Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Piemonte, Sezione II, 27 aprile 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 8 maggio 2021

Se la divisione e il frazionamento di un immobile in più unità immobiliari distinte determini un incremento del carico urbanistico con conseguente insorgenza dell’obbligo di corresponsione degli oneri concessori.

SENTENZA N. ****

Va richiamata, in particolare, la sentenza del Consiglio di Stato, sez. IV, 17/05/2012, n. 2838, secondo cui “ai fini dell’insorgenza dell’obbligo di corresponsione degli oneri concessori, è rilevante il verificarsi di un maggior carico urbanistico quale effetto dell’intervento edilizio, sicché non è neanche necessar...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Fruibilità urbanistica con oneri conseguentemente riferiti all’oggettiva, rivalutazione dell’immobile e funzionali a sopportare l’aggiuntivo, anche quando l’incremento dell’impatto sul territorio consegua. neanche necessario che la ristrutturazione interessi globalmente, l’edificio con variazioni riguardanti nella loro interezza, carico socio economico che l’attività edilizia comporta. quale effetto dell’intervento edilizio sicché non è, divisione o frazionamento dell’immobile in due unità, n secondo cui ai fini dell’insorgenza dell’obbligo. di corresponsione degli oneri concessori è rilevante, il verificarsi di un maggior carico urbanistico, comunque mutata la realtà strutturale e la. sentenza n va richiamata in particolare la, le parti esterne ed interne del fabbricato, ma è soltanto sufficiente che ne risulti. sentenza del consiglio di stato sez iv, solo a marginali lavori dovuti ad una, o fra due o più proprietari.