Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 24989916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Avv. Gherardo Lombardi
Demanio
T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, 19 agosto 2021

Se per il rilascio di una concessione demaniale marittima sia necessaria l’indicazione delle attività che si intendono svolgere.

T.A.R. Calabria, Sezione II, 20 luglio 2021

Se l’autorizzazione alla posa di sdraio e ombrelloni precedentemente rilasciata possa costituire un vincolo per l’Ente, in sede di pianificazione, di prevedere in detta zona una destinazione a stabilimento balneare.

T.A.R. Sicilia, Sezione I, 6 luglio 2021

Sulle condizioni necessarie affinché un bene non appartenente al demanio necessario possa rivestire il carattere pubblico, proprio dei beni patrimoniali indisponibili, perché destinati a pubblico servizio.

T.A.R. Lazio, Roma, Sez. II ter, 20 gennaio 2021

Il silenzio assenso trova applicazione nel caso di istanze relative alla occupazione del suolo pubblico?

T.A.R. Sicilia, Catania, Sez. I, 14 maggio 2020
Quali sono le opere funzionali alla fruizione del mare, realizzabili entro 150 m dalla battigia, secondo la giurisprudenza siciliana?
T.A.R. Calabria, Catanzaro, Sez. I, 4 aprile 2020
Sulla realizzazione di opere, da parte di privati, in aree del demanio marittimo.
Consiglio di Stato, Sez. VI, 27 marzo 2020
Sulla rimozione delle strutture precarie poste in uno stabilimento balneare al termine della stagione estiva.
T.A.R. Toscana, Firenze, Sez. III, 16 gennaio 2020
Quali sono gli indici di riferimento per determinare l’appartenenza di una strada al demanio comunale?
T.A.R. Lazio, Latina, Sez. I, 15 ottobre 2019
Le controversie inerenti alle richieste di indennizzo per occupazione abusiva di un bene demaniale alla giurisdizione di quale giudice appartengono?
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Trieste, Sez. I, 12 agosto 2019
L’accessione, in favore dell'Amministrazione, delle opere non amovibili, costruite sul suolo del demanio marittimo avviene in automatico al termine del periodo di concessione?
T.A.R. Liguria, Genova, Sez. I, 17 maggio 2019
Alla giurisdizione di quale giudice appartengono le controversie aventi ad oggetto la contestazione dell’indennizzo dovuto a titolo di occupazione abusiva di un’area demaniale?
T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, 16 maggio 2019
Qual è natura della concessione di occupazione del suolo pubblico?
T.A.R. Abruzzo, L’Aquila, Sez. I, 19 marzo 2019
Sull’acquisto a favore dello Stato delle opere non amovibili costruite in zona demaniale.
T.A.R. Lombardia, Milano, Sez. I, 10 dicembre 2018
Il concessionario di un bene pubblico è titolare di una posizione di aspettativa al rinnovo del rapporto?
Consiglio di Stato, Sez. VI, 23 novembre 2018
Sulla tacita sdemanializzazione delle strade pubbliche da parte della Amministrazione comunale.
T.A.R. Campania, Salerno, Sez. I, 19 ottobre 2018
Il comportamento della Amministrazione che consenta al concessionario, a fronte del venire meno della concessione, di continuare ad occupare senza titolo il bene ed a pagare i canoni, può valere come volontà di rinnovare tacitamente il contratto.
Consiglio di Stato, Sez. VI, 27 settembre 2018
La revisione del canone concessorio relativo alle aree demaniali marittime, di cui all’art. 1, comma 251, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, deve avvenire sulla base del canone tabellare oppure in base ai valori di mercato?
T.A.R. Sicilia, Catania, Sez. III, 1° ottobre 2018
La proroga automatica delle concessioni demaniali marittime prevista dall’art. 1, comma 18 del D.L. 30 dicembre 2009, n. 194 trova immediata applicazione nell’ordinamento regionale (ed in particolare in quello siciliano)?
T.A.R. Calabria, Catanzaro, Sez. I, 28 settembre 2018
Sulla particolare importanza del rispetto delle garanzie partecipative nei procedimenti aventi ad oggetto l’accertamento degli abusi demaniali.
T.A.R. Lazio, Roma, Sez. I- Quater, 5 settembre 2018
Sul generale principio della consumabilità delle posizioni giuridiche per effetto del tempo e sulla sua modulazione rispetto al tema delle concessioni demaniali: è possibile affermare che, in questo particolare ambito, il decorso di un notevole lasso di tempo dalla concessione non incida sul potere di annullare in autotutela la determinazione erronea del canone?
T.A.R. Toscana, Firenze, Sez. III, 28 agosto 2018
L’attribuzione della gestione delle reti idriche e fognarie ad altri soggetti esclude la permanenza del relativo diritto di proprietà in capo al Comune?
Consiglio di Stato, Sezione V, 7 settembre 2018
Sulle concessioni demaniali marittime: in quali casi la gestione delle attività oggetto della concessione può essere affidata a soggetti terzi? Che rilevanza assume in questo contesto l'autorizzazione da parte dell’ente concedente?
Consiglio di Stato, Sezione V, 10 settembre 2018
L'area cortilizia di un condominio può essere oggetto di una servitù di uso pubblico realizzata mediante dicatio ad patriam?
T.A.R. Marche, Ancona, Sezione I, 14 agosto 2018
E' possibile sostenere che l'autotutela possessoria, riservata dall'art. 823, comma 2 c.c. alla tutela dei beni demaniali, possa essere estesa anche ai beni del patrimonio indisponibile?
Consiglio di Stato, Sez. V, 30 luglio 2018
Il pagamento dei canoni e l’introito delle relative somme da parte dell’Amministrazione dopo l’intervenuta scadenza del titolo, può considerarsi di per sé rinnovo tacito della concessione demaniale?
T.A.R. Lombardia, Brescia, Sezione I, 9 luglio 2018
Lo strumento dell’autotutela possessoria codificato per i beni demaniali (v. art. 823 comma 2 c.c.), può essere utilizzato anche per i beni patrimoniali indisponibili?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 6 giugno 2018
Sul generale obbligo di attivare procedure competitive ogni qualvolta si debbano assegnare beni pubblici suscettibili di sfruttamento economico, e sulla declinazione di tale medesimo principio con riferimento all’utilizzo di una porzione del lido del mare per l’esercizio di attività ricreativa.
T.A.R. Puglia, Lecce, Sezione I, 7 giugno 2018
Sulla proroga automatica delle autorizzazioni demaniali marittime e lacuali in essere per finalità turistico-ricreative.
T.A.R. Puglia, Lecce, Sezione I, 7 giugno 2018
Il rilascio di una concessione demaniale richiede necessariamente l'espletamento di una procedura ad evidenza pubblica?
T.A.R. Lazio, Roma, Sez. II-bis, 23 maggio 2018
L'inclusione nell'“elenco di beni demaniali del registro inventariale dei beni del patrimonio comunale” ha natura costitutiva della stessa demanialità del bene?
T.A.R. Puglia, Lecce, Sez. I, 22 maggio 2018
In quali casi il concessionario di un bene demaniale può vantare una aspettativa al rinnovo del rapporto?
T.A.R. Puglia, Lecce, Sez. I, 25 maggio 2018
Sulla possibilità o meno di mantenimento annuale delle strutture funzionali alla balneazione.
T.A.R. Marche, Ancona, 21 maggio 2018
Precisazioni sugli indennizzi dovuti per le utilizzazioni senza titolo concessorio (ovvero difformemente da quest'ultimo) di beni e pertinenze del demanio marittimo e di zone del mare territoriale.
T.A.R. Toscana, Firenze, Sezione I, 17 maggio 2018
E' corretto affermare che gli immobili di proprietà pubblica (appartenenti al patrimonio disponibile) possono essere alienati solo attraverso pubblici incanti o aste pubbliche?
T.A.R. Molise, Campobasso, Sezione I, 23 aprile 2018
Sulla decadenza dalla concessione demaniale marittimo: gravità dell'inadempimento e principio di proporzionalità e gradualità dell'azione amministrativa.
T.A.R. Lombardia, Brescia, Sezione I, 27 aprile 2018
In quali ipotesi e seguendo quale iter gli impianti sportivi di proprietà comunale possono legittimamente transitare dal patrimonio indisponibile al patrimonio disponibile dell'ente?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 16 aprile 2018
A quali particolari condizioni deve essere sottoposto un bene per poter essere considerato appartenente alla categoria dei beni patrimoniali indisponibili?
T.A.R. Campania, Napoli, Sezione VII, 17 aprile 2018
Ai fini della realizzazione di opere su beni demaniali è possibile affermare che il nulla osta della Soprintendenza Archeologica sia idoneo a sopperire alla mancanza della autorizzazione dell'autorità demaniale stessa?
T.A.R. Sicilia, Palermo, Sezione III, 20 aprile 2018
Il manufatto ricadente sul demanio marittimo e realizzato successivamente alla scadenza della concessione demaniale può essere sanato in ragione del fatto che il privato anche una volta scaduta la concessione ha continuato corrispondere il canone all'Amministrazione?
T.A.R. Puglia, Lecce, Sezione I, 13 aprile 2018
Sulla possibilità o meno di ottenere il rilascio di una concessione demaniale in assenza di una procedura ad evidenza pubblica.
T.A.R Puglia, Bari, Sezione III, 13 aprile 2018
L'ordine di demolizione avente ad oggetto abusi posti in essere su aree demaniali può essere indirizzato all'utilizzatore anziché a colui che ha effettivamente edificato l'abuso?
Consiglio di Stato, Sezione V, 3 aprile 2018
In presenza di quali condizioni può procedersi alla revoca di una concessione di un bene demaniale?
T.A.R. Sardegna, Cagliari, Sezione I, 6 marzo 2018
Sulla potestà di autotutela sui beni facenti parte del patrimonio indisponibile: teoria dei poteri impliciti.
T.A.R Sardegna, Cagliari, Sezione I, 20 febbraio 2018
Sul procedimento di delimitazione delle aree demaniali marittime, previsto e disciplinato dall'art. 32 del codice della navigazione.
Consiglio di Stato, Sezione VI, 13 febbraio 2018
[A] Sul potere (e le relative peculiarità) esercitato dalla Soprintendenza nel procedimento di rilascio dell’autorizzazione paesaggistica. [B] Può ammettersi che una legge regionale introduca innovazioni al regime della compatibilità paesaggistica come regolata dall'art. 146 del d.lgs. n. 42 del 2004? [C] L'autorizzazione al mantenimento della struttura balneare può modularsi differentemente a seconda del periodo (invernale o estivo) di riferimento?
T.A.R. Lombardia, Milano, Sezione I, 28 dicembre 2017
Può essere ritenuto legittimo il canone ricognitorio imposto per le “occupazioni permanenti del demanio e del patrimonio?
T.A.R. Puglia, Bari, Sezione III, 28 dicembre 2017
[A] Che rilevanza possono assumere, ai fini della determinazione dell’effettiva proprietà di un bene, le sue risultanze catastali? [B] Sull'operatività dell'istituto dell'usucapione in favore della P.A. che abbia illegittimamente occupato un fondo privato.
T.A.R. Toscana, Firenze, Sezione III, 12 dicembre 2017
Sulla decadenza dalla concessione demaniale: è possibile affermare che l'installazione di manufatti privi di titolo abilitativo risulti di per sé sufficiente ai fini della declaratoria di decadenza del titolo?
T.A.R. Toscana, Firenze, Sezione III, 12 dicembre 2017
Ai fini dell'esecuzione di opere edilizie su suoli demaniali è sufficiente il semplice provvedimento di concessione demaniale, ovvero occorre anche l'ulteriore ed autonomo titolo edilizio comunale?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 18 dicembre 2017
Quali sono gli effetti estintivi della autorizzazione o concessione ottenuta successivamente alla occupazione di area demaniale marittima rispetto al reato di cui agli artt. 54 e 1161 c. nav. integrato con la precedente abusiva occupazione?
T.A.R. Molise, Campobasso, Sezione I, 1 dicembre 2017
Nelle concessioni che prevedono la realizzazione di infrastrutture da parte del concessionario, il pagamento del canone riguarda soltanto l'utilizzo del suolo ovvero anche quello dei manufatti?
T.A.R. Marche Ancona, Sezione I, 22 novembre 2017
Sull'autotutela possessoria di cui all'art. 378 RD 2248 del 1865, con particolare riferimento all'onere motivazionale.
T.A.R. Toscana, Firenze, Sezione III, 16 novembre 2017
Il concetto di abuso del titolo concessorio demaniale può farsi coincidere meccanicamente con quello analogo enucleato dalla normativa in materia edilizia?
T.A.R. Toscana, Firenze, Sezione III, 9 novembre 2017
Come deve comportarsi l'Amministrazione laddove ravvisi il difetto originario dei presupposti sulla cui base è stata precedentemente attribuita una concessione demaniale o consentito il subingresso nella stessa?
T.A.R. Puglia, Bari, Sezione III, 6 novembre 2017
L'autotutela possessoria di diritto pubblico presuppone necessariamente la titolarità di un diritto reale di uso pubblico o l'esistenza di una pubblica via vicinale? L'Amministrazione comunale può rimuovere gli ostacoli al libero transito (e quindi di ripristinare lo stato dei luoghi) per il solo fatto che sia configurabile una situazione di fatto di oggettivo pregiudizio del pubblico passaggio?
T.A.R. Abruzzo, L'Aquila, Sezione I, 27 ottobre 2017
Inquadramento normativo dell'istituto della "legittimazione delle terre di uso civico appartenenti ai Comuni, alle frazioni ed alle associazioni".
T.A.R. Sardegna, Cagliari, Sezione I, 27 ottobre 2017
E' corretto affermare che gli impianti sportivi di proprietà comunale appartengano al patrimonio indisponibile del Comune ai sensi dell'art. 826 c.c.? A dispetto del dato testuale di cui all'art. 832, comma II, c.c. può sostenersi che il potere di autotutela esecutiva possa essere utilizzato dalla P.A. anche a difesa dei beni del patrimonio indisponibile?
Consiglio di Stato, Sezione V, 16 ottobre 2017
Sulla servitù di uso pubblico in genere. Quest'ultima può sorgere per meri fatti concludenti?
T.A.R. Abruzzo, Pescara, Sezione I, 9 ottobre 2017
In quali ipotesi il contenzioso concernente i provvedimenti di rideterminazione del canone demaniale sulle concessioni demaniali marittime rientra nella cognizione del giudice amministrativo?
T.A.R. Toscana, Firenze, Sezione III, 11 ottobre 2017
Sull’art. 49, co. 1°, Cod. nav. (che stabilisce che “Salvo che sia diversamente stabilito nell'atto di concessione, quando venga a cessare la concessione, le opere non amovibili, costruite sulla zona demaniale, restano acquisite allo Stato, senza alcun compenso o rimborso, salva la facoltà dell'autorità concedente di ordinarne la demolizione con la restituzione del bene demaniale nel pristino stato”) e sulla dirimente distinzione tra le ipotesi in cui il rinnovo della concessione avviene in forza di una scelta discrezionale della p.a. e quelle in cui il rinnovo è vicenda automatica prevista dal legislatore.
T.A.R. Molise, Campobasso, Sezione I, 16 ottobre 2017
La c.d. determinazione di “presa d’atto” (con cui l’Amministrazione comunale prende atto di una sentenza del Consiglio di Stato e incarica il responsabile dell’Ufficio tecnico comunale di porre in essere tutti gli adempimenti tecnico-amministrativi finalizzati al recupero, nella demanialità dell’Ente, di un immobile) costituisce provvedimento amministrativo autonomamente impugnabile?
T.A.R. Veneto, Venezia, Sezione III, 26 settembre 2017
Il provvedimento di rilascio adottato dalla p.a., ai sensi dell'art. 823 comma 2 c.c., in caso di detenzione "sine titulo" da parte di un privato di un immobile facente parte del demanio pubblico o del patrimonio indisponibile, può essere oggetto di censure per eccesso di potere?
T.A.R. Campania, Napoli, Sezione II, 25 settembre 2017
[A] L’ordinanza di demolizione può legittimamente essere emanata nei confronti del proprietario dell’immobile non responsabile dell'esecuzione dell'intervento abusivo? [B] La sdemanializzazione tacita di una strada può desumersi dalla semplice circostanza che il bene non sia adibito all’uso pubblico ovvero che sia osservata tolleranza rispetto ad una occupazione da parte di privati?
Consiglio di Stato, Sezione IV, 18 luglio 2017
In tema di concessioni di beni pubblici coinvolgenti la pianificazione e la gestione del territorio, l'amministrazione gode di un potere vincolato o discrezionale?
T.A.R. Sicilia, Catania, Sezione III, 6 giugno 2017
[A] L’indicazione catastale è sempre da sola sufficiente a stabilire l’appartenenza di un’area al demanio? [B] Allorchè si versi in una situazione d'incertezza del confine tra area demaniale e proprietà privata, cosa deve fare l'Amministrazione procedente prima di adottare l'ingiunzione di sgombero?
T.A.R. Sicilia, Catania, Sezione III, 6 giugno 2017
Esaustiva ricostruzione dei presupposti necessari affinché l'area comunicante con la strada pubblica possa essere qualificata come demaniale.
T.A.R. Lombardia, Milano, Sezione I, 27 aprile 2017
Sulle concessioni di beni demaniali e di beni appartenenti al patrimonio indisponibile, con particolare attenzione all'applicazione (o disapplicazione) delle previsioni di cui all’art. all’art. 1, c. 18, d.l. n. 194/2009 e all’art. 24, c. 3 septies, d.l. n. 113/2016.
T.A.R. Liguria, Genova, Sezione I, 20 aprile 2017
Sull'art. 47 codice della navigazione e, in particolare, sulle modalità con le quali l’Amministrazione competente può addivenire alla declaratoria di decadenza della concessione demaniale: come si declinano in questa materia i principi di gradualità e di proporzionalità?Alla pubblica amministrazione si impone una previa diffida nei confronti del concessionario affinché il medesimo si conformi al contenuto dell’atto concessorio?
T.A.R. Sardegna, Cagliari, Sezione II, 12 aprile 2017
Sulla facoltà di utilizzo e sfruttamento della concessione demaniale marittima: la realizzazione di alcuni chioschi per lo svolgimento di un’attività produttiva commerciale di vendita al dettaglio nel settore non alimentare non ancorati né infissi al suolo può assumere il carattere di precarietà?
T.A.R. Puglia, Bari, Sezione III, 10 aprile 2017
Le funzioni di autotutela esecutiva ex art. 54 Codice della Navigazione, applicazione specifica nel settore del potere di “polizia demaniale” previsto per i beni pubblici dall’art. 823 co. 2 c.c., possono rientrare nella competenza dell’amministrazione comunale?
Consiglio di Stato, Sezione V, 30 marzo 2017
Quand'è che può essere affermata la giurisdizione del giudice amministrativo sul contenzioso concernente i provvedimenti di rideterminazione del canone demaniale sulle concessioni marittime?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 17 febbraio 2017
Sulle opere non amovibili costruite sulla zona demaniale data in concessione: in quali ipotesi l'opera può essere inquadrata nella categoria delle “opere inamovibili o di difficile rimozione”?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 14 febbraio 2017
Sulla applicabilità delle disposizioni della legge n. 1089 del 1939 ai beni «delle province, dei comuni e degli enti e degli istituti legalmente riconosciuti», quando essi non siano stati individuati negli elenchi che i rappresentanti dei medesimi enti avrebbero dovuto redigere.
T.A.R. Sardegna, Cagliari, Sezione I, 6 febbraio 2017
L’affidamento in concessione di una minima parte di litorale contrasta con la presenza di usi civici?
T.A.R. Lazio, Latina, Sezione I, 23 gennaio 2017
La mancata rimozione dell’infrastruttura al termine della stagione può integrare una violazione di obblighi del concessionario così grave da compromettere “con carattere di definitività il proficuo svolgimento del rapporto” determinando così la decadenza dalla concessioe demaniale?
T.A.R. Marche, Ancona, Sezione I, 23 gennaio 2017
La controversia relativa all’accertamento dei confini tra area privata e area demaniale spetta alla giurisdizione del g.o. o del g.a.?
T.A.R. Campania, Salerno, Sezione II, 2 gennaio 2017
Sull’art. 35, t.u. 6 giugno 2001 n. 380: a fronte dell’accertamento di interventi edilizi abusivamente realizzati su area demaniale, può l’Amministrazione discrezionalmente statuire di non provvedere alla rimozione degli stessi?
Consiglio di Stato, Sezione IV, 9 gennaio 2017
In presenza di quali presupposti l'Amministrazione può  esercitare il potere di autotutela possessoria ai sensi dell’articolo 823, comma 2 del codice civile?
T.A.R. Toscana, Firenze, Sezione I, 22 dicembre 2016  
Può il regolamento comunale assoggettare al pagamento del canone non ricognitorio le occupazioni del sottosuolo stradale non incidenti sulla pubblica fruizione della risorsa?
T.A.R. Toscana, Firenze, Sezione III, 20 dicembre 2016  
A quale giudice appartiene la giurisdizione circa i provvedimenti di diniego di condono edilizio adottati in ragione dell'ubicazione degli immobili in prossimità degli argini dei corsi d'acqua demaniali?
T.A.R. Campania, Napoli, Sezione VIII, 1 dicembre 2016  
 
[A]Quali questioni restando devolute al giudice amministrativo in materia di concessione di impianti sportivi di proprietà comunale? [B] In caso di affidamento in gestione di un impianto sportivo comunale, qual è l’elemento che distingue la concessione dall'appalto di servizi?
T.A.R. Lazio, Roma, Sezione II-Ter, 30 novembre 2016  
[A] Quand’è che l’occupazione di suolo pubblico si connota come abusiva? [B] Il rilascio di Osp costituisce un atto dovuto?
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sezione I, 15 dicembre 2016
Sui manufatti costruiti anteriormente al 1 settembre 1967 in area demaniale e senza l’assenso dell’ente proprietario
T.A.R. Vento, Venezia, Sezione II, 22 novembre 2016
Sull’estensione agli altri atti dell’annullamento dell’atto presupposto in tema di autorizzazione a titolo precario ad occupare delle aree demaniali.
T.A.R. Marche, Ancona, Sezione I, 30 novembre 2016
Sulle concessioni di beni pubblici: quante rate devono essere rimaste insolute per giustificare la decadenza della concessione o la risoluzione del contratto di locazione?
T.A.R. Marche, Ancona, Sezione I, 30 novembre 2016
Che rilevanza assumono ai fini della qualificazione dei beni come appartenenti al patrimonio indisponibile dello Stato le risultanze che emergono dai registri della Conservatoria Immobiliare? 
Consiglio di Stato, Sezione V, 23 novembre 2016
Quale deve essere il criterio di affidamento utilizzato dall’amministrazione nelle ipotesi di domande concorrenti di uso riservato di un bene demaniale fruibile a scopi imprenditoriali?
T.A.R. Liguria, Genova, Sezione II, 11 novembre 2016
In assenza di puntuale riscontro nell’elenco delle acque pubbliche, un impluvio naturale (o un breve rio) può essere assimilato ad un corso d’acqua e dunque incluso tra i beni demaniali?
T.A.R. Calabria, Catanzaro, Sezione I, 17 novembre 2016
Le eventuali limitazioni all’uso o all’occupazione di un fondo apposte con autorizzazione paesaggistica possono essere derogate o superate da una diversa previsione contenuta nella concessione demaniale?
T.A.R. Calabria, Catanzaro, Sezione I, 17 novembre 2016
[A] Il provvedimento con cui viene ordinato il rilascio di area demaniale abusivamente occupata, adottata ex artt. 54 e 823 c.c., può ritenersi illegittimo allorché manchi di specifica indicazione dei manufatti “quanto a tipologia, dimensione, collocazione”? [B] Può ritenersi nullo per mancanza di oggetto il provvedimento che ordina il rilascio di area demaniale marittima senza chiarirne la demarcazione rispetto all’area patrimoniale disponibile, ma semplicemente facendo riferimento ai dati catastali?
T.A.R. Calabria, Catanzaro, Sezione II, 14 novembre 2016
In tema di opere abusive realizzate su suolo del demanio statale, l’ordine di ripristino dello stato dei luoghi deve essere preceduto da una “diffida non rinnovabile” nei confronti del responsabile dell’abuso?
T.A.R. Lazio, Roma, Sezione II-Bis, 3 novembre 2016
È legittima l’imposizione di un canone non ricognitorio a fronte della posa di cavi e tubi interrati sulla strada?
T.A.R. Campania Napoli, Sez. III, 23 settembre 2016
Sull’art. 3, co. 16 della legge n. 94 del 2009, il quale dispone per i casi di indebita occupazione di suolo pubblico il potere del sindaco, per le strade urbane, e del prefetto, per quelle extraurbane di ordinare l'immediato ripristino dello stato dei luoghi a spese degli occupanti e, se si tratta di occupazione a fine di commercio, la chiusura dell'esercizio fino al pieno adempimento dell'ordine e, comunque, per un periodo non inferiore a cinque giorni: in questi casi il potere esercitato dall’autorità amministrativa può sottrarsi all’ osservanza dei principi di proporzionalità e ragionevolezza? Può dunque ritenersi legittimo l'ordine di sospensione dell'attività di somministrazione di alimenti e bevande per cinque giorni a fronte di uno sconfinamento di mq. 7 dall’area in concessione per effetto del posizionamento di alcune sedie?
T.A.R. Molise, Sezione I, 26 settembre 2016
[A] In assenza di usi civici le aree boscate, date in uso dal Comune ad una associazione, possono essere qualificate come demanio comunale o come patrimonio indisponibile o, comunque, come bene pubblico destinato all’uso collettivo? [B] È necessaria una gara pubblica per la concessione in comodato d’uso di terreni per la ricerca e la vendita del tartufo?
T.A.R. Marche, Sezione I, 20 settembre 2016
Che veste assume il concessionario che, una volta scaduta la concessione demaniale, rimane nella detenzione del bene?
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-ter, 5 settembre 2016
Sui Piani di massima occupabilità delle vie e piazze del Centro storico: giustificazione e ratio
T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, Sezione I, 8 settembre 2016
Sulla giurisdizione relativa alla controversia che ha ad oggetto l’atto con il quale l’amministrazione rivolge al concessionario la richiesta di pagamento del canone concessorio, con particolare riferimento alla natura dell’avviso di pagamento
T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, 20 luglio 2016
La concessione di beni pubblici suscettibili di sfruttamento economico da parte di privati deve avvenire previo esperimento di procedure ad evidenza pubblica?
T.A.R. Liguria, Sezione I, 29 luglio 2016
Sulle disposizioni normative in tema di accesso pubblico alla battigia: la “destagionalizzazione” degli stabilimenti balneari fa venir meno l’obbligo di consentire l’accesso alla battigia?
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 29 giugno 2016
Sulla discrezionalità della scelta dell’autorità marittima in ordine all’uso del bene demaniale più proficuo e maggiormente rispondente all’interesse pubblico: può ritenersi legittimo il diniego di concessione demaniale facente riferimento a un generico contrasto col vigente piano spiaggia?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 26 luglio 2016
Deve ritenersi necessaria la “concessione lagunare in sanatoria” per l’occupazione di “una zona acquea lagunare con bilancione da pesca e relativo capanno in legno per ricovero attrezzi”?
T.A.R. Puglia, Lecce, Sezione I, 23 giugno 2016
A chi spetta la giurisdizione sulle controversie inerenti la legittimità del provvedimento di determinazione del canone di concessione di beni del demanio marittimo?
T.A.R. Puglia, Lecce, Sezione I, 23 giugno 2016
[A] Sull'utilizzazione del demanio marittimo: la preminenza dell'uso pubblico rispetto a quello privato è principio generale? [B] Sulla ammissibilità o meno della sdemanializzazione tacita. [C] Per la determinazione dell'appartenenza o meno di un bene al demanio marittimo - e quindi, per la definizione dell'oggetto della tutela penale - deve ritenersi necessaria la previa promozione del procedimento di delimitazione di cui all'art. 32 cod. nav.?
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-ter, 24 giugno 2016
Sull’istituto della dicatio ad patriam: quand’è che il g.a. può (e deve) risolvere la questione inerente al carattere pubblico ovvero privato di una strada, ovvero quella relativa alla sussistenza o meno di una servitù di uso pubblico sulla strada privata (eventualmente costituita anche mediante dicatio ad patriam)?
T.A.R. Liguria, Sezione I, 8 giugno 2016
Sull’istanza di “voltura” della concessione demaniale marittima: le disposizioni in materia di silenzio assenso sono applicabili allo specifico procedimento di cui all’art. 46, codice della navigazione?
T.A.R. Toscana, Sezione I, 24 maggio 2016
La circostanza che le aree di proprietà del privato siano destinate a impieghi funzionali allo svolgimento dell’attività portuale è sufficiente per sostenere che su di esse operi la capacità impositiva dell’Autorità portuale?
T.A.R. Toscana, Sezione III, 8 giugno 2016
L’ordinanza contingibile ed urgente può disporre, oltre alla pronta adozione delle misure necessarie a limitare i rischi che l’hanno giustificata, anche la rimozione delle opere realizzate su area demaniale marittima?
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 11 maggio 2016
[A] Sulla giurisdizione circa il contenzioso concernente i provvedimenti di rideterminazione del canone demaniale sulle concessioni marittime. [B] Sull’art. 49 del Codice della navigazione: l’acquisizione delle opere non amovibili costruite sulla zona demaniale, si verifica solo al termine del periodo di concessione ovvero anche al rinnovo della stessa?
T.A.R. Piemonte, Sezione II, 6 maggio 2016
Sulla nozione di “cittadini” nella legge sugli usi civici. L’esercizio dell’uso civico è limitato ai soli residenti anagrafici del Comune, ovvero si estende anche a soggetti esorbitanti rispetto alla popolazione anagrafica?
T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, 13 maggio 2016
A quale giudice spetta la giurisdizione circa le controversie in materia di rateizzazione del debito relativo all’assolvimento dell’imposizione dovuta a titolo di occupazione di spazi ed aree pubbliche?
T.A.R. Puglia, Lecce, Sezione I, 5 maggio 2016
A quale giudice deve rivolgersi il privato che contesti l’accertata demanialità di un bene per ottenere la tutela della propria situazione giuridica soggettiva?
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, 6 aprile 2016
La sottrazione di un bene collettivo all’uso generale e l’attribuzione di esso in uso temporaneo ai privati, comporta sempre e necessariamente la verifica della sussistenza di una concorrente finalità di pubblico interesse?
T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, 31 marzo 2016
[A] Autorevole ricostruzione della disciplina delle concessioni del demanio marittimo: dall'art. 37 del Codice della Navigazione, passando per la c.d. Direttiva Bolkestein, sino alla l. n. 221 del 2012. [B] Sulla sottoposizione ai principi di evidenza delle concessioni di aree demaniali marittime: la sussistenza di un’occasione di guadagno a soggetti operanti sul mercato è sufficiente ad imporre una procedura competitiva ispirata ai principi di trasparenza e non discriminazione?
T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, 31 marzo 2016
[A] Autorevole ricostruzione della disciplina delle concessioni del demanio marittimo: dall'art. 37 del Codice della Navigazione, passando per la c.d. Direttiva Bolkestein, sino alla l. n. 221 del 2012. [B] Sulla sottoposizione ai principi di evidenza delle concessioni di aree demaniali marittime: la sussistenza di un’occasione di guadagno a soggetti operanti sul mercato è sufficiente ad imporre una procedura competitiva ispirata ai principi di trasparenza e non discriminazione?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 9 marzo 2016
Può il comune adottare un provvedimento di demolizione ai sensi dell’art. 55 del Codice della navigazione?
T.A.R. Toscana, Sezione III, 9 marzo 2016
Nel caso in cui il problema della regolarità edilizia degli immobili presenti in uno stabilimento sia destinato a riproporsi anche per le stagioni balneari successive, può ritenersi che la scadenza stagionale della d.i.a. a cui si riferisce il provvedimento impugnato faccia venire meno l’interesse a ricorrere?
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, 13 gennaio 2016
Sulla diversità dell'interesse protetto dalle disposizioni del codice della navigazione (sicurezza della navigazione) rispetto a quello protetto della tutela paesaggistico-ambientale: il rilascio della autorizzazione da parte del responsabile del compartimento marittimo esplica effetto sanante sul reato di cui all’art. 163 del decreto legislativo 29 ottobre 1999 n. 490?
T.A.R. Sicilia, Palermo, Sezione III, 31 dicembre 2015
Quale ampiezza è possibile riconoscere al potere d’intervento della P.A. per il caso in cui l’attività di gestione di stabilimenti balneari (su aree in concessione) arrechi un evidente danno agli interessi tutelati dall’Amministrazione e quindi alla collettività?
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 31 dicembre 2015
Può l’illegittima retrocessione di una cappella funeraria fondare il risarcimento del danno per la lesione del diritto inviolabile della persona relativo al culto dei defunti?
T.A.R. Lazio Roma, Sezione III-Ter, 8 gennaio 2016
Che tipo di responsabilità sorge in campo all’Amministrazione che abbia emesso dei titoli concessori senza mai consegnare al concessionario il bene oggetto dei suddetti atti e comunque richiedendo il pagamento del canone e il relativo deposito cauzionale? In quali ipotesi può ritenersi configurata la responsabilità precontrattuale della p.a.?
T.A.R. Toscana, Sezione III, 14 dicembre 2015
Sulla variazione dei criteri di calcolo dei canoni dovuti dai concessionari di beni demaniali, in particolare di beni appartenenti al demanio marittimo: i dubbi di costituzionalità sollevati dal Consiglio di Stato relativamente alla variazione dei canoni riferiti alla specifica tipologia delle concessioni aventi a oggetto le strutture per la nautica da diporto, sono comunque giustificati?
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 22 dicembre 2015
[A] Sulla concessione cimiteriale: l’art. 92 del D.P.R. n. 285/1990 impone che le preesistenti concessioni perpetue vengano ricondotte a concessioni a tempo determinato? Può ritenersi legittima la decisione dell’Amministrazione di prevedere unilateralmente l’obbligo di richiedere il rinnovo della concessione, gravando di tale obbligo anche i titolari di concessioni non ancora venute a scadenza? [B] Che effetti ha l'insediamento del commissario ad acta rispetto al potere di provvedere che residua in capo alla Pubblica amministrazione anche dopo la scadenza del termine fissato dal giudice nella sentenza di ottemperanza?
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sezione I, 9 dicembre 2015
Che natura ha l’atto di incameramento relativo alle opere non amovibili costruite dal concessionario e adottato in conseguenza del decorso del termine finale della concessione demaniale?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 10 dicembre 2015
Nella vigenza dell’art. 4, legge 28 gennaio 1977, n. 10, doveva considerarsi precluso agli amministratori di considerare sufficiente l’avvio formale dell’istruttoria del procedimento di rilascio della concessione demaniale per l’emissione di un titolo abilitativo edilizio (pur sospensivamente condizionato al positivo esito di tale istruttoria)?
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, 26 novembre 2015
Sulla sdemanializzazione tacita: può il mancato uso prolungato per circa un quarantennio della strada comunale essere assunto quale fatto concludente di univoca interpretazione da cui trarre con certezza la rinuncia alla funzione pubblica del bene?
T.A.R. Puglia, Lecce, Sezione I, 24 novembre 2015
[A] Sulla nozione di stabilimento balneare: la circostanza che “i soggetti che avrebbero usufruito dell’area in esame sarebbero stati: “… gli ospiti della struttura alberghiera e non solo questi ultimi” impedisce tale qualificazione? [B] Può l’amministrazione adottare un atto di diniego di una concessione demaniale marittima fondandolo sulla volontà di riservare alla libera balneazione “… una delle poche aree rimaste liberamente fruibili per la balneazione nel tratto di fascia costiera di una certa località? Una tale motivazione è giuridicamente ineccepibile?
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-ter, 2 dicembre 2015
Sulla concessione OSP per l’esercizio di un’attività di tipo commerciale: nel delicato rapporto tra protezione dell’ambiente cittadino con caratteri di rilevanza storico, artistica, culturale ed ambientale e disciplina della libertà di iniziativa economica, quale ampiezza residua ai poteri della PA?
Consiglio di Stato, Sezione IV, 26 novembre 2015
Sul criterio di determinazione del canone d’affrancazione negli usi civici: la lettura dell’art. 7 della l. 1766/1927 può portare alla conclusione che il riferimento al «valore dei diritti» implichi un dato immutabile e al più rivalutabile con gli indici ISTAT?
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 5 novembre 2015
[A] Sull’introduzione del canone concessorio non ricognitorio. [B] Sul rapporto tra il canone non ricognitorio ed il canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche, o la tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche: è legittimo il regolamento che non esclude il cumulo tra il canone concessorio non ricognitorio e la TOSAP?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 6 novembre 2015
Sull’attribuzione in concessione di aree del demanio marittimo: qual è il presupposto che impone una procedura competitiva ispirata ai principi di trasparenza e non discriminazione? L’obbligo di affidare le concessioni in questione all’esito di procedure ad evidenza pubblica dipende dal carattere stricto sensu commerciale dell’iniziativa?
Consiglio di Stato, Sezione V, 6 novembre 2015
Sulla sostanziale proroga ex lege delle concessioni demaniali marittime in scadenza al 31 dicembre 2015: profili di illegittimità de iure comunitario
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 5 novembre 2015
[A] L’impugnazione del regolamento comunale per l'applicazione del canone concessorio non ricognitorio e le contestazioni relative all’avviso di pagamento appartengono a due giurisdizioni diverse? [B] Sul canone concessorio non ricognitorio: quest’ultimo può essere introdotto attraverso una disciplina generale ed astratta di natura regolamentare?
T.A.R. Abruzzo L’Aquila, Sezione I, 29 ottobre 2015
[A] Sul titolo valido a sorreggere l’affermazione del diritto di uso pubblico che consente all’Amministrazione comunale l’esercizio dell’autotutela possessoria e comunque l’inibitoria di iniziative edilizie intraprese dal privato. [B] Sui presupposti relativi all’accertamento dell’esistenza di una servitù pubblica di passaggio
Consiglio di Stato, Sezione V, 28 ottobre 2015
Laddove tale facoltà concerna un manufatto costruito su terreno demaniale, lo ius sepulchri non preclude l’esercizio dei poteri autoritativi da parte della pubblica amministrazione concedente
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-Ter, 3 settembre 2015
Può l’istituto del silenzio-assenso trovare applicazione anche per i procedimenti di concessione di occupazione di suolo pubblico?
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 15 ottobre 2015
[A] Sul limite massimo di prelievo realizzabile in dipendenza della medesima occupazione di suolo stradale. [B] Può una disciplina generale ed astratta di natura regolamentare legittimamente introdurre un canone concessorio non ricognitorio?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 14 agosto 2015
Sulla compatibilità o meno della normativa nazionale che, per effetto di successivi interventi legislativi, determina la reiterata proroga del termine di scadenza di concessioni di beni del demanio marittimo, rispetto ai principi comunitari della libertà di stabilimento, di non discriminazione e di tutela della concorrenza: il Consiglio di Stato solleva la questione pregiudiziale dinanzi alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea
T.A.R. Calabria, Reggio Calabria, 28 settembre 2015
[A] Sui rapporti tra il potere previsto dall’art. 35, d.p.r. n. 380/2001 e quello spettante all'Autorità marittima ai sensi dell'art. 54 cod. nav.: la sanzionabilità ai sensi dell'art. 54 cod. nav. determina l’“abusività edilizia” dell’opera? [B] La circostanza che il “manufatto di vecchissima costruzione” sia pervenuto in eredità agli odierni ricorrenti determina l’illegittimità dell’ordinanza di sgombero e demolizione adottata ex art. 35, d.p.r. n. 380/2001?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 30 settembre 2015
Sul provvedimento accertativo della decadenza di una concessione demaniale per mancato utilizzo della stessa da parte del concessionario
Consiglio di Stato, Sezione V, 30 settembre 2015
Quand’è che l’Amministrazione può recuperare il possesso dei beni di cui è proprietaria in regime di autotutela esecutiva di cui all'articolo 823, comma 2 del c.c. e quando, invece, è tenuta ad avvalersi dei mezzi ordinari di tutela previsti dal codice civile?
T.A.R. Lazio, Latina, Sezione II, 25 settembre 2015
Può il mancato rispetto dei confini tra la proprietà dei privati e le aree del Demanio Marittimo essere affermato sulla base del solo richiamo ad un accertamento effettuato un secolo fa con strumenti molto meno precisi di quelli messi a disposizione dalla tecnologia attuale?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 16 luglio 2015
Sulla decadenza anticipata da affidamento in concessione di area pubblica: in particolare sul rapporto tra inadempimento accertato e provvedimento lesivo adottato
Consiglio di Stato, Sezione VI, 15 settembre 2015
Sulla natura - discrezionale o vincolata- del provvedimento di decadenza da concessione demaniale marittima che si basi sulle ipotesi disciplinate dall'art. 47 del codice della navigazione
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-Ter, 3 settembre 2015
[A] Sull’ammissibilità del ricorso notificato via PEC in assenza dell’autorizzazione presidenziale di cui all’art. 52, comma 2, del c.p.a.. [B] Il pagamento del canone Cosap costituisce un tributo o un onere che va a controbilanciare il business delle aziende che utilizzano il suolo pubblico pertinente alle strade di proprietà dell’Ente per scopi commerciali con fini di lucro?
T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, 10 agosto 2015
Sulla correlazione tra titolo edilizio e annonario: presupposizione reciproca o univoca?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 12 giugno 2015
Il naturale arretramento della linea di battigia legittima i titolari degli spazi demaniali oggetto di erosione ad arretrare i chioschi balneari in misura corrispondente al fenomeno naturale a prescindere da un nuovo atto concessorio?
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-Ter, 7 agosto 2015
L’accertamento di un concreto pericolo per la sicurezza pubblica rappresenta uno dei presupposti necessari ai fini della legittimità della sanzione irrogata per abusiva occupazione di suolo pubblico?
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-Ter, 28 luglio 2015
Sulla latitudine espansiva del potere ripristinatorio riconosciuto all’Autorità comunale con riferimento alle occupazioni di suolo pubblico poste in essere in assenza di concessione; e, con essa, sulla legittima irrogabilità di misure temporaneamente interdittive
T.A.R. Puglia Bari, Sezione I, 28 luglio 2015
Sulla giurisdizione in materia di concessioni demaniali: controversie a contenuto meramente patrimoniale, e controversie in cui assume rilievo un potere di intervento della pubblica amministrazione
T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, 29 luglio 2015
[A] L’ordine di demolizione presuppone l’accertamento dell’elemento soggettivo integrante responsabilità a carico del suo destinatario? Posizione dell’utilizzatore di un bene abusivo realizzato su area demaniale [B] Sul destinatario dell’obbligo di bonifica
Consiglio di Stato, Sezione VI, 16 luglio 2015
L’occupazione abusiva di circa 15 mq. al di fuori dell’area oggetto di concessione (avente un’estensione complessiva di circa 147 mq.) può rappresentare un inadempimento degli obblighi convenzionali tale da giustificare la revoca della concessione?
T.A.R. Toscana, Sezione III, 30 giugno 2015
Sulla giurisdizione sulla controversia riguardante una concessione demaniale che interessa la fascia di rispetto fluviale
T.A.R. Molise, Sezione I, 12 giugno 2015
Sul criterio discretivo fra locazione (ma lo stesso vale per il comodato d’uso) e concessione di bene pubblico
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, 8 giugno 2015
[A] Sull'incertezza assoluta sulla data di commissione del reato o, comunque, sull'inizio del termine di prescrizione, in tema di reati edilizi [B] Quando la realizzazione di un'opera senza autorizzazione su area demaniale integra il reato permanente di abusiva occupazione e quando, invece, quello istantaneo di illecita innovazione?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 12 giugno 2015
Inquadramento di una fattispecie concreta astrattamente riconducibile ad ambiti materiali rientranti nelle competenze legislative rispettivamente dello Stato e delle Province autonome: applicazione del criterio della prevalenza alle opere di ampliamento di un aeroporto incidenti su una infrastruttura del demanio statale
Consiglio di Stato, Sezione V, 26 maggio 2015
Sulla giurisdizione in materia di concessione ad uso esclusivo di beni demaniali relativamente ai contenziosi tra il concessionario ed i terzi
T.A.R. Lazio Roma, Sezione I ter, 5 maggio 2015
Sulla giurisdizione in materia di impugnazione della deliberazione con la quale vengono fissati i canoni di concessione
T.A.R. Marche, Sezione I, 8 maggio 2015
Può il concessionario di un’area demaniale marittima, al fine di assicurare i servizi necessari nel proprio stabilimento balneare, sottoscrivere un accordo commerciale con altri soggetti per l’utilizzo in comune di talune strutture?
T.A.R. Marche, Sezione I, 8 maggio 2015
Sulla fondatezza e sulla meritevolezza dell’aspettativa del concessionario di un bene demaniale al rinnovo del rapporto
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, 4 maggio 2015
La concessione amministrativa di godimento di beni pubblici: giurisdizione e revoca
Avv. Ceruti. l. 147 del 2013 e determinazione dei canoni demaniali marittimi
Breve commento alle sentenze n. 180/2015 e n. 947/2015 del Tribunale di Venezia, seconda sezione civile (giudici monocratici, rispettivamente, dott.ssa Alessandra Ramon e dott.ssa Chiara Campagner)
T.A.R. Emilia Romagna, Sezione I, 27 aprile 2015
Sul valore della comunicazione rivolta al Ministero per i beni e le attività culturali, dalle Amministrazioni obbligate ex art. 5 D.lgs. 490/1999: sulla sufficienza o meno di tale comunicazione ai fini dell’inclusione del bene immobile nel demanio dello Stato
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 21 aprile 2015
Sul rapporto tra il cd. canone patrimoniale non ricognitorio (art. 27 del d.lgs. 1992 n. 285), connesso all’uso della sede stradale, e il canone per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche (COSAP - art. 63 del d.lgs. 1997 n. 446) ovvero la c.d. tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (TOSAP)
T.A.R. Molise, Sezione I, 17 aprile 2015
Sulla legittimità costituzionale o meno dell’art. 1, co. 18, del d.l. n. 194/2009, norma che dispone la proroga delle concessioni rilasciate per finalità turistico-ricreative
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II ter, 13 aprile 2015
Sul potere sanzionatorio del Sindaco in caso di indebita occupazione di suolo pubblico e sulla differenza tra l’ordinanza del Sindaco ex art. 3 co. 16 L. n. 94 del 2009 e quella ex art. 54 d.lgs. n. 267/2000
T.A.R. Toscana, Sezione I, 30 marzo 2015
[A] Sulla necessità che, in materia di contratti pubblici e di alienazioni di beni pubblici, l’amministrazione operi, di regola, con modalità che preservino la pubblicità degli affidamenti e l’utilizzo di procedure competitive selettive. [B] Sulla sorte delle costruzioni realizzate su suolo pubblico oggetto di concessione. [C] Sulla qualificazione del godimento concesso a terzi su un terreno pubblico come concessione-contratto ovvero come locazione
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, 18 febbraio 2015
[A] Sulla inclusione delle acque territoriali all’interno della nozione di territorio utilizzata dall’art. 3, comma 1 lett.e) DPR 380/2001. [B] Sulla soggezione al rilascio di concessione (ora permesso di costruire), della realizzazione di un pontile galleggiante per l'ormeggio di imbarcazioni da diporto, indipendentemente dal fatto che sia costituito o meno da una struttura muraria. [C] Sulla nozione di installazione di cui all’art. 3, comma 1 lett.e) DPR 380/2001 e, in particolare, sulla necessità o meno che l'opera sia "infissa" e che appoggio sia al "suolo” relativamente ai prefabbricati, strutture di qualsiasi genere, quali roulottes, camper, case mobili, imbarcazioni
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-Ter, 9 marzo 2015
Sulla latitudine espansiva del potere ripristinatorio riconosciuto all’Autorità comunale con riferimento alle occupazioni di suolo pubblico poste in essere in assenza di concessione; in particolare, sulla irrogabilità di misure temporaneamente interdittive quali la chiusura dell’esercizio commerciale per un periodo non inferiore a giorni cinque
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 6 marzo 2015
[A] Sul rapporto intercorrente tra il canone non ricognitorio e il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche ovvero con l’alternativa tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche. [B] Sulla possibilità di introdurre, direttamente ed unilateralmente, con atto autoritativo regolamentare generale ed astratto, il canone non ricognitorio di cui all’art. 27 del Codice della Strada
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 6 marzo 2015
[A] Sul rapporto intercorrente tra il canone non ricognitorio e il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche ovvero con l’alternativa tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche. [B] Sulla possibilità di introdurre, direttamente ed unilateralmente, con atto autoritativo regolamentare generale ed astratto, il canone non ricognitorio di cui all’art. 27 del Codice della Strada
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VI, 3 marzo 2015
[A] Sull’esistenza di controinteressati in caso di revoca dell’ordine di ripristino dello stato dei luoghi, e sugli eventuali obblighi procedurali a ciò connessi. [B] Sulle condizioni necessarie per l'attribuzione del carattere di demanialità comunale ad una via privata
T.A.R. Veneto, Sezione II, 26 febbraio 2015
Sugli usi civici, quali «esplicazione del diritto collettivo di godimento a favore della collettività utente e proprietaria dei beni»
T.A.R. Veneto, Sezione III, 24 febbraio 2015
Sull’incompetenza della Giunta Comunale a deliberare i criteri regolamentari per la concessione del suolo pubblico e sui margini che residuano
T.A.R. Toscana, Sezione III, 27 febbraio 2015
Sui rapporti tra diritto di superficie e beni demaniali, con riferimento ad un titolo concessorio che stabilisce di concedere ad una società di occupare un’area demaniale marittima allo scopo di mantenere un locale in muratura adibito a bar – ristorante e gelateria ed un’area asservita protetta da tenda frangisole– fronte mare
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, 23 febbraio 2015
[A] Il godimento dei beni pubblici, stante la loro destinazione alla diretta realizzazione di interessi pubblici, può essere legittimamente attribuito ad un soggetto diverso dall'ente titolare del bene - entro certi limiti e per alcune utilità - solo mediante concessione amministrativa. [B] Sul differente riparto di giurisdizione qualora il bene appartenga al patrimonio indisponibile anziché al patrimonio disponibile
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione I, 19 febbraio 2015
Sulla decadenza dalla concessione demaniale marittima per mancato pagamento del canone rateale
T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, 11 febbraio 2015
[A] Sull’accertamento della qualifica di “cimitero particolare”. [B] Sulla continuazione dell'esercizio di cimiteri particolari, sulla possibilità di cappelle private e gentilizie costruite fuori del cimitero e sulle costruzioni funerarie di Arciconfraternite
Consiglio di Stato, Sezione V, 10 febbraio 2015
Sulla legittimità della scelta dell’Amministrazione di precludere le occupazioni di suolo pubblico in presenza di divieti di fermata degli autoveicoli
Consiglio di Stato, Sezione VI, 2 febbraio 2015
Sulla discrezionalità che l’Amministrazione esercita con riferimento alla decadenza da concessione demaniale marittima
Consiglio di Stato, Sezione VI, 2 febbraio 2015
Sulla riconducibilità o meno dei punti di ormeggio per unità da diporto alla nozione di ‘strutture ‘turistico-ricreative’ ai fini della proroga della concessione demaniale di cui all’articolo 1, comma 18 del decreto-legge n. 194 del 2009
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 23 gennaio 2015
[A] Sul rapporto tra canone non ricognitorio e canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche. [B] Sulla legittimità del regolamento che introduca, in via generale ed astratta, direttamente ed unilateralmente, un canone non ricognitorio non tenendo conto dei singoli titoli concessori
Consiglio di Stato, Sezione V, 31 dicembre 2014
[A] L’atto di disdetta di un rapporto di concessione è un atto paritetico e non provvedimentale. [B] I pareri previsti dal testo unico degli enti locali non costituiscono requisito di legittimità delle deliberazioni alle quali si riferiscono
T.A.R Campania Napoli, Sezione VII, 22 gennaio 2015
Il diritto sul sepolcro già realizzato è un diritto soggettivo perfetto di natura reale assimilabile al diritto di superficie, suscettibile di affievolimento, degradando ad interesse legittimo, nei casi in cui esigenze di pubblico interesse
T.A.R. Toscana, Sezione III, 11 dicembre 2014
[A] Sul provvedimento abilitativo edilizio implicito [B] Nessun legittimo affidamento può consolidarsi in capo al destinatario dell’ingiunzione demolitoria allorquando l’abuso è stato commesso su area di proprietà pubblica
T.A.R. Toscana, Sezione III, 12 dicembre 2014
[A] Sulla giurisdizione amministrativa relativa ai provvedimenti di rideterminazione del canone demaniale per le concessioni marittime. [B] Sull’applicabilità dell’art. 1, comma 251, della legge n. 296/2006 alle concessioni in corso
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II-Ter, 10 novembre 2014
[A] Sui piani di massima occupabilità. [B] I piani di massima occupabilità rientrano nella categoria degli atti generali e di pianificazione
Consiglio di Stato, Sezione V, 7 novembre 2014
Costituisce una regola di buona amministrazione, imposta dall’art. 97 della Costituzione, quella che induce l’Amministrazione pubblica a valorizzare i propri beni e a ricavare dai suoi utilizzatori il massimo importo percepibile, sulla base di procedimenti precostituiti e trasparenti. Tranne i casi in cui l’importo dei canoni sia fissato rigidamente dalla legge e tranne anche i casi i cui ai beni pubblici sia conferita dalla legge la funzione di consentire la realizzazione di finalità sociali da essa individuate (ad es., i casi di assegnazione di alloggi alle persone che ne abbiano bisogno, a canoni inferiori a quelli di mercato, o di assegnazione a titolo gratuito ad enti per finalità culturali o di conservazione dell’ambiente, ecc.), è un imprescindibile dovere dell’Amministrazione pubblica quello di mirare alla riscossione degli importi più elevati
Consiglio di Stato, Sezione V, 14 ottobre 2014
[A] Sugli effetti procedimentali della successione temporale tra provvedimenti di tutela del patrimonio artistico e storico. [B] La concessione di suolo pubblico non attribuisce al concessionario alcun diritto d’insistenza, né alcuna aspettativa giuridicamente tutelata al rinnovo del rapporto
Consiglio di Stato, Sezione V, 14 ottobre 2014
Sulla giurisdizione competente a decidere in materia ius sepulchri nel caso venga disposta la revoca o la decadenza
Consiglio di Stato, Sezione V, 14 ottobre 2014
In merito al diritto di sepolcro e sulla ammissibilità o meno di una subconcessione
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 14 ottobre 2014
[A] Sulla disdetta di un rapporto di concessione amministrativa o.s.p. [B] La finalità essenziale dei PMO attiene ad una valutazione lata d’interesse pubblico suscettibile di applicazioni ripetute o ripetibili nel tempo
Consiglio di Stato, Sezione V, 14 ottobre 2014
Il potere attribuito ai singoli municipi di individuare la massima occupabilità delle aree rientranti nella propria circoscrizione territoriale non elide affatto la possibilità di escludere dalla concessione di suolo pubblico permanente specifiche zone
Consiglio di Stato, Sezione V, 2 ottobre 2014
[A] Laddove concerna un manufatto costruito su terreno demaniale, lo ius sepulchri non preclude l’esercizio dei poteri autoritativi da parte della pubblica amministrazione concedente [B] Sugli effetti dell’entrata in vigore di normativa successiva, diretta a regolamentare le concrete modalità di esercizio del ius sepulchri
T.R.G.A. Bolzano, 18 marzo 2014
Per l’attribuzione del carattere di demanialità comunale ad una via privata è necessario che con la destinazione della strada all’uso pubblico concorra l’intervenuto acquisto, da parte dell’ente locale, della proprietà del suolo relativo o di altro diritto reale immobiliare
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 21 marzo 2014
[A] I beni patrimoniali indisponibili, al pari di quelli demaniali, attesa la comune destinazione alla soddisfazione di interessi pubblici possono essere attribuiti in godimento a privati soltanto nella forma della concessione amministrativa, quale che sia la terminologia adottata nella convenzione. [B] Sulla giurisdizione del giudice amministrativo per il contenzioso relativo ai provvedimenti di rideterminazione del canone demaniale per le concessioni marittime
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 18 marzo 2014
La natura dell’atto di concessione amministrativa o.s.p. conferisce al Comune una serie di prerogative, volte a regolare l’uso temporaneo del bene in alcune aree della città, in prevalenza situate nel centro storico, dove l’occupazione del suolo pubblico è limitata dall’esistenza di un preponderante pubblico interesse diretto alla salvaguardia del patrimonio storico-culturale
T.A.R. Lazio Roma, Sezione I Ter, 26 marzo 2014
Sul riparto di giurisdizione in materia di “usi civici”
C.G.A.R.S., 10 febbraio 2014
Il procedimento di delimitazione dell’area demaniale marittima previsto dall’art. 32 cod. nav. è indispensabile solo nel caso in cui ricorra un’oggettiva incertezza da superare mediante un formale contraddittorio sull’esatta posizione dei confini
T.A.R. Basilicata, Sezione I, 8 febbraio 2014
Sugli arredi dehors che poggiano su una pedana di legno, costituita da una struttura di ferro, i cui soli 12 pilastri poggiano sulla sede stradale, delimitata su tutti e quattro lati da ringhiere ed alla quale si accede tramite una scaletta di 4 gradini
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 27 febbraio 2014
La cessione di un diritto al sepolcro, tanto nel suo contenuto di diritto primario di sepolcro quanto nel suo contenuto di diritto sul manufatto, va in concreto configurata come voltura di concessione demaniale, sottoposta al requisito di efficacia della autorizzazione del concedente, ovvero del Comune
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 10 febbraio 2014
La cessione di un diritto di sepoltura privata, anche qualora consentita, non si può configurare come una semplice alienazione da privato a privato ma richiede costantemente – e tale è un punto dirimente della presente vicenda – l’intervento in positivo dell’autorità concedente
T.A.R. Toscana, Sezione II, 20 gennaio 2014
Non può essere riconosciuto alcun diritto soggettivo all’esercizio di una attività economica ambulante in luogo piuttosto che in un altro
T.A.R. Veneto, Sezione I, 30 gennaio 2014
L’affidamento in concessioni di beni pubblici, provocando un saldo attivo nell’economia dell’Amministrazione concedente, è soggetta a “pubblici incanti”
T.A.R. Toscana, Sezione II, 20 gennaio 2014
[A] Nel degli anni, il mercato di San Lorenzo è venuto smarrendo le sue caratteristiche storiche e tradizionali, come descritte nelle guide turistiche e nei resoconti dei viaggiatori citati da parte ricorrente, finendo con l’assumere i requisiti di un qualunque mercato rionale. [B] Sull’art. 16 del d.lgs. n. 59/2010 secondo cui “Nelle ipotesi in cui il numero di titoli autorizzatori disponibili per una determinata attività di servizi sia limitato per ragioni correlate alla scarsità delle risorse naturali o delle capacità tecniche disponibili, le autorità competenti applicano una procedura di selezione tra i candidati potenziali”. [C] Sulla Direttiva del 10 ottobre 2012 del Ministro per i beni e le attività culturali, concernente l'esercizio di attività commerciali e artigianali su aree pubbliche in forma ambulante di posteggio
T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, 19 dicembre 2013
L’inventario dei beni di un comune ha natura meramente ricognitiva e non costitutiva
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 10 gennaio 2014
La cessione di un diritto di sepoltura privata, anche qualora consentita, non si può configurare come una semplice alienazione da privato a privato
T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, 3 dicembre 2013
L’imposizione di corrispettivi aggiuntivi, rispetto al canone, al di fuori delle ipotesi previste e disciplinate dall’art. 63 dlgs 446/1997, ovvero a titolo di indennizzo una tantum “per gli scavi e gli interventi da effettuare sul copro stradale ai fini della posa e della manutenzione delle reti dei pubblici servizi”
T.A.R. Campania Salerno, Sezione I, 9 dicembre 2013
Deve escludersi la sussistenza di un diritto al rinnovo della concessione a fronte della discrezionalità di cui gode l’amministrazione in sede di rilascio della concessione del suolo pubblico
T.A.R. Campania Napoli, Sezione 25 novembre 2013
[A] La decadenza dalla concessione cimiteriale è in re ipsa rispetto a colui che si spoglia (a guisa quasi di rinuncia) del bene concesso, ponendo in crisi la stessa identificabilità “genetica” del rapporto concessorio. [B] Sulla responsabilità penale del soggetto che avendo una concessione cimiteriale dal Comune effettui la vendita facendosi rilasciare dall'acquirente una procura speciale per effettuare tutte le operazioni di polizia mortuaria
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 25 novembre 2013
Sulla cessione di un diritto di sepoltura privata con atto da privato a privato
T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, 28 novembre 2013
Sull’assoggettamento anche della concessione di beni a procedura competitiva
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 19 novembre 2013
Esula dalla giurisdizione del giudice amministrativo, e rientra in quella del giudice ordinario, la controversia relativa all'impugnazione di un provvedimento di sgombero di un'area che si assume demaniale, allorché la parte ricorrente contesti la demanialità dell'area stessa ed affermi che il manufatto da eliminare sorge, invece, su un'area di proprietà comunale
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 18 novembre 2013
Sull’atto di concessione amministrativa di occupazione di suolo pubblico e sulle particolari prerogative del Comune
T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, 12 novembre 2013
[A] Lo ius sepulchri può essere fatto valere alla stregua di un diritto reale soltanto nei confronti dei privati e non anche nei riguardi della amministrazione concedente, la quale esercita in questa direzione il proprio potere pubblicistico. [B] La cessione di un diritto di sepoltura privata, anche qualora consentita, non si può configurare come una semplice alienazione da privato a privato
T.A.R. Toscana, Sezione I, 7 novembre 2013
Quando si tratti di beni del patrimonio disponibile dello Stato o dei comuni, il cui godimento sia stato concesso a terzi dietro corrispettivo, al di là del nomen iuris che le parti contraenti abbiano dato al rapporto, viene a realizzarsi lo schema privatistico della locazione
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 5 novembre 2013
La cessione di un diritto al sepolcro, tanto nel suo contenuto di diritto primario di sepolcro quanto nel suo contenuto di diritto sul manufatto, va in astratto configurata come voltura di concessione demaniale
T.A.R. Sardegna, Sezione II, 28 ottobre 2013
Sulle concessioni cimiteriali perpetue preesistenti all’art. 92 del D.P.R. 10 settembre 1990 n 285
T.A.R. Sardegna, Sezione II, 28 ottobre 2013
Sulla richiesta di ampliamento meramente interno di una cappella familiare concessa in perpetuo
T.A.R. Sardegna, Sezione II, 28 ottobre 2013
Le concessioni cimiteriali perpetue sono quelle rilasciate (come tali e comunque) precedentemente al 1975
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 15 ottobre 2013
[A] Affinché un'area privata venga a far parte del demanio stradale, non è sufficiente che la strada sia posta all'interno di un centro abitato e che su di essa si esplichi di fatto il transito pubblico. [B] La specifica qualità della strada, come bene immobile a sé stante distinto dal suolo su cui accede, si pone in conflitto con l’obbligo di restituzione dell’area illegittimamente appresa ed il conseguente regime di cui all’art. 936 cod.civ. [C] Il Collegio solleva d’ufficio la questione circa la non accoglibilità della domanda di restituzione del bene ablato, previa riduzione in pristino stato, ostandovi la natura di bene demaniale dell’opera pubblica realizzata sul terreno dei ricorrenti
T.A.R. Sardegna, Sezione I, 8 ottobre 2013
La controversia avente a oggetto la debenza dell’indennizzo a titolo di occupazione abusiva di area demaniale appartiene alla giurisdizione del giudice ordinario
Consiglio di Stato, Sezione V, 26 settembre 2013
Anche allorquando una concessione di suolo pubblico sia scaduta, la tollerata occupazione del bene non radica alcuna posizione di diritto o di interesse legittimo in capo all’occupante
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, 23 settembre 2013
Sulla giurisdizione competente riguardo all’impugnazione dell’ordinanza di rilascio di un immobile sul presupposto della sua demanialità, a dispetto della sua appartenenza al patrimonio comunale disponibile, laddove il privato occupante proponga opposizione chiedendo l’accertamento del proprio diritto sul bene derivante da un contratto di diritto privato
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 4 settembre 2013
La cessione di un diritto di sepoltura privata, anche qualora consentita, non si può configurare come una semplice alienazione da privato a privato ma richiede costantemente – e tale è un punto dirimente della presente vicenda – l’intervento in positivo dell’autorità concedente
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 4 settembre 2013
Lo ius sepulchri può essere fatto valere alla stregua di un diritto reale soltanto nei confronti dei privati e non anche nei riguardi dell’amministrazione concedente
Consiglio di Stato, Sezione VI, 16 agosto 2013
[A] L’amministrazione titolare del bene demaniale deve emanare atti secundum legem di gestione del proprio patrimonio: quando scade una concessione demaniale che non sia stata rinnovata, l’amministrazione senza indugio deve disporre il rilascio del bene, deve esercitare i propri poteri di autotutela per rientrare nella materiale disponibilità dell’area e deve chiedere il risarcimento dei danni, derivanti in re ipsa dalla altrui occupazione abusiva. [B] Quando la sanzione edilizia ha natura pecuniaria essa si trasmette ai subcquirenti a titolo particolare, nonché agli eredi, e grava su più coobligati in base al principio della solidarietà passiva
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, 7 agosto 2013
Gli spazi adiacenti alle strade comunali e gli scoli delle strade, a norma dell’art. 22 della legge 20/3/1865 n. 2248 all. F, si considerano con presunzione iuris tantum parti delle strade
T.A.R. Puglia Bari, Sezione II, 1 agosto 2013
Sulla corretta interpretazione dell’art. 41 del codice della navigazione che così dispone in modo cristallino: “il concessionario può, previa autorizzazione dell’autorità concedente, costituire ipoteca sulle opere da lui costruite sui beni demaniali
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 29 luglio 2013
[A] Sulla distinzione tra il diritto primario al sepolcro, inteso come diritto ad essere seppellito ovvero a seppellire altri in un determinato sepolcro, diritto distinto a sua volta in sepolcro ereditario e sepolcro familiare o gentilizio. [B] Sulla cessione di un diritto di sepoltura privata
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 24 luglio 2013
In tema di legittimazione all’occupazione dei terreni di uso civico, la giurisprudenza ha affermato che le migliorie debbono consistere in opere preordinate alla coltivazione o comunque allo sfruttamento agricolo o zootecnico del suolo e alla soddisfazione dell'interesse agrario della collettività; non è sufficiente, cioè, una generica opera di miglioramento
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 19 luglio 2013
[A] Sulla ricostruzione dello jus sepulcri. [B] La cessione di un diritto al sepolcro, tanto nel suo contenuto di diritto primario di sepolcro quanto nel suo contenuto di diritto sul manufatto, va in astratto configurata come voltura di concessione demaniale, sottoposta al requisito di efficacia della autorizzazione del concedente
T.A.R. Liguria, Sezione II, 19 luglio 2013
[A] Sull’ordinanza di demolizione sottoscritta “per il dirigente”, da un funzionario titolare di posizione organizzativa del Comune. [B] La concessione di un’area demaniale non può porsi in funzione sostituiva del titolo abilitativo edilizio di competenza comunale
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 19 luglio 2013
La natura dell’atto di concessione amministrativa o.s.p., di conseguenza, conferisce al Comune una serie di prerogative, volte a regolare l’uso temporaneo del bene in alcune aree della città
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sezione I, 15 luglio 2013
[A] Sulla definizione della concessione contratto avente ad oggetto un bene demaniale. [B] Sull'accertamento delle nullità previste dalla speciale procedura di cui all'articolo 31, comma quattro, del C.p.a. [C] Sull'origine storica del porto franco di Trieste
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, 21 giugno 2013
[A] L'ente locale è titolare del potere di programmazione dell'assetto del territorio e della potestà discrezionale di pianificazione delle aree da destinare all'esercizio del commercio al dettaglio su suolo pubblico. [B] Sul potere di razionalizzare e configurare l’assetto da attribuirsi alle aree mercatali
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, 24 giugno 2013
Sul nuovo piano comunale che impone il rispetto delle nuove disposizioni in tema di uniformità ed omogeneità dell’occupazione di spazi pubblici mediante strutture precarie rivolto anche a soggetti già titolari di concessioni demaniali
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 7 giugno 2013
La natura “pubblica” dei diritti di uso civico comporta, in linea generale, l’applicazione dei principi di derivazione comunitaria, di concorrenza, parità di trattamento, trasparenza, non discriminazione, e proporzionalità, i quali non solo si applicano direttamente nel nostro ordinamento, ma debbono informare il comportamento della P.A., anche quando, come nel caso di concessioni di diritti su beni pubblici, non vi è una specifica norma che preveda la procedura dell'evidenza pubblica
T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sezione II, 6 giugno 2013
La Corte costituzionale, con sentenza n. 302/2010, ha escluso che l'articolo uno comma 251 della legge 296/2006 abbia leso l'affidamento dei cittadini nella sicurezza dei rapporti giuridici, in quanto l'intervento del legislatore, pur incidendo sui rapporti in corso, non è stato né improvviso ed imprevedibile, né ingiustificato rispetto allo scopo perseguito di assicurare maggiori entrate all'erario
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, 5 giugno 2013
La realizzazione di una spiaggia libera attrezzata implica necessariamente la sottrazione di un certo tratto di arenile alla libera ed incondizionata fruizione da parte di tutti i soggetti che intendono esercitare la balneazione nel sito
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 28 maggio 2013
Sui piani di massima occupabilità delle vie e piazze del centro storico
T.A.R. Toscana, Sezione II, 9 maggio 2013
Sull’art. 40, co. 7, della L.R. Toscana n. 28/2005 a tenore del quale “per motivi di pubblico interesse, di ordine pubblico e sicurezza o di igiene e sanità pubblica, resta salva la facoltà del comune di trasferire o modificare l'assetto del mercato, posteggi fuori mercato e fiere” e sul provvedimento con il quale il Comune di Firenze ha previsto lo spostamento dei banchi dal mercato di San Lorenzo
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 7 maggio 2013
Il D.L. n. 194/2009, concernente la proroga delle concessioni al 31 dicembre 2015 (a seguito delle ultime modifiche il termine è stato spostato al 31 dicembre 2020), non trova applicazione nei confronti delle concessioni demaniali temporanee e stagionali, che costituiscono una categoria diversa di concessioni
T.A.R. Basilicata, Sezione I, 17 aprile 2013
Il concessionario di un bene demaniale non può vantare alcuna qualificata aspettativa al rinnovo del rapporto
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 18 aprile 2013
È rimessa al potere ampiamente discrezionale dell’amministrazione marittima la valutazione di quale tra i vari usi del bene demaniale si presenti nel caso singolo più proficuo e conforme all’interesse della collettività
T.A.R. Sicilia Catania, Sezione III, 11 aprile 2013
Sull’ingiunzione di sgombero adottata in carenza dell’indispensabile presupposto per il legittimo esercizio del potere di autotutela del demanio marittimo scaturente dal necessario procedimento di delimitazione del confine tra proprietà privata e demaniale secondo le regole dettate dall’art. 32 del cod. nav.
T.A.R. Umbria, Sezione I, 12 aprile 2013
Rientrano nella giurisdizione del G.O. le controversie relative all’impugnazione di provvedimenti amministrativi allorché la parte ricorrente contesti la demanialità dell'area stessa
Consiglio di Stato, Sezione IV, 26 marzo 2013
[A] Sugli "usi civici" sono diritti reali millenari di natura collettiva, volti ad assicurare un’utilità o comunque un beneficio ai singoli appartenenti ad una collettività. [B] Le terre appartenenti ai diritti civici risultano, di norma, incompatibili con l'attività edificatoria. [C] Sul rispetto dei cardini della pubblicità, imparzialità, trasparenza e non discriminazione nelle procedure dirette a consentire l’utilizzazione di terreni soggetti ad usi civici. [D] Sull’autorizzazione per lo sfruttamento “in deroga” ex art. 12 della l. n.1766 di terreni gravati da usi civici, attraverso l’esperimento di una procedura di "project financing"
T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, 27 marzo 2013
[A] Affinché un bene non appartenente al demanio necessario possa rivestire il carattere pubblico proprio dei beni patrimoniali indisponibili, in quanto destinati ad un pubblico servizio, deve sussistere un doppio requisito. [B] Sul divieto di rinnovo tacito dei contratti riguardo alle concessioni di servizi pubblici
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 4 aprile 2013
Sui piani di massima occupabilità delle vie e piazze del centro storico
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 4 aprile 2013
L’amministrazione comunale, nel rilascio di una nuova concessione o.s.p., effettua una valutazione dei contrapposti interessi, l’uno di carattere imprenditoriale, finalizzato allo sfruttamento commerciale del territorio per ottenere un vantaggio economico, l’altro di natura pubblicistica, diretto alla salvaguardia del patrimonio storico-culturale
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 19 marzo 2013
Sui piani di massima occupabilità delle vie e piazze del centro storico che trovano la loro giustificazione nell’esigenza dell’amministrazione comunale di individuare forme omogenee di fruizione di spazi pubblici da parte di operatori commerciali in luoghi di notevole interesse pubblico
T.A.R. Piemonte, Sezione I, 20 marzo 2013
Sull’esercizio del potere sindacale contemplato dall'art. 378 L. n. 2248/1865 all. F, quale ipotesi di autotutela possessoria iuris publici, in tema di strade sottoposte al transito pubblico
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, 11 marzo 2013
Sul bene appartenente al patrimonio indisponibile del Comune occupato sine titulo e sul provvedimento impugnato adottato ai sensi dell’art. 823, comma 2, cod. civ. senza dare la preventiva comunicazione dell’avvio del procedimento
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione II, 12 marzo 2013
Sui beni pubblici per i quali è ammesso, ai sensi dell’art. 823 comma secondo codice civile, il potere di autotutela esecutiva che spetta all’autorità amministrativa, in alternativa ai mezzi ordinari a difesa della proprietà
T.A.R. Toscana, Sezione III, 8 marzo 2013
Sul provvedimento accertativo della decadenza di una concessione demaniale per mancato utilizzo della stessa da parte del concessionario
T.A.R. Veneto, Sezione III, 8 marzo 2013
[A] Sui produttori iniziali di rifiuti pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto dei propri rifiuti pericolosi in quantità non eccedenti trenta chilogrammi o trenta litri al giorno. [B] Sulla produzione di rifiuti negli arenili degli stabilimenti balneari
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, 8 marzo 2013
Sulle disposizioni che attribuiscono al Sindaco un potere di autotutela di carattere possessorio, finalizzato alla conservazione dello stato di fatto dei beni demaniali comunali e delle strade comunali soggette ad uso pubblico, a prescindere dall'effettiva esistenza di un diritto reale di servitù pubblica di passaggio
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, 22 febbraio 2013
[A] Sull’esercizio del potere di autotutela previsto dall’art. 823 comma 2 cit. e funzionale all’esigenza di ripristinare la legalità violata nell’utilizzazione e destinazione di beni pubblici. [B] Sulla decadenza o meno del potere di autotutela una volta decorso il termine di un anno dal sofferto spoglio o dalla conoscenza dell'avvenuta turbativa
T.A.R. Molise, Sezione I, 15 febbraio 2013
Sulla presunzione di demanialità di un vicolo posto nel centro abitato ed adiacente alla strada comunale
T.A.R. Lazio Roma, Sezione I Ter, 7 febbraio 2013
Sui beni aggravati da usi civici assimilati ai beni demaniali
Consiglio di Stato, Sezione VI, 29 gennaio 2013
Sulle normative che prevedono proroghe automatiche in tema di concessioni demaniali marittime
T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione II, 21 dicembre 2012
L’occupazione di una porzione di suolo pubblico si configura come una vera e propria concessione d’uso, ossia alla stregua di un provvedimento espressione di un potere pubblicistico ampiamente discrezionale
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 21 dicembre 2012
[A] Sull’ordinanza che intenda effettuare una estensione delle zone di divieto di commercio ambulante ad ulteriori zone comprese in perimetri del territorio comunale di notevoli dimensioni e vastità. [B] Sulla legge regionale recante un divieto di commercio in forma itinerante nei centri storici dei comuni della Regione interessata aventi popolazione superiore ai 50 mila abitanti
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione II, 12 dicembre 2012
[A] L’autotutela esecutiva della P.a. delinea un’area di esenzione dall’applicazione concreta di quelle disposizioni che il codice penale dedica al reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose, di cui all’art 393 c.p. [B] Sulla tipologia di beni in relazione ai quali alla P.A. è inibito l’esercizio dei poteri di autotutela esecutiva
T.A.R. Sardegna, Sezione II, 14 dicembre 2012
Sull’impossibilità da parte del privato di usucapire le opere di urbanizzazione
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, 14 dicembre 2012
A fronte di un’istanza di sanatoria l’interessato può esigere che l’Amministrazione “tenga conto dell'eventuale sanabilità dell'occupazione prima di ingiungere lo sgombero del demanio”
Consiglio di Stato, Sezione VI, 10 dicembre 2012
[A] Sulla giurisdizione competente in merito all’attribuzione a privati di beni del demanio o del patrimonio indisponibile dello Stato o del Comune nonché alla richiesta del concessionario di bene demaniale di risarcimento dei danni per inadempimento dell'amministrazione. [B] Sulla diffida ad adempiere e sulla risoluzione contrattuale ai sensi dell’art. 1454 c.c. [C] E’ illegittima la richiesta di una variazione essenziale dell’oggetto originario della procedura di project financing in quanto si realizzerebbe nei fatti una procedura del tutto nuova e diversa rispetto a quella originaria. [D] Ai fini di cui all’articolo 1453 Cod. civ., non rilevano i rapporti interni fra il concessionario e i suoi appaltatori
T.A.R. Toscana, Sezione III, 7 dicembre 2012
Sulla clausola di preferenza a favore degli enti pubblici nel rilascio delle concessioni demaniali marittime
T.A.R. Marche, Sezione I, 10 dicembre 2012
La concessione di occupazione di suolo pubblico è per sua natura “precaria”
T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione II, 10 dicembre 2012
L’art. 5-bis del DL 143/2003 è una norma finalizzata al consolidamento di situazioni per sé illegittime, e dunque non si oppone alla regolarizzazione per gradi delle costruzioni che sconfinano su aree demaniali
Consiglio di Stato, Sezione V, 5 dicembre 2012
Sui presupposti che devono sussistere affinché un'area privata possa ritenersi sottoposta ad una servitù pubblica di passaggio
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione I, 22 novembre 2012
La concessionaria di un bene pubblico non è titolare (indipendentemente dalla durata del rapporto di concessione) di alcuna aspettativa al rinnovo di un rapporto
T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, 20 novembre 2012
[A] Sul rapporto tra concessione demaniale marittima e autorizzazione paesaggistica. [B] L’art. 19 della legge n. 241 lascia espressamente fuori dall’ambito applicativo della SCIA gli atti rilasciati dalle amministrazioni preposte alla pubblica sicurezza
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 17 novembre 2012
Sui limiti al divieto che possono introdurre i comuni all'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche in forma itinerante
T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sezione I, 7 novembre 2012
Sull’art. 49 del codice della navigazione e sull’automaticità della produzione dell’effetto traslativo al tempo dello spirare della concessione
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 7 novembre 2012
L'art. 55 cod. nav., che pone a carico di chi intende procedere all'esecuzione di nuove opere entro una zona di 30 metri dal demanio marittimo o dal ciglio dei terreni elevati sul mare l'onere di conseguire l'autorizzazione del capo del compartimento, non prevede alcuna disposizione transitoria
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 25 ottobre 2012
Sull’art. 1 comma 18 del D.L. 194/2009, convertito in L. 25/2010, che ha eliminato il cd. “diritto di insistenza” prima vigente nella materia concessoria
T.A.R. Abruzzo L’Aquila, Sezione I, 20 ottobre 2012
[A] Secondo l’ordinario criterio di riparto di giurisdizione fondato sulla distinzione tra diritto soggettivi e interessi legittimi, le controversie in materia di delimitazione del demanio marittimo rientrano nella giurisdizione del giudice ordinario. [B] L’atto di delimitazione si configura come “proiezione specifica della normale azione di regolamento dei confini di cui all’art. 950 c.c.”
Consiglio di Stato, Sezione VI, 24 settembre 2012
Sulla possibilità o meno che il titolo edilizio sia compreso nella concessione demaniale
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 6 settembre 2012
Sulla legittimità o meno del diniego di una preesistente concessione di spazio pubblico antistante un esercizio commerciale
T.A.R. Sardegna, Sezione II, 10 settembre 2012
Ove il Comune abbia autorizzato la realizzazione di manufatti edilizi in un’area demaniale, la scadenza del termine della concessione non determina l’abusività, sotto il profilo edilizio, delle opere in precedenza realizzati in base ad una concessione edilizia
T.A.R. Toscana, Sezione III, 27 agosto 2012
[A] Sull’atto con il quale il Consiglio comunale delibera la cessione di una superficie che, in quanto facente parte di strada pubblica, soggiace al regime proprio del demanio. [B] La sottrazione al regime proprio del demanio deve essere oggetto di apposito espresso provvedimento
T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione II, 23 agosto 2012
[A] L'ente locale, qualora ritenga di destinare un'area pubblica ad una destinazione ritenuta più adeguata alle sue caratteristiche, è libero di non procedere al rinnovo della precedente concessione di suolo pubblico. [B] Sugli obblighi che gravano sul concessionario in seguito al termine della concessione stessa
T.A.R Veneto, Sezione III, 21 agosto 2012
[A] Le modalità materiali con le quali l’Amministrazione ha provveduto ad effettuare il sopralluogo sull’area non incidono sulla legittimità degli atti amministrativi adottati a seguito degli elementi istruttori acquisiti nel corso del medesimo, ma possono semmai essere oggetto di valutazione in altre sedi giurisdizionali. [B] Sull’attività di carattere commerciale svolta in un box che insiste su un’area pubblica in regime di concessione
T.A.R. Sicilia Catania, Sezione III, 25 luglio 2012
Sui piani di utilizzo delle aree marittime ai sensi della L.R. Sicilia n. 15 del 2005 e le linee-guida per la redazione dei P.U.D.M. adottate con il Decreto Assessorile 25 maggio 2006, modificato e integrato dal Decreto Assessorile Decreto Assessorile 4 luglio 2011
T.A.R. Toscana, Sezione III, 23 luglio 2012
Il Comune, in alternativa alla pubblicazione dell’istanza di rinnovo della concessione demaniale marittima, ben può indire una procedura selettiva aperta, alla quale può partecipare anche il precedente concessionario
T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, 25 luglio 2012
E’ escluso che l’ente comunale sia titolare del potere di introdurre, a livello di fonte secondaria, la previsione di una prestazione patrimoniale aggiuntiva, avente in concreto l’effetto di aggravare l’onere economico del canone per l’occupazione del suolo pubblico
ANCI Toscana. La gestione del demanio marittimo in Toscana
In questo nuovo manuale tematico incentrato sulla gestione del demanio marittimo nell’ultimo decennio, Anci Toscana apre il giusto spazio di riflessione per fare il punto della situazione sul lavoro svolto, fornendo al contempo una guida che raccolga i principi di una determinata materia di competenza comunale. Il volume è stato elaborato in sinergia con Regione Toscana e INU Toscana
T.A.R. Sardegna, Sezione I, 19 luglio 2012
Il divieto di rinnovo automatico della concessione e il divieto di attribuire vantaggi al concessionario uscente, sanciti dalla direttiva 2006/123 /CE, sono stati recepiti dall'Italia, anche al fine di interrompere una procedura di infrazione in corso
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 20 luglio 2012
[A] Sull’applicabilità o meno dell'istituto del silenzio-assenso di cui all'articolo 20 della legge n. 241 del 1990 in relazione alle domande di rilascio di autorizzazioni, licenze e simili relative al settore del commercio su aree pubbliche. [B] Sulla cd. generalizzazione dell’istituto del silenzio-assenso conseguente alla riforma di cui alla legge 14 maggio 2005, n. 80
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 9 luglio 2012
[A] Sulla possibilità o meno di ricondurre i punti di ormeggio al genus delle concessioni aventi finalità turistico ricettiva e come tali soggetti a proroga ex lege. [B] Sul D.P.R. n. 509/1997, diretto a disciplinare il procedimento di concessione dei beni del demanio marittimo destinati alla nautica da diporto. [C] Sulla sussistenza o meno di un contrasto tra la proroga delle concessioni demaniali ex legge n. 25/2010 e la Direttiva servizi
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 3 luglio 2012
L'incompatibilità del meccanismo del rinnovo automatico delle concessioni demaniali marittime col diritto comunitario è stata ancora una volta evidenziata con la procedura di infrazione, ancora aperta, di messa in mora complementare ex art. 258 TFUE della Commissione Europea
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, 18 giugno 2012
Sulle caratteristiche delle spiagge libere attrezzate in quanto preordinate a contemperare l’esigenza del libero accesso al mare con quella, comunque presente, di una adeguata gestione dei tratti di litorale in questione sotto il profilo dell’igiene, della sicurezza, del decoro
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 19 giugno 2012
Sull’atto di concessione amministrativa per l’occupazione di suolo pubblico e sui piani di massima occupabilità delle vie e piazze del centro storico
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 19 giugno 2012
Sulla legge n. 94 del 2009, la quale all’art. 3, comma 16, stabilisce che nei casi di indebita occupazione di suolo pubblico il Sindaco può ordinare l’immediato ripristino dello stato dei luoghi e, se si tratta di occupazione di suolo pubblico a fine di commercio, la chiusura dell’esercizio fino al pagamento delle spese
T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, 14 giugno 2012
[A] Sui caratteri del provvedimento di concessione di area pubblica. [B] Sulla modificazione soggettiva del concessionario di area pubblica. [C] La forma tacita di espressione della volontà della P. A. non è di regola consentita nel sistema di diritto amministrativo perché urta contro il principio dell’atto formale. [D] Sull’organo competente ad adottare le ordinanze di sgombero del suolo pubblico. [E] Sull’utilizzo di poteri pubblicistici per un’area ricadente nel patrimonio disponibile comunale. [F] Una volta intervenuto il provvedimento ablativo, il bene entra, comunque, a far parte del patrimonio "indisponibile" della P.A.
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 7 giugno 2012
È rimessa al potere ampiamente discrezionale dell’amministrazione marittima la valutazione di quale tra i vari usi del bene demaniale si presenti nel caso singolo più proficuo e conforme all’interesse della collettività
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 30 maggio 2012
La mera presentazione dell'istanza di condono non autorizza automaticamente la prosecuzione dei lavori abusivi a completamento delle opere oggetto della richiesta di sanatoria
T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, 29 maggio 2012
[A] Sull’ordine di rimozione emesso dalla Soprintendenza riguardo a quelle opere che abbiano recato un danno al bene culturale, per effetto della violazione degli obblighi di protezione e conservazione del bene, ai sensi dell’art. 160 del D. Lgs 42/2004. [B] Appartiene alla giurisdizione del giudice amministrativo la controversia relativa a un bene demaniale per il quale sia contestato l’illegittimo esercizio della potestà di autotutela demaniale dell’Amministrazione. [C] Sul silenzio serbato dall’amministrazione sull’istanza di rinnovo della concessione demaniale
T.A.R. Sardegna, Sezione I, 10 maggio 2012
Sul titolo edilizio necessario a realizzazione di un pontile galleggiante per l'ormeggio di imbarcazioni da diporto, ancorato al fondo marino mediante catene legate a corpi morti in calcestruzzo armato
T.A.R. Abruzzo L’Aquila, Sezione I, 10 maggio 2012
Sulla natura del diritto che il privato acquista per effetto dell’intervento edilizio operato sull’area demaniale
T.A.R. Marche, Sezione I, 10 maggio 2012
[A] I manufatti utilizzati dai titolari di concessioni demaniali marittime per lo svolgimento dell’attività, seppure ai fini penalistici sono da equiparare alle normali costruzioni, dal punto di vista amministrativo hanno un regime peculiare. [B] Sul piano di spiaggia
T.A.R. Liguria, Sezione I, 27 aprile 2012
Sulla necessità o meno della concessione edilizia in caso di apertura di un dehor destinato all'esercizio dell'attività di ristorazione o di somministrazione di alimenti e bevande
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 23 aprile 2012
[A] La procedura di evidenza pubblica deve essere osservata e applicata anche per la concessione di area demaniale. [B] Le disposizioni del dlgs. 163/2006 non si applicano in via diretta alle concessioni e che l’Amministrazione non ha richiamato detta applicazione nel bando di gara
T.A.R. Liguria, Sezione I, 11 aprile 2012
L'esecuzione di opere edilizie non del tutto precarie su suolo del demanio marittimo richiede il rilascio della preventiva concessione edilizia da parte del Sindaco, essendo irrilevante il possesso della concessione della Capitaneria di porto
T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, 20 marzo 2012
Sull'art. 49 del codice della navigazione in base al quale "quando venga a cessare la concessione, le opere non amovibili, costruite sulla zona demaniale, restano acquisite allo Stato, senza alcun compenso o rimborso"
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 14 marzo 2012
Il rilascio delle concessioni di beni del demanio marittimo, e conseguentemente il rinnovo delle stesse ed ogni altro provvedimento ad esse attinente, rientra nella competenza del Presidente dell’Autorità Portuale
T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione II, 8 marzo 2012
Sulla variante urbanistica che localizza un’opera pubblica su un’area demaniale
T.A.R. Lazio Roma, Sezione I Quater, 27 febbraio 2012
[A] La competenza all’adozione dei poteri repressivi in materia di occupazione demaniale spetta ai Comuni. [B] Sulla normativa nazionale e regionale succedutasi nel tempo in materia di gestione del demanio marittimo
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 8 febbraio 2012
Sulla realizzazione di un pontile galleggiante per l’ormeggio di imbarcazioni da diporto, ancorato al fondo marino mediante catene legate a corpi morti in calcestruzzo armato
Consiglio di Stato, Sezione VI, 2 febbraio 2012
Sul terzo comma dell’art. 46 del codice della navigazione secondo il quale “in caso di morte del concessionario gli eredi subentrano nel godimento della concessione, ma devono chiederne la conferma entro sei mesi, sotto pena di decadenza. Se, per ragioni attinenti all’idoneità tecnica od economica degli eredi, la amministrazione non ritiene opportuno confermare la concessione, si applicano le norme relative alla revoca
Consiglio di Stato, Sezione VI, 19 gennaio 2012
Sulle leggi succedutesi nel tempo a decorrere dal 1895 riguardo alla classificazione dei porti ed alla disciplina del demanio marittimo
T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, 16 gennaio 2012
Sull’ordinanza di demolizione emessa in relazione ad un immobile realizzato sul demanio marittimo in data antecedente al settembre 1967
T.A.R. Toscana, Sezione III, 11 gennaio 2012
La concessione avente ad oggetto specchi acquei allo scopo di mantenere un punto di ormeggio per unità da diporto costituito da pontile galleggiante con relativa catenaria, una passerella e linee elettriche, non rientra in nessuna delle tipologie ascritte alla categoria delle concessioni a scopo turistico ricreativo, alle quali soltanto si applica la disciplina eccezionale sancita dall’art. 1, comma 18, del d.l. n. 194/2009, convertito nella legge n. 25/2010
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 13 gennaio 2012
Sull’avvenuta proroga ex lege della concessioni demaniali marittime fino al 31.12.2015 e sulla legittimità o meno dell’apposizione di un termine inferiore alla suddetta data all’efficacia di una concessione
T.R.G.A. Trento, 11 gennaio 2012
Sulla presunzione di demanialità di cui all'art. 22 della legge 20.3.1865, n. 2248, all. F. di un’area contigua con la strada pubblica e di immediata accessibilità
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 21 dicembre 2011
Deve ritenersi illegittimo l'ordine di sgombero di un'area che si afferma appartenere al demanio marittimo ove, in presenza di dubbi sulla linea di confine, lo stesso non sia stato preceduto dall'effettuazione dello speciale procedimento di delimitazione previsto dall'art. 32 cod. nav.
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, 20 dicembre 2012
La demanialità è un bene indisponibile da parte della stessa Amministrazione, che può rinunciarvi solo attraverso l’apposito procedimento previsto dalla legge
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione III, 6 giugno 2011
Sulle condizioni che devono sussistere affinché un'area venga a far parte del demanio stradale e assuma, quindi, la natura di strada pubblica
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 5 dicembre 2011
Sulle condizioni che devono sussistere affinché una strada privata possa essere considerata ad uso pubblico
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 23 novembre 2011
Sull’incompatibilità con il diritto comunitario delle norme nazionali e regionali che prevedono il rinnovo tacito delle concessioni demaniali marittime
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, 18 novembre 2011
Sull’art. 17, l.r. Puglia n. 17 del 2006, il quale prevede sempre in via di pianificazione una percentuale minima di aree demaniali marittime, riservate ad uso pubblico e alla libera balneazione (60% del territorio comunale, ex art. 16, l. r. n. 17 citata) e disponendo in via transitoria la possibilità del rinnovo delle concessioni
T.A.R. Veneto, Sezione I, 7 novembre 2011
L'amministrazione può decidere, alla scadenza del rapporto di concessione di un bene pubblico, se procedere o meno al rinnovo della concessione del demanio comunale e può optare per non rinnovarla ad alcuno
T.A.R. Liguria, Sezione II, 21 ottobre 2011
Con la concessione di un'area demaniale marittima si fornisce un'occasione di guadagno a soggetti operanti sul mercato, così da imporre una procedura competitiva ispirata ai principi di trasparenza e non discriminazione
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 17 ottobre 2011
L’atto di sgombero di un bene appartenente al patrimonio indisponibile va riferito non già all’esercizio di potere autoritativo a tutela del bene pubblico bensì all'espletamento di attività privata di autotutela con conseguenze anche il ordine al riparto di giurisdizione
T.A.R. Basilicata, Sezione I, 6 ottobre 2011
Sull’articolo 70 del regolamento nazionale di polizia mortuaria adottato con regio decreto 21 dicembre 1942, n. 1880, all'art. 70, secondo il quale le concessioni cimiteriali si distinguono in temporanee, ossia per un tempo determinato, e perpetue” e sull'art. 842, 3° comma del codice civile che include espressamente i cimiteri nel demanio comunale, in tal modo rendendo inconfigurabili atti dispositivi, in via amministrativa, senza limiti di tempo, a carico di elementi del demanio pubblico
T.A.R. Campania Salerno, Sezione I, 27 settembre 2011
[A] Sul diniego di rinnovo della concessione demaniale marittima fondato sul richiamo, in quanto self-executing, all’articolo 12 della Direttiva 2006/123/CE con conseguente disapplicazione dell’art. 1, comma 18, del d.l. 194/2009, convertito nella legge n. 25/2010. [B] Sulla proroga del termine di durata delle concessioni demaniali marittime in essere al 31 dicembre 2015
C.G.A.R.S, 27 settembre 2011
Sulla nozione e sulla misurazione della “linea di battigia”
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, 19 settembre 2011
[A] Sulla c.d. autotutela patrimoniale delle Amministrazioni esercitabile esclusivamente nei confronti di beni appartenenti al demanio ovvero al patrimonio indisponibile dell’Ente. [B] Sulla differenza tra demanio, patrimonio indisponibile e patrimonio disponibile
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, 13 settembre 2011
Su un'opera pacificamente insediata sul demanio pubblico fin dal lontano 1967 e sulla possibilità o meno che tale bene sia stato usucapito per inerzia della Pubblica Amministrazione
T.A.R. Piemonte, Sezione I, 9 settembre 2011
La concessionaria di un bene pubblico non è titolare (indipendentemente dalla durata del rapporto di concessione) di alcuna aspettativa al rinnovo di un rapporto, ne deriva che l’ente locale, qualora ritenga di ‘ricuperare’ un’area pubblica ad una destinazione ritenuta più adeguata alle sue caratteristiche, è libero di non procedere al rinnovo della precedente concessione di suolo pubblico
T.A.R. Umbria, Sezione I, 11 luglio 2011
Sulla sussistenza o meno di una sdemanializzazione tacita a fronte del disuso prolungato di una strada vicinale da parte della collettività e dell'inerzia dell'amministrazione nella cura della stessa e/o nell'intervento riguardo ad occupazioni o usi da parte di privati incompatibili con la destinazione pubblica
T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, 9 luglio 2011
[A] La giurisprudenza ha escluso ogni coincidenza tra precarietà e utilizzo stagionale delle opere. [B] Non pare ravvisabile alla luce della vigente normativa inerente la disciplina delle concessioni di beni del demanio marittimo, a differenza della materia edilizia e paesaggistica, la previsione di provvedimenti tipici con effetto sanante ex nunc
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, 6 luglio 2011
La presenza di eventuali irregolarità o criticità relative alla attività danzante si risolve inevitabilmente in un abuso del titolo di base ad esercitare lo stabilimento balneare
T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, 28 giugno 2011
Se è vero che la concessione in uso del bene demaniale non è di ostacolo alla costituzione di un eventuale, ulteriore rapporto tra il concessionario ed un terzo, che ben può avvenire attraverso la stipula di atti negoziali propri del diritto privato, va precisato che il rapporto “derivato” non può comportare l’acquisizione di poteri pubblicistici
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 22 giugno 2011
Sull’art. 55 comma 3 del codice della navigazione il quale, in deroga al generale regime autorizzativo, prescrive che “l'autorizzazione non è richiesta quando le costruzioni sui terreni prossimi al mare sono previste in piani regolatori o di ampliamento già approvati dall'autorità marittima
T.A.R. Lazio Roma, Sezione III Ter, 22 giugno 2011
[A] Rispetto agli abusi edilizi realizzati sul suolo demaniale marittimo, l’Amministrazione ha una potestà sanzionatoria, ex art. 54, cod.nav., che, non avendo natura possessoria, né tanto meno petitoria, può essere esercitata in ogni tempo. [B] Sulla nozione di “lido del mare”, di “spiaggia” e di “arenile”
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 21 giugno 2011
La concessione di un bene demaniale da parte della pubblica amministrazione può essere unilateralmente soppressa dall'amministrazione stessa con la revoca dell'atto di concessione, in caso di contrasto con il prevalente interesse pubblico
Consiglio di Stato, Sezione VI, 13 giugno 2011
[A] Sull’applicabilità, o meno alle concessioni demaniali marittime in corso (nel caso di specie, con atto emesso il 10 aprile 2001) dell’art. 1, comma 2, d.l. 5 ottobre 1993, n. 400, convertito in legge 4 dicembre 1993, n. 494, nel testo introdotto dall’art. 10 , l. 16 marzo 2001, n. 88. [B] Sulla possibilità o meno che il legislatore possa incidere sui rapporti concessori in corso, modificandone “de futuro” i contenuti, in considerazione degli interessi pubblici che sottraggono determinati settori di attività alla libera autodeterminazione dei privati
T.A.R. Liguria, Sezione I, 9 giugno 2011
Sulla necessità o meno di un titolo edilizio per la realizzazione di un dehor a servizio di un ristorante nel caso in cui sia stato precedentemente rilasciato un provvedimento autorizzativo dell’occupazione di suolo pubblico mediante la posa di soli tavolini, sedie ed ombrelloni
Consiglio di Stato, Sezione IV, 8 giugno 2011
Non vi sono dubbi che il generale potere di autotutela del demanio e del patrimonio indisponibile del comune, di cui all'art. 378, l. 20 marzo 1865 n. 2248 all. F, continui a spettare al sindaco
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione III, 1 giugno 2011
Sul caso in cui manchi l'espressa classificazione di una strada privata nell'elenco delle strade vicinali e si renda comunque necessario l'esercizio del potere di autotutela
T.A.R. Sicilia Catania, Sezione III, 26 maggio 2011
[A] In mancanza di un espresso provvedimento la concessione di suolo pubblico non è surrogabile "per silentium". [B] Nel rilasciare concessioni comunque relative al suolo pubblico stradale, l'Amministrazione esercita un amplissimo potere discrezionale. [C] Sull'occupazione con tavoli di una strada destinata al traffico veicolare
Consiglio di Stato, Sezione VI, 26 maggio 2011
Sull’incompatibilità con il diritto comunitario del c.d. diritto di insistenza conferito dall’art. 37 cod. nav. in favore del titolare della concessione demaniale marittima
Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, 28 aprile 2011
Sul procedimento di delimitazione del demanio marittimo previsto dall'art. 32 del codice della navigazione
T.A.R. Toscana, Sezione III, 13 maggio 2011
L’art.1, comma 252, della legge n. 296/2006 ha uniformato la quantificazione dei canoni per le concessioni demaniali marittime aventi ad oggetto la realizzazione e gestione di strutture dedicate alla nautica da diporto a quella dei canoni concessori per finalità turistico-ricreative
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 8 aprile 2011
Sulla giurisdizione riguardo alle controversie in tema di proprietà, pubblica o privata, che hanno ad oggetto l’accertamento dell’esistenza e dell’estensione di diritti soggettivi
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sezione I, 8 aprile 2011
[A] Sul riparto di giurisdizione riguardo alle controversie in ordine all’uso pubblico delle strade. [B] A prescindere dall'effettiva esistenza di un diritto reale di servitù pubblica di passaggio o dall'esistenza di una pubblica via sussiste il potere dell'amministrazione comunale di rimuovere i materiali ostativi al libero transito con le modalità esistenti anteriormente. [C] La facoltà di agire in via di autotutela amministrativa viene quindi attribuita in via generale alla p.a. a salvaguardia delle strade pubbliche, al di là ed oltre lo stretto profilo dell’interesse pubblico – comunque sicuramente rilevante - relativo alla corretta circolazione stradale ed alla necessità che la stessa non subisca turbamenti o interruzioni. [D] Sul riparto di competenza tra Sindaco e Dirigenti adottare atti di autotutela amministrativa sui beni demaniali ex art. 823 cod. civ. [E] Sul profilo della decadenza del potere esercitato, basato sulla natura del potere attributo dall’art. 378 della legge 20 marzo 1865, n. 2248, all. F, che configurerebbe una autotutela possessoria soggetta al termine perentorio di decadenza di un anno dal sofferto spoglio o turbativa. [F] Sul modi di costituzione di una servitù di uso pubblico
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VI, 30 marzo 2011
Il “piano di spiaggia” costituisce uno strumento di pianificazione con cui l’ente locale si propone di disciplinare gli usi compatibili e consentiti dei tratti di spiaggia ma in ragione della sua vocazione settoriale non può evidentemente esaurire i profili di disciplina del relativo territorio
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, 23 marzo 2011
[A] Il carattere stagionale dell’opera non ne implica, di per sé, la precarietà. [B] Su un chiosco prefabbricato per lo svolgimento di attività commerciale
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 7 marzo 2011
Sulla decadenza della concessione a edificare una cappella cimiteriale privata
Consiglio di Stato, Sezione IV, 24 febbraio 2011
[A] Sugli elementi che devono sussistere affinché una strada possa farsi rientrare nella nozione di strada vicinale di uso pubblico. [B] Sulla possibilità o meno di qualificare come vicinale una strada “a fondo cieco”
T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, 11 febbraio 2011
[A] Le concessioni di beni del demanio marittimo per uso turistico balneare trovano la loro disciplina normativa, oltre che nel codice della navigazione e nel relativo regolamento per la navigazione marittima, in numerosi leggi di settore sia statali, che regionali. [B] In presenza di una pluralità di domande di concessione di una bene demaniale, deve essere svolta una procedura selettiva, volta a scegliere il miglior curatore dell'interesse pubblico. [C] La normativa che prevede il rinnovo automatico delle concessioni demaniali marittime non comporta un'abdicazione perpetua da parte della p.a. a qualsiasi potere di ingerenza sul bene. [D] Sulla sentenza della Corte costituzionale che ha di recente dichiarato l'illegittimità costituzionale di una legge regionale che aveva previsto un diritto di proroga in favore del soggetto già possessore della concessione scaduta. [E] Sul contrasto della normativa italiana con la direttiva Bolkestein
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, 10 febbraio 2011
Il vincolo di destinazione pubblica impresso ad un’area con l’atto di cessione gratuita accessivo ad una convenzione di lottizzazione fa solo entrare il bene nel patrimonio del comune, senza attribuirgli caratteri di bene destinato a pubblico servizio
T.A.R. Sicilia Catania, Sezione III, 10 febbraio 2011
Sull'ordine di sgombero di un'area che si ritiene appartenere al demanio marittimo ove non sia preceduto dall'effettuazione dello speciale procedimento di delimitazione previsto dall'art. 32 del codice della navigazione
T.R.G.A. Trento, 10 febbraio 2011
Sui principi vigenti in materia di costituzione dell’uso pubblico delle strade e desumibili, ora, dagli articoli 2, comma 7, e 3, comma 1, p. 52) del codice della strada
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 1 febbraio 2011
Le concessioni demaniali marittime, devono essere attribuite mediante procedure concorsuali, trasparenti, non discriminatorie
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 18 gennaio 2011
La sdemanializzazione di un bene appartenente allo Stato non trasforma automaticamente la concessione del bene medesimo in un rapporto d'affitto
T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione II, 20 gennaio 2011
Sulla determinazione di non rinnovare, alla sua scadenza, la concessione per l’occupazione di suolo pubblico relativa ad un dehor
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, 15 dicembre 2010
Sulla legittimità o meno della subordinazione del rilascio di titoli concessori alla adozione/approvazione del piano regionale delle coste
Consiglio di Stato, Sezione V, 7 dicembre 2010
L’appartenenza di una strada ad un ente pubblico territoriale può essere desunta da una serie di elementi presuntivi aventi i requisiti di gravità, precisione e concordanza
T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione II, 6 dicembre 2010
La c.d. "autorizzazione" all'occupazione di una porzione di suolo pubblico si configura come un provvedimento amministrativo espressione di un potere pubblicistico ampiamente discrezionale
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, 26 ottobre 2010
La permanenza del reato di cui agli artt. 54 e 1161 del codice della navigazione si protrae anche dopo l'ultimazione delle opere nei confronti dei soggetti che continuano ad occupare ed utilizzare le opere abusive
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione III, 26 novembre 2010
Sull'inclusione negli elenchi delle strade pubbliche e sulla presunzione di cui all'articolo 16, lett. b), L. n. 2248/1865, all. F, in base alla quale si presumono comunali le strade site all'interno dei centri abitati
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, 16 novembre 2010
La mancata adozione del “Piano della Costa” non osta al rilascio del titolo per la semplice posa in opera di ombrelloni e sdraio
Corte Costituzionale, 26 novembre 2010
E’ illegittimo l’articolo 16, comma 2, legge della Regione Toscana 23 dicembre 2009, n. 77 (Legge finanziaria per l’anno 2010), in materia di concessioni demaniali marittime, nella parte in cui dispone che “Su richiesta del concessionario la durata della proroga può essere estesa fino ad un massimo di venti anni, in ragione dell’entità degli investimenti realizzati e dei relativi ammortamenti
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, 10 novembre 2010
Sui poteri ripristinatori del sindaco, nelle ipotesi di turbative che impediscono o rendono disagevole il normale godimento del bene pubblico
T.A.R. Emilia Romagna, Sezione II, 5 novembre 2010
Sull’esercizio del potere di autotutela nel caso in cui manchi l’espressa classificazione di una strada privata nell'elenco delle strade vicinali
Consiglio di Stato, Sezione VI, 14 ottobre 2010
Sull’art. 49 del codice della navigazione secondo cui “quando venga a cessare la concessione, le opere non amovibili, costruite sulla zona demaniale, restano acquisite allo Stato, senza alcun compenso o rimborso, salva la facoltà dell’autorità concedente di ordinarne la demolizione, con restituzione del bene demaniale al pristino stato
Consiglio di Stato, Sezione VI, 6 settembre 2010
Il c.d. diritto di insistenza in favore del titolare della concessione demaniale marittima in scadenza non può essere inteso come meccanismo capace di escludere ogni confronto concorrenziale tra più istanze
T.A.R. Basilicata, Sezione I, 10 settembre 2010
Qualora il privato insorga avverso un provvedimento emanato dal Sindaco e relativo ad un immobile sul presupposto della sua appartenenza al demanio od al patrimonio comunale, adducendo il proprio diritto di proprietà di tale bene, la relativa controversia spetta alla cognizione del giudice ordinario
T.A.R. Basilicata, Sezione I, 26 luglio 2010
La concessione di suolo pubblico cimiteriale anche con eventuale clausola di “perpetuità” non può dar luogo ad un atto traslativo della proprietà del bene della Pubblica Amministrazione al soggetto privato
T.A.R. Veneto, Sezione I, 30 luglio 2010
La tutela possessoria di una strada può essere legittimamente adottata anche dopo molto tempo che la stessa non sia più utilizzata dalla collettività
T.A.R. Toscana, Sezione III, 1 luglio 2010
Sull’Amministrazione tenuta a dover ripristinare l’originario stato dei luoghi qualora la demolizione dell’abuso che insiste sul demanio non sia eseguita dal responsabile dell’abuso stesso
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione III, 1 luglio 2010
Sulla nozione di “strada vicinale” ai sensi dell’art. 3, comma 1, n. 52), d.lgs. 30.4.92, n. 285, recante il “Nuovo Codice della Strada”
Tribunale di Prato, 3 maggio 2010
Sulle condizioni che devono sussistere affinché un'area privata possa ritenersi assoggettata per usucapione alla servitù d'uso pubblico
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, 15 giugno 2010
Sull’istallazione di manufatti su una strada vicinale e sulla possibilità o meno di vietarli qualora questi ostacolino o intralcino l’esercizio pubblico
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, 14 giugno 2010
[A] Il provvedimento di demolizione ai sensi dell'art. 54 c.nav., che non abbisogna di motivazione in ordine alle opere realizzate sul pubblico demanio marittimo, è destinato anche a chi utilizza le opere costruite da altri. [B] Il provvedimento conclusivo del procedimento dichiarativo dell'estensione del demanio marittimo previsto dall'art. 32 c. nav. e dall'art. 58 reg. nav. mar. costituisce indispensabile presupposto per il legittimo esercizio del potere di autotutela del demanio stesso. [C] Sul procedimento di delimitazione di un’area demaniale marittima ex art.32 cod. nav. [D] Sul valore dei dati catastali ai fini della delimitazione del demanio marittimo
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione I, 16 giugno 2010
Sui presupposti che devono sussistere affinché una strada privata possa essere considerata ad uso pubblico
T.A.R. Valle D’Aosta, 16 giugno 2010
Sull’ordinanza sindacale contingibile ed urgente con la quale viene ordinata l’immediata messa in sicurezza del luogo interessato dalla frana e la ricostruzione dei muri crollati o lesionati, le cui cause sono da imputarsi esclusivamente ad opere eseguite ed in corso di realizzazione a monte della proprietà comunale
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, 7 giugno 2010
Sull’apposizione di un cancello o di una sbarra con chiusura di una strada vicinale o di uso pubblico
T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, 10 giugno 2010
Sull’illegittimità costituzionale, per violazione dei principi della concorrenza, di una legge regionale che preveda un diritto di proroga in favore del soggetto già possessore della concessione demaniale marittima scaduta
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 4 giugno 2010
Sui poteri che l’amministrazione può esercitare riguardo alle strade private di uso pubblico
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 20 maggio 2010
Sulla possibilità o meno da parte del concessionario, se autorizzato dall’amministrazione concedente, di dare in uso a terzi, a titolo oneroso e dietro corrispettivo, terreni demaniali, ovvero anche locali facenti parte del demanio, sia mediante sub-concessione, sia mediante negozi di diritto privato
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 20 maggio 2010
L’art. 92 del D.P.R. n. 285/1990 preclude il rilascio di concessioni per l’uso perpetuo di aree cimiteriali, ma non impone affatto che le preesistenti concessioni perpetue vengano ricondotte a concessioni a tempo determinato
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 21 maggio 2010
Sull'inclusione negli elenchi delle strade pubbliche ovvero sulla presunzione di cui all'articolo 16, lett. b), L. n. 2248/1865, all. F, in base alla quale si presumono comunali le strade site all'interno dei centri abitati
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 23 aprile 2010
Sull’obbligo di esperire una gara ad evidenza pubblica per l’affidamento delle concessione dei beni pubblici ed in particolare delle concessioni demaniali marittime
T.A.R. Liguria, Sezione I, 20 aprile 2010
Sugli interventi per i quali occorre il rilascio da parte della Capitaneria di Porto dell'autorizzazione di cui all'art. 55 del codice della navigazione
T.A.R. Marche, Sezione I, 20 aprile 2010
[A] Il concessionario di un bene demaniale non vanta alcuna aspettativa al rinnovo del rapporto. [B] La spiaggia libera resta nella disponibilità dell'Amministrazione la quale non solo è tenuta ad escludere la parte di essa esposta a pericoli
T.A.R. Abruzzo L’Aquila, Sezione I, 12 aprile 2010
Sull’ampia la discrezionalità che caratterizza il potere dell’amministrazione civica di conferire spazi pubblici
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 1 aprile 2010
Sull'ordine di sgombero di un'area che si ritiene appartenere al demanio marittimo ove non preceduto dall'effettuazione dello speciale procedimento di delimitazione previsto dall'art. 32 c. nav.
T.A.R. Abruzzo L'Aquila, Sezione I, 24 marzo 2010
La “concessione in uso” ovvero il “comodato” non consente l’effettuazione di trasformazioni fisiche del bene
T.A.R. Sardegna, Sezione II, 17 marzo 2010
Sul termine di esercizio dell’autotutela possessoria iuris publici dei beni demaniali e patrimoniali, ai sensi degli artt. 823 secondo comma e 824 cod. civ. e dell’art. 378 L. 20 marzo 1865 n. 1865 n. 2248 all. F
T.A.R. Basilicata, Sezione I, 13 febbraio 2010
Sulla presunzione di demanialità secondo la quale all’interno delle città e villaggi fanno parte delle strade comunali le piazze, gli spazi ed i vicoli ad esse adiacenti ed aperti sul suolo pubblico
T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, 27 gennaio 2010
Un ex tracciato ferroviario, ridotto a relitto senza alcuna destinazione di pubblico servizio è cedibili a terzi
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 26 gennaio 2010
Sulla legittimità o meno degli atti con i quali il Comune disciplina forme e condizioni della trasmissibilità tra vivi dei diritti suoi suoli cimiteriali, integrando la disciplina civilistica ordinaria, e sottopone l’autorizzazione alla edificazione dei manufatti del servizio votivo alle generali regole dettate dal DPR 380/01 per l’edificazione ordinaria
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, 14 gennaio 2010
Sugli elementi indiziari per la configurabilità dell'uso pubblico di una strada
Consiglio di Stato, Sezione VI, 24 dicembre 2009
[A] Sul carattere semplicemente ricognitivo e non costitutivo del procedimento amministrativo di delimitazione delle zone del demanio marittimo. [B] Sulla c.d. “sdemanializzazione tacita”
T.A.R. Sicilia Catania, Sezione III, 22 dicembre 2010
Sul potere del sindaco in materia di fruibilità di strade teso ad ordinare la riduzione in pristino di situazioni che alterino lo stato delle cose, come previsto dall’art. 378 l. n. 2248 del 1865 all. F
Corte Costituzionale, 30 dicembre 2009
L’art. 58 del d.l. 25 giugno 2008, n. 112, stabilendo l’effetto di variante urbanistica del piano delle alienazioni, si risolve in una normativa dettagliata che non lascia spazi d’intervento al legislatore regionale, ponendosi così in contrasto con il parametro costituzionale
T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, 14 dicembre 2009
[A] La tutela delle aree demaniali e la repressione degli abusi edilizi su aree demaniali, benché appartenenti a funzioni diverse, presentano una stretta connessione quanto all’interesse pubblico perseguito ed alla competenza ad emanare le ordinanze di remissione in pristino. [B] Quanto maggiore è la durata dell’uso esclusivo del bene demaniale da parte del privato tanto più forte è l’aspettativa dello stesso a mantenere lo status quo senza subire il ripristino
T.A.R. Piemonte, Sezione I, 30 novembre 2009
Sull’art. 58 del d.l. n. 112/2008, poi convertito con la l. n. 133/2008, che intende incentivare la valorizzazione del patrimonio pubblico mediante alienazione di quei beni che non si caratterizzino per il loro nesso di strumentalità all’esercizio delle funzioni istituzionali degli enti locali e sul rapporto con la legislazione regione in materia di varianti urbanistiche
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Ter, 3 novembre 2009
[A] Sul potere di ordinanza attribuito al sindaco in base all'art. 378 l. 20 marzo 1865 n. 2248, all. F, in materia di riduzione in pristino per la tutela del demanio stradale. [B] In mancanza di espressa classificazione di una strada privata nell'elenco delle strade vicinali, l'esercizio del potere di tutela del sindaco è condizionato al preventivo rigoroso accertamento dell'uso pubblico della strada
C.G.A.R.S., 15 ottobre 2009
Sulla potestà pianificatoria comunale riguardo al demanio marittimo e sulla ripartizione di competenze tra le autorità
T.A.R. Abruzzo L’Aquila, Sezione I, 1 ottobre 2009
Sulla consistenza del diritto al rinnovo automatico delle concessioni demaniali marittime, introdotto dalla L. 8 luglio 2003, n. 172, art. 13
T.A.R. Veneto, Sezione I, 21 settembre 2009
[A] Sulla giurisdizione competente a decidere sulle controversie in tema di proprietà pubblica o privata delle strade. [B] Sugli indici di riferimento per determinare l’appartenenza di una strada al demanio comunale
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, 17 settembre 2009
[A] In caso di impugnazione di un'ordinanza di demolizione non sono configurabili controinteressati. [B] Nessun effetto costitutivo di servitù pubblica può automaticamente derivare dall’inclusione di una strada nell’elenco comunale della viabilità pubblica. [C] Sui caratteri della servitù pubblica su di una strada enucleati dalla giurisprudenza
T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, 15 settembre 2009
[A] Sul lido del mare e la spiaggia e sulle finalità di interesse pubblico che sottendono al loro utilizzo. [B] Sulla scelta di sottrarre parte della spiaggia al godimento generalizzato per concederla a privati deve riportare una specifica e puntuale motivazione
C.G.A.R.S., 14 settembre 2009
La sdemanializzazione tacita di un bene non può in alcun modo desumersi dalla pura e semplice circostanza che esso non sia adibito, anche da lungo tempo, all’uso pubblico
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 25 agosto 2009
Il procedimento di delimitazione del demanio marittimo, contemplato nell’art. 32 comma 1, del codice della navigazione costituisce mera facoltà e non un obbligo per l’amministrazione
T.A.R. Sicilia Catania, Sezione III, 31 luglio 2009
Sul regime transitorio di cui all’art. 3 della L.R. della Sicilia 19 aprile 2007 n. 10, rubricato “Rinnovo concessioni demaniali marittime”
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, 8 luglio 2009
L'amministrazione competente, in caso di omessa redazione dei piani di utilizzazione degli arenili, non può denegare il rilascio del titolo abilitativo se non sulla base di una valutazione di contrarietà all'interesse pubblico
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 9 luglio 2009
La giurisprudenza di derivazione comunitaria ha reso del tutto marginale e recessiva l’applicabilità nella materia del cd. “diritto di insistenza” per le concessioni demaniali marittime
T.A.R. Veneto, Sezione III, 18 giugno 2009
[A] Sul potere di rivedere l’assetto delle aree di mercato e sulla sussistenza o meno di un vincolo discendente dal carattere “storico” del suo impianto. [B] Sulla direttiva del Ministero per i beni e le attività culturali del 9 novembre 2007, relativa all’esercizio del commercio in aree aventi valore culturale
T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, 4 giugno 2009
Sul potere che il Comune può esercitare per ripristinare la destinazione pubblica dei beni demaniali
T.A.R. Abruzzo L’Aquila, Sezione I, 3 giugno 2009
Sul diritto al rinnovo automatico delle concessioni demaniali marittime e sulla tutela della potestà pianificatoria dell’ente pubblico
T.A.R. Abruzzo L’Aquila, Sezione I, 3 giugno 2009
Sul procedimento per l’approvazione dei piani demaniali marittimi in seguito all’entrata in vigore della L.R. Abruzzo 3 marzo 1999, n. 11
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 27 maggio 2009
Sulla domanda di rilascio di una concessione demaniale per la realizzazione di strutture dedicate alla nautica da diporto ai sensi del D.P.R. 507 del 1997
T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, 6 maggio 2009
Non è legittimo denegare una concessione demaniale unicamente sulla base dell’intenzione, da parte del Comune, di dotarsi di un piano di riassetto urbanistico
Consiglio di Stato, Sezione VI, 21 maggio 2009
Sull'art. 37 del codice della navigazione e sull'esperimento della gara che comprime il diritto di insistenza in sede di concessione dell’utilizzo di beni demaniali
T.A.R. Molise, 23 maggio 2009
Sull’esercizio del potere di autotutela da parte del Comune riguardo ai beni del proprio demanio a fronte dell’installazione di un cancello e di una sbarra recante l’indicazione “proprietà privata”
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 7 maggio 2009
Sulle opere realizzate entro la fascia di rispetto ovvero sul demanio, a fronte delle quali sia stata chiesta l’autorizzazione o la concessione in sanatoria
Consiglio di Stato, Sezione VI, 24 aprile 2009
I principi comunitari in materia di evidenza pubblica devono trovare applicazione anche laddove si controverte dell’affidamento a mezzo di concessione di un bene comunale per il periodo di vent’anni
T.A.R. Toscana, Sezione I, 15 aprile 2009
Sulla legittimità del provvedimento con il quale l’Amministrazione comunale impone un’indennità di civico ristoro per la sistemazione degli impianti tecnologici
T.A.R. Toscana, Sezione I, 26 marzo 2009
Sulla legittimità o meno del regolamento con il quale il Comune di Firenze ha introdotto l’indennità di civico ristoro in relazione al complesso dei maggiori oneri che vengono a gravare sull'ente e dei disagi che si determinano nei riguardi del regolare svolgimento delle attività e dei servizi della città in conseguenza della realizzazione delle opere da eseguirsi nel sottosuolo e che comportano alterazione del suolo pubblico
Corte dei Conti, Sezione Lazio, 30 marzo 2009
Sulla sussistenza o meno di una responsabilità per danno erariale del pubblico funzionario che abbia assegnato senza gara alcune concessione demaniali per l’insediamento di stabilimenti balneari
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, 20 marzo 2009
Sull’adeguata motivazione che deve assistere il provvedimento di mancato rinnovo di una concessione di suolo pubblico relativa ad un gazebo utilizzato a servizio di un pub
T.A.R. Toscana, Sezione II, 20 marzo 2009
Sull’istanza di concessione di suolo pubblico e sulla possibilità o meno che si formi il silenzio assenso ex art. 20 della l. n. 241/1990
Consiglio di Stato, Sezione VI, 17 febbraio 2009
Nel rilascio delle concessioni demaniali marittime assume valore primario il momento della concorsualità assumendo valore recessivo il principio di “affidamento”
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, 5 dicembre 2008
Sulla distinzione tra usi civici su “terre altrui”, che consistono in diritti delimitati nella loro natura e contenuto, che si esercitano su un fondo che si presenta agli utenti come alieno e “diritti dominicali” in re propria su beni di Comuni
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione I, 4 dicembre 2008
Il procedimento di delimitazione del demanio marittimo disciplinato dall’art. 32, 1 comma, del codice della navigazione costituisce una mera facoltà e non un obbligo per l’amministrazione
T.A.R. Toscana, Sezione I, 26 novembre 2008
Il canone per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche COSAP costituisce una entrata non avente natura tributaria
T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, 20 novembre 2008
Sul rinnovo vincolato di sei anni in sei anni delle concessioni demaniali marittime, in quanto destinate a durare per un periodo di tempo indeterminato
Corte Costituzionale, 14 novembre 2008
E’ illegittima legge regionale del Molise n. 5 del 2006 in quanto la disciplina relativa alle funzioni di delimitazione delle aree del demanio marittimo ricade nella sfera di competenza statale
T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, 11 novembre 2008
Sul carattere dichiarativo e non costitutivo degli elenchi dei beni demaniali
T.A.R. Abruzzo L’Aquila, Sezione I, 27 ottobre 2008
Sul procedimento di legittimazione dell’occupazione abusiva di terre d’uso civico
Consiglio di Stato, Sezione VI, 1 ottobre 2008
Sulla legittimità o meno del piano particolareggiato del litorale le cui norme tecniche deroghino alla disciplina delle distanze del regolamento edilizio comunale
T.A.R. Toscana, Sezione II, 25 agosto 2008
Sul bando mediante il quale il Comune di Scarlino, nell’affidare tramite gara le concessioni demaniali marittime ai sensi dell’art. 37 cod. nav., stabilisce criteri di attribuzione dei punteggi dando prevalenza ad elementi di natura soggettiva e limitando altresì le categorie rilevanti alle associazioni “no-profit”, all’imprenditoria giovanile, alle associazioni e consorzi turistici, tutti con sede oppure operanti nel comune
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, 31 luglio 2008
E' inammissibile la c.d. “sdemanializzazione tacita” del demanio marittimo
Consiglio di Stato, Sezione VI, 23 luglio 2008
Sul diritto di insistenza ex. art. 37 del cod. nav. invocabile dal concessionario del demanio marittimo, sulla interpretazione della suddetta norma alla luce dei principi comunitari e sulla sussistenza o meno di un obbligo di gara ad evidenza pubblica
Consiglio di Stato, Sezione VI, 1 luglio 2008
Il cosiddetto “diritto di insistenza” sul demanio marittimo è subordinato all'idonea pubblicizzazione della procedura relativa al rinnovo
T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, 16 giugno 2008
In presenza di un diritto pubblico di transito deve essere riconosciuto al Comune il potere di utilizzare gli strumenti di autotutela possessoria
Consiglio di Stato, Sezione V, 9 giugno 2008
Sul procedimento semplificato per l’alienazione del patrimonio immobiliare dei comuni e delle province ai sensi dell’art. 12 della legge n. 127 del 1997
Consiglio di Stato, Sezione VI, 6 giugno 2008
Sull’obbligo di pubblicità in tema di affidamento di concessioni demaniali marittime
T.A.R. Basilicata, Sezione I, 16 maggio 2008
Sulla tutela in via amministrativa dei beni appartenenti al demanio pubblico e sul riparto di giurisdizione
T.A.R. Umbria, 20 maggio 2008
I terreni sui quali si esercitano usi civici “convenientemente utilizzabili come bosco o come pascolo permanente” non possono, senza autorizzazione della Regione, essere alienarli o subire un mutamento di destinazione
T.A.R. Veneto, Sezione III, 15 maggio 2008
Sull’istanza di concessione di occupazione di suolo pubblico, in seguito alla novella introdotta dalla legge n. 80 del 2005, può formarsi il silenzio assenso per decorso dei termini
T.A.R. Liguria, Sezione I, 7 maggio 2008
Sulla presunzione di demanialità stabilita dall'art. 22 della legge n. 2248 del 1865, all. F relativamente ad ogni area ricadente nel centro abitato e comunicante con la strada pubblica
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 29 aprile 2008
La controversia la quale, pur avendo formalmente come oggetto la richiesta di annullamento di un’ingiunzione di sgombero di suolo demaniale marittimo, si risolva essenzialmente nell’accertamento del carattere demaniale o meno del suolo stesso, appartiene alla cognizione del giudice ordinario
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione I, 23 aprile 2008d
Sul divieto di edificazione nella fascia di rispetto di 150 metri dalla battigia sancito dall'art. 15 della L.R. Sicilia 12 giugno 1976 n. 78
T.A.R. Molise, Sezione I, 17 aprile 2008
Sulla legittimità o meno del provvedimento con il quale la Capitanerie di Porto rilascia una concessione demaniale, in presenza di formale istanza privata, senza la preventiva indizione di una gara
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, 19 marzo 2008
Sul significato del termine "occupazione" indicato nell'art. 1161 del codice della navigazione per descrivere la condotta sanzionata penalmente
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 21 marzo 2008
Sull’obbligo di garantire ai cittadini la raggiungibilità e la fruibilità della battigia e del mare a fini balneari
T.A.R. Veneto, Sezione II, 21 marzo 2008
Sulla scadenza della concessione dell’area sulla quale insiste un chiosco
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 12 marzo 2008
Per le costruzioni edilizie nell'ambito del demanio marittimo, l'ordinamento giuridico non prevede alcuna deroga alla distribuzione delle attribuzioni e delle competenze dei comuni
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione I, 10 marzo 2008
Sulla mancata approvazione del piano di utilizzo delle aree demaniali marittime (PUDM) ai sensi della L.R. Sicilia 15 del 2005 e sugli effetti sull’efficacia temporale delle concessioni di gestione degli stabilimenti balneari
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, 18 marzo 2008
Sul rilascio delle concessioni sul demanio marittimo in Campania alla luce del D.lgs n. 96 del 1999 e delle delibere della Giunta Regionale n. 3744/2000 e n. 1971/2001
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 12 marzo 2008
Sulle costruzioni edilizie nell'ambito del demanio marittimo e sull'esercizio del potere urbanistico-edilizio del Comune
Corte dei Conti, Sezione Emilia Romagna, 9 gennaio 2008
[A] Sulla concessione per l’affidamento a terzi della gestione del “Parco Nord” della Città di Bologna. [B] Sulla natura dell’atto concessiorio e sulla legittimità o meno dell’affidamento senza gara. [C] Sulla rilevanza degli scopi sociali per la determinazione del canone. [D] Sulla rilevanza sociale o meno dell’attività espletata dal PDS, successivamente DS e ora confluito nel Partito Democratico
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, 31 gennaio 2008
Al termine della concessione di beni del demanio marittimo, le opere non amovibili, costruite sulla zona demaniale, restano acquisite allo Stato, salvo che la concessione non sia rinnovata
T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, 18 dicembre 2007
Sulla normativa nazionale e sulla competenza regionale in materia concessioni dei beni demaniali marittimi
Corte di Cassazione, Sezioni Unite, 23 novembre 2007
Per il rilascio di concessioni demaniali marittime l'Amministrazione concedente deve graduare gli aumenti dei canoni minimi sulla base dell'utilità economica che i concessionari traggono dalla concessione
T.A.R. Lazio Roma, Sezione III Ter, 19 dicembre 2007
Sul provvedimento conclusivo del procedimento dichiarativo dell'estensione del demanio marittimo previsto dall' art. 32 Cod. Nav. e sulla sua propedeuticità o meno rispetto all’ordinanza di sgombero
Corte di Cassazione, Sezioni Unite, 22 ottobre 2007
Sulla concessione a privati di beni del demanio o del patrimonio indisponibile dello Stato o dei Comuni e sulla revocabilità o meno della stessa
Consiglio di Stato, Sezione V, 6 dicembre 2007
Sulla distinzione tra demanio, patrimonio indisponibile e patrimonio disponibile e sui diversi due modelli di assegnazione a terzi a cui può ricorrere l’Amministrazione: concessione in uso e del contratto di locazione
T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sezione I, 26 novembre 2007
Sull’ampio potere discrezionale di cui dispone l’amministrazione nel rilasciare concessioni sul demanio marittimo
Consiglio di Stato, Sezione VI, 5 novembre 2007
Sulla mancanza di una normativa che in pendenza del piano di utilizzazione degli arenili disponga una misura di salvaguardia e sulla possibilità di negare o meno da parte del Comune il rilascio della concessione demaniale marittima
Consiglio di Stato, Sezione VI, 5 novembre 2007
Sulla costituzione di una servitù di elettrodotto sul demanio comunale e sulla natura del canone da versare all'ente locale
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 31 ottobre 2007
Sull’obbligo di osservare le norme del Trattato dell’Unione Europea, con particolare riguardo ai principi di evidenza pubblica, per l’affidamento in concessione di beni demaniali marittimi
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 4 ottobre 2007
Sull’occupazione abusiva di un’area pubblica intervenuta al di fuori di qualsiasi provvedimento concessorio e sull’obbligo o meno a carico dell’Ente locale di esigere il pagamento della relativa tassa
Consiglio di Stato, Sezione IV, 25 settembre 2007
Sul mutamento di destinazione delle terre sottoposte ad uso civico
T.A.R. Emilia Romagna Parma, 1 giugno 2004
Nel concedere l’uso eccezionale del suolo pubblico il Comune deve operare nel rispetto del principio costituzionale di buon andamento ed imparzialità della pubblica amministrazione
Consiglio di Stato, Sezione V, 21 giugno 2006
Sulla c.d. “dicatio ad patriam”, quale modo di costituzione di una servitù di uso pubblico
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, 18 maggio 2007
Ai sensi della legge 4 dicembre 1993, n. 494, le concessioni di gestione di stabilimenti balneari hanno una durata di sei anni e si rinnovano alla scadenza automaticamente per altri sei anni
C.G.A.R.S., 15 giugno 2007
La sdemanializzazione di un bene pubblico deve risultare da atti o comportamenti univoci della pubblica amministrazione
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 9 maggio 2007
Sulla legittimità o meno di un’indennità di civico ristoro – finalizzata a compensare il complesso dei maggiori oneri che vengono a gravare sull’ente, nonché i disagi che si determinano nei riguardi del regolare svolgimento delle attività e dei servizi della città in conseguenza della realizzazione delle opere – qualora questa sia aggiuntiva e non sostitutiva della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, 18 aprile 2007
Sulla demanialità necessaria di un bene marittimo è sulla qualità che deriva originariamente ad esso dalla aderenza con uno dei tipi normativamente definiti
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, 18 aprile 2007
Sull’obbligo o meno dell’Autorità preposta alla tutela del demanio marittimo ad effettuare la delimitazione dello stesso
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 12 aprile 2007
Sulla competenza delle Capitanerie di Porto a disporre provvedimenti di sgombero di pontili posti su area demaniale
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 27 febbraio 2007
Sulla necessità o meno dell'apposito titolo edilizio per le opere da eseguirsi su aree demaniali marittime già oggetto di concessione
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, 1 febbraio 2007
Sulle condizioni che devono sussistere affinché possa parlarsi di sdemanializzazione delle terre gravate da usi civici
T.A.R. Lazio Latina, 2 febbraio 2007
[A] Soltanto le “innovazioni” di cui all’art. 54 del codice della navigazione scontano, per fatto di legge, il più severo regime della demolizione. [B] Sull’inopportunità di sovrapporre gli interessi demaniali marittimi con gli interessi urbanistici
C.G.A.R.S., 29 gennaio 2007
Sul diritto di insistenza e sulla valutazioni discrezionali dell’Amministrazione
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 15 gennaio 2007
Sull’art. 35 R.D. 30 marzo 1942, n. 327 - Codice della navigazione - e sulla valorizzazione dell’aspetto formale dell’esclusione dal demanio marittimo
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 15 gennaio 2007
Sull’art. 35 del codice della navigazione e sulla possibilità o meno che ricorra un'ipotesi di sdemanializzazione tacita di aree considerate demaniali
Consiglio di Stato, Sezione V, 10 gennaio 2007
Sulla legittimità o meno di canoni di occupazione di suolo pubblico via via più elevati in rapporto al sito più o meno privilegiato
T.A.R. Sardegna, Sezione I, 9 gennaio 2007
Sul giudice competente a decidere in merito all’appartenenza al demanio di un bene immobile
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 5 dicembre 2006
Sulle opere meramente interne ai fabbricati posti entro 30 metri dal demanio marittimo e sulla necessità o meno della preventiva autorizzazione dell’Autorità preposta alla tutela del demanio marittimo
C.G.A.R.S., 21 novembre 2006
[A] Sul procedimento di delimitazione del demanio marittimo, quale obbligo o mera facoltà per l’Amministrazione. [B] Sulla configurabilità dei reati previsti dagli art. 54, 55 e 1161 del codice della navigazione e sulla necessità o meno che si sia definito il procedimento di delimitazione demaniale
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, 21 novembre 2006
L’Amministrazione, prima di adottare l’ordinanza di sgombero, deve provvedere al formale accertamento in contraddittorio dei confini demaniali
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione II, 20 novembre 2006
Deve escludersi la sussistenza di un diritto al rinnovo dei contratti o delle concessioni relativi a beni pubblici
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, 16 novembre 2006
Sul rinnovo e la proroga di concessioni demaniali marittime e sugli obblighi di evidenza pubblica
T.A.R. Sardegna, Sezione I, 15 novembre 2006
[A] Sui canoni per concessioni con finalità turistico-ricreative ex. legge 4/12/1993 n. 494 e sulla legittimità o meno dell’applicazione di canoni più elevati. [B] Sull’obbligo dell’evidenza pubblica per il rilascio di concessioni demaniali marittime
Consiglio di Stato, Sezione VI, 21 settembre 2006
Sulla legittimità o meno di un’ordinanza di remissione in pristino del demanio marittimo adottata dalla Capitaneria di Porto senza far ricorso allo speciale procedimento previsto dall’art. 32 del codice della navigazione
Consiglio di Stato, Sezione VI, 21 settembre 2006
[A] Il potere urbanistico del comune non può ritenersi limitato alla sola terraferma, ma si estende anche al mare territoriale prospiciente quest’ultima. [B] L’esistenza del demanio marittimo non esclude affatto la titolarità di poteri urbanistici comunali
T.A.R. Lazio Latina, 8 settembre 2006
Sull’assoggettabilità o meno all’obbligo di evidenza pubblica tramite gara delle concessioni demaniali marittime da rilasciarsi ai sensi del codice della navigazione
Corte dei Conti, Sezione III Appello, 6 luglio 2006
La mancata manutenzione di una fogna è fonte di responsabilità erariale per il tecnico dell’Ente locale
T.A.R. Lazio Latina, 4 settembre 2006
Sul cd. “diritto di insistenza” e cioè la preferenza accordata al precedente titolare della concessione demaniale dal secondo comma dell’articolo 37 del cod. nav.
T.A.R. Sardegna, Sezione II, 7 agosto 2006
Sulla differenza, ai sensi del D.P.R. n. 509 del 1997, tra gli “approdi turistici” ed i “punti di ormeggio” e sulla natura dei c.d. “pontili galleggianti”
T.A.R. Toscana, Sezione II, 25 luglio 2006
Competente alla vigilanza sull’inquinamento di un torrente non è l’Agenzia del Demanio, poiché la Regione Toscana con legge n. 91/1998 ha attribuito tale compito alla Provincia
T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, 30 maggio 2006
I poteri del comune in materia edilizia ed i poteri relativi alla gestione dei beni pubblici - concessioni di beni in uso particolare ai privati, ecc. - hanno presupposti, finalità e contenuti del tutto diversi
T.A.R. Sardegna, Sezione I, 1 giugno 2006
Sui criteri di preferenza da adottare per il rilascio di nuove concessioni demaniali marittime per attività turistico-ricreative, anche con riguardo alla differenza tra attrezzature fisse ed attrezzature completamente amovibili
Consiglio di Stato, Sezione VI, 31 maggio 2006
Sui criteri per la concessione di un bene demaniale, e in particolare di tratti di arenile, ad un soggetto privato
T.A.R. Sardegna, Sezione II, 14 aprile 2006
Sulla lottizzazione di terreni vicino al mare, sulla necessità di garantire il libero accesso all’arenile e sulla possibilità per l’Amministrazione di introdurre ulteriori obblighi
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, 21 marzo 2006
Sulla cessione di un terreno al comune per destinazione a verde pubblico e sulla collocazione o meno nel patrimonio c.d. “indisponibile” dell’ente
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione I, 2 marzo 2006
Sul rilascio del nulla osta in sanatoria per l’esecuzione di opere in prossimità del demanio marittimo e sulla possibilità di ottenerlo per il formarsi del silenzio assenso
T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, 14 febbraio 2006
La rinnovazione tacita del rapporto concessorio è ipotizzabile solo in quanto espressamente prevista da una clausola dell’atto di concessione
T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, 14 febbraio 2006
Sulla rinnovazione tacita del rapporto concessorio per occupazione del suolo pubblico
Consiglio di Stato, Sezione V, 11 gennaio 2006, n. 29
Sui caratteri delle ordinanze sindacali di autotutela demaniale a tutela del pubblico possesso e sulla necessità o meno dell’avviso di avvio del procedimento e di una congrua motivazione
Regione Toscana. Delibera di Giunta 26/09/2005 n. 936
Approvazione schema di protocollo d′intesa tra Regione Toscana, Comune di Cecina e Provincia di Livorno per la gestione integrata degli interventi in area costiera
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, dicembre 2005, n. 19784
Le concessioni demaniali marittime relative alle aree protette spettano allo Stato in quanto si diversificano dalle altre concessioni demaniali marittime previste -con competenza in capo alle Regioni- dall’art. 105 d.l.vo n. 112/98 e dal codice della navigazione
D.Lgs. 9 maggio 2005, n. 96. Estratto
Revisione della parte aeronautica del Codice della navigazione, a norma dell'articolo 2 della L. 9 novembre 2004, n. 265
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, 24 novembre 2005, n. 5318
L’uso particolare del bene demaniale marittimo si configura come eccezionale, avendo la spiaggia una naturale vocazione all’uso generale
T.A.R. Calabria, Sezione Reggio Calabria, 24 novembre 2005, n. 2079
I provvedimenti autorizzativi di cui all'articolo 55 del codice della navigazione hanno una finalità del tutto differente da quella propria dei provvedimenti in materia edilizia
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, novembre 2005, n. 18232
Sulla giurisdizione competente a decidere in materia di classificazione di strade vicinali e sui presupposti per la suddetta classificazione
T.A.R. Toscana, Sezione III, 24 ottobre 2005, n. 5216
In materia di concessioni demaniali marittime la posizione del privato è di interesse legittimo
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, 4 ottobre 2005, n. 1627
Nell’accertare i confini del demanio marittimo, ai sensi dell’art. 32 del codice della navigazione, la Capitaneria non può basarsi su dati catastali obsoleti, né su misurazioni effettuate tramite “rulline metriche”
Consiglio di Stato, Sezione V, 13 settembre 2005, n. 4707
Sull’acquisto per usucapione da parte del Comune di un’area privata utilizzata dalla collettività come parcheggio pubblico per oltre venti anni
T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, agosto 2005, n. 10551
Sulla natura dichiarativa dell’inserimento di una via nell’elenco delle strade vicinali e sul difetto di giurisdizione del giudice amministrativo nell’actio negatoria servitutis
T.A.R. Lazio, Sezione Latina, 2 agosto 2005, n. 642
Sull’illegittimità dell’ingiunzione di sgombero di una area che si ritiene appartenere al demanio marittimo, adottata in una situazione di incertezza dei confini
T.A.R. Sardegna, Sezione I, 24 giugno 2005, n. 1466
La scelta dell'Amministrazione di mantenere l'utilizzazione ad uso pubblico di un bene demaniale – litorale marittimo - non richiede una motivazione specifica
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, 20 giugno 2005, n. 1115
Sull’istruttoria che deve precedere l’ordinanza di rimozione a tutela del demanio marittimo e sulla natura di quest’ultimo
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, 6 giugno 2005, n. 560
Sui caratteri e sul procedimento relativo alla concessione di suolo pubblico per l’installazione di un cantiere
T.A.R. Lazio, Sezione Latina, 8 giugno 2005, n. 519
Sull’esercizio del potere di autotutela volta al recupero di aree demaniali dell’Autorità Portuale
Consiglio di Stato, Sezione V, 23 maggio 2005, n. 2584
Sulla nozione di strada vicinale, sui consorzi obbligatori e sui soggetti cui compete l’onere di provvedere alla loro manutenzione
T.A.R. Abruzzo, Sezione Pescara, 20 maggio 2005, n. 307
Nel caso in cui la p.a. emetta un ordinanza di rilascio di un immobile, sul presupposto della sua appartenenza al demanio, ed il privato occupante insorga avverso tale ordinanza rivendicando nella sostanza il proprio diritto su di esso, la relativa controversia spetta al giudice ordinario
T.A.R. Emilia Romagna, Sezione Parma, 25 maggio 2005, n. 287
Qualora si tratti di definire il regime giuridico di una strada - strada vicinale - il giudice amministrativo può anche conoscere in via incidentale dei sottostanti diritti reali
T.A.R. Liguria, Sezione I, 17 maggio 2005, n. 676
Sul procedimento per l’adozione dell’ingiunzione di sgombero di cui agli artt. 54 s. del codice della navigazione
T.A.R. Toscana, Sezione III, 10 maggio 2005, n. 2086
Legittimamente il Comune incarica tecnici indicati dall’Agenzia del territorio e dipendenti della stessa, a titolo di privati professionisti e previa autorizzazione della loro amministrazione di appartenenza, per la redazione di una perizia di stima sugli arenili da affidare in concessione
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione I, 27 aprile 2005, n. 637
Spetta alla p.a. dimostrare la preesistenza di fatto dell'uso pubblico di una strada vicinale privata
T.A.R. Sardegna, 14 marzo 2005, n. 329
Sull’ampio potere discrezionale di cui dispone l’amministrazione nell’esaminare le domande di concessione demaniale
Cassazione Civile, Sezione II, 15 febbraio 2005, n. 3024
Sull’acquisto per usucapione di una servitù di uso pubblico e sul ruolo assunto da turisti residenti altrove ma presenti sul territorio
T.A.R. Sardegna, Sezione I, 3 marzo 2005, n. 275
Sulla scelta dell'Amministrazione di mantenere l'utilizzazione ad uso pubblico di un bene demaniale e sulla necessità o meno di una motivazione specifica
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, 10 febbraio 2005, n. 525
Sulla manutenzione delle strade nel caso in cui le stesse, sia pure di proprietà privata, vengano assoggettata in modo continuativo ad uso pubblico
T.A.R. Emilia Romagna, Sezione Parma, 21 gennaio 2005, n. 12
Sulle condizioni che devono sussistere affinché si produca una modifica della destinazione d’uso della strada vicinale
T.A.R. Abruzzo, Sezione Pescara, 15 dicembre 2004, n. 1039
Sull’imprescrittibilità della servitù di uso pubblico, potendo venire meno solo a seguito di apposito provvedimento dell’ente pubblico titolare
T.A.R. Veneto, Sezione II, 25 novembre 2004, n. 4123
Sulla facoltà del Comune di tener conto anche delle esigenze di sicurezza e ordine pubblico nell’esaminare le domande di occupazione del suolo pubblico
T.A.R. Veneto, Sezione III, 25 novembre 2004, n. 4123
Sulla legittimità del diniego di occupazione di area pubblica opposto dal Comune ad un esercizio pubblico
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, 24 novembre 2004, n. 2128
Sull’autorità competente circa le occupazioni abusive di terreni soggetti ad usi civici
T.A.R. Veneto, Sezione II, novembre 2004, n. 4035
Sui presupposti per il configurarsi di una servitù di uso pubblico. Fattispecie relativa all’uso di una scalinata
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, 19 novembre 2004, n. 13564
Sul riparto di giurisdizione – ex art. 5 l. 1034/71 – sulle controversie relative ai rapporti di concessione di beni pubblici, concernenti indennità, canoni o altri corrispettivi
T.A.R. Calabria, Sezione Reggio, 22 ottobre 2004, n. 801
Nel caso di opere abusive realizzate su suoli di proprietà dello Stato o di Enti pubblici, la competenza del Sindaco di ordinare la demolizione ed il ripristino dello stato dei luoghi, deve considerarsi concorrente con l' ordinario potere di autotutela di cui dispone l' Amministrazione titolare del bene
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione II, 23 ottobre 2004, n. 7435
Sul diritto di insistenza in area demaniale e sulla necessità di un suo riconoscimento da parte di una norma di legge o dell’autonomia contrattuale delle parti
T.A.R. Sardegna, Sezione I, 29 ottobre 2004, n. 1523
Riparto di giurisdizione in materia di impugnazione dei provvedimenti di sgombero
T.A.R. Sardegna, Sezione I, 22 ottobre 2004, n. 1504
Esula dalla giurisdizione del giudice amministrativo la controversia nella quale i ricorrenti rimproverano all’autorità marittima di aver indebitamente trasferito aree private alla mano pubblica, attraverso l’improprio strumento della delimitazione dei confini demaniali
T.A.R. Piemonte, Sezione II, 11 ottobre 2004, n. 2170
[A] Sulla distinzione tra demanio, patrimonio indisponibile e patrimonio disponibile. [B] La gestione del patrimonio disponibile è affidata agli strumenti del diritto comune, e l’esame della loro correttezza ed efficacia esula dalla giurisdizione del Giudice Amministrativo - Fattispecie relativa ad un immobile destinato ad attività economiche di terzi e a loro esclusivo beneficio
T.A.R. Toscana, Sezione III, 12 ottobre 2004, n. 4477 (Romano)
Ai fini dell’accertamento dell’uso pubblico di una strada, non sono determinanti le risultanze catastali o l’inclusione nell’elenco delle strade pubbliche – la classificazione delle strade avendo efficacia presuntiva e dichiarativa e non costitutiva – bensì le condizioni effettive in cui il bene si trova
T.A.R. Sardegna, Sezione I, 27 settembre 2004, n. 1399
La cognizione della controversie attinenti alla quantificazione dei danni per abusiva occupazione di demanio, esula anche dall’ambito di applicabilità della giurisdizione esclusiva del Giudice amministrativo ex art. 34 D.Lgs. n. 80/1998
Consiglio di Stato, Sezione V, 27 settembre 2004, n. 8277
Il “diritto d’insistenza”, cioè l’interesse del precedente concessionario ad essere preferito rispetto ad altri aspiranti alla concessione, si configura come un limite alla discrezionalità dell'Amministrazione che deve essere espressamente riconosciuto dalla legge o dall'autonomia delle parti
T.A.R. Toscana, Sezione III, 14 settembre 2003, n. 3778
La concessione di beni immobili rientranti nel patrimonio indisponibile dell’ex Azienda di Stato per le foreste demaniali deve essere sorretta da procedure concorsuali al fine di realizzare gli interessi dell’Erario e dei privati. Fattispecie relativa al diniego di rinnovo di una concessione relativa all’utilizzazione di un terreno facente parte del patrimonio indisponibile dello Stato (c.d. demanio forestale) ed adibito a bar-ristorante
T.A.R. Toscana, Sezione III, 19 luglio 2004 n. 2637 (Romano)
Presupposti per l’intervento ripristinatorio del Sindaco nella tutela delle strade comunali