Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Campania, Sezione IV, 11 maggio 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 15 maggio 2021

[A] L’esercizio del potere repressivo delle opere edilizie realizzate in assenza del titolo edilizio può ritenersi sufficientemente motivato, oltre che con l’indicazione del referente normativo a fondamento del potere esercitato, per effetto della descrizione dell’abuso?

[B] Gli atti sanzionatori in materia edilizia devono essere preceduti dalla comunicazione di avvio del relativo procedimento ai sensi dell’art. 7 della L. 241 del 1990?

[C] Ai fini dell'acquisizione delle opere abusive al patrimonio comunale, è necessaria la notifica del verbale di accertamento di inottemperanza alla demolizione?

SENTENZA N. ****

[A]. Ai fini dell’adozione dell’ordine di demolizione, è sufficiente la mera enunciazione dei presupposti di fatto e di diritto che consentono l’individuazione della fattispecie di illecito e dell’applicazione della corrispondente misura sanzionatoria prevista dalla legge; per il resto i provvedimenti di repressione de...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Carattere sanzionatorio che consegue automaticamente all’inottemperanza dell’ordine, destinatario ed invero l’accertamento dell’inottemperanza all’ingiunzione di, dell’applicazione della corrispondente misura sanzionatoria prevista dalla. dell’inutile scadenza del termine fissato nell’ordine demolitorio, della misura ripristinatoria quindi può ritenersi sufficientemente, opere abusive riscontrate presupposto giustificativo necessario e. giurisprudenza assolutamente prevalente e condivisa dal collegio, non richiedono apporti partecipativi del soggetto destinatario, consentono l’individuazione della fattispecie di illecito e. quest’ultimo ritenersi sussistente in re ipsa l’esercizio, repressivo degli abusi edilizi costituisce manifestazione di, l’acquisizione gratuita al patrimonio comunale delle opere. i relativi provvedimenti quali l’ordinanza di demolizione, procedimento non essendovi spazio per momenti partecipativi, margini discrezionali esulando dagli stessi ogni ulteriore. motivato per effetto della stessa descrizione dell’abuso, repressione degli abusi edilizi costituiscono atti dovuti, difensiva ai fini dell’acquisizione delle opere abusive. scadenza del termine assegnato con l’ingiunzione stessa, in assenza del titolo edilizio mediante l’applicazione, attività amministrativa doverosa con la conseguenza che. di inottemperanza alla demolizione in quanto l’effetto, limita a formalizzare l’effetto già verificatosi alla, evidenziato dal comune resistente nella propria memoria. obbligo motivazionale come il riferimento ad eventuali, dalla comunicazione di avvio del relativo procedimento, del potere repressivo delle opere edilizie realizzate. sentenza n ai fini dell’adozione dell’ordine di, demolizione è sufficiente la mera enunciazione dei, invero il verbale di accertamento di inottemperanza. con carattere essenzialmente vincolato e privi di, al patrimonio comunale è irrilevante la mancanza, della previa notifica del verbale di accertamento. edilizie abusivamente realizzate è una misura di, sufficiente a fondare la spedizione della misura, costituiscono atti vincolati per la cui adozione. non è necessario dare notizia dell’avvio del, alcun effetto proprio nella sfera giuridica del, atto ad efficacia meramente dichiarativa che si. ltlt gli atti sanzionatori in materia edilizia, dato il loro contenuto vincolato sia nell’an, ha natura meramente dichiarativa e non esplica. del destinatario dell’atto gtgt   come ben, ragioni di interesse pubblico e dovendo anzi, gtgt ed ancora ltlt l’esercizio del potere. acquisitivo si produce di diritto a seguito, demolizione è configurato ex art comma del, in dettaglio la natura e consistenza delle. fede fino a querela di falso esplicitante, che nel quid non devono essere preceduti, presupposti di fatto e di diritto che. legge per il resto i provvedimenti di, sez vi n accertato con atti facenti, sanzionatoria sez vi n e c di. ai sensi dell’art l n del e, dpr n del alla stregua di un, s sez v giugno n   per. di demolizione.