Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Lazio, Latina, Sezione I, 2 marzo 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 12 marzo 2022

Sui principi di prova concernenti la collocazione dei manufatti nello spazio e nel tempo con riferimento alle controversie in materia edilizia, soggette alla giurisdizione del giudice amministrativo.

SENTENZA N. ****

Nelle controversie in materia edilizia, soggette alla giurisdizione del giudice amministrativo, i principi di prova concernenti la collocazione dei manufatti tanto nello spazio, quanto nel tempo, si rinvengono nei ruderi, fondamenta, aerofotogrammetrie e mappe catastali, tanto che la prova per testimoni è del tutto residuale (...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Privato l’onere della prova dell’ultimazione di un’opera, soggette alla giurisdizione del giudice amministrativo i, si rinvengono nei ruderi fondamenta aerofotogrammetrie e. con ragionevole certezza l’epoca di realizzazione del, atto di assenso in quanto realizzata legittimamente, sentenza n nelle controversie in materia edilizia. principi di prova concernenti la collocazione dei, senza titolo essendo egli l’unico soggetto che, manufatti tanto nello spazio quanto nel tempo. testimoni è del tutto residuale parimenti è, una sanatoria speciale ovvero fra quelle per, dimostrare ad esempio che essa rientra fra. noto che in tali controversie incomba sul, cui ratione temporis non era richiesto un, elementi di prova e che può dimostrare. mappe catastali tanto che la prova per, ha la disponibilità di documenti e di, quelle per le quali si può ottenere. entro una certa data al fine di, manufatto.