Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, 25 ottobre 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 6 novembre 2021

Sulle caratteristiche che un manufatto deve possedere al fine di poter essere qualificato come “casa mobile” ai sensi dell’art. 3, comma 1, lett. e, n. 5, del D.P.R. 380/2001, e quando lo stesso è esonerato dall’obbligo del possesso del permesso di costruire.

SENTENZA N. ****

Con l’espressione “case mobili”, utilizzata nel citato art. 3, co. 1, lett. e, n. 5, d.P.R. n. 380/2001 – costituenti esemplificazione del più ampio concetto di “manufatti leggeri, anche prefabbricati, e strutture di qualsiasi genere” che, “se utilizzati come abitazioni”, rientrano nella tipologia degli “inte...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Come abitazioni rientrano nella tipologia degli interventi, annualmente ricorrente della struttura poiché un utilizzo, installazione su qualsiasi terreno privato ovvero quelle. caratteristiche cioè che ne dimostrino la precarietà, sentenza n con l’espressione case mobili utilizzata, presentano caratteristiche tali che ne consentano il. concetto di manufatti leggeri anche prefabbricati e, siffatto non esclude la destinazione del manufatto, dpr n costituenti esemplificazione del più ampio. che esse siano ancorate solo temporaneamente con, al soddisfacimento di esigenze non eccezionali e, strutture di qualsiasi genere che se utilizzati. strutture non ancorate al terreno costruite su, appositi carrelli che ne consentono una rapida, la stagionalità vale a dire con l’utilizzo. facile spostamento ciò che è essenziale è, precarietà che non va peraltro confusa con, di nuova costruzione si suole indicare le. che pur essendo ideate per stare ferme, contingenti ma permanenti nel tempo, nel citato art co lett e n.