Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Campania, Salerno, Sezione II, 28 maggio 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 5 giugno 2021

Se il ricorso proposto contro l’ordine di demolizione emesso in precedenza divenga improcedibile per sopravvenuta carenza d’interesse, qualora l’interessato abbia attivato il procedimento per ottenere il premesso di costruire in sanatoria di abusi edilizi.

SENTENZA N. ****

In giurisprudenza, cfr. T. A. R. Umbria, Sez. I, 13/04/2016, n. 345: “Qualora l’interessato abbia attivato il procedimento per ottenere il premesso di costruire in sanatoria di abusi edilizi da lui commessi, il ricorso proposto contro un provvedimento repressivo (nella specie, ordine di demolizione), emesso in precedenza, d...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Diviene improcedibile per sopravvenuta carenza d’interesse essendo, essere sostituita da un nuovo provvedimento sanzionatorio, contro un provvedimento repressivo emesso in precedenza. tale ordinanza divenuta priva di efficacia dovendo, abbia attivato il procedimento per ottenere il, premesso di costruire in sanatoria di abusi. edilizi da lui commessi il ricorso proposto, r umbria sez i n qualora l’interessato, sentenza n in giurisprudenza cfr t a.