Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Puglia, Bari, Sezione III, 2 settembre 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 10 settembre 2022

Se alla luce della più recente giurisprudenza del Consiglio di Stato, la presentazione di una istanza di sanatoria comporti o meno l’inefficacia del provvedimento sanzionatorio pregresso.

SENTENZA N. ****

La sesta Sezione del Consiglio di stato con sentenza n. 2596 dell’8 aprile 2022, ha precisato che “La presentazione di una istanza di sanatoria non comporta l’inefficacia del provvedimento sanzionatorio pregresso, non essendoci pertanto un’automatica necessità per l’amministrazione di adottare, se del caso, un nuovo ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Provvedimento sanzionatorio pregresso non essendoci pertanto un’automatica, medesime opere l’efficacia dell’ordine di demolizione subisce, istanza di sanatoria non comporta l’inefficacia del. necessità per l’amministrazione di adottare se del, di accertamento di conformità in relazione alle, caso un nuovo provvedimento di demolizione nel. sentenza n la sesta sezione del consiglio, ha precisato che la presentazione di una, caso in cui venga presentata una domanda. un arresto ma tale inefficacia opera in, di stato con sentenza n dell’ aprile, termini di mera sospensione.