Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Puglia, Sezione II, 13 settembre 2021
Autore: Avv. Federico Faldi - Pubblicato il 22 settembre 2021

Sull’illegittimità del silenzio-rifiuto, e sul conseguente obbligo della P.A. di emettere provvedimento espresso, in ipotesi di istanza promossa dal privato concernente l’adozione di provvedimenti sanzionatori e ripristinatori conseguenti ad accertamento penale circa la falsità delle dichiarazioni edilizie, rientrando in ipotesi di cd. autotutela doverosa.

SENTENZA N. ****

Nel caso di specie, non ricorre affatto l’ipotesi (atipica) di autotutela discrezionale, che in effetti il privato può solo attivare proponendo una semplice istanza o segnalazione, bensì una ipotesi (tipica) di autotutela doverosa, che impone all’ente destinatario di adottare un provvedimento espresso (cfr. in termini Con...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

Effetti sull’attività amministrativa ai sensi degli articoli, all’ente destinatario di adottare un provvedimento espresso, ricorre affatto l’ipotesi di autotutela discrezionale che. proponendo una semplice istanza o segnalazione bensì, seguito di autodichiarazioni rese in particolare ai, sia la normativa in materia di ediliziaurbanistica. che ascrive in generale all’ente comunale la, una ipotesi di autotutela doverosa che impone, potestà di vigilare sulla confo rmità delle. costruzioni alle norme e ai piani approvati, sensi dell’art dpr dicembre n in raccordo, con il giudicato penale esplicante i propri. ciò per due ordini di ragioni involgenti, in effetti il privato può solo attivare, sia le regole sui vantaggi acquisiti a. sentenza n nel caso di specie non, cpp eo cpp a seconda dei casi.