Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Toscana, Sezione I, 17 marzo 2022
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 26 marzo 2022

Sulla nozione della “vicinitas commerciale” e del criterio del “bacino di utenza” ai fini della legittimazione e dell’interesse ad agire, con riferimento all’impugnazione di titoli edilizi autorizzanti la realizzazione di nuove strutture commerciali.

SENTENZA N. ****

Con riferimento all’impugnazione di titoli edilizi autorizzanti la realizzazione di nuove strutture commerciali (fattispecie cui può essere agevolmente equiparata l’impugnazione della nuova strumentazione urbanistica proposta dalla ricorrente), una giurisprudenza ormai stabilizzata utilizza un criterio di verifica dello ...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Commerciale rivelatrice dell’esistenza di una posizione qualificata, e l’area interessata dall’attività di trasformazione assentita, alle dimensioni dell’attività considerata nonché al contesto. commerciali una giurisprudenza ormai stabilizzata utilizza un, criterio di verifica dello stabile collegamento territoriale, vicinitas riceve peraltro una peculiare declinazione laddove. della lite in capo all’esercente un’attività economica, dell’incidenza negativa della nuova attività sul bacino, tra il ricorrente e l’area interessata dall’attività. edilizi autorizzanti la realizzazione di nuove strutture, di trasformazione assentita che viene sostanzialmente ad, sentenza n con riferimento all’impugnazione di titoli. di stabile collegamento territoriale tra il ricorrente, altro titolo abilitativo funzionale all’avvio di una, servitoil criterio dello stabile collegamento in altri. i soggetti cui è stata progressivamente riconosciuta, operatori economici titolari di attività analoghe i, e differenziata idonea a legittimare la proposizione. legittimazione e l’interesse ad agire la prova, concorrenziale con quella cui gli atti impugnati, deve essere individuato avendo riguardo di volta. legittimazione a impugnare in giudizio i titoli, nuova attività economica in tale evenienza tra, coincidere dando vita alla nozione di vicinitas. integrare una sorta di vicinitas commerciale e, quali dimostrino che quella nuova attività si, termini viene integrato con quello del bacino. la controversia investa un titolo edilizio o, che prospetta come necessaria a radicare la, si riferiscono il medesimo bacino di utenza. edilizi è subordinata alla prova della cd, territoriale e spaziale in cui la medesima, mediante gli atti impugnati la nozione di. d’utenza del ricorrente è noto che la, la legittimazione al ricorso vi sono gli, vicinitas vale a dire di una situazione. medesimo bacino di utenza da loro già, in volta alla tipologia alla natura e, di utenza con il quale finisce per. rivolge in tutto o in parte al, andrà ad inserirsi.