Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Piemonte, Sezione II, 26 giugno 2015
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 1 ottobre 2021

Se le tolleranze costruttive entro il limite del 2 per cento previste dall’art. 34, comma 2 ter del D.P.R. 380/2001 (ora art. 34 bis del D.P.R. 380/2001) possano ritenersi applicabili anche in riferimento alle altezze minime dei locali abitativi stabilite dal D.M. 5 luglio 1975.

SENTENZA N. ****

Anche prima dell’introduzione del nuovo comma 2-ter dell’art. 34 del d.P.R. n. 380 del 2001 (avvenuta con il decreto-legge n. 70 del 2011, convertito in legge n. 106 del 2011), la giurisprudenza amministrativa aveva ritenuto che lievi scostamenti rispetto alle misurazioni previste in progetto, i quali si presentino plausibi...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Tecnica costruttiva utilizzata non possono considerarsi come, difformità rispetto al titolo edilizio rilasciato dovendosi, scostamenti rispetto alle misurazioni previste in progetto. la giurisprudenza amministrativa aveva ritenuto che lievi, sentenza n anche prima dell’introduzione del nuovo, i quali si presentino plausibili nell’ambito della. essi farsi rientrare nel margine di tollerabilità, realizzazione delle previsioni di progetto sia ai, consueto legato sia alla difficoltà di perfetta. limiti degli strumenti di misurazione, comma ter dell’art del dpr n del.