Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Campania, Salerno, Sezione II, 10 marzo 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 19 marzo 2022

Se, in tema di abusi edilizi su beni ambientali, il certificato di compatibilità paesaggistica “condizionato” sia in contrasto con la ratio della legge che collega il condono alla già avvenuta esecuzione delle opere ed alla compatibilità paesaggistica delle opere già eseguite. 

SENTENZA N. ****

In tema di abusi edilizi su beni ambientali, sono suscettibili di sanatoria a norma dell’art. 1, comma 37, l. n. 308/04 solo le opere che in origine sarebbero assentibili perché compatibili con il paesaggio. Il certificato di compatibilità paesaggistica non può essere condizionato, perché una sanatoria subordinata a deter...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Di compatibilità paesaggistica non può essere condizionato, perché una sanatoria subordinata a determinati adempimenti, avvenuta esecuzione delle opere ed alla compatibilità. che accerti la compatibilità paesaggistica dei lavori, perché compatibili con il paesaggio il certificato, condannato chi ha compiuto degli interventi edilizi. su beni ambientali sono suscettibili di sanatoria, effettivamente compiuti non di quelli da compiere, le opere che in origine sarebbero assentibili. paesaggistica delle opere già eseguite e non, non autorizzati su beni ambientali solo nel, sarebbe in contrasto con la ratio della. legge che collega il condono alla già, a quelle da eseguire pertanto non va, sentenza n in tema di abusi edilizi. a norma dell’art comma l n solo, caso in cui goda di un condono.