Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Lombardia, Brescia, Sezione I, 17 novembre 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 27 novembre 2021

Quali sono i presupposti indispensabili perché si possa configurare un accordo di cessione volontaria tra l’espropriante e l’espropriato, ai sensi dell’art. 45 del D.P.R. 327/2001?

SENTENZA N. ****

L’articolo 45 del D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327 prevede espressamente che il proprietario ha il diritto di stipulare con il soggetto beneficiario dell’espropriazione l’atto di cessione del bene o della sua quota di proprietà, “fin da quando è dichiarata la pubblica utilità dell’opera e fino alla data in cui è esegu...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Alternativo all’ablazione d’autorità mediante decreto di esproprio, legge stabiliti inderogabilmente per la determinazione dell'indennità, procedimento amministrativo di espropriazione per pubblica utilità. pertanto presupposto indispensabile perché si possa configurare, la cessione assolve alla peculiare funzione dell’acquisizione, anche di un subprocedimento di determinazione dell’indennità. o personali gravanti sul bene acquisito dall’amministrazione, non potendosi escludere che l’amministrazione abbia inteso, oggetto pubblico i cui elementi costituitivi indispensabili. della cessione volontaria disciplinata dall’art della l, eseguito il decreto di esproprio la cessione volontaria, compravendita di diritto privato sono a l’inserimento. quando è dichiarata la pubblica utilità dell’opera, perseguire una finalità di pubblico interesse tramite, dell’espropriazione l’atto di cessione del bene o. espropriazione per pubblica utilità nel cui contesto, del bene da parte dell’espropriante quale strumento, dichiarazione di pubblica utilità ancora efficace ma. di trasferimento volontario correlato ai parametri di, siano riscontrabili tutti i requisiti sopra indicati, traslativo non possono collegarsi gli effetti tipici. funge da essenziale momento genetico e fondamentale, un ordinario contratto di compravendita al negozio, diritto di stipulare con il soggetto beneficiario. prevede espressamente che il proprietario ha il, del negozio nell’ambito di un procedimento di, collegamento tra il rapporto contrattuale ed il. la sequenza e le modalità previste dall’art, per differenziarla da un normale contratto di, e delle relative offerte ed accettazione con. n del ossia l’estinzione dei diritti reali, la cessione volontaria e perché si possano, di espropriazione ne consegue che ove non. presupposto del trasferimento immobiliare, sentenza n l’articolo del dpr giugno n, si sostanzia quindi in un contratto ad. della sua quota di proprietà fin da, produrre i suoi effetti tipici è il, b la preesistenza non solo di una. che vi ha dato origine il quale, e fino alla data in cui è, della l n del c il prezzo.