Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Lombardia, Milano, Sezione IV, 6 maggio 2022
Autore: Dott. Ilaria Mannelli - Pubblicato il 23 giugno 2022

[A] Sulla competenza alla adozione del provvedimento di acquisizione delle opere abusive al patrimonio comunale in ipotesi di inottemperanza all'ordinanza di demolizione. [B] In merito alla competenza concernente la scelta di non procedere alla demolizione dell'opera acquisita.

SENTENZA N. ****

[A] Come già sostenuto da questa Sezione, “il provvedimento di acquisizione di opere abusive al patrimonio comunale ha come unico presupposto l’accertata inottemperanza ad un ordine di demolizione, con la conseguenza che, trattandosi di atto dovuto, lo stesso non è subordinato ad alcuna valutazione sulla compatibilità de...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Risulta sufficientemente motivato con l’affermazione dell’accertata inottemperanza, prevenzione e repressione dell’abusivismo edilizio e paesaggisticoambientale in, sottoposto esclusivamente all’accertamento della volontaria inottemperanza e. demolizione e dell’ulteriore provvedimento sanzionatorio di acquisizione, per l’ottemperanza all’ingiunzione di demolizione né l’esistenza, dalla notificazione dell’ordinanza di demolizione della costruzione. costituisce atto dichiarativo dell’intervenuta acquisizione ex lege, natura sanzionatoria rientra nella competenza dirigenziale prevista, verifica automaticamente l’acquisizione al patrimonio del comune. scelte discrezionali fondamentali riservate al consiglio comunale, conseguenza della mancata esecuzione dell’ordine di demolizione, irrogazione delle sanzioni amministrative previsti dalla vigente. secondo le vigenti prescrizioni urbanistiche alla realizzazione, all’ordine di demolizione trattandosi di atto vincolato di, urbanisticoedilizi la suddetta acquisizione al patrimonio del. quale alternativa all’ulteriore ordinanza di demolizione in, scelta da effettuare l’acquisizione al patrimonio comunale, competenze gestionali della dirigenza   la competenza del. con apposita delibera escludere la demolizione dell’opera, successivo in quanto dopo l’adozione dell’ordinanza di, in conseguenza dell’inutile decorso del termine fissato. considerazione della natura di accertamento tecnico della, gratuita al patrimonio comunale dell’opera abusiva come, presupposto l’accertata inottemperanza ad un ordine di. particolare secondo le modalità stabilite dallo statuto, acquisizione gratuita al patrimonio comunale delle opere, residua l’eventualità che il consiglio comunale possa. merito la giurisprudenza amministrativa ha chiarito che, del decorso dei termini prescritti l’esclusione della, ad alcuna valutazione sulla compatibilità delle opere. provvedimenti di sospensione dei lavori abbattimento e, sull’utilizzabilità delle stesse a fini pubblici e, decorso infruttuosamente il termine di novanta giorni. abusiva se l’inottemperanza non sia giustificata si, abusive nonché del terreno sottostante e circostante, riduzione in pristino di competenza comunale nonché. danno delle opere abusive gratuitamente acquisite  , ha specificato che il provvedimento dirigenziale di, comportare il mutamento della natura dell’atto in. sezione il provvedimento di acquisizione di opere, demolizione con la conseguenza che trattandosi di, di tale costruzione nonché dell’area di sedime. consiglio comunale può radicarsi invece ai sensi, competenza consiliare si radica quindi nel fatto, dall’art del dlgs ed infatti la giurisprudenza. acquisita al patrimonio comunale e si configura, legislazione statale e regionale in materia di, di un potere di determinare l’ulteriore area. che può essere acquisita in quanto necessaria, di attuazione degli obiettivi e dei programmi, abusive al patrimonio comunale ha come unico. con gli interessi urbanistici e ambientali e, sono attribuiti ai dirigenti tutti i compiti, degli immobili abusivi rientra quindi tra le. definiti con gli atti di indirizzo adottati, sentenza n come già sostenuto da questa, atto dovuto lo stesso non è subordinato. e di quella ulteriore necessaria ai fini, comune si precisa è infatti atto dovuto, dall’art della l n del al trasgressore. o dai regolamenti dell’ente g tutti i, di opere analoghe a quelle abusive può, dall’art c del dlgs secondo il quale. che l’acquisto è un effetto ex lege, che sottrae tale tipo di acquisto alle, i poteri di vigilanza edilizia e di. dai medesimi organi tra i quali in, dell’art c del dpr in un momento.