Cassazione, Sezione II, febbraio 2009

Argomenti trattati: Condominio

Sull'apertura di un varco nel muro perimetrale per le esigenze del singolo condomino

Corte di Cassazione, Sezione II, febbraio 2009

Argomenti trattati: Condominio

La trasformazione dell'impianto alimentato a gasolio in quello alimentato a gas metano può essere deliberata con la maggioranza delle quote millesimali

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, marzo 2009

Argomenti trattati: Condominio

Sul senso da attribuire all’art. 1134 c.c. laddove si stabilisce che “<em>Il condomino che ha fatto spese per le cose comuni senza autorizzazione dell'amministratore o dell'assemblea non ha diritto al rimborso, salvo che si tratti di spesa urgente</em>”

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, marzo 2009

Argomenti trattati: Condominio

Non possono essere accolte le domande volte ad inibire la sgocciolatura dei panni, la potatura delle piante, la condotta del cane ed ogni altra genericamente connessa, in quanto non riferite a specifici eventi lesivi, bensì a modalità di condotta supposte difformi dal modello legale

T.A.R. Liguria, Sezione I, marzo 2009

Argomenti trattati: Condominio

Sui presupposti per il rilascio del titolo edilizio relativo ad opere che incidono su un muro perimetrale dell’edificio condominiale

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, novembre 2008

Argomenti trattati: Condominio

Sull’ampliamento o l’apertura di una porta o finestra da parte di un condomino, o la trasformazione di una finestra che prospetta il cortile comune in porta di accesso al medesimo, mediante l'abbattimento del corrispondente tratto del muro perimetrale che delimita la proprietà del singolo appartamento

T.A.R. Marche, Sezione I, agosto 2008

Argomenti trattati: Condominio

Sulla necessità o meno del preventivo consenso degli altri condomini per la installazione della canna fumaria sulla parete esterna dell’edificio

T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, luglio 2008

Argomenti trattati: Condominio

Sulla necessità o meno del consenso di tutti i comproprietari, della maggioranza dei due terzi, o della maggioranza semplice, per la legittimazione a presentare un’istanza di permesso di costruire a sanatoria relativamente ad un abuso commesso su un bene comune

Consiglio di Stato, Sezione IV, luglio 2008

Argomenti trattati: Condominio

Esula dai compiti dell'Amministrazione locale il sindacato sulla legittimità e sulla validità delle pronunce degli organi condominiali

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, luglio 2008

Argomenti trattati: Condominio

Sulla estensione del diritto di proprietà condominiale sul sottosuolo dell’edificio e sulla nozione di “<em>il suolo su cui sorge l’edificio</em>” al quale fa riferimento l’art. 1117 c.c.

T.A.R. Basilicata, Sezione I, gennaio 2008

Argomenti trattati: Condominio

Sugli accertamenti che l’Amministrazione deve effettuare riguardo alla richiesta del titolo edilizio avanzata dal condomino per l’esecuzione di opere su parti condominiali

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, settembre 2007

Argomenti trattati: Condominio

Sulla trasformazione del tetto dell’edificio in terrazza ad uso esclusivo del singolo condomino

Corte di Cassazione, Sezione II, luglio 2007

Argomenti trattati: Condominio

Sulla delibera condominiale che autorizza un illecito edilizio consentendo, attraverso l'autorizzazione a collegarsi ai servizi primari comuni, la trasformazione dei locali sottotetti in vani abitabili

Corte d’Appello di Firenze, Sezione II, maggio 2007

Argomenti trattati: Condominio

Il condominio è tenuto ad adottate tutte le misure necessarie ad evitare che le cose comuni rechino pregiudizio a terzi o ad uno dei condomini anche se per i vizi di costruzione dell’immobile è responsabile il costruttore

Corte di Cassazione, Sezione II Penale, marzo 2007

Argomenti trattati: Condominio

Sulla possibilità o meno da parte del condomino di trasformare il tetto in terrazza ad uso esclusivo

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, aprile 2007

Argomenti trattati: Condominio

[A] Sull’uso particolare che il condomino faccia del cortile comune, interrando nel sottosuolo di esso un proprio serbatoio per gasolio. [B] Sul serbatoio del carburante dell’impianto di riscaldamento e sulla necessità o meno di osservare le distanze di cui all’art. 889 c.c. in tema di distanze per pozzi, cisterne, fosse e tubi

Corte di Cassazione, Sezione II Civile, febbraio 2007

Argomenti trattati: Condominio

Sulla realizzazione da parte del condomino - nelle mura perimetrali di cortili, androni ed altri spazi similari di uso comune - di varchi al fine di accedere a propri immobili di proprietà esclusiva

Corte di Cassazione, Sezione II Civile, febbraio 2007

Argomenti trattati: Condominio

Il regime condominiale è sicuramente compatibile con la destinazione alberghiera di un immobile

Corte di Cassazione, Sezione III Civile, febbraio 2007

Argomenti trattati: Condominio

[A] L’apertura di una finestra di un immobile di proprietà esclusiva di uno dei comproprietari verso un’area di proprietà comune. [B] Sull’uso particolare che il comproprietario abbia fatto del cortile comune, interrando nel sottosuolo di esso una centrale termica del proprio impianto di riscaldamento

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, marzo 2007

Argomenti trattati: Condominio

[A] La presunzione di comunione del muro divisorio riguarda soltanto il muro che divide entità prediali omogenee. [B] Sull’apertura di una porta o di una finestra da parte di un condominio o la trasformazione di una finestra che prospetta il cortile comune

Corte d’Appello di Firenze, Sezione II, febbraio 2007

Argomenti trattati: Condominio

Sulla condominialità o meno del c.d. “vespaio”

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, febbraio 2007

Argomenti trattati: Condominio

Sui poteri conservativi dell’amministratore di condominio riguardo alle parti comuni dell’edificio

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, gennaio 2007

Argomenti trattati: Condominio

[A] Sulla trasformazione di un finestrone in balconcino, munito di ballatoio, e sull’aggravamento della servitù di veduta. [B] Sulla realizzazione di un garage, mediante lo scavo per una trentina di mc nel sottosuolo di proprietà condominiale, costituente la sede su cui poggia una palazzina a più piani

Corte di Cassazione, Sezione II, marzo 2006

Argomenti trattati: Condominio

Il principio generale dettato dall’articolo 840 c.c., secondo cui la proprietà del suolo si estende al sottosuolo, non può trovare applicazione in materia condominiale

Corte di Cassazione, Sezione II, giugno 2006, 14735

Argomenti trattati: Condominio

L'amministratore di condominio può irrogare sanzioni ai condomini

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, giugno 2006

Argomenti trattati: Condominio

Sulla realizzazione di una canna fumaria sul muro perimetrale dell’edificio e sulla necessità o meno del consenso degli altri condomini

T.R.G.A. Bolzano, giugno 2006

Argomenti trattati: Condominio

[A] Qualora mediante opere abusive venga realizzata una cubatura di pertinenza dell’intero stabile, ma utilizzata in via esclusiva da un solo condomino, per la sanatoria occorre comunque il consenso di tutti i condomini [B] I soggetti che hanno commesso l’abuso non possono chiedere la sanatoria dello stesso senza il consenso del titolare del bene

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, marzo 2006

Argomenti trattati: Condominio

Sulla natura del sottotetto condominiale e sulla proprietà comune o pertinenziale dello stesso

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, febbraio 2006

Argomenti trattati: Condominio

[A] Sull regolamento condominiale secondo cui “è espressamente vietata ogni trasformazione che comporti alterazioni architettoniche”. [B] L’edilizia moderna, per la penuria di spazi vitali, somiglia all’edilizia medievale. [C] Gli edifici moderni con molti appartamenti fanno pensare a vestiti di taglia divenuta insufficiente, nei quali si vede dove una sdrucitura, dove un bottone saltato, dove un rigonfiamento mal contenuto della camicia

Consiglio di Stato, Sezione V, gennaio 2006, n. 11

Argomenti trattati: Condominio

Il condomino può installare una nuova canna fumaria sulle pareti perimetrali dell’edificio a prescindere dal consenso degli altri partecipanti alla comunione

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, novembre 2005, n. 1697

Argomenti trattati: Condominio

Sul diritto di installare un’antenna da radioamatore sul tetto condominiale e sul c.d. “diritto d’antenna”

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, novembre 2005, n. 1591

Argomenti trattati: Condominio

La trasformazione in terrazzo di parte del tetto di un edificio condominiale ad opera del condomino proprietario del piano adiacente, mediante creazione di un accesso diretto per uso a lui solo riservato, è illegittima

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, novembre 2005, n. 1694

Argomenti trattati: Condominio

[A] Sul c.d. “vespaio” sottostante l’edificio [B] Sulla possibilità o meno del condomino di procedere all’escavazione in profondità del sottosuolo per ricavarne nuovi locali o per ingrandire quelli preesistenti di proprietà singola. [C] Sull’uso delle parti comuni

Agenzia del Territorio. Risoluzione n. del 2005

Argomenti trattati: Condominio

Cancellazione di ipoteca giudiziale iscritta per crediti condominiali. Il consenso rilasciato dall’Amministratore del condominio è titolo idoneo per la cancellazione

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, ottobre 2005, n. 1470

Argomenti trattati: Condominio

La delibera dell’assemblea di condomino con la quale si consente l’installazione di un'antenna per telefonia cellulare sul lastrico solare, costituisce un diritto reale di superficie su una parte comune dell’edificio e deve essere adottata all’unanimità

Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, settembre 2005, n. 1248

Argomenti trattati: Condominio

[A] Sull’azione negatoria servitutis. [B] Sulla modificazione del muro perimetrale da parte del condomino. [C] Sull'installazione di una ringhiera sul lastrico solare che permette di affacciarsi su spazi condominiali

T.A.R. Lombardia, Sezione Brescia, maggio 2005, n. 410

Argomenti trattati: Condominio

In assenza della deliberazione dell’assemblea condominiale l'amministratore non è abilitato a promuovere un giudizio per denunciare la violazione delle norme sulle distanze legali tra costruzioni

Corte di Appello di Firenze, Sezione I, aprile 2005, n. 581

Argomenti trattati: Condominio

La deliberazione dell’assemblea condominiale che ripartisce lo spazio del parcheggio comune in settori di uso esclusivo, uno per ogni condomino, assegnandoli per estrazione a sorte, non ne altera la destinazione, piuttosto regolamentandola razionalmente evitando il parcheggio selvaggio di chi ci arriva prima

Corte di Appello di Firenze, Sezione II, marzo 2005, n. 449

Argomenti trattati: Condominio

E’ lecita l’apposizione da parte del conduttore di insegne, sui muri perimetrali dell'edificio condominiale, atte a pubblicizzare la sua attività commerciale

Corte di Appello di Firenze, Sezione I, gennaio 2005, n. 106

Argomenti trattati: Condominio

Non è necessario che la concessione edilizia vi sia al momento della deliberazione dell’assemblea condominiale che autorizza lo svolgimento dei lavori ed il conferimento dell’appalto all’impresa, ma è sufficiente che la stessa vi sia al momento dell’inizio dei lavori

Corte di Appello di Firenze, Sezione I, gennaio 2005, n. 154

Argomenti trattati: Condominio

In caso di condominio negli edifici, la modificazione di una parte comune e della sua destinazione, ad opera di taluno dei condomini, sottraendo la cosa alla sua specifica funzione e quindi al compossesso di tutti i condomini, legittima gli altri all'esperimento dell'azione di reintegrazione


Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
Tel: +39 339.34.00.116 - Fax: +39 055.56.09.352
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it