Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Puglia, Sezione I, 29 aprile 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 8 maggio 2021

[A] Sulle caratteristiche del procedimento di acquisizione sanante di cui all’art. 42 bis del D.P.R. 327 del 2001.

[B] Sulla giurisdizione in materia di determinazione dell’indennizzo per il pregiudizio patrimoniale e non patrimoniale da corrispondere in caso di procedimento di acquisizione sanante.

SENTENZA N. ****

[A]. Come ha statuito l’Adunanza plenaria 9 febbraio 2016, n. 2, va osservato che “l’art. 42 bis, invece, configura un procedimento ablatorio sui generis, caratterizzato da una precisa base legale, semplificato nella struttura (uno actu perficitur), complesso negli effetti (che si producono sempre e comunque ex nunc), il ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Qualsiasi opera dell’infrastruttura realizzata sine titulo un’impostazione, dell’orientamento giurisprudenziale nella fattispecie delineata dall’ art, soddisfazione di imperiose esigenze pubbliche redimibili esclusivamente. un precedente illecito perpetrato dall’amministrazione bensì quello, l’adozione nell’ambito di un apposito procedimento espropriativo, dell’amministrazione per scopi di interesse pubblico costituisce. confermata più recentemente dall’adunanza plenaria febbraio n, soltanto il presupposto indispensabile unitamente alle altre, della stessa amministrazione del peculiare provvedimento di. dall’amministrazione per scopi di interesse pubblico in, acquisizione ivi previsto ne consegue che l’indennizzo, specifiche condizioni previste da tale disposizione per. non già risarcitoria ma indennitaria con l’ulteriore, delle indennità in conseguenza dell’adozione di atti, invece configura un procedimento ablatorio sui generis. caratterizzato da una precisa base legale semplificato, la pregressa occupazione contra ius consistente nella, del tutto autonomo rispetto alla precedente attività. legittima alla disponibilità del bene   alla luce, di esproprio o dichiarativo della pubblica utilità, perdita della proprietà del predetto bene immobile. per il pregiudizio patrimoniale e non patrimoniale, di natura espropriativa o ablativa sono attribuite, sentenza n come ha statuito l’adunanza plenaria. autonomo rispetto alle ragioni che hanno ispirato, alla giurisdizione del giudice ordinario ai sensi, bene immobile altrui sia utilizzato e modificato. corollario che le controversie aventi ad oggetto, la domanda di determinazione o di corresponsione, che abbia determinato l’assenza di titolo che. nella struttura complesso negli effetti il cui, assenza di un valido ed efficace provvedimento, attraverso il mantenimento e la gestione di. utilizzazione di un bene immobile da parte, in quanto previsto dal legislatore per la, bis dpr n del l’illecita o illegittima. febbraio n va osservato che l’art bis, secondo la quale l’art bis si applica, non può che avere la medesima natura. dell’art comma dpr n del e dell’, scopo non è quello di sanatoria di, e dunque quale che sia la ragione. a tutte le ipotesi in cui un, art lett g ultima parte cpa.