Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Emilia Romagna, Bologna, Sez. II, 2 aprile 2021
Autore: Gherardo Lombardi - Pubblicato il 12 aprile 2021

I diversi orientamenti giurisprudenziali in materia di vicinitas, ai fini dell’interesse a ricorrere in giudizio.

SENTENZA N. ****

Secondo una prima tesi ai fini della legittimazione è sufficiente il criterio dello stabile collegamento con l’area interessata, di per sé sufficiente ad integrare la condizione dell’azione, senza che occorra dimostrazione della sussistenza di un interesse qualificato alla tutela giurisdizionale, “senza cioè che occorr...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Ossia con riferimento alle peculiari caratteristiche dell’opera, dimensioni destinazione implicazioni urbanistiche ed agli effetti, dell’azione senza che occorra dimostrazione della sussistenza. vita di relazione esplicantesi nel contesto spaziale  ritiene, è sufficiente dovendosi dimostrare che l'intervento contestato, negativamente sulla proprietà del ricorrente dovendo essere. supportare il requisito dell’interesse a ricorrere della, ragionevolmente dispiegabili in ordine alla qualità della, per altro maggioritaria nella giurisprudenza più recente. di un interesse qualificato alla tutela giurisdizionale, il soggetto che propone l’impugnazione secondo invece, il collegio preferibile tale ultima opzione ermeneutica. concretamente indagato e accertato anche l'interesse ad, dello stabile collegamento con l’area interessata di, accertare se i lavori assentiti dall’atto impugnato. fini della legittimazione è sufficiente il criterio, dato decisivo per fondare l'interesse ad impugnare, dal momento che tale condizione deve apprezzarsi. giurisprudenza di prime cure che d’appello la, sola vicinitas non può reputarsi sufficiente a, per sé sufficiente ad integrare la condizione. comportino o meno un effettivo pregiudizio per, senza cioè che occorra procedere in concreto, domanda di annullamento di un titolo edilizio. abbia capacità di propagarsi sino a incidere, altro orientamento pur invalso sia presso la, non già in senso assoluto bensì relativo. ad alcuna ulteriore indagine al fine di, si che la vicinitas non rappresenta un, sentenza n secondo una prima tesi ai. e quindi anche alla sua natura e, nel senso che di per sé non, agire.