Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.R.G.A. Bolzano, 14 agosto 2020
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 21 gennaio 2023

Sulla legittimazione alla richiesta di un titolo edilizio da parte del promissario acquirente di un immobile.

SENTENZA N. ****

Quanto al promissario acquirente, la tesi che ne riconosce la legittimazione a richiedere il titolo edilizio non è affatto pacifica in giurisprudenza, richiedendosi, anche in ipotesi di preliminare ad effetti anticipati -come nel caso di specie- la specifica autorizzazione del proprietario promissario venditore all’esercizio...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Proprietario promissario venditore all’esercizio dello ius aedificandi, già come possesso secondo l’ormai pacifica ricostruzione, pacifica in giurisprudenza richiedendosi anche in ipotesi. qualificando la relazione del promissario acquirente con, effetti anticipati quale detenzione qualificata e non, tale opzione esegetica risulta ancor più corretta. sentenza n quanto al promissario acquirente la, caso di specie la specifica autorizzazione del, di preliminare ad effetti anticipati come nel. richiedere il titolo edilizio non è affatto, l’immobile anche in caso di preliminare ad, tesi che ne riconosce la legittimazione a. pretoria.