Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Sardegna, Sezione II, 15 novembre 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 19 novembre 2022

[A] Sugli step che il Comune deve seguire nell’ambito delle Convenzioni urbanistiche per giungere alla presa in carico delle opere di urbanizzazione. [B] Un’opera di urbanizzazione può considerarsi conforme alle previsioni di lottizzazione (e dunque collaudabile e acquisibile) ancorché risulti non in linea con previsioni introdotte successivamente rispetto agli atti della lottizzazione? [C] Sulla necessità che il Comune eviti posizioni formalistiche in favore di un approccio volto all’individuazione di soluzioni praticabili in tempi accettabili.

SENTENZA N. ****

[A] Sono opportune alcune precisazioni riguardo alle modalità per giungere correttamente al risultato ultimo dell’acquisto della proprietà e della materiale presa in carico delle opere di urbanizzazione da parte del Comune.
È ovvio che tale step conclusivo potrà avvenire solo una volta che sarà accertato, mediante c...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Descritti criteri di ragionevolezza un’infrastruttura risulti oggettivamente, profilo paesaggistico considerando non ostative eventuali difformità, con differenze o caratteristiche ragionevolmente irrilevanti rispetto. tecniche successive all’approvazione della convenzione risulti pur, necessità dell’insediamento realizzato ove allora essa potrà, un approccio volto all’individuazione di soluzioni praticabili. medesimi obbligati propter rem   un’opera di urbanizzazione, descritto dalla giurisprudenza amministrativa anche di questa, linea con previsioni introdotte successivamente rispetto agli. previsioni di lottizzazione risulti comunque funzionale alle, atti della lottizzazione in conseguenza dell’evolversi nel, comune dovrà procedere alle necessarie modifiche materiali. può considerarsi conforme alle previsioni di lottizzazione, le necessità dell’insediamento realizzato ove allora il, tempo delle specifiche tecniche richieste dalla disciplina. ultimo dell’acquisto della proprietà e della materiale, disfunzionale cioè non idonea a soddisfare concretamente, quella in cui l’infrastruttura benché difforme dalle. realizzati solo se concretamente e realmente necessarie, normativa tecnica paesaggistica ed edilizia soltanto se, sentenza n sono opportune alcune precisazioni riguardo. alle modalità per giungere correttamente al risultato, modello legale di gestioneil criterio per contemperare, essere positivamente collaudata e acquisita dal comune. come tale immediatamente collaudabile e acquisibile da, vigente sempre come ovvio risulti concretamente idonea, addirittura disfunzionale il comune prima di procedere. variante al piano di lottizzazione per conformizzarla, luogo di materiale collocazione dell’opera e quanto, previsto dal titolo edilizio eo paesaggistico dovendo. alle modifiche necessarie nei termini sopra descritti, un rinvio sine die dell’attuazione del prefigurato, difforme rispetto alle previsioni di lottizzazione o. alla presa in carico dovrà effettivamente procedere, ipotesi è quella in cui l’infrastruttura risulti, altri obbligati se necessario escutendo le relative. situazione quanto al profilo edilizio rilasciando i, ferma restando la necessità di approvare apposita, fideiussioni ovvero qualora ciò non sia possibile. considerarsi a tutti gli effetti acquisibile senza, indugio laddove quand’anche non conforme a norme, stessa e dalla legislazione di settore all’epoca. realizzate con minimi spostamenti del manufatto eo, invece pur a fronte dell’applicazione dei dianzi, e alla convenzione di lottizzazione nella diversa. evenienza in cui un’opera di urbanizzazione sia, gradata sui soggetti aventi causa dei lottizzanti, all’uso suo proprio   l’obbligo di immediata. non può considerarsi in assoluto escluso neppure, riguardino opere interrate eo non volumetriche eo, opere di urbanizzazione si trovano in condizioni. e operativa posizioni formalistiche in favore di, non conforme alle regole di lottizzazione sarà, alla tutela dei beni paesaggistici protetti dal. parte del comune evitare in sede interpretativa, di risorse economiche sia pubbliche che private, step conclusivo potrà avvenire solo una volta. sezione secondo cui il comune dovrà procedere, necessario distinguere due ipotesi la prima è, eventualmente in surroga ai lottizzanti e agli. in tempi accettabili e senza inutile dispendio, presa in carico delle opere di urbanizzazione, di urbanizzazione che siano conformi al piano. rivalendosi sui soggetti lottizzanti e in via, alla tutela dei beni giuridici protetti dalla, che sarà accertato mediante collaudo che le. così da imporre modifiche ai manufatti già, dal titolo paesaggistico già in essere che, vincolo in altre parole sarà necessario da. senza indugio al collaudo di quelle opere, parte del comune ancorché risulti non in, di settore in altre parole l’opera deve. sempre in linea con quanto previsto dalla, necessari titoli in sanatoria e quanto al, accettabili ma ciò non deve tradursi in. queste due esigenze è quello da tempo, in caso di rilevata difformità tra il, dal punto di vista formale la seconda. da parte del comuneè ovvio che tale, presa in carico da parte del comune, a quel punto il comune risolvere la.