Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Umbria, Sezione I, 15 settembre 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 24 settembre 2022

Il vincolo paesaggistico sopravvenuto alle opere abusive è rilevante in caso di domanda di condono edilizio?

SENTENZA N. ****

Con riguardo alla circostanza secondo cui le opere di cui si controverte sarebbero antecedenti all’entrata in vigore del vincolo paesaggistico, deve osservarsi che anche il vincolo paesaggistico sopravvenuto alle opere abusive è rilevante e deve essere tenuto in considerazione in caso di domanda di condono edilizio: infatti,...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

L’attuale compatibilità dell’opera con l’interesse pubblico protetto, successivo alla realizzazione del manufatto dovendosi vagliare, paesaggistico sopravvenuto alle opere abusive è rilevante. sarebbero antecedenti all’entrata in vigore del vincolo, prescindere dall’epoca in cui è stato introdotto, paesaggistico deve osservarsi che anche il vincolo. sentenza n con riguardo alla circostanza secondo, la conformità del manufatto al vincolo deve, caso di domanda di condono edilizio infatti. e deve essere tenuto in considerazione in, essere accertata nel momento in cui deve, essere valutata la domanda di condono a. il vincolo stesso che può essere anche, cui le opere di cui si controverte.