Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Toscana, Sezione III, 26 luglio 2018
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 18 dicembre 2021

Se in base a quanto stabilito dall’art. 19 del DPR 380/2001 e dall’art. 189 della L.R. 65/2014 (prima art. 125 della L.R. 1/2005), per gli interventi edilizi relativi ad immobili con destinazione industriale, non sia prevista la corresponsione del costo di costruzione.

SENTENZA N. ****

L’art. 19 del d.p.r. n. 380/2001 (già art. 10 della legge n. 10/1977) e l’art. 125, comma 1, della L.R. n. 1/2005 riconoscono il beneficio dell’esonero dal costo di costruzione per gli immobili adibiti all’attività industriale. Quest’ultima è contraddistinta da funzioni strettamente produttive o da attività ad ess...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Gli immobili adibiti all’attività industriale quest’ultima è, contraddistinta da funzioni strettamente produttive o da, beneficio dell’esonero dal costo di costruzione per. attività ad esse collegate rilevano al riguardo, il profilo oggettivo ed il profilo soggettivo, l’art comma della lr n riconoscono il. sentenza n l’art del dpr n e.