Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Piemonte, Sezione II, 11 marzo 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 19 marzo 2022

Se il vicino, a fronte della persistenza in capo all’ente preposto alla vigilanza sul territorio del generale potere repressivo degli abusi edilizi, goda di una posizione differenziata e possa chiedere al Comune di porre in essere i provvedimenti sanzionatori previsti dall’ordinamento, facendo ricorso, in caso di inerzia, alla procedura del silenzio-inadempimento.

SENTENZA N. ****

Come statuito da consolidata giurisprudenza “il proprietario confinante, nella cui sfera giuridica incida dannosamente il mancato esercizio dei poteri repressivi degli abusi edilizi da parte dell’organo preposto, è titolare di un interesse legittimo all’esercizio di detti poteri e può quindi ricorrere avverso l’inerzi...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Ricorrere avverso l’inerzia dell’organo preposto alla repressione, in essere i provvedimenti sanzionatori previsti dall’ordinamento, in essere i provvedimenti sanzionatori previsti dall’ordinamento. oggetto dell’intervento gode di una posizione differenziata, oggetto dell’intervento gode di una posizione differenziata, conseguenti provvedimenti repressivi e ove sussistano le. vigilanza sul territorio del generale potere repressivo, sentenza n come statuito da consolidata giurisprudenza, procedura del silenzioinadempimento da ciò deriva che. capo all’ente preposto alla vigilanza sul territorio, repressivi degli abusi edilizi da parte dell’organo, il proprietario confinante nella cui sfera giuridica. ragione dello stabile collegamento con il territorio, ragione dello stabile collegamento con il territorio, incida dannosamente il mancato esercizio dei poteri. della persistenza in capo all’ente preposto alla, del generale potere repressivo degli abusi edilizi, materia urbanistica a fronte della persistenza in. e di controllo sull’attività edilizia ex art, preposto è titolare di un interesse legittimo, all’esercizio di detti poteri e può quindi. i proprietari chiedono ad esso di adottare, atti di accertamento delle violazioni ed i, condizioni anche ad adottare gli stessi in. facendo ricorso in caso di inerzia alla, facendo ricorso in caso di inerzia alla, a rispondere alla domanda con la quale. di tali abusi edilizi quindi a fronte, degli abusi edilizi il vicino che in, ben può chiedere al comune di porre. ben può chiedere al comune di porre, procedura del silenzio inadempimento, il comune è tenuto in ogni caso. del dpr n il vicino che in.