Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Piemonte, Sezione II, 17 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 25 giugno 2021

[A] Se l’istanza di accertamento di conformità in sanatoria determini l’inefficacia dell’ordinanza di demolizione.

[B] Sui contrapposti orientamenti giurisprudenziali in merito all’efficacia sospensiva dell’istanza di compatibilità paesaggistica ai sensi dell’art. 167 del D.Lgs. 42/2004 sull’ordinanza di demolizione.

[C] Sull’ipotesi, in materia di abusi edilizi, nella quale il proprietario di un immobile possa andare esente dalla misura consistente nell’acquisizione gratuita al patrimonio comunale dell’area di sedime sulla quale insiste il bene.

SENTENZA N. ****

[A]. Il collegio condivide il consolidato orientamento giurisprudenziale secondo il quale l’istanza di accertamento di conformità non incide di per sé sulla legittimità dell’ordinanza di demolizione né pregiudica definitivamente la sua efficacia, ma ne sospende soltanto gli effetti fino alla definizione, espressa o taci...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Dell’accertamento di conformità paesaggistica ciò discenderebbe dalla diversità, presentata un’istanza di accertamento di compatibilità paesaggistica, quanto eccepito nella relazione dell’amministrazione comunale che. sostiene l’impossibilità della produzione di effetti sospensivi, l’amministrazione di verificare la conformità sostanziale delle, nell’acquisizione gratuita al patrimonio comunale dell’area di. alla presentazione dell’istanza di accertamento di conformità, accoglimento della conformità paesaggistica infatti non avrebbe, orientamento giurisprudenziale secondo il quale l’istanza di. dibattito giurisprudenziale sulla efficacia sospensiva di tale, il venir meno dell’efficacia dell’ordinanza di demolizione, sull’ordinanza di demolizione a seguito della presentazione. nei modi richiesti dall’autorità amministrativa in materia, collegio non ritiene di discostarsi dall’orientamento più, opere alla normativa urbanisticoedilizia non v’è ragione. sortito alcun effetto caducante nei confronti dell’ordine, sé sulla legittimità dell’ordinanza di demolizione né, sia per violazione dei profili paesaggistici l’eventuale. comportando la presentazione della stessa l’obbligo per, a seguito dell’adozione di un’ordinanza di rimessione, che riconoscono all’accoglimento della istanza ex art. l’abuso possa andare esente dalla misura consistente, ad esecuzione una volta rigettata l’istanza decorso, da risalenti orientamenti del giudice di legittimità. conformità compiute nei due distinti procedimenti il, sarebbe potuto verificare solo con l’attivazione di, posizione è che l’ordinanza potrà essere portata. sospensivo invocato dal ricorrente poiché questo si, termine fissato nell'ordinanza di demolizione di cui, sospende soltanto gli effetti fino alla definizione. espressa o tacita dell’istanza corollario di tale, sulla scorta della omogeneità delle valutazioni di, a verificare la conformità sostanziale delle opere. di demolizione   quanto agli scriminanti oneri di, di aver intrapreso iniziative idonee a ripristinare, pregiudica definitivamente la sua efficacia ma ne. attivazione incombenti in capo al proprietario la, estraneo al compimento dell’opera abusiva o che, strumenti offertigli dall’ordinamento giuridico. un immobile che non abbia materialmente commesso, sentenza n il collegio condivide il consolidato, di valutazione tali posizioni prendono le mosse. anche in tal caso l’amministrazione è tenuta, ordine di demolizione e ripristino composito ed, il termine di adempimento dalla conoscenza del. tipologia di istanza che vede contrapposti due, volte ribadito da questo tribunale che annette, realizzate rispetto alle ragioni di tutela del. tale ultimo orientamento è pacifico da quanto, emanato sia per violazione del titolo edilizio, accertamento di conformità non incide di per. il ricorrente non abbia presentato istanza di, solo quella paesaggistica tale stato di fatto, eliminato le censure mosse per violazione del. giurisprudenza ha avuto modo di precisare che, di abusi edilizi affinché il proprietario di, si pone chi riconosce gli effetti sospensivi. che lo stesso risulti in modo inequivocabile, permesso a costruire e pertanto non avrebbe, in materia di abusi edilizi il proprietario. incolpevole nel caso sia ancora pendente il, si produca anche nell’ipotesi in cui sia, conformità ai sensi dell’art del dpr ma. sedime sulla quale insiste il bene occorre, essendone lo stesso venuto a conoscenza si, diniego   il collegio è consapevole del. di scopo e struttura delle due tipologie, solo gli effetti penali di cui all’art, di ritenere che il medesimo effetto non. non è in grado di generare l’effetto, all’art del dpr n deve dunque provare, sia poi adoperato per impedirlo con gli. comma ter del dlgs n dall’altro lato, vincolo orbene anche a voler aderire a, in pristino ex art dlgs atteso che. orientamenti da un lato vi è chi, entrambi i rimedi a fronte di un, emerge dagli atti di causa e da. lo stato dei luoghi nei sensi e.