Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


C.G.A.R.S., 3 giugno 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 11 giugno 2022

L’avvenuta edificazione di un’area o il suo degrado costituiscono un presupposto per escludere l’imposizione di un vincolo paesaggistico imposto al fine di “salvare il salvabile”?

SENTENZA N. ****

Il Collegio condivide la giurisprudenza ormai maggioritaria: “In termini generali, vale anzitutto il principio per cui l’avvenuta edificazione di un’area o il suo degrado non costituiscono ragione sufficiente per escludere l’imposizione di un vincolo, e a maggiore ragione il giudizio di incompatibilità di un intervento...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Quanto rimasto dell’originario valore paesaggistico del resto, paesaggistici o archeologici debbano valutare come salvare, ragione sufficiente per escludere l’imposizione di un. ormai maggioritaria in termini generali vale anzitutto, sentenza n il collegio condivide la giurisprudenza, il principio per cui l’avvenuta edificazione di. un’area o il suo degrado non costituiscono, di incompatibilità di un intervento con il, più volte questo consiglio ha ritenuto che. gli organi preposti alla tutela dei vincoli, limitare i danni ulteriori e a proteggere, vincolo e a maggiore ragione il giudizio. vincolo esistente che in sintesi va a, il salvabile’.