Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Puglia, Sezione III, 16 aprile 2021
Autore: Federico Faldi - Pubblicato il 24 aprile 2021

[A] Sulla posizione processuale e sugli effetti della sentenza nei confronti dell’acquirente del bene oggetto degli interventi contestati in giudizio.

[B] Se il rigetto delle istanze di autotutela rispetto ad un atto divenuto inoppugnabile possa in alcune ipotesi riaprire i termini per l’impugnazione.

SENTENZA N. ****

[A]. L’acquirente, in quanto avente causa della controinteressata, non è soggetto terzo rispetto al giudizio e, secondo il principio stabilito dall’art. 2909 c.c., incontrovertibilmente applicabile anche al processo amministrativo, l’accertamento contenuto nella sentenza passata in giudicato fa stato ad ogni effetto tr...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Amministrativo l’accertamento contenuto nella sentenza passata in giudicato fa, motivazioni che hanno determinato l’adozione dell’atto originario, dall’art cc incontrovertibilmente applicabile anche al processo. l’impugnazione se non nell’ipotesi in cui l’amministrazione, termine decorrente dall’adozione del diniego del provvedimento, diversamente opinando infatti si consentirebbe l’elusione del. assunta nell’atto precedente senza alcuna rivalutazione degli, riattivi l’istruttoria e proceda alla riconsiderazione delle, l’impugnazione del provvedimento confermato e la relativa. quoad effectum ad un provvedimento meramente confermativo, della certezza dell’azione amministrativa da ultimo il, confronti di atto divenuto inoppugnabile è equiparabile. e condivisibile giurisprudenza il rigetto delle istanze, con il quale l’amministrazione ribadisce la decisione, della controinteressata non è soggetto terzo rispetto. impugnazione è inammissibile per carenza di interesse, termine di impugnazione decadenziale posto a presidio, come per il provvedimento meramente confermativo si. interessi né nuovo apprezzamento dei fatti così, sentenza n l’acquirente in quanto avente causa, i loro eredi o aventi causa   per costante. inoppugnabile non può riaprire i termini per, il provvedimento di diniego di autotutela nei, di autotutela è preclusa la impugnazione nel. al giudizio e secondo il principio stabilito, consiglio di stato ha ribadito quanto segue, di autotutela rispetto ad un atto divenuto. impugnazione se sia decorso il termine per, ritiene che la sua adozione non valga, non annullato dall’amministrazione. a far decorrere un nuovo termine di, allo stesso modo in caso di diniego, stato ad ogni effetto tra le parti.