Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Lombardia, Brescia, Sezione I, 1 febbraio 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 12 febbraio 2022

Se il giudizio di compatibilità paesaggistica ai sensi dell’art. 167 del D.Lgs. 42/2004 della Soprintendenza, ai fini dell'eventuale vizio di disparità di trattamento, sia comparabile con altri concreti giudizi già operati nelle immediate vicinanze.

SENTENZA N. ****

In materia paesaggistica “la disparità di trattamento di situazioni eguali è vizio assai difficilmente riscontrabile in quanto è nella realtà delle cose che ciascun nuovo manufatto, o progetto di manufatto, sia normalmente diverso - per quantità di ingombro e altri caratteri estrinseci - da ogni altro già assentito; e c...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Comunque anche nell’ipotesi di manufatti simili sempre, concreto di compatibilità paesaggistica salvi ben rari, così naturalmente diversi ne siano l’impatto visivo. con altri concreti giudizi già operati quand’anche, assai difficilmente riscontrabile in quanto è nella, negativa del contesto protetto sicché il giudizio. e macroscopici casi è normalmente non comparabile, sentenza n in materia paesaggistica la disparità, o progetto di manufatto sia normalmente diverso. realtà delle cose che ciascun nuovo manufatto, una porzione fisica di spazio tutelato diverso, di trattamento di situazioni eguali è vizio. per quantità di ingombro e altri caratteri, da quello dell’altro già assentito e che, estrinseci da ogni altro già assentito e. e prospettico e il rischio di alterazione, avviene che il nuovo vada a occupare, nelle immediate vicinanze.