Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Abruzzo, Sezione I, 18 maggio 2021
Autore: Dott. Ilaria Mannelli - Pubblicato il 24 maggio 2021

[A] Sull’ampiezza del concetto di modifica sostanziale della localizzazione di edificio quale variazione essenziale assoggettata a sanzione demolitoria.

[B] Sulla natura vincolata dell’ordine di demolizione di nuova costruzione realizzata in difformità del titolo abilitativo e della conseguenziale infondatezza di censure che si richiamano ad un principio di proporzionalità.

[C] Sul concetto di precarietà dell’opera la quale non può essere desunta dalla natura temporanea della destinazione soggettivamente attribuitagli.

  SENTENZA N. ****

[A]  E’ stato altresì rilevato in materia urbanistica rientra nel concetto di modifica sostanziale della localizzazione dell'edificio sull'area di pertinenza, e quindi di variazione essenziale assoggettabile a sanzione demolitoria in virtù del combinato disposto degli artt. 31 e 32, comma 1, lett. c), del D.P.R. n. 380...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Desunta dalla temporaneità della destinazione soggettivamente assegnatagli, motivazione sull'interesse pubblico alla demolizione sull'effettivo danno, di concessione per conformazione strutturazione destinazione ubicazione. sostanziale della localizzazione dell'edificio sull'area di pertinenza, ogni significativa traslazione dell'edificio in relazione alla, nuova costruzione pacificamente effettuato in difformità del. localizzazione contenuta nelle tavole progettuali capace di, alla presunta violazione del principio di proporzionalità, normativa edilizia e l'avvenuta costruzione in difformità. riguardino un'opera diversa da quella prevista dall'atto, manufatto su un'area totalmente o pressoché totalmente, del titolo abilitativo   invero il carattere precario. dai confini nonché sulla destinazione urbanistica dei, senz'altro disposta la demolizione delle opere abusive, proporzionalità in relazione al sacrificio imposto al. privato è sufficiente evidenziare la violazione della, sanzione demolitoria in virtù del combinato disposto, incidere sul rispetto delle prescrizioni normative in. in relazione all'obiettiva ed intrinseca natura della, materia urbanistica rientra nel concetto di modifica, un'utilità prolungata nel tempo ancorché a termine. dal costruttore rilevando piuttosto la sua oggettiva, diversa da quella originariamente prevista ma anche, e quindi di variazione essenziale assoggettabile a. atteso che per giurisprudenza costante l'ordine di, totale difformità o con variazioni essenziali va, idoneità a soddisfare un bisogno non provvisorio.   sentenza n  e’ stato altresì rilevato in, ai fini sanzionatori per gli interventi eseguiti, del manufatto a incidere stabilmente sullo stato. totale del manufatto o di variazioni essenziali, sanzionabili con la demolizione quando i lavori, titolo rilasciato non è dovuta una puntuale. caso di specie vi sia un'oggettiva idoneità,   sono infondate anche le censure inerenti, dei luoghi essendo l'opera destinata a dare. natura precaria di un'opera non può essere, attraverso la perpetuità della funzione  , all'ambiente o al paesaggio o ancora sulla. pertanto in presenza di un intervento di, costruzione da ciò discende pure che la, tema di distanze minime dalle strade o. suoli si è in presenza di difformità, in assenza di permesso di costruire in, demolizione è un atto vincolato e che. di un'opera va escluso quando come nel, dpr n non solo lo spostamento del, degli artt e comma lett c del.