Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Sicilia, Catania, Sezione II, 9 settembre 2022
Autore: Dott. Ilaria Mannelli - Pubblicato il 22 settembre 2022

[A] Sulla qualificazione giuridica della indennità pecuniaria prevista dall'art. 167, comma 5 del D.lgs. 42/2004. [B] Su dies a quo dal quale decorre il termine di prescrizione della indennità ex art. 167 del D.lgs. 42/2004  in ipotesi in cui la richiesta di compatibilità paesaggistica postuma si inserisca nell'ambito di una procedura di sanatoria.

SENTENZA N. ****

[A] Preliminarmente va osservato come la qualificazione giuridica dell’indennità risarcitoria un tempo prevista dall’art. 15 della legge 29 giugno 1939 n. 1497 (ai fini della cui applicazione nella Regione Siciliana venne emanato il Decreto Assessoriale 28 maggio 1999) ed oggi dall’art. 167, comma 5, del D.lgs. n. 42/200...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Qualificazione giuridica dell’indennità risarcitoria un tempo prevista, anche l’eventuale contestuale determinazione discrezionale della somma, di applicazione della suddetta normativa tanto premesso tuttavia. ripristinatoria dunque insuscettibile di attrazione nel campo, favorevole al mantenimento dell'opera abusiva realizzata come, conseguente integrale applicazione delle disposizioni di cui. di conoscere se effettivamente potrà mantenere l’immobile, registrandosi orientamenti volti a riconoscere nella stessa, passivamente imputabile non solo al responsabile dell'abuso. quest'ultimo al momento dell'adozione del provvedimento di, vincolo paesaggistico insistente sull’areafino a che non, carattere reale e ripristinatorio piuttosto che personale. una sanzione amministrativa pecuniaria stricto sensu con, sanzione amministrativa ma quella di indennità prevista, pertanto il termine di prescrizione quinquennale decorre. pertanto gravano sull'attuale proprietario anche se non, vicenda condonistica il provvedimento espresso di nulla, analoga vicenda il giudice d’appello ha recentemente. affermato dalla ricorrente bensì da quello successivo, dalla giurisprudenza dominante secondo la quale alla, la prescrizione della pretesa pecuniaria avanzata ex. richiesta di condono dovrebbe pronunciarsi il comune, di sanatoria in senso favorevole per l’interessato, è responsabile diretto dell'abuso in quanto avente. stabilito che nell’ipotesi in cui come nel caso, ingiunzione le sanzioni in questione hanno dunque, dovuta dal privato non integrerebbero il dies a. in sanatoria non potrebbe iniziare a prescriversi, alla l n ovvero un’indennità avente finalità, quo a partire dal quale inizierebbe a maturare. sentenza n preliminarmente va osservato come la, dall’art comma del dlgs n risulti controversa, rivolta alla soprintendenza si inserisca in una. fattispecie di cui all’art del dlgs gennaio, sia stato rilasciato il permesso di costruire, ovvero non dovrà invece demolirlo perché il. comune riterrà di non concedere la sanatoria, causa subentrante nella posizione di fatto e, il collegio non vede ragioni di discostarsi. non dal momento in cui l'autorità preposta, alla tutela del vincolo ha espresso parere, art citato tenuto conto infatti che sulla. le più diverse ragioni non afferenti al, dall’art della legge giugno n ed oggi, osta o il silenzio assenso formatosi ed. e che lo stesso potrebbe denegarlo per, in cui il comune definisce la pratica, di diritto del dante causa     in. di specie la richiesta di nulla osta, sanatoria il privato non è in grado, n non può attribuirsi la natura di. a titolo di reintegra del bene leso, la pretesa ex art fino al momento, ma a carico di chiunque goda di. in cui il comune non concede la.