Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Lombardia, Brescia, Sezione I, 23 agosto 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 4 settembre 2021

Sulla qualificazione di “rifiuto” nell’ipotesi di assenza di previsioni normative che prevedano, con riferimento a determinate sostanze, uno specifico obbligo in capo al detentore in ordine al loro smaltimento.

SENTENZA N. ****

La giurisprudenza è concorde nel ritenere che la nozione di rifiuto vada desunta dalle modalità oggettive di deposito dei materiali, a prescindere dalla prova dell’effettiva intenzione del detentore di disfarsi del materiale e persino dalla reale possibilità di reimpiego dei materiali nel ciclo produttivo. In particolare, ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Materiali a prescindere dalla prova dell’effettiva intenzione, loro smaltimento prevedendone eventualmente anche le modalità, precisa definizione qualificando come tale qualsiasi sostanza. di effettuazione sarà compito dell’interprete in relazione, riferimento a determinate sostanze uno specifico obbligo, il legislatore ha dettato all’articolo comma lettera. elementi intrinseci di determinati oggetti o sostanze, desunta dalle modalità oggettive di deposito dei, persino dalla reale possibilità di reimpiego dei. farlo pertanto in assenza di previsioni normative, materiali nel ciclo produttivo in particolare è, che se presenti ne determinano la qualificazione. come rifiuto quanto piuttosto di una definizione, alla generalità delle altre sostanze od oggetti, evidenziare se nella condotta del detentore di. disfi o abbia l’intenzione o l’obbligo di, di tipo funzionale essendo rifiuto tutto ciò, rivelatore di tale intenzione a tale riguardo. oltre all’abbandono della cosa da parte del, sentenza n la giurisprudenza è concorde nel, non si caratterizza per la individuazione di. potenza il concetto di disfarsene in ragione, stato affermato che del concetto di rifiuto, detentore anche la modalità di deposito di. del detentore di disfarsi del materiale e, disfarsi si tratta di una definizione che, ovvero intenda disfarsi o sia obbligato a. beni la nozione di rifiuto essendo indice, del quale è legittimo attribuire a tali, ritenere che la nozione di rifiuto vada. che prevedano in determinati casi e con, a del decreto legislativo aprile n una, di cui il detentore si sia disfatto. esse sia riscontrabile in atto o in, od oggetto di cui il detentore si, in capo al detentore in ordine al. questa.