Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 26 giugno 2018

Sugli strumenti che il Comune può e deve utilizzare per liberare l'immobile acquisito in locazione da un privato e concesso in sublocazione ad una famiglia per ragioni di emergenza abitativa

T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, Sezione I, 18 luglio 2022

Sulla giurisdizione concernente controversie aventi ad oggetto la determinazione del corrispettivo dovuto dal privato per il trasferimento del diritto di proprietà o la cessione del diritto di superficie nell'ambito di convenzione stipulata ai sensi della normativa che regola le espropriazioni e la successiva assegnazione delle aree da destinare all’edilizia economica e popolare.

T.A.R. Puglia, Bari, Sezioni Unite, 13 maggio 2022

L’autografia della sottoscrizione di un atto amministrativo (nel caso di specie, provvedimento di diniego all’assegnazione in sanatoria dell’alloggio di edilizia residenziale pubblica E.R.P.) rappresenta un requisito di esistenza giuridica dell’atto amministrativo e quindi di validità?

T.A.R. Puglia, Bari, Sezione III, 28 aprile 2022

In materia di alloggi di edilizia popolare, rientrano nella giurisdizione del Giudice Amministrativo le controversie relative alla fase strumentale all’assegnazione degli stessi, tra cui quelle concernenti la sanatoria dell’occupazione abusiva?

T.A.R. Lazio, Sezione II quater, 19 gennaio 2022

Sul criterio di riparto di giurisdizione tra giudice amministrativo ed ordinario in materia di edilizia residenziale pubblica. Devono essere proposte davanti al giudice civile le controversie che attengono all’idoneità dell’immobile ERP a soddisfare le esigenze abitative del titolare?

T.A.R. Umbria, Sezione I, 14 Settembre 2021

Sulla rilevanza dell’interesse pubblico in merito alla determinazione del prezzo massimo di vendita convenzionata.

T.A.R. Sicilia, Sezione I, 6 luglio 2021

Sulle condizioni necessarie affinché un bene non appartenente al demanio necessario possa rivestire il carattere pubblico, proprio dei beni patrimoniali indisponibili, perché destinati a pubblico servizio.

T.A.R. Lazio, Roma, Sez. II quater, 2 maggio 2020
In materia di edilizia residenziale pubblica a quale giudice appartiene la giurisdizione relativa alle controversie sorte dopo la stipula del contratto?
Consiglio di Stato, Sez. IV, 23 aprile 2020
Quali sono le conseguenze legate alla perdita di efficacia di un piano di zona per l’edilizia economica e popolare, quale piano urbanistico attuativo?
Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, 18 novembre 2019
È ammissibile la realizzazione di un intervento di edilizia economica e popolare da parte di un soggetto privato?
T.A.R. Lazio, Roma, Sez. II-ter, 28 ottobre 2019
Le controversie in cui si discuta della legittimità di un ordine di rilascio di un immobile di edilizia residenziale pubblica appartengono alla giurisdizione del giudice ordinario o di quello amministrativo?
T.A.R. Lazio, Roma, Sez. III, 5 marzo 2019
Quali sono gli strumenti per mezzo dei quali l’Amministrazione può ottenere il rilascio degli alloggi di edilizia residenziale pubblica occupati senza titolo?
T.A.R. Campania, Salerno, Sez. I, 21 maggio 2018
Cosa accade allorché si verifichi il fallimento dell’impresa concessionaria che avrebbe dovuto dare attuazione al programma di edilizia economica-popolare? Sorge, in questi casi, in capo all’Amministrazione comunale l'obbligo di adottare il relativo provvedimento di decadenza?
T.A.R. Campania, Napoli, Sezione VIII, 1 dicembre 2016  
Sulla compatibilità o meno di un parcheggio scoperto con una zona agricola. Che rilevanza assume il deposito di materiale ferroso in area a destinazione agricola? La destinazione di un’area a zona agricola preclude l'uso della stessa per finalità diverse dall’edilizia residenziale?
Corte di Cassazione, Sezioni Unite, 16 settembre 2015
[A] Sul problema della vendita degli alloggi di edilizia convenzionata soggetti al vincolo sulla determinazione del prezzo: il vincolo del prezzo è soppresso automaticamente a seguito della caduta del divieto di alienare, ovvero, in assenza di convenzione ad hoc, segue il bene nei successivi passaggi di proprietà, a titolo di onere reale? [B] Sulla distinzione tra le convenzioni per la cessione del diritto di superficie e le convenzioni per la cessione del diritto di proprietà piena. [C] Sulla distinzione tra le convenzioni ex art. 35 legge n. 865/1971 e quelle ex artt. 7 e 8 della legge 28 gennaio 1977, n. 10 (Norme per la edificabilità dei suoli). [D] Sulla possibilità di rimuovere i vincoli relativi alla determinazione del prezzo massimo di cessione (nonché del canone massimo di locazione) contenuto in una convenzione P.E.E.P.
T.A.R. Toscana, Latina, Sezione I, 10 febbraio 2015
[A] Sulla decorrenza del termine di impugnazione del Piano di zona per l’edilizia economica e popolare. [B] Sulla natura e sulle finalità del P.E.E.P., il quale non costituisce uno strumento generale di politica demografica. [C] Sugli effetti che l’errore commesso dalla P.A. nella stima dell’incremento demografico produce in relazione alla legittimità del P.E.E.P.
T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, 12 febbraio 2015
Sugli effetti della scadenza del temine di attuazione dei piani di zona per l’edilizia economica e popolare
Consiglio di Stato, Sezione IV, 12 febbraio 2015
Sull’intervento costruttivo ex art. 51 della legge n. 865/1971 e sul PEEP
T.A.R Sicilia Catania, Sezione II, 15 gennaio 2015
[A] Sulla necessità che il corrispettivo per la concessione del diritto di superficie sia rapportato al costo effettivamente sostenuto dall'Amministrazione per la acquisizione delle aree interessate. [B] Il R.D. n. 639/1910 risulta utilizzabile anche per la riscossione di entrate patrimoniali che abbiano titolo in atti negoziali di cui sia parte l’amministrazione pubblica, ivi compresa la riscossione dei canoni di locazione di immobili di proprietà della P.A.
T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, 9 dicembre 2014
L’assegnazione degli alloggi di edilizia economica e popolare non rientra nell’ambito di applicazione del silenzio assenso di cui all’articolo 20 della legge n. 241 del 1990
Consiglio di Stato, Sezione IV, 7 novembre 2014
Sulla giurisdizione relativa alla controversia avente ad oggetto la determinazione del corrispettivo dovuto dal privato per il trasferimento del diritto di proprietà e la cessione del diritto di superficie, nell'ambito di convenzione stipulata ai sensi della normativa che regola le espropriazioni e la successiva assegnazione delle aree da destinare ad edilizia economica e popolare
Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria, 30 gennaio 2014
[A] Il programma di housing sociale intrapreso da Roma Capitale costituisce una iniziativa di partenariato pubblico – privato per la gestione di un servizio pubblico locale di rilievo economico e a domanda individuale, mediante lo strumento della concessione di servizio pubblico. [B] In Italia, il progressivo ritiro della mano pubblica dagli investimenti immobiliari a fini sociali e la bolla speculativa del mercato immobiliare, che ha toccato insieme vendita e locazioni, hanno contribuito non poco ad allargare l’area del disagio, sbarrando o rendendo impervio l’accesso alla casa a vaste categorie di persone (giovani coppie, pensionati, famiglie monoparentali, ecc.). [C] Sul Piano nazionale di edilizia abitativa c.d. “Piano casa”. [D] Non è di ostacolo alla qualificazione della procedura in esame quale concessione di servizio pubblico, la circostanza che, nel caso di specie, il concessionario prescelto, in ossequio al contenuto del programma di housing, debba realizzare anche cospicui lavori
T.A.R. Lazio Roma, Sezione III Quater, 29 ottobre 2013
Qualora l'ente gestore di alloggio dell'edilizia economica e popolare ordini il rilascio del bene nei confronti di chi assuma occuparlo senza titolo, l'opposizione proposta da parte di detto occupante, rivolta a sostenere la sussistenza dei requisiti per conseguire la regolarizzazione del rapporto, si ricollega ad una posizione non di diritto soggettivo ma di interesse legittimo
T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, 3 settembre 2013
Sulla giurisdizione competente a decidere in ordine agli ordini di rilascio o di sgombero di alloggi occupati
Consiglio di Stato, Sezione VI, 19 luglio 2013
[A] Se la giurisdizione ordinaria sussiste in relazione alle vicende locative inerenti immobili di E.R.P., a maggior ragione deve dirsi sussistente in ordine a vicende locative inerenti immobili rientranti nell’ordinario patrimonio di una IPAB e assoggettati al regìme di diritto comune. [B] L’assegnazione di beni immobili di proprietà di una IPAB rientra nella locazione e le controversie da esso insorgenti spettano alla giurisdizione ordinaria. [C] Rientra certamente nell’ambito della giurisdizione ordinaria la presente controversia sull’atto con cui l’ente proprietario dell’immobile abbia richiesto l’incremento del canone mensile dovuto dal conduttore
Consiglio di Stato, Sezione IV, 1 luglio 2013
In sede di determinazione del fabbisogno di edilizia residenziale pubblica l'amministrazione gode di ampi poteri tecnico-discrezionali e tuttavia è necessario che tale determinazione si fondi su una adeguata motivazione e su una puntuale istruttoria
T.A.R. Lazio Roma, Sezione III Quater, 17 giugno 2013
Sulla giurisdizione competente a decidere sul caso di una determinazione di rilascio di un alloggio di edilizia residenziale pubblica, assunta dall’Ente proprietario, Roma Capitale, nei riguardi dell’occupante senza valido titolo, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della L.R. Lazio n. 12/1999
T.A.R. Sardegna, Sezione II, 29 maggio 2013
Sulla cooperazione di abitazione, concepita in origine nel t.u. del 1938 come strumento statuale di attuazione di politiche sociali per la casa e modificata dalla legge n. 1179 del 1965, dalla legge 179 del 1992 e dalla legge 136 del 1999
T.A.R. Lazio Roma, Sezione III Quater, 15 maggio 2013
Sul riparto di giurisdizione in materia di alloggi di edilizia economica e popolare
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione III, 29 gennaio 2013
La concessione del diritto di abitazione negli immobili pubblici deve avvenire nel rispetto dei canoni di imparzialità e trasparenza
T.A.R. Lazio Roma, Sezione III Quater, 5 dicembre 2012
Sul riparto di giurisdizione con riferimento alle domande di opposizione ai provvedimenti di rilascio di alloggi E.R.P.
T.A.R. Lazio Roma, Sezione III Quater, 18 ottobre 2012
Sull'azione proposta contro l'ordine di rilascio dell'immobile per occupazione senza titolo ”assunto“ ai sensi dell'art. 18 d.P.R. 30 dicembre 1972 n. 1035, in tema di edilizia residenziale pubblica
T.A.R. Emilia Romagna Parma, Sezione I, 20 giugno 2012
Sulla clandestina conclusione dell’accordo a condizioni economiche diverse da quelle consentite dalla c.d. «edilizia abitativa convenzionata» per l’esenzione dagli oneri concessori
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, 24 aprile 2012
Sul riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di edilizia residenziale pubblica
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, 8 giugno 2011
Sull'art. 3 della legge 28 gennaio 1994, n. 85, che nel modificare l'art. 20, comma 1, della legge 17 febbraio 1992, n. 179, ha liberalizzato, pressoché integralmente, le operazioni di dismissione degli alloggi di edilizia agevolata da parte dei proprietari o assegnatari
T.A.R. Toscana, Sezione I, 11 gennaio 2011
Sullo strumento urbanistico che prevede ambiti nei quali la trasformazione è subordinata alla cessione gratuita di immobili da parte dei proprietari all’ente pubblico (nella specie il 10% della SUL recuperata) da destinare ad edilizia residenziale pubblica
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione III, 15 settembre 2010
Sulla normativa regionale che, nel disciplinare i requisiti per l’accesso all’edilizia residenziale pubblica, stabilisce, come condizione per la presentazione di una domanda di assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica, l’avere il richiedente risieduto o prestato attività lavorativa nel territorio delle regione, per almeno cinque anni prima della proposizione della domanda
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, 4 giugno 2010
[A] Sul superamento del parametro urbanistico di riferimento stabilito dal DM 1444/1968. [B] Sulla previsione di un contributo urbanistico straordinario da parte del PRG, sulla sua natura fiscale oppure sulla sua qualificazione come strumento di “perequazione urbanistica”. [C] Sulle tecniche perequative e compensative e sui delicati problemi di conformità alla Costituzione ed al Trattato UE. [D] Sugli strumenti perequativi e compensativi adottati dal Comune di Roma che configurano una forma di espressa imposizione economico–patrimoniale. [E] Sulla previsione del contributo straordinario da parte dello strumento urbanistico generale in carenza della necessaria base legislativa. [F] Sull’art. 1, commi 258 e 259 della L. n. 244/2007 in materia di edilizia residenziale sociale
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione III, 23 luglio 2009
L’individuazione dei soggetti attuatori degli interventi di edilizia residenziale convenzionata postula l’applicazione dei principi comunitari in materia di evidenza pubblica
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, 23 maggio 2009
Sull’art. 3, comma 3, della legge 167 del 1962, ladddove consente l’estensione del P.E.E.P. anche alle aree sulle quali insistono immobili, solo nei casi in cui la demolizione o la trasformazione di questi ultimi “sia richiesta da ragioni igienico-sanitarie ovvero sia ritenuta necessaria per la realizzazione del piano
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 21 maggio 2009
[A] Il Comune non può alienare un bene espropriato facente parte del P.E.E.P. e, quindi, per realizzare un’ipotesi speculativa in favore dello stesso ente esponenziale. [B] Sulla sopravvenuta inefficacia del P.E.E.P. e sull’efficacia a tempo indeterminato delle disposizioni concernenti "allineamenti e prescrizioni di zona". [C] Sui limitati casi in cui non trova applicazione il principio della cosiddetta “ultrattività” del piano attuativo divenuto inefficace
Consiglio di Stato, Sezione IV, 31 marzo 2009
Sugli immobili che possono essere definiti “alloggi di edilizia residenziale pubblica”
Consiglio di Stato, Sezione IV, 26 gennaio 2009
La localizzazione di edilizia residenziale pubblica di cui all’articolo 51 della legge 22 ottobre 1971, n. 865, non costituisce un mero surrogato della formazione del piano di zona, e pertanto la sua legittimità non deve essere verificata sulla scorta degli stessi parametri
Ministero dello Sviluppo Economico. Circolare del 26 giugno 2008, n. 1418
Zone franche urbane previste dall'articolo 1, commi 340 e seguenti, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, come modificato dall'articolo 1, commi 561 e seguenti, della legge 24 dicembre 2007, n. 244. Circolare recante i contenuti e le modalità di presentazione delle proposte progettuali delle amministrazioni comunali - GU n. 155 del 4-7-2008
Consiglio di Stato, Sezione VI, 7 agosto 2008
Sulla disciplina relativa alla dismissione del patrimonio immobiliare delle amministrazioni pubbliche e sulle condizioni di alienazione meno favorevoli per i conduttori degli immobili di pregio
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione III, 17 giugno 2008
E’ illegittimo l’art. 8 lett. i) del R.R. Lombardia n. 1/04, ai sensi del quale non possono essere assegnatari di alloggi ERP coloro che siano stati occupanti senza titolo di tali alloggi negli ultimi cinque anni
T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, 16 giugno 2008
[A] Sul PEEP e sulla legittimità o meno di oneri più gravosi a carico del soggetto attuatore rispetto alla rifusione delle spese di acquisto e alla realizzazione delle opere di urbanizzazione. [B] Sulla legittimità o meno di una modifica convenzionale degli oneri di urbanizzazione
Decreto Legge 25 giugno 2008 n. 112. Art. 13
Art. 13. “Misure per valorizzare il patrimonio residenziale pubblico”
Decreto Legge 25 giugno 2008 n. 112. Art. 11
Art. 11. “Piano Casa” – Piano nazionale edilizia abitativa – Recupero e costruzione nuovi alloggi – Accordo di programma – Alloggio sociale
Consiglio di Stato, Sezione VI, 6 maggio 2008
Il sistema in materia di dismissioni del patrimonio immobiliare degli Enti previdenziali pubblici non lascia adito a dubbi in ordine alla circostanza che l’insistenza dell’immobile in un’area vincolata comporti la qualificazione dello stesso come pregiato
T.A.R. Piemonte, Sezione II, 31 marzo 2008
La logica dell'edilizia economica e popolare convenzionata, consistente nel vendere a soggetti predeterminati ad un prezzo prestabilito, è radicalmente opposta a quella del fallimento ed incompatibile con liquidazione dell’attivo patrimoniale nell’ambito di una procedura concorsuale
Ministero Infrastruture. Circolare del 7 marzo 2008
Programma straordinario di edilizia residenziale pubblica ai sensi dell'art. 21 DL 1 ottobre 2007 n. 159, convertito con modificazioni in legge 28 novembre 2007 n. 222. D.I. 18 dicembre 2007 n. prot. 127/DA
Convegno. Testo unico regionale della Toscana sulla casa
Firenze, 7 marzo 2008, ore 9:30. Sala Monte dei Paschi, Via de Pecori 6/8. "Verso un testo unico regionale sulla casa. Una riforma da completare"
Finanziaria 2008. Estratto art. 1 commi 258 e 259
I Comuni potranno subordinare le trasformazioni alla cessione gratuita di aree da destinare a edilizia pubblica. Legge 24 dicembre 2007 n. 244
Consiglio di Stato, Sezione IV, 19 dicembre 2007
[A] Sulla differenza tra il c.d. “esproprio sanzionatorio” dei piani particolareggiati dal c.d. “esproprio ordinario” dei PEEP. [B] Sulla prelazione dei proprietari di aree incluse in un piano di zona per l’edilizia economica e popolare ai soli fini dell’assegnazione in proprietà. [C] Sulla legittimità o meno della deliberazione comunale concernente l’assegnazione ad una cooperativa edilizia di un’area espropriata ove il proprietario non sia stato posto in condizione di esercitare la propria situazione giuridica soggettiva
T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, 29 ottobre 2007
Sui casi un cui nell’opposizione al provvedimento di rilascio di un alloggio di E.R.P. l'opponente è titolare di una posizione di diritto soggettivo
T.A.R. Abruzzo L’Aquila, 30 gennaio 2007
Sulla pronuncia di decadenza da un alloggio di edilizia residenziale pubblica per mancata occupazione
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, 11 gennaio 2007
Sul decreto legge 25.9.2001 n. 351, convertito nella legge 23.12.2001 n. 410, riguardo alla riduzione del 30% del prezzo di vendita per gli immobili non di pregio
T.A.R. Calabria, Sezione Reggio Calabria, 9 marzo 2006
Sui casi in cui l’Amministrazione può revocare l’assegnazione di un alloggio di edilizia residenziale pubblica per abbandono del godimento
T.A.R. Toscana, Sezione II, 23 febbraio 2006
Sulla competenza dell’Agenzia del Demanio in ordine alla stipula di contratti di alienazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica
T.A.R. Toscana, Sezione II, 21 dicembre 2005, n. 8849
E’ illegittimo il provvedimento di revoca di un alloggio di edilizia residenziale adottato nei confronti del proprietario di un altro alloggio, laddove si limiti ad affermare soltanto la proprietà del suddetto altro immobile
T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, ottobre 2005, n. 17831
[A] In materia di edilizia residenziale pubblica sussiste la giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo. [B] Dal carattere vincolato del provvedimento non discendono soltanto situazioni giuridiche qualificabili quali diritti soggettivi
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, aprile 2005, n. 664
Il D.P.R. 30 dicembre 1972 n. 1035, nel disciplinare il concorso tra i richiedenti per “l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica” ai fini dell’accertamento delle condizioni per il subentro dell’erede nell’assegnazione dell’alloggio popolare, presuppone che sia data la prova della convivenza
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, marzo 2005, n. 1476
Devono ritenersi illegittimi i provvedimenti di requisizione e di assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica che siano adottati al fine soddisfare esigenze abitative determinate da uno sfratto o di sopperire alla cronica carenza di unità abitative
T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, 16 novembre 2004, n. 16859
Sui presupposti che devono sussistere e permanere per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, 15 novembre 2004, n. 2112
Sulla revoca dell’assegnazione dell’alloggio popolare per condizione di abbandono da oltre tre mesi - accertata dalla polizia locale - e sulla possibilità di fornire prova contraria
T.A.R. Veneto, Sezione II, 27 settembre 2004, n. 3436
Sulla nozione di “edilizia residenziale pubblica" e sui tre diversi significati ad essa riconducibili