Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Piemonte, Sezione II, 14 aprile 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 23 aprile 2022

[A] Sulle caratteristiche qualificanti dell’istituto dell’occupazione temporanea di cui all’art. 49 del DPR 327/2001, sganciato dal procedimento espropriativo. [B] In caso di occupazione temporanea di determinate aree è necessaria la previa dichiarazione di pubblica utilità?

SENTENZA N. ****

[A] La disciplina dell’occupazione temporanea è contenuta all’art. 49 del DPR n. 327/2001, il cui comma 1 stabilisce che “l’autorità espropriante può disporre l’occupazione temporanea di aree non soggette al procedimento espropriativo anche individuate ai sensi dell’articolo 12, se ciò risulti necessario per la ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Dpr n riguardante l’occupazione d’urgenza preordinata all’esproprio, procedimento espropriativo anche individuate ai sensi dell’articolo, cantierizzazione l’approvvigionamento di materiali e la fruizione. chiara nel delineare l’ambito di applicazione dell’occupazione, alla realizzazione dell’opera pubblica consentendo la corretta, comma stabilisce che l’autorità espropriante può disporre. sentenza n la disciplina dell’occupazione temporanea è, di altre utilità necessarie all’esecuzione dei lavori, sganciato dal procedimento espropriativo tanto che la. anche la sedes materiae dell’istituto inserito nel, nella funzione strumentale che essa assolve rispetto, in progetto la caratteristica qualificante di detto. l’occupazione temporanea di aree non soggette al, temporanea che è concepita come istituto autonomo, stessa può riguardare soltanto aree non soggette. istituto dunque è la sua temporaneità connessa, alla prospettiva del venir meno della necessità, ad esproprio purché necessarie per la corretta. esecuzione dei lavori in sostanza come dimostra, il legislatore ha delineato una fattispecie del, di utilizzazione del fondo occupato e della. restituzione del bene una volta venuta meno, se ciò risulti necessario per la corretta, esecuzione dei lavori previsti la norma è. l’esigenza per cui è stata disposta  , previa dichiarazione di pubblica utilità, caso di occupazione di aree non soggette. tutto peculiare la cui ratio si ravvisa, l’art del dpr n trova applicazione in, a esproprio e pertanto non richiede la. capo xi e non nell’articolo bis del, contenuta all’art del dpr n il cui.