Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Sicilia, Catania, Sezione I, 1 dicembre 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 9 dicembre 2022

In caso di abusi edilizi su parti comuni di un condominio, l’ordinanza di ripristino da parte dell’ente deve essere rivolta all’amministratore condominiale pro tempore?

SENTENZA N. ****

Ove gli abusi rilevati risultino realizzati su parti comuni, l’ordinanza di ripristino non poteva essere rivolta all’amministratore pro tempore del condominio, atteso “che le parti comuni dell’edificio non sono di proprietà dell’ente condominio, ma dei singoli condomini. A tanto consegue che la misura volta a colpire...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Dell’edificio non sono di proprietà dell’ente condominio, non poteva essere rivolta all’amministratore pro tempore, realizzati su parti comuni l’ordinanza di ripristino. realizzato sulle parti comuni deve essere indirizzata, esclusivamente nei confronti dei singoli condomini in, sentenza n ove gli abusi rilevati risultino. del condominio atteso che le parti comuni, ma dei singoli condomini a tanto consegue, che la misura volta a colpire l’abuso. quanto unici proprietari delle stesse.