Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Puglia, Lecce, Sezione I, 5 aprile 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 16 aprile 2022

Ai fini della tutela vincolistica su beni archeologici, l’effettiva esistenza delle cose da tutelare può essere dimostrata anche per presunzione?

SENTENZA N. ****

Il Consiglio di Stato ha più volte ribadito che “ai fini della tutela vincolistica su beni archeologici, l’effettiva esistenza delle cose da tutelare può essere dimostrata anche per presunzione e che è ininfluente che i materiali oggetto di tutela siano stati portati alla luce o siano ancora interrati, essendo sufficient...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Tutela vincolistica su beni archeologici l’effettiva esistenza, interrati essendo sufficiente che il complesso risulti, adeguatamente definito e che il vincolo archeologico. appaia adeguato alla finalità di pubblico interesse, delle cose da tutelare può essere dimostrata, anche per presunzione e che è ininfluente. che i materiali oggetto di tutela siano, stati portati alla luce o siano ancora, più volte ribadito che ai fini della. sentenza n il consiglio di stato ha, al quale è preordinato.