Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Sicilia, Sezione I, 13 settembre 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 18 settembre 2021

Se l’azione proposta dal privato (actio negatoria servitutis) avverso un ordine di ripristino del transito pubblico su strada vicinale rientri nella giurisdizione del G.O.

SENTENZA N. ****

La giurisprudenza amministrativa ha affermato che “qualora il Comune ordini il ripristino del transito pubblico su strada vicinale iscritta nell’apposito elenco, rileva il diritto della collettività ed il provvedimento del Comune costituisce atto di autotutela possessoria, mentre il ricorrente che contesta l’esistenza de...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Un’actio negatoria servitutis rientrante nella giurisdizione del, nell’apposito elenco rileva il diritto della collettività, sentenza n la giurisprudenza amministrativa ha affermato. contesta l’esistenza del suddetto diritto fa valere, di autotutela possessoria mentre il ricorrente che, del transito pubblico su strada vicinale iscritta. ed il provvedimento del comune costituisce atto, che qualora il comune ordini il ripristino, tribunale civile e non in quella del. giudice amministrativo.