Embed RSS
ISSN 2498-9916
Direttore: Avv. Francesco Barchielli

ARGOMENTO: Ordinanze contingibili ed urgenti

T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, giugno 2017

Sul potere del questore di sospendere la licenza di un esercizio nel quale siano avvenuti tumulti o gravi disordini.

T.A.R. Lombardia, Brescia, Sezione I, giugno 2017

[A] L'inesistenza di una recinzione o di ostacoli all’ingresso di un edificio pericolante può qualificarsi come rischio imminente per l’incolumità dei cittadini tale da fondare il potere di ordinanza extra ordinem del sindaco? [B] Sui presupposti per l'adozione dell’ordinanza contingibile e urgente: che rilevanza assume la circostanza che la situazione di pericolo sia da tempo nota all'Amministrazione?

T.A.R. Lombardia, Brescia, Sezione II, giugno 2017

Sul potere previsto dall’art. 100 TULPS: la sospensione della licenza di somministrazione di bevande ed alimenti può ritenersi legittimamente adottata anche a prescindere dalla colpa del titolare dell'esercizio?

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, marzo 2017 (13.12.2016)

Sulle ordinanze extra ordinem conseguenti al sisma.

T.A.R. Puglia, Bari, Sezione II, aprile 2017

Ai fini dell'adozione di un'ordinanza contingibile ed urgente, che rilevanza può assumere chi o cosa abbia determinato la situazione di pericolo che il provvedimento è volto ad affrontare?

T.A.R. Campania, Napoli, Sezione V, marzo 2017

A chi spetta la competenza all'adozione delle misure di regolazione, disciplina e controllo della circolazione stradale, che l'art. 7 del codice della strada attribuisce al sindaco?

T.A.R. Campania, Napoli, Sezione III, marzo 2017

Il provvedimneto di sgombero degli immobili acquisiti al patrimonio comunale è legittimo allorchè gli immobili siano abitati e sia stato assegnato un termine esiguo per liberarli? In tal caso l'amminstrazione può fare ricorso all’autotutela esecutiva o deve invece agire in base alle norme di diritto privato?

T.A.R. Calabria, Catanzaro, Sezione I, febbraio 2017

Sui presupposti di legittimità del decreto di occupazione d’urgenza.

T.A.R. Campania, Napoli, Sezione V, dicembre 2016

Se il piano di zonizzazione non contempla una fascia intermedia di decadimento acustico (una zona-cuscinetto, in grado di attutire i suoni nel passaggio ad un'area all’altra) il sindaco può adottare un'ordinanza contingibile ed urgente emessa alla stregua dell'art. 50, co. 5, del d.lgs. 267/2000 e dell'art. 9, co. 1, della legge 447/1995?

T.A.R. Lombardia, Milano, Sezione I, dicembre 2016

Sui provvedimenti di cui all’art. 222 del r.d. n. 1265/1934: a chi spetta la competenza circa l’adozione della dichiarazione di inagibilità?

Consiglio di Stato, Sezione V, marzo 2016  

La presenza di querce secolari su di una scarpata a monte di una strada giustifica l’utilizzazione di provvedimenti extra ordinem?

T.A.R. Lombardia, Milano, Sezione II, ottobre 2016

Sul DM 5 agosto 2008 in tema di incolumità pubblica e sicurezza urbana: la violazione delle norme che tutelano i beni previsti dal D.M. 5 agosto 2008 assume rilevanza di per sé stessa ovvero solo allorché la stessa rappresenti la premessa per l’insorgere di fenomeni di criminalità suscettibili di minare la sicurezza pubblica?

T.A.R. Liguria, Genova, Sezione I, ottobre 2016

Nella giurisdizione di quale giudice rientra la domanda di annullamento dell’ordinanza di sgombero adottata in via di autotutela dalla pubblica amministrazione ai sensi dell’art. 823 comma 2 c.c.?

T.A.R. Campania, Salerno, Sez. I, settembre 2016

Può considerarsi legittima l’ordinanza contingibile ed urgente volta a dichiarare l’inagibilità di un fabbricato legittimamente realizzato da un privato su un suolo di proprietà pubblica?

T.A.R. Toscana, Sezione III, giugno 2016

L’ordinanza contingibile ed urgente può disporre, oltre alla pronta adozione delle misure necessarie a limitare i rischi che l’hanno giustificata, anche la rimozione delle opere realizzate su area demaniale marittima?

T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione I, maggio 2016

Sulla legittimazione passiva in relazione ai provvedimenti adottati dal Sindaco in adempimento di funzioni di Ufficiale di Governo

Corte di Cassazione, Sezione III Penale, aprile 2016

Che rilevanza assume l'adozione di ordinanze contingibili ed urgenti da parte del Sindaco (o delle altre autorità competenti previste dalla norma), ai sensi dell'art. 191 d.lgs. 152 del 2006 sulle attività di smaltimento di rifiuti non autorizzate integranti reato?

T.A.R. Puglia, Lecce, Sezione I, aprile 2016

Sulla natura assunta dall’ordinanza di rimozione dei rifiuti abbandonati di cui all’art. 192 del decreto 152 del 2006 e sui rapporti intercorrenti tra questa e l’ordinanza di cui all’art. 50 o 54 del TUEL

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, marzo 2016

Posto che il ricorso allo strumento dell’ordinanza contingibile ed urgente può risultare indispensabile in alcuni casi connessi a situazioni di inquinamento ambientale, può ritenersi legittimo il provvedimento sindacale che ordini la ripulitura di un sito?

T.A.R. Liguria, Sezione I, marzo 2016

È legittima l’ordinanza contingibile e urgente con cui il sindaco abbia ingiunto al condominio di lasciare libera da cose e persone l’autorimessa di proprietà poichè priva delle necessarie autorizzazioni contro gli incendi?

T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, febbraio 2016

Può ritenersi legittima l’ordinanza contingibile ed urgente che imponga alla proprietaria la demolizione del suo immobile, poiché soggetto a rischio di crollo, senza distinguere -metro quadrato per metro quadrato- quali parti dell’edificio siano maggiormente esposte al pericolo di crollo e quali meno?

T.A.R. Lazio, Latina, Sezione I, febbraio 2016

[A] Può la regola di non annullabilità di cui all’art. 21-octies, comma 2, della l. n. 241/1990 applicarsi a provvedimenti latamente discrezionali, quali quelli localizzativi di un vincolo preordinato all’esproprio? [B] Può l’ordinanza contingibile ed urgente sostituire gli ordinari strumenti giuridici ablatori (espropriazione per p.u. e subprocedimento di occupazione d’urgenza)?

T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, febbraio 2016

[A] L’art. 192, d.lgs. n. 152 del 2006 esclude a priori la possibilità per l'ente di far uso, per garantire la rimozione dei rifiuti, del potere extra ordinem proprio delle ordinanze contingibili ed urgenti? [B] Cosa succede quando a trasgredire le leggi a tutela dell'ambiente e della salute sia una Regione? [C] Sull’elemento soggettivo richiesto dall’art. 192 del testo unico n. 152 del 2006

T.A.R. Toscana, Sezione III, dicembre 2015

Sull’individuazione dei destinatari di un’ordinanza contingibile ed urgente per l’ipotesi in cui il pericolo si origina da beni immobili, con particolare attenzione al caso in cui il movimento franoso (pericoloso) non abbia un’origine naturale ma sia stato provocato dalla rottura di una conduttura idrica

T.A.R. Toscana, Sezione II, novembre 2015

Sul diritto di accesso nei procedimenti di controllo o ispettivi, con particolare riferimento all’ordinanza contingibile ed urgente con cui il sindaco ha ordinato "di disporre un radicale intervento di pulizia con idoneo smaltimento dei rifiuti a pubblica discarica ripristinando le condizioni igienico—sanitarie”

T.A.R. Sicilia, Catania, Sezione II, ottobre 2015

Sull’art. 191 del codice dell’ambiente: può una situazione che perdura da anni e connessa alla gestione dei rifiuti essere affrontata con un’ordinanza contingibile ed urgente del sindaco?

T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, settembre 2015

[A] Sui rapporti tra il potere previsto dall’art. 35, d.p.r. n. 380/2001 e quello spettante all'Autorità marittima ai sensi dell'art. 54 cod. nav.: la sanzionabilità ai sensi dell'art. 54 cod. nav. determina l’“abusività edilizia” dell’opera? [B] La circostanza che il “manufatto di vecchissima costruzione” sia pervenuto in eredità agli odierni ricorrenti determina l’illegittimità dell’ordinanza di sgombero e demolizione adottata ex art. 35, d.p.r. n. 380/2001?

T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, settembre 2015

Sulla legittimità dell’ordinanza contigibile ed urgente di sgombero di fabbricati: il pericolo di crollo in presenza di un evento sismico anche di lieve entità, è ragione di per sé sola sufficiente a fondare lo sgombero?

T.A.R. Lazio Roma, Sezione I, agosto 2015

Sull’individuazione degli eventi idonei a giustificare la deliberazione dello stato di emergenza ai sensi dell'art. 5, 1. n. 225 del 1992: la congestione del traffico può essere ricondotta alla nozione di evento eccezionale?

T.A.R Lazio Roma, Sezione I, luglio 2015

Sulla deliberazione dello stato di emergenza ai sensi dell'art. 5, l. n. 225 del 1992: tra le situazioni di pericolo può essere ricompreso pure il problema specifico del traffico veicolare?

T.A.R. Toscana, Sezione I, maggio 2015

[A] In caso di emanazione di un’ordinanza contingibile ed urgente, è necessario garantire il rispetto delle regole procedimentali poste a presidio della partecipazione ex art. 7 della legge n. 241/1990? [B] I dissidi tra privati, le ragioni di quieto vivere e la situazione di intralcio alla pubblica viabilità, possono costituire il presupposto legittimante l’adozione dell’ordinanza contingibile e urgente, ex art. 54 T.U.E.L.?

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II ter, aprile 2015

[A] Sull’ordinanza sindacale ex art. 3 co. 16 L. n. 94 del 2009, e sui rapporti con l’art. 54 T.U.E.L. [B] Sulla necessità o meno che la valutazione in concreto circa la sussistenza di pericoli per la sicurezza pubblica sia effettuata ogni qualvolta la condotta di occupazione di suolo pubblico abusiva venga sanzionata

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II ter, aprile 2015

Sul potere sanzionatorio del Sindaco in caso di indebita occupazione di suolo pubblico e sulla differenza tra l’ordinanza del Sindaco ex art. 3 co. 16 L. n. 94 del 2009 e quella ex art. 54 d.lgs. n. 267/2000

T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, aprile 2015

[A] Sulla legittimazione passiva del Comune allorché si controverta in materia di atti emessi dal Sindaco in qualità di ufficiale del Governo. [B] Sulla giurisdizione del giudice amministrativo relativamente all'accertamento della natura vicinale, pubblica o privata, della strada, o della servitù pubblica di passaggio. [C] Sui presupposti necessari al fine di poter considerare assoggettata ad uso pubblico una strada o un’area privata

T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, febbraio 2015

[A] Sulla legittimità delle ordinanze sindacali c.d. miste in materia ambientale. [B] Sulla responsabilità del proprietario dell’area ove si è verificato l’abbandono ed il deposito incontrollato di rifiuti

T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, febbraio 2015

[A] Sugli effetti della non corretta notificazione dell’ordinanza di demolizione. [B] Sull’incidenza del notevolissimo lasso di tempo trascorso tra realizzazione dell’abuso edilizio e la sanzione dello stesso ai fini della necessità della valutazione dei contrapposti interessi

Consiglio di Stato, Sezione V, febbraio 2015

[A] Sul sindacato del g.a. rispetto alle valutazioni tecniche operate dall’amministrazione. [B] Sulla disciplina delle ordinanze contingibili ed urgenti ex art. 54, comma 4, d.lgs. 267/2000. [C] Sul principio di precauzione (art. 191, TFUE, art. 1, comma 8, lett. f), l. 308/2004)

T.A.R. Liguria, Sezione II, novembre 2014

[A] Sulle differenze ontologiche in materia di rifiuti tra i poteri di cui agli articoli 50, comma 5, d.lgs. n. 267/2000 e 192 del d.lgs. n. 152/2006. [B] L’art. 192, comma 3, del d.lgs. n. 152/2006 è una norma speciale sopravvenuta rispetto all’art. 107, comma 5, del d.lgs. n. 267/2000. [C] La formale comunicazione dell’avvio del procedimento è adempimento indispensabile con riferimento all’art. 192, comma 3, del d.lgs. n. 152/2006

Consiglio di Stato, Sezione V, ottobre 2014

[A] Sul potere sindacale di emanare ordinanze contingibili ed urgenti con riferimento ai beni tutelati dal D.M. 5 agosto 2008 (situazioni di degrado o isolamento, tutela del patrimonio pubblico e della sua fruibilità, incuria ed occupazione abusiva di immobili, intralcio alla viabilità o alterazione del decoro urbano). [B] Sulla libertà di apertura di nuovi esercizi commerciali sul territorio

T.R.G.A. Trento, ottobre 2014

E’ noto che il potere sindacale contingibile e urgente presuppone, da un lato, una condizione di pericolo effettivo, da evidenziare con congrua motivazione, e, dall'altro, una situazione eccezionale e imprevedibile che possa provocare rischi imminenti per la salute o per l'incolumità pubblica, alla quale non sia possibile far fronte con i mezzi previsti in via ordinaria dall'ordinamento

T.A.R. Toscana, Sezione III, maggio 2014

[A] Sull’ordinanza contingibile ed urgente con la quale il Sindaco del Comune di Prato Il Sindaco del Comune di Prato ha ordinato lo sgombero di locali adibiti ad attività produttiva ed a dormitori, ricavati con pareti in cartongesso e privi di aerazione, ovvero a cucina e servizi igienici (anch’essi privi di aerazione), contigui agli spazi adibiti all’attività lavorativa. [B] Il novellato art. 54 del D.Lgs. n. 267/00, che disciplina le funzioni del Sindaco quale ufficiale di governo, introduce delle innovazioni non di poco conto quali, in particolare, un ampliamento del campo di intervento dell’Autorità Locale che si estende verso ambiti volti a preservare e salvaguardare i concetti di “incolumità pubblica” e “sicurezza urbana”. [C] Sulle irregolarità accertate dalla p.a. che hanno comportato la dichiarazione di inagibilità dell’immobile locato per uso non abitativo e sulla possibilità o meno che le stesse, determinino la nullità del contratto stesso per impossibilità dell’oggetto

T.A.R. Campania Salerno, Sezione I, maggio 2014

[A] Sui presupposti per l’emanazione di un’ordinanza contingibile ed urgenze ex. art. 54 del D.lgs 267 del 2000. [B] Sulla giurisdizione competente a decidere la controversia relativa al recupero delle spese per l'effettuazione d'ufficio da parte di un comune di opere a tutela della pubblica incolumità oggetto di ordinanza contingibile ed urgente rimasta ineseguita dal destinatario

T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, aprile 2014

[A] L’intervenuta esecuzione del provvedimento non può escludere la tutela giurisdizionale avverso un atto lesivo di posizioni giuridiche soggettive, giacché al contrario l’intervenuta esecuzione di un atto illegittimo dà luogo alla possibilità di rilevare ulteriori profili di pregiudizio economico risarcibili nella sede giurisdizionale. [B] Il soggetto tenuto ad eseguire l’ordinanza contingibile ed urgente può rivalersi nei confronti dei soggetti ritenuti responsabili (ivi compreso l’Ente pubblico)

T.A.R. Toscana, Sezione III, aprile 2014

Sulla legittimità o meno dell’ordinanza di sgombero emessa per la sola mancanza del certificato di agibilità

T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, marzo 2014

[A] Sulla necessità o meno che il ricorso per l'annullamento dell'ordinanza contingibile ed urgente possa essere, di norma, notificato soltanto al comune, oppure se nelle ipotesi in cui contenga anche la domanda di risarcimento del danno, debba essere notificato, a pena di inammissibilità della domanda risarcitoria, anche all'amministrazione statale. [B] Sulla ragione per la quale le ordinanze contingibili ed urgenti devono essere comunicate al Prefetto

T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, marzo 2014

Sulla giurisprudenza formatasi in materia di ordinanze contingibili ed urgenti

T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, febbraio 2014

Sui limiti delle ordinanze sindacali contingibili ed urgenti

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, gennaio 2014

Sui provvedimenti contingibili e urgenti con i quali, a seguito del parziale crollo di un muro eretto sul confine tra una proprietà privata ed una strada demaniale comunale, l’amministrazione intima al privato proprietario di porre in essere, a sue spese, alcune misure di sicurezza

T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, giugno 2013

La tutela della salute pubblica non presuppone necessariamente che la situazione di pericolo involga l'intera collettività ben potendo richiedersi tutela alla P.A. anche ove sia in discussione la salute di una singola famiglia

T.A.R. Toscana, Sezione II, maggio 2013

[A] Il potere sindacale di emanare ordinanze contingibili ed urgenti di cui agli artt. 50 comma 5, D.Lgs. n. 267/2000 permette anche l'imposizione di obblighi di fare a carico dei destinatari. [B] Il dominus conserva comunque una facoltà di controllo della propria proprietà anche quando ne ha perso il possesso per effetto di un contratto di locazione facoltà che deve poi sfociare nelle opportune iniziative giudiziarie per non dimostrare colposa acquiescenza agli illeciti altrui sulla propria proprietà

T.R.G.A. Trento, marzo 2013

[A] Sui presupposti per l’emanazione di ordinanze contingibili ed urgenti da parte del Sindaco. [B] Sul principio che deriva dall’ordinamento germanico e che è stato condensato nel comprensibile brocardo, oramai entrato nella storia del diritto amministrativo, “man darf nicht auf die Spatzen mit Kanonen schiessen” (non si può sparare ai passeri con i cannoni)

T.A.R. Veneto, Sezione II, marzo 2013

Ai fini dell'esercizio legittimo del potere di ordinanza sindacale contingibile e urgente ex art. 54, dlg. n. 267 del 2000 ciò che rileva è l'attualità della situazione di pericolo al momento dell'adozione del provvedimento sindacale e l'idoneità del provvedimento a porvi rimedio, mentre è irrilevante che la fonte del pericolo risalga nel tempo

Consiglio di Stato, Sezione V, marzo 2013

Sui provvedimenti contingibili sprovvisti di un termine finale di durata o di efficacia

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione I, marzo 2013

[A] Sulla possibilità o meno da parte dei sindaci di poter emettere provvedimenti di carattere contingibile ed urgente in materia ambientale. [B] Sulla possibilità o meno di insediare in zona agricola un impianto di frantumazione di sfridi edilizi e stoccaggio di inerti

T.A.R. Basilicata, Sezione I, febbraio 2013

Riguardo all’impugnazione dei provvedimenti ex art. 54, comma 4, del D.lgs n. 267/2000 il vigente art. 134 C.P.A. non comprende più le controversie relative all’impugnazione dei provvedimenti contingibili ed urgenti, tra quelle in cui il Giudice Amministrativo esercita la giurisdizione estesa al merito

T.A.R. Basilicata, Sezione I, dicembre 2012

[A] Sui casi in cui nell’impugnazione di un provvedimento contingibile e urgente, adottato dal Sindaco quale Ufficiale di Governo, il ricorso debba essere notificato anche al Ministero dell'Interno. [B] Sulla comunicazione di avvio del procedimento e sul preavviso di diniego nelle ordinanze contingibili e urgenti del Sindaco. [C] Sulla necessità o meno che le ordinanze contingibili e urgenti debbano avere sempre il carattere della provvisorietà

T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, settembre 2012

Sull'emissione di ordinanze contingibili ed urgenti per consentire il ricorso temporaneo a speciali forme di gestione dei rifiuti emesse in assenza del parere degli organi tecnici o tecnico-sanitari locali

T.A.R. Toscana, Sezione III, agosto 2012

Sul potere di ordinanza del Sindaco in materia di sanità ed igiene, edilizia e polizia locale e sull’ordinanza adottata in surroga dell’ordinario potere di regolazione dell’attività edilizia

T.A.R. Piemonte, Sezione I, agosto 2012

Sull’esercizio del potere previsto dall’art. 2 TULPS, secondo cui: “Il Prefetto, nel caso di urgenza o per grave necessità pubblica, ha facoltà di adottare i provvedimenti indispensabili alla tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza pubblica”, nell’ambito della realizzazione dei lavori per la realizzazione di un collegamento ferroviario ad alta velocità tra Lione e Torino

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, luglio 2012

Sulla delegabilità o meno da parte del Sindaco della competenza all’adozione delle ordinanze contingibili ed urgenti in materia di sanità ed igiene

T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione II, giugno 2012

L’intervento della giurisprudenza costituzionale sull’art. 54 comma 4 del Dlgs. 267/2000 non cancella l’ampliamento delle nozioni di incolumità pubblica e sicurezza urbana operato dal DM 5 agosto 2008

T.A.R. Lazio Roma, Sezione I, febbraio 2012

Sull’Ente al quale deve essere notificato il ricorso giurisdizionale avverso un provvedimento contingibile ed urgente emesso dal Sindaco quale ufficiale di governo

T.A.R. Emilia Romagna Parma, Sezione I, gennaio 2012

Le ordinanze contingibili e urgenti non debbono per forza avere sempre il carattere della provvisorietà

T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, gennaio 2012

Il potere di ordinanza può dirigersi nei confronti di privati proprietari per lavori da eseguirsi su beni che sono nella loro disponibilità, ma non può valere ad ordinare al privato l’esecuzione di lavori pubblici

Consiglio di Stato, Sezione IV, gennaio 2012

Sulla contravvenzione prevista dall'art. 650 c.p. (inosservanza dei provvedimenti dell'autorità), consistente nella mancata ottemperanza al provvedimento di urgenza del sindaco che imponga l'esecuzione delle opere necessarie ad evitare il pericolo di crollo di una costruzione, sull’art. 677 comma 3 stesso codice (omissione di lavori in edifici o costruzioni che minacciano rovina) e sulla violazione, già costituente reato e ora depenalizzata, contemplata dal comma 1 di quest'ultimo articolo

T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, dicembre 2011

Il Sindaco non può adottare provvedimenti a “contenuto normativo ed efficacia a tempo indeterminato”, potendo derogare alla normativa primaria solo in maniera temporalmente delimitata e nei limiti della “concreta situazione di fatto che si intende fronteggiare”

T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, ottobre 2011

Il Sindaco non può adottare provvedimenti a “contenuto normativo ed efficacia a tempo indeterminato”

T.A.R. Sardegna, Sezione I, giugno 2011

Sull’ordinanza con la quale il Sindaco dispone la riapertura di un ufficio postale

T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione III, febbraio 2011

Ai sensi dei commi 1 e 4 dell'art. 54 del d.lgs. n. 267 del 2000 i poteri di ordinanza del Sindaco non possono che essere quelli finalizzati alla attività di prevenzione e repressione dei reati e non i poteri concernenti lo svolgimento di funzioni di polizia amministrativa nelle materie di competenza delle Regioni e delle Province autonome

Consiglio di Stato, Sezione IV, febbraio 2011

Sul potere di ordinanza in deroga alle leggi vigenti ai sensi dell’art. 5 legge 225/1992 esercitato dal Dipartimento di Protezione Civile nell’ambito dei “grandi eventi

T.A.R. Toscana, Sezione II, gennaio 2011

Sui limiti all’esecizio delle ordinanze sindacali ex art. 54, comma 4, T.U.E.L., nel testo dell’art. 6 del d.l. n. 92/2008, convertito in legge n. 125/2008

T.A.R. Sicilia Catania, Sezione III, dicembre 2010

Va affermata la legittimazione passiva dell'amministrazione comunale in ordine a domande di risarcimento di danni derivanti da ordinanze contingibili e urgenti

Consiglio di Stato, Sezione VI, settembre 2010

Sulle ordinanze emanate dal Consiglio dei Ministri o dal Ministro dell’interno per il coordinamento della protezione civile, ai sensi dell’art. 5 della legge 225 del 1992 e che hanno natura di “ordinanze libere”

T.A.R. Valle D’Aosta, giugno 2010

Sull’ordinanza sindacale contingibile ed urgente con la quale viene ordinata l’immediata messa in sicurezza del luogo interessato dalla frana e la ricostruzione dei muri crollati o lesionati, le cui cause sono da imputarsi esclusivamente ad opere eseguite ed in corso di realizzazione a monte della proprietà comunale

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, giugno 2010

[A] Sulla sussistenza o meno della competenza del Comune ad emanare ordinanze contingibili e urgenti per la bonifica di un sito inquinato. [B] Sulla legittimità o meno dell’ordinanza di intervento indirizzata direttamente al proprietario dell’area inquinata

T.A.R. Toscana, Sezione II, giugno 2010

Sul passaggio non autorizzato da una destinazione d’uso non abitativa alla destinazione abitativa e sulla legittimità o meno dell’ordinanza di sgombero emessa per ragioni igienico sanitarie ai sensi del R.D. 1265 del 1934

T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione I, maggio 2010

Sull’ordinanza contingibile ed urgente con cui l’Amministrazione comunale resistente ha autorizzato l’abbattimento dei maiali domestici inselvatichiti allo stato brado in tutto il territorio comunale

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione III, aprile 2010

Sulle ordinanze sindacali previste dall’art. 54 del D.lgs 267/00 che nella sua versione originaria abilitava il Sindaco, in qualità di Ufficiale di governo, ad emanare ordinanze contingibili ed urgenti e che è stato oggetto di una incisiva riforma ad opera del D.L. 92/08 convertito in L. 125/08

T.A.R. Lazio Roma, Sezione I, febbraio 2010

Sulle specifiche ordinanze di protezione civile autorizzate a derogare, in presenza di determinati presupposti, alle stesse norme primarie

T.A.R. Puglia Bari, Sezione II, dicembre 2009

Sulla necessità di porre rimedio alla precarietà di edifici al fine di assicurare l’incolumità pubblica e sulle ordinanze del Sindaco ex art. 50 D.P.R. 267 del 2000

T.A.R. Valle d’Aosta, dicembre 2009

Sui presupposti per l’applicazione dell'art. 54 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 - come sostituito dall'art. 6 del decreto-legge 23 maggio 2008, n. 92, convertito, con modificazioni, in legge 24 luglio 2008, n. 125 – che detta presupposti e limiti del potere del Sindaco di emanare ordinanze contingibili ed urgenti

T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sezione I, settembre 2009

[A] L’art. 54 del D.Lgs. n. 267/2000 è stato profondamente innovato dall’art. 6 del D.L. 23 maggio 2008, n. 92, convertito, con importanti modificazioni, con la legge 24 luglio 2008, n. 125 ed ispirato all’esigenza di predisporre uno schema normativo particolarmente rigoroso in tema di ordine pubblico. [B] Fattispecie relativa ad un’ordinanza sindacale in materia di orario di apertura e chiusura degli esercizi pubblici ubicati in alcune zone della città

T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, luglio 2009

[A] Nei confronti dei successori dei responsabili degli inquinamenti è possibile adottare, ordinanze contingibili ed urgenti. [B] Sull’ordinanza con la quale il Sindaco dispone l’allontanamento delle persone che vivono su un terreno inquinato. [C] Il provvedimento contingibile ed urgente che impone interventi su un’area inquinata prescinde dalla responsabilità del proprietario nel cagionare l’inquinamento, a differenza di quanto previsto per i provvedimenti bonifica di cui al D.Lgs. 152/2006. [D] Non costituisce ostacolo al provvedimento urgente, la circostanza che l’inquinamento duri da tempo, se il pericolo resta attuale. [E] Sui poteri di intervento attribuiti al Sindaco dall’art. 217 del Testo Unico delle leggi sanitarie del 1934. [F] Sul reato di omissione d’atti d’ufficio a carico di un Sindaco in relazione ad un episodio di inquinamento delle acque

T.A.R. Lombadia Milano, Sezione IV, luglio 2009

[A] Sulla giurisprudenza riguardo alle ordinanze contingibili ed urgenti adottate dal Sindaco a tutela della salute pubblica ex. art. 117 del D.lgs 112 del 1998, art. 217 del RD 1265/1934 e art. 54 D.lgs 267/2000. [B] Sulle regole della c.d. successione economica, che consentono di porre oneri economici a carico del soggetto che, pur non avendo una responsabilità diretta ed immediata a fronte di situazioni di danno o pericolo, ha in ogni caso tratto benefici economici dalla condotta del suo dante causa

Consiglio di Stato, Sezione V, giugno 2009

Sul potere di requisizione della proprietà privata previsto dall’articolo 7 della legge 20 marzo 1865 n. 2248

T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, giugno 2009

Sull’ordinanza contingibile e urgente del sindaco che ordini la demolizione di un manufatto edilizio posto a breve distanza da una strada pubblica e pericolante da molto tempo a causa dell’incuria in cui il proprietario

Consiglio di Stato, Sezione IV, marzo 2009

Sulla legittimazione a resistere in giudizio da parte del Comune riguardo ad un’ordinanza contingibile e urgente adottata dal Sindaco nella qualità di ufficiale del Governo

T.A.R. Friuli Venezia Giulia, febbraio 2008

E’ illegittima l’ordinanza contingibile e urgente, ai sensi dell’art. 9 L. n. 447/1995, non fondata su precise risultanze fonometriche

C.G.A.R.S., ottobre 2007

Sui presupposti per l’adozione di ordinanze contingibili ed urgenti e sul significato della “contingenza”

T.A.R. Toscana, Sezione II, ottobre 2007

Sulla differenza tra le ordinanze di sgombero per recupero ambientale di cui all'articolo 14 del decreto legislativo n. 22 del 1997 e le ordinanze sindacali contingibili ed urgenti per “emergenze sanitarie e di igiene pubblica” previste dall’art. 50 del D.lgs 267 del 2000

Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria, luglio 2007

Sul riparto di competenze tra il Sindaco ed il Prefetto riguardo alla possibilità di disporre la requisizione di alloggi, da adibire a temporanea abitazione dei nuclei familiari in situazione di grave disagio abitativo, ai sensi dell’art. 7 della l. n. 2248/1865 allegato E

T.A.R. Lombardia Brescia, luglio 2007

Sulla competenza del Sindaco ad emettere gli atti di cui all’art. 7 della legge 20/3/1865 n. 2248 all. E, emanando il provvedimento di requisizione in uso della proprietà privata

T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, gennaio 2007

Sull’eccezionalità ed elasticità delle ordinanze contingibili ed urgenti per il contenimento delle emissioni sonore

T.A.R. Campania Salerno, Sezione I, dicembre 2006

Sulle ordinanze contingibili ed urgenti emanabili in caso di frane, alluvioni, rottura di argini e in ogni altro caso in cui si utilizzano beni altrui per urgenti ragioni di pubblica utilità

T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, novembre 2006

La PA non può emanare ordinanze volte ad imporre al proprietario di un'area il passaggio di canalizzazioni di acquedotto e fognatura a favore del proprietario del fondo limitrofo che ne fa istanza

Consiglio di Stato, Sezione IV, marzo 2006

Sulla legittimità o meno di un’ordinanza contingibile e urgente adottata dal sindaco per demolire due balconi di un edificio

T.A.R. Abruzzo, Sezione L’Aquila, gennaio 2006, n. 12

Non tutte le ordinanze con tingibili urgenti, adottate per emergenze sanitarie e di igiene pubblica, sono di per sé incompatibili con la regola dell’avviso procedimentale

T.A.R. Friuli Venezia Giulia, gennaio 2006, n. 17

E’ legittima l’ordinanza contingibile urgente emessa dal Sindaco per ragioni igienico – sanitarie non preceduta dalla comunicazione dell’inizio del procedimento


Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Tel: +39 339.34.00.116 - Fax: +39 055.56.09.352
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it