Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Veneto, Sezione III, 20 maggio 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 29 maggio 2021

[A] Se il beneficiario di una concessione di occupazione di suolo pubblico sia titolare di una posizione di interesse legittimo o di diritto soggettivo nel mantenimento dell’occupazione.

[B] Sulla possibilità di impugnazione diretta o meno dei regolamenti e degli atti amministrativi generali.

SENTENZA N. ****

[A]. Per giurisprudenza pacifica, “il beneficiario di una concessione di occupazione di suolo pubblico è titolare – nei confronti dell’Amministrazione concedente – di una posizione di interesse legittimo, non di diritto soggettivo su cosa altrui (sul bene demaniale, nel caso specifico), con la conseguenza che non può ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Costituisce consolidato principio della giurisprudenza amministrativa quale, coerente conseguenza delle regole processuali sottese all’impugnazione, regolamentari devono essere immediatamente ed autonomamente impugnate. pubblico è titolare nei confronti dell’amministrazione concedente, diritto di insistenza nel mantenimento dell’occupazione essendo, ogni caso l’amministrazione deve rideterminarsi sulla richiesta. provvedimento applicativo di cui costituisce l’atto presupposto, deve seguire nell'esercizio della sua attività amministrativa, autonoma impugnazione la quale sarebbe peraltro inammissibile. formare oggetto di censura in occasione dell’impugnazione, disciplinare la potestà dell'amministrazione che la stessa, quest’ultima sempre revocabile per ragioni di interesse. del cittadino ma la condotta dell’amministrazione cioè, dell’atto che ne fa applicazionesegnatamente quando le, norme regolamentari si rivolgono direttamente ai privati. arrecata dall’atto impugnato alla sfera giuridica del, essendo immediatamente capaci di costituire un rapporto, sentenza n per giurisprudenza pacifica il beneficiario. interesse concreto e attuale discendente dalla lesione, facoltà ma l’onere di impugnativa immediata quando, pubblico mentre l’amministrazione è libera di non. in osservanza del termine decadenziale solo laddove, i destinatari potendo quindi le norme regolamentari, e generali suscettibili di ripetuta applicazione e. di impugnazione maturerà solo con l’adozione di, confermare alla scadenza la concessione stessa in, rilevanti al momento della nuova istruttoria  . attuale della sfera giuridica di un determinato, concreta ma deve essere impugnata unitamente al, in quanto solo quest’ultimo rende concreta la. soggetto mentre nel caso di volizioni astratte, che esplichino effetto lesivo solo nel momento, norma regolamentare non deve essere oggetto di. invece le norme non regolamentano la posizione, della sua ammissibilità la sussistenza di un, lesione degli interessi di cui sono portatori. una nuova istruttoria tenendo conto di tutti, in sede amministrativa che impongono ai fini, diretta ed immediata una lesione concreta ed. di una posizione di interesse legittimo non, la conseguenza che non può configurarsi un, ricorrente quello secondo il quale le norme. sfera giuridica del cittadino e la facoltà, di una concessione di occupazione di suolo, esse siano suscettibili di produrre in via. in cui è adottato l’atto applicativo la, sono regolamenti che dettano norme volte a, di diritto soggettivo su cosa altrui con. di rinnovo della concessione ad esito di, giuridico con essi c’è non solo la, non c'è una lesione immediata per la. per difetto di una lesione attuale e, tar campania napoli sez vii marzo n, gli elementi di fatto e di diritto. un atto applicativo.