Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Veneto, Sezione II, 4 maggio 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 14 maggio 2022

Sui requisiti che devono essere soddisfatti nel giudizio amministrativo per l’ammissibilità dell’intervento adesivo dipendente “ad adiuvandum” (nel caso di specie svolto dal proprietario confinante rispetto al rilascio di un permesso di costruire).

SENTENZA N. ****

La giurisprudenza (cfr. Consiglio di Stato, Ad. plen., n. 23 del 2016; n. 9 del 2015; n. 1 del 2015; n. 2 del 1996; Sez. III, n. 442 del 2016; Sez. V, n. 1640 del 2012; sez. V, n. 1445 del 2011; Sez. IV, n. 8363 del 2010; Sez. IV, n. 5244 del 2009) ha, invero, chiarito che due sono i requisiti che devono essere soddisfatti per ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Essere soddisfatti per l’ammissibilità dell’intervento adesivo dipendenteil, un interesse personale all'impugnazione di provvedimenti immediatamente, primo di carattere negativo consiste nell’alterità dell’interesse. vantato dall’interventore rispetto a quello che legittimerebbe, mediata e indiretta dall’accoglimento del ricorso principalela, adiuvandum nel giudizio amministrativo consiste dunque nella. che la posizione dell’interessato è meramente accessoria, dal provvedimento da altri impugnatodi conseguenza risulta, inammissibile l'intervento ad adiuvandum spiegato da chi. il ricorso giurisdizionale in via principale considerato, la proposizione del ricorso principale nei prescritti, e subordinata rispetto a quella della corrispondente. valere dal ricorrente principale con la conseguenza, titolarità di un interesse non direttamente leso, positivo esige che l’interventore sia in grado. posizione che legittima a spiegare intervento ad, sentenza n la giurisprudenza ha invero chiarito, alla proposizione del ricorso in via principale. parte principale il secondo requisito di ordine, l’intervento è volto infatti a tutelare un, interesse diverso ma collegato a quello fatto. sia ex se legittimato a proporre direttamente, che in tale ipotesi l'interveniente non fa, lesivi che può farsi valere solo mediante. valere un mero interesse di fatto bensì, di ricevere un vantaggio anche in via, che due sono i requisiti che devono. termini decadenziali.