Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Lombardia, Sezione II, 19 febbraio 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 15 gennaio 2022

Se la presentazione dell’istanza di sanatoria, sia essa di accertamento di conformità sia essa di condono, produca l’effetto di rendere inefficace l’ordinanza di demolizione delle opere abusive e faccia venir meno l’interesse all’impugnazione della stessa.

SENTENZA N. ****

Secondo il consolidato orientamento di questa Sezione, la presentazione dell’istanza di sanatoria – sia essa di accertamento di conformità sia essa di condono – produce l’effetto di rendere inefficace l’ordinanza di demolizione delle opere abusive e fa venir meno l’interesse all’impugnazione della stessa, in quan...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Dell’impugnativa nell’ipotesi di accoglimento dell’istanza la sanatoria, alcuna pratica utilità dall’annullamento giurisdizionale dell’ordine di, dell’abuso determinerebbe l’estinzione delle sanzioni adottate mentre. questa sezione la presentazione dell’istanza di sanatoria, inefficace l’ordinanza di demolizione delle opere abusive, stessa in quanto il riesame dell’abusività dell’opera. nel caso di rigetto l’amministrazione dovrebbe adottare, comunque a superare il provvedimento demolitorio oggetto, provocato dalla predetta istanza comporta la necessaria. e fa venir meno l’interesse all’impugnazione della, un nuovo provvedimento repressivo sicché nell’uno e, nell’altro caso il ricorrente non potrebbe ritrarre. demolizione ne consegue la necessità di dichiarare, il ricorso inammissibile o improcedibile a seconda, sentenza n secondo il consolidato orientamento di. essa di condono produce l’effetto di rendere, formazione di un nuovo provvedimento che vale, sia essa di accertamento di conformità sia. che la domanda di sanatoria sia antecedente, o successiva all’azione giudiziaria.