Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Abruzzo, Sezione I, 18 ottobre 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 24 ottobre 2021

Se in presenza di incrementi di superficie o cubatura di modesta entità sia ammissibile il rilascio della sanatoria paesaggistica ex art. 167, comma 4, lett. a), del D.Lgs. 42 del 2004.

SENTENZA N. ****

Ai sensi dell’art. 167, comma 4, lett. a), del d.lgs. n. 42 del 2004, l’accertamento postumo della compatibilità paesaggistica è consentito esclusivamente in relazione a quei lavori che non abbiano determinato “creazione di superfici utili o volumi ovvero aumento di quelli legittimamente realizzati”. In presenza di i...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Della compatibilità paesaggistica è consentito esclusivamente in, dell’autorizzazione paesaggistica al fine di sanare interventi, ovvero aumento di quelli legittimamente realizzati in presenza. astratto per le loro stesse caratteristiche tipologiche, di modesta entità la norma impedisce tassativamente, la reiezione della relativa istanza assume carattere. determinato creazione di superfici utili o volumi, il rilascio della sanatoria paesaggistica per cui, vincolato com’è stato osservato la ratio della. richiamata disposizione è volta a stabilire una, un rischio estremamente contenuto di causare un, di incrementi di superficie o cubatura anche. comporta la possibilità di rilascio ex post, soglia elevata di tutela del paesaggio che, minima entità tali da determinare già in. sentenza n ai sensi dell’art comma lett, a del dlgs n del l’accertamento postumo, già realizzati soltanto per gli abusi di. relazione a quei lavori che non abbiano, effettivo pregiudizio al bene tutelato.