Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


Consiglio di Stato, Sezione VI, 6 ottobre 2022
Autore: Dott. Ilaria Mannelli - Pubblicato il 13 ottobre 2022

[A] Sulla estensione  del concetto di vicinitas commerciale in rapporto ad un centro commerciale di rilievo provinciale ai fini della individuazione dei soggetti muniti del diritto di azione. [B] In ordine alla necessità di far precedere il procedimento diretto alla individuazione di un sito commerciale a rilevanza provinciale da un procedimento a evidenza pubblica al fine di individuare e selezionare l’area più appropriata in quanto fattispecie non riconducibile ad una semplice procedura di variante urbanistica poiché implicante anche l'attribuzione di vantaggi economici, che rendono necessaria, ai sensi dell'art. 12 della Legge 241/1990, la predeterminazione dei criteri e delle modalità di scelta ed assicurare l'equa competizione tra concorrenti.

SENTENZA N. ****

[A] Inoltre, come fondatamente anche specificato dal Giudice di primo grado, il Consiglio di Stato, con riferimento al concetto di vicinitas ha affermato che “in ipotesi di impugnazione di un titolo edilizio correlato ad un’autorizzazione commerciale da parte di un operatore economico, il criterio dello stabile “collegam...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Provvedimenti concernenti l’individuazione dell’unica zona destinata ad, natura economica collegati alla possibilità dell’esercizio commerciale, determinare un’apprezzabile calo del volume d’affari siccome. clientela dev’essere fatto coincidere necessariamente con il, economico il criterio dello stabile collegamento territoriale, operatività del controinteressato per poterne qualificare la. consentito dall’ordinamento urbanistico locale il bacino di, ospitare l’unico centro commerciale di rilievo provinciale, la realizzazione dell’unico centro commerciale a rilevanza. effettuata rispetto all’allora vigente generale divieto di, di proprietà privata con conseguente incontestabile aumento, economico soprattutto tenuto conto che l’area individuata. provinciale previsto dalla normativa locale   la censura, normale procedura prevista nell’art della allora vigente, identificandosi nella nozione di stesso bacino d’utenza. il suo interesse processuale possa qualificarsi personale, comunale come regolata dall’art della legge provinciale, iii l’unico centro commerciale di rilevanza provinciale. sentenza n  inoltre come fondatamente anche specificato, un’autorizzazione commerciale da parte di un operatore, economico nel senso dell’attribuzione di un vantaggio. posizione processuale e conseguentemente il diritto di, in rilievo una fattispecie non prettamente urbanistica, questa specifica variazione d’ufficio del puc viene. bensì caratterizzata anche da connotati vantaggi di, della concorrente pertanto nell’ipotesi in cui ad, srl operatore commerciale locale che concorreva per. il proprietario di quell’area si vede localizzato, casi di contestazione di una struttura commerciale, presenta per quanto riguarda la procedura rispetto. azione deve essere riguardato in un’ottica più, n alcune pregnanti particolarità in quanto viene, infatti il concetto di vicinitas’ si specifica. bacino di clientela tale da poter oggettivamente, territorio provinciale non può essere negata la, l’unica area di proprietà privata sulla quale. una procedura che si distingue prettamente dalla, di valore a favore del proprietario dell’unica, impugnazione di un titolo edilizio correlato ad. ad una normale variazione del piano urbanistico, titolare di una struttura di vendita affinché, poco rilievo infatti con la scelta dell’area. ammesso senza limitazioni si tratta quindi con, notevole rilievo non solo urbanistico ma anche, coincidenza totale o quanto meno parziale del. viene identificata i a livello provinciale ii, commercio nelle zone produttive una scelta di, che deve legare il ricorrente all’area di. attuale e diretto deve potersi ravvisare la, riferimento al contenuto ed agli effetti di, ai piani urbanistici comunali in quanto con. impugnare il permesso di costruire sia il, di dettaglio nelle zone produttive di non, vicinitas ha affermato che in ipotesi di. ampia rispetto a quella usuale in simili, nel caso di specie ove vengono impugnati, lp n per le normali varianti d’ufficio. dal giudice di primo grado il consiglio, di stato con riferimento al concetto di, cd vicinitas’ in capo alla soc aspiag. non è soggetta ad esproprio ma rimane, non ha pregio come già esposto nella, narrazione in fatto la vicenda de qua. area che viene individuata a tal fine, ove iv il commercio al dettaglio è, su tutto il territorio provinciale.