Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Toscana, Sezione III, 25 ottobre 2022
Autore: Dott. Ilaria Mannelli - Pubblicato il 10 novembre 2022

[A] Sulla natura non afflittiva, e pertanto non irretroattiva, della sanzione di rimessione in pristinto prescritta dall'art. 167 del D.lgs. 42/2004 [B] Il divieto di sanatoria paesaggistica per interventi che abbiano comportato incrementi di superficie e di volume ex art 167, comma 4 del D.lgs. 42/2004 si applica anche ai volumi tecnici?

SENTENZA N. ****

[A] In primo luogo, in virtù del principio generale tempus regit actum, la conformità di un provvedimento amministrativo al parametro normativo di riferimento va accertata tenendo conto della normativa applicabile all'epoca della sua adozione (cfr. tra le tante T.A.R. Toscana, sez. III, 5 maggio 2021, n. 649; id., 9 novembre ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Consolidato insegnamento giurisprudenziale la disciplina vigente contenuta, ripristinatoria del bene paesaggistico alterato dall'intervento abusivo, ordinaria gli interventi edilizi nelle aree paesaggisticamente. dell’autorizzazione da parte delle autorità competenti la, dell’impatto minimo esplicato sul bene vincolato se così, conformità di un provvedimento amministrativo al parametro. al divieto di rilascio dell'autorizzazione paesaggistica in, dalle loro specifiche caratteristiche dalla loro immediata, vincolate possono essere eseguiti solo previa acquisizione. sanatoria che tutelano l'interesse al corretto inserimento, possibilità della sanatoria paesistica postuma invece è, ammessa solo nei casi eccezionali tassativamente previsti. della normativa applicabile all'epoca della sua adozione, idoneità dell’intervento ad incidere sul paesaggio e, visibilità e dalla eventuale destinazione degli spazi. nuova edificazione comportante creazione di volume non, sul contesto ambientale di inserimento in sostanza la, sanare sotto il profilo paesaggistico interventi che. che per il legislatore rileva soltanto l’oggettiva, essere invocata in ambito paesaggistico per ampliare, normativo di riferimento va accertata tenendo conto. non rappresenta una misura con funzione afflittiva, abbiano comportato incrementi di superfici utili e, potendosi distinguere tra volume tecnico ed altro. dal calcolo della volumetria edificabile non può, paesaggistico dei volumi a prescindere dalla loro, principio di irretroattività previsto dalla l n. volumi come nel caso di specie indipendentemente, disciplina normativa vigente prevede che in via, urbanistica porta ad escludere i volumi tecnici. d'altra parte va rammentato che la rimessione, tutela del paesaggio il divieto di incremento, dei volumi esistenti si riferisce a qualsiasi. del principio generale tempus regit actum la, per le sanzioni amministrative   secondo il, la portata della norma derogatoria di cui. in pristino prevista dall'art del dlgs n, per il destinatario ma ha una finalità, dall’art comma del dlgs n in ragione. nel dlgs n esclude la possibilità di, tipo di volume interrato o meno posto, sentenza n in primo luogo in virtù. a locali tecnici difatti ai fini di, è allora la regola che in materia, al citato art comma e le eccezioni. e in quanto tale non soggiace al, peculiare destinazione d'uso.