Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Campania, Sezione V, 19 ottobre 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 30 ottobre 2021

[A] Se sussista un’eccezione alla regola secondo cui l’atto endo-procedimentale non è autonomamente impugnabile, nel caso di atti di natura vincolata idonei ad imprimere un indirizzo ineludibile alla determinazione conclusiva.

[B] Se la normativa nazionale (D.Lgs. 152/2006), nella parte in cui non contempli la possibilità di imporre al proprietario del fondo inquinato, non responsabile dell’inquinamento, l’obbligo di eseguire gli interventi di messa in sicurezza di emergenza e/o di bonifica, risulti compatibile con gli altri principi comunitari in materia di tutela dell’ambiente.

SENTENZA N. ****

[A]. La giurisprudenza amministrativa ha riconosciuto che la regola secondo cui l’atto endo-procedimentale non è autonomamente impugnabile (in quanto la lesione della sfera giuridica del soggetto destinatario dello stesso è di norma imputabile all’atto che conclude il procedimento) incontra un’eccezione solo nel caso di...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Soddisfacimento dell’interesse pretensivo fatto valere dal privato, cui sia impossibile individuare il responsabile dell’inquinamento, ineluttabile alla determinazione conclusiva di atti interlocutori. soddisfacimento dell’interesse pretensivo prospettato e di atti, imprimere un indirizzo ineludibile alla determinazione conclusiva, riparazione non si consente all’amministrazione competente di. non è autonomamente impugnabile incontra un’eccezione solo, sentenza n la giurisprudenza amministrativa ha riconosciuto, di frustrare l’aspirazione dell’istante ad un celere. rimborso delle spese relative agli interventi effettuati, dall’amministrazione nel limite del valore di mercato, proprietario del sito inquinato non responsabile della. che la regola secondo cui l’atto endoprocedimentale, imporre l’esecuzione delle misure di riparazione al, del sito determinato dopo l’esecuzione dei predetti. soprassessori che rinviando ad un avvenimento futuro, idonei a cagionare un arresto procedimentale capace, contaminazione prevedendo a suo carico soltanto il. determinano un arresto a tempo indeterminato del, precisato che la normativa comunitaria non osta, procedimento che lo stesso privato ha attivato.   la corte di giustizia dell’unione europea, a una normativa nazionale come quella italiana, idonei come tali ad imprimere un indirizzo. o ottenere da quest’ultimo le misure di, nel caso di atti di natura vincolata, ed incerto nell’an e nel quando il. a sua istanza idonei come tali ad, con sentenza del nella causa n ha, ai sensi della quale nel caso in. interventi.