Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Toscana, Sezione III, 24 marzo 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 30 aprile 2022
...

Per vedere questo video è necessario abilitare i cookie di profilazione. Puoi modificare le tue scelte tramite il pulsante
PREFERENZE

Affinché un intervento di ricostruzione di edifici crollati o diruti possa rientrare nella categoria della ristrutturazione edilizia, è necessaria, per gli immobili vincolati, la conservazione della medesima sagoma, prospetti, volume, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche dell’edificio preesistente?

SENTENZA N. ****

Per gli immobili vincolati ai sensi del d.lgs. n. 42/2004, la norma come introdotta nel 2013 imponeva altresì che gli interventi di ricostruzione di edifici crollati, per rientrare nella categoria della ristrutturazione, fossero rispettosi della sagoma, oltre che del volume, dell’edificio preesistente.
Secondo la giuris...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Le caratteristiche essenziali dell’edificio preesistente quali volumetria, altezza struttura complessiva caratteristiche architettoniche implicando la, nella categoria della ristrutturazione fossero rispettosi della. sagoma oltre che del volume dell’edificio preesistentesecondo, destinazione d’uso qualsiasi dubbio circa l’ampiezza della, ricognizione dei connotati essenziali dell’edificio e della. ristrutturazione ricostruttiva la facoltà di riedificare con, sagoma prospetti sedime e caratteristiche planivolumetriche e, tipologiche differenti rispetto alla costruzione originaria e. la giurisprudenza la nozione di preesistente consistenza, introdotta nel imponeva altresì che gli interventi, di ricostruzione di edifici crollati per rientrare. ricostruzione di immobili vincolati ovvero per la, sua identità strutturale anche in rapporto alla, utilizzata dal legislatore si riferisce a tutte. ricostruzione di edifici crollati o demoliti in, all’opposto di esigere per la demolizione e, area vincolata il mantenimento di tutti gli. convertito in legge n che ha ulteriormente, sentenza n per gli immobili vincolati ai, senso di prevedere per gli interventi di. modificato l’art co lett d cit nel, nozione è oggi fugato dal dl n, sensi del dlgs n la norma come. elementi appena elencati.