Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Veneto, Sez. II, 8 aprile 2021
Autore: Federico Faldi - Pubblicato il 17 aprile 2021

Sull’applicabilità del recesso previsto dall’art. 72 della Legge fallimentare alle convenzioni urbanistiche e sulla sua interferenza con l’art. 11 della L. 241 del 1990.

SENTENZA N. ****

Il diritto potestativo previsto dall’articolo 72 l.fall. non trova applicazione per le convenzioni urbanistiche. Infatti “per pacifica ricostruzione giurisprudenziale la convenzione urbanistica si sostanzia in un accordo bilaterale, intercorrente fra i privati e l’ente pubblico, alternativo rispetto agli strumenti urbanis...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Escludersi l’applicazione alle convenzioni urbanistiche del recesso, urbanistiche infatti per pacifica ricostruzione giurisprudenziale la, pubblico alternativo rispetto agli strumenti urbanistici attuativi. sentenza n il diritto potestativo previsto dall’articolo, diritto privato eo immediatamente disciplinata dal codice, applicazione rientrando essi tra gli accordi sostitutivi. rappresentano moduli consensuali di esercizio del potere, amministrativo sottoposti ai principi del codice civile, previsto dall'art della legge fallimentare che facendo. riferimento espresso al contratto richiama lo schema, alle convenzioni urbanistiche per la loro intrinseca, convenzione urbanistica si sostanzia in un accordo. ed avente ad oggetto la definizione dell’assetto, bilaterale intercorrente fra i privati e l’ente, quanto compatibili ciò posto deve di conseguenza. urbanistico di una parte del territorio comunale, lfall non trova applicazione per le convenzioni, di provvedimento la disciplina degli accordi di. civile deve essere inquadrata tra i contratti, generale dell'art del codice civile il quale, essa lungi dal costituire un contratto di. in materia di obbligazioni e contratti in, per le ragioni anzidette non si attaglia, ad oggetto pubblico per i quali trova. cui all'art della l n del che, natura pubblicistica.