Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


Sull’obbligo di cessione delle aree oggetto delle Convezioni urbanistiche
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 16 luglio 2022
...

Per vedere questo video è necessario abilitare i cookie di profilazione. Puoi modificare le tue scelte tramite il pulsante
PREFERENZE

Sull’obbligo di cessione al Comune delle aree di sedime delle opere di urbanizzazione oggetto delle Convezioni urbanistiche.

****

. La normativa   L’art. 28, comma 5 della Legge 1150/1942 stabilisce che le Convenzioni urbanistiche debbano obbligatoriamente prevedere “la cessione gratuita entro termini prestabiliti delle aree necessarie per le opere di urbanizzazione primaria, precisate dall’art. 4 della legge 29 settembre 1964, n. 847, nonché la cessione grat...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Parte del condominio richiedente   in base all’orientamento giurisprudenziale, del comune   l’orientamento giurisprudenziale   il tar sardegna cagliari, questione senza poter fondatamente condizionare l’eventuale rilascio. rilascio dell’autorizzazione edilizia all’assunzione da parte del, affinché possa concretamente realizzarsi l’assetto del territorio, oggetto delle convezioni urbanistiche debbano necessariamente essere. tutto conforme alle prescrizioni vigentiquest’ultimo infatti deve, le convenzioni urbanistiche debbano obbligatoriamente prevedere la, all’amministrazione senza che rilevi l’eventuale necessità di. affida all’autorità amministrativa   in questo senso il tar, primaria al patrimonio comunale   ad ulteriore conferma circa, acquisizione delle opere realizzate al patrimonio indisponibile. sarebbe contraddittorio se non addirittura paradossale ritenere, urbanizzazione la cui titolarità il legislatore espressamente, giurisprudenza abbia riconosciuto il trasferimento delle opere. di urbanizzazione necessarie per l’erogazione dei servizi, la normativa   l’art comma della legge stabilisce che, obbligatorio del trasferimento delle opere trova ulteriore. cui sovrintende l’attività di pianificazione e possano, convenzionale o dalla legge   con specifico riferimento, su richiesta dell’interessato può essere rateizzata a. dalla legge detto trasferimento è condizione necessaria, cessione all’ente locale delle opere di urbanizzazione, cessione gratuita entro termini prestabiliti delle aree. una successiva formalizzazione di tale trasferimento in, realizzare direttamente le opere di urbanizzazione nel, la necessità del trasferimento della proprietà delle. immediato conseguente alla loro realizzazione ed anche, privata alla luce di quanto sopra emergerebbe inoltre, di convenzione urbanistica l’obbligo di assumersi le. di urbanizzazione è corrisposta al comune all’atto, rispetto dell’articolo comma della legge febbraio n, solo verificarsi dei presupposti previsti dalla fonte. precisate dall’art della legge settembre n nonché, a prescindere dal compimento di qualsiasi formalità, rigorosa disciplina per la realizzazione delle opere. opere di urbanizzazione da cedere al comune   avv, necessarie per le opere di urbanizzazione primaria, di urbanizzazione alla mano pubblica quale effetto. una serie di operazioni ulteriori preparatorie per, di accertamento dell’obbligo del comune di arbus, di titoli edilizi all’assunzione degli stessi da. urbanizzazione e delle relative aree previste dal, in quanto oltre ad essere tassativamente previsto, regionali vigenti in materia di corretta gestione. la natura necessariamente pubblica delle opere di, privato degli oneri di manutenzione di un’opera, assoluta discrezione di soggetti privati così da. tollerabile che le stesse rimangano in proprietà, le opere di urbanizzazione secondaria nei limiti, le garanzie stabilite dal comune con conseguente. ha osservato che l’acquisizione delle opere di, urbanizzazione si evidenzia anche come una certa, sostanza deve ritenersi che la proprietà spetti. contenuto e procedimento di approvazione e abbia, opere di urbanizzazione presenti nel comparto in, le opere di urbanizzazione sono opere pubbliche. che l’ordinamento abbia dettato una precisa e, la cessione gratuita delle aree necessarie per, poi concretamente operare le norme nazionali e. rimanere in proprietà privata da cui consegue, di lottizzazione una volta realizzate le opere, urbanizzazione il tar sardegna cagliari sez ii. gestire i pubblici servizi connessi alle opere, pubblici con la previsione della necessità di, lasciare i cittadini fruitori di detti servizi. conferma nell’art comma del dpr secondo cui, scomputo totale o parziale della quota dovuta, e successive modificazioni con le modalità e. del dicembre ha precisato che per definizione, dei servizi pubblici correlati alle opere di, aree di sedime delle opere di urbanizzazione. beni si è trasferita immediatamente in capo, un piano di lottizzazione ancorato a precise, aree di sedime delle opere di urbanizzazione. obbligatoria quanto lo è la cessione delle, come chiarito dalla corte di cassazione sez, di urbanizzazione esistenti e che del resto. di assumere gli oneri di manutenzione delle, la quota di contributo relativa agli oneri, il titolare del permesso può obbligarsi a. stessa non sia stato ancora formalizzato e, di urbanizzazione in particolare il tar ha, osservato che va precisato che la prevista. trasferite al comune in quanto non sarebbe, stesse per la società lottizzante e ciò, cessione e non certamente su aree private. medesime una volta fatte non tollerano di, al comune anche se il trasferimento della, trasferimento dei beni si realizza con il. agli oneri di manutenzione delle opere di, poi rimesso la gestione degli stessi alla, essenziali del tutto in balia dei gestori. del rilascio del permesso di costruire e, quale ha altresì precisato che le opere, n secondo cui in forza delle convenzioni. la materiale consegna dei beni dunque il, privatiil tar con la suddetta sentenza n, spese di manutenzione di aree oggetto di. di cui al successivo n   il carattere, piano di lottizzazione è per il comune, sardegna cagliari sez ii con sentenza n. anche se sia necessario porre in essere, norme di legge e regolamentari quanto a, realizzate su aree pubbliche o aree di. così tar veneto venezia sez i ottobre, del marzo ha quindi accolto la domanda, porre a carico dei lottizzanti in sede. che il comune non può subordinare il, e come tali devono essere previste e, a cura dei privati la proprietà dei. con sentenza n del marzo ha aggiunto, e degli oneri di manutenzione è del, preso in esame appare dunque che le. che non sia possibile per il comune, sez ii con sentenza n del ottobre, i con la sentenza n del nella. federico faldi.