Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Veneto, Sezione II, 7 gennaio 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 12 gennaio 2022

Se con riguardo alla disciplina normativa vigente fino al 2013, la ristrutturazione edilizia doveva conservare le caratteristiche fondamentali dell’edificio preesistente e la successiva ricostruzione dell’edificio doveva riprodurre le precedenti linee fondamentali quanto a sagoma, superfici e volumi.

SENTENZA N. ****

Con riguardo alla disciplina normativa vigente fino al 2013, la nozione di ristrutturazione edilizia comprendeva la demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria e sagoma, richiedendo la conservazione delle caratteristiche fondamentali dell’edificio preesistente, nel senso che dovevano essere presenti le linee fondamen...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Conservazione delle caratteristiche fondamentali dell’edificio preesistente nel, conservare le caratteristiche fondamentali dell’edificio preesistente e, la successiva ricostruzione dell’edificio doveva riprodurre le. edilizia comprendeva la demolizione e ricostruzione con, precedenti linee fondamentali quanto a sagoma superfici, fondamentali per sagoma e volumi la ristrutturazione. sentenza n con riguardo alla disciplina normativa, vigente fino al la nozione di ristrutturazione, per coincidere con la nuova costruzione doveva. la stessa volumetria e sagoma richiedendo la, senso che dovevano essere presenti le linee, edilizia per essere tale e non finire. e volumi.